Torniamo a parlare dei nostri amichetti della destra americana, quella che ha fatto eleggere Trump, e senza neanche gli hacker russi. Ok, diciamo che ha contribuito, la precisione è fondamentale.

Come sapete una parola, non è solo uno scarabocchio su di un pezzo di carta o sullo schermo di un computer, o qualche suono buttato lì a caso. E’ un simbolo.

La semantica ci insegna che il significante non è il significato, ma solo una sua rappresentazione.

Lo so, il buon de Sassure vi avrà insegnato, durante i corsi di semantica che il significante è come il lato opposto di un foglio su cui è rappresentato il significato. la stessa cosa, due facce della stessa medaglia, o, per dirlo in termini tecnici: ” il significante è la parte fisicamente percepibile del segno linguistico: l’insieme degli elementi fonetici e grafici che vengono associati ad un significato (che invece è un concetto mentale), che rimanda all’oggetto (il referente, ciò di cui si parla, un elemento extralinguistico)”.

Tutto molto, molto diverso, il significato è mutevole, e varia da persona a persona.

Ora, e qui alcuni come Alka mi capiranno meglio, complichiamo ancora un po le cose.

Scriviamo “essere umano”

Per me, Nuke questo significante rappresenta un concetto ben preciso, ma diverso rispetto a cosa è in realtà e ancora più diverso nella mente di molti altri.

Abbiamo quindi tre livelli del significato.

  • Quello percepito da chi lo enuncia
  • Quello reale
  • E quello percepito dagli altri

Sto chiaramente semplificando un concetto molto più elaborato e complesso.

Certe persone giocano con questi concetti in modo molto sporco, e questo è uno dei motivi per cui alcune notizie ci fanno incazzare, anche se non ne capiamo bene il motivo. Il nostro cervello conscio non se ne accorge, ma l’inconscio si, eccome.

Prendiamo la questione dei “migranti”.

Queste persone, prelevate a poca distanza dalla costa libica e portati in italia non sono altro che “clandestini senza documenti” ovvero persone che arrivano nel paese senza essere invitate e senza averne diritto.

Gli americani li chiamano, “illegal Migrants” o “aliens”, ovvero usano parole che chiariscono il concetto di intruso e permettono alle autorità di occuparsi di costoro anche in modo drastico. loro sono “altro”, intrusi.

I buonisti del cazzo, come ormai saprete, i “picoretti”, sono esseri deboli, senza forza, buoni solo al massimo a lanciare pietre contro i poliziotti, ma solo se sono in gruppo e se i poliziotti non possono rispondere. Le loro armi sono le parole, parole che deformano e trasformano a loro vantaggio.

Il clandestino diventa “migrante”,  una specie di piccione che non può fare altro che viaggiare da sud a nord. Il povero diventa “svantaggiato”, il cieco “non vedente”, chi distrugge le statue “progressista”, il calo degli stipendi “aumento della produttività” e la persona di buon senso “fascista”.

Volete sapere chi sono i fascisti? Quelli che distruggono statue, libri e impediscono le manifestazioni di coloro che non la pensa come loro. I picoretti del cazzo.

Il nostro amato keke non è altro che una rappresentazione , rappresentazione di qualcosa di molto complesso, e che verrà esposto nelle prossime puntate.

Ora facciamo conoscenza con il presidente del Kekistan, Big Man Tyrone.

Non si tratta altro che di un caratterista di colore, che campa vendendo souvenir del Kekistan e i suoi sgangherati video.(1)

Ma lui non è altro che un tizio che fa soldi online, non ha niente a che vedere con la destra.

Spiegarlo ai picoretti ( i politicamente corretti) è difficile, per via della loro innata stupidità.

I picoretti si concentrano , mi immagino già le lente, prigre snapsi che :

“Ugh, fassisti fato meme con ranochio, noi fare altro meme e li sputaniamo uh uh”.

E così accade, creano un personaggio, chiamato moon man, copia del Moon Night di Mac Donalds e lo trasformano in un folle assassino pieno di simboli nazisti e del Klu Klux Klan.

Ovviamente non funziona, è solo un altro cartone nazista. I fessacchiotti confondono il significante con il significato.

Ma ecco il colpo di coda dei seguaci di Keke. Moon Man non sarebbe altro che la reincarnazione del dio egizio Toth, quello con il becco di ibis. Il messaggero degli dei, niente popodimeno contrassegnato anche dalla falce di luna.

Il dio della misurazione , delle regole, quello che pesa e che misura. Il Butac di allora, praticamente.

E pertanto sarebbe la voce dell’ordine costituito, quella che non tollera dissensi. E il meme del nemico è incorporato nella mitologia che si sta creando. E reso inoffensivo.

Il popolo di Pepe

Cominciamo a conoscerli, ovviamente, dato che pepe è un meme potente, raggiunge un numero elevato di persone, ovviamente con diversi interessi e finalità.

Il cuore del popolo di Pepe è formato da maschi di razza bianca, convinti che esista un vero e propriop piano per distruggerli tramite l’immigrazione forzata di popoli di diversa razza e cultura. Il loro nemico è principalmente composto da altri bianchi, pervasi da una cultura liberale e corrosiva, fondata sull’odio di costoro verso se stessi e la loro razza. E gli ebrei avrebbero una parte importante nella faccenda, soprattutto come finanziatori delle ondate migratorie e padroni dei media (curioso che , perlomeno in questo caso ciò corrisponda assolutamente alla verità, ma deve essere una coincidenza).

Movimento assolutamente di massa, e possibile solamente nell’era di internet, dove ai molti è data voce anche al di fuori dei circuiti media tradizionali.

un movimento molto volgare, ma perlopiù composto da idealisti

Un aspetto curioso della questione è che praticamente ogni volta che sentirete parlare di Pepe questo avviane per mezzo dei militanti, anche nel caso di parodie o articoli critici. Ormai il livello di isteria dei picoretti è tale che risulta molto difficile capire se uno sta scrivendo a favore dell’immigrazione o se si tratta di una elaborata presa in giro. I media ufficiali si sono accorti di questo e censurano i discorsi dei loro stessi esponenti, e nel contempo eliminano ogni traccia di Pepe il ranocchio. Senza riuscirci, però.

Io stesso ho provato a postare articoli ironici e celebranti della nostra ex presidentessa della Camera, calcando volutamente i toni in modo ridicolo e insensato. Per quanto lo facessi nessuno dei sostenitori della poveretta se ne è mai accorto.

Nascita di una nozione.

Pochi anni fa nacque il movimento Alt Right, formato perlopiù da giovani scontenti che non possedevano praticamente nessuna nozione e conoscenza dei vecchi movimenti suprematisti, fatti di barbe lunghe, cappucci e bevute di birra.

Questi giovani si sono organizzati rapidamente in gruppi, in subcultura di persone che sono arrivate alla stessa conclusione ma con mezzi diversi, e tutti insieme lavorano per ottenere un obbiettivo.

la prossima puntata li vedremo in dettaglio.

By Nuke di www.liberticida.altervista.org. per i fratelli di OraZero.

 

(1)https://www.youtube.com/channel/UCi7BsyeNmdfZa37Ep8kl2LQ