Il Capo politico M5s, dopo il colloquio con il presidente della Repubblica, ha scelto di esordire dicendo che “l’Italia resterà alleata dell’Occidente nel Patto atlantico, nell’Unione europea e monetaria”. Così riporta il FQ online. Quindi un Movomento 5 stelle che sembra mettere definitivamente in soffitta ogni sorta di antieuropeismo e di contrarietà alla moneta unica. O forse è strategia….Il primo “giro di consultazioni” è andato a vuoto, come era prevedibile. I 5 stelle e la Lega dopo le “prove di matrimonio” andate sul velluto, che li ha visti accordarsi molto facilmente per l’assegnazione delle cariche n.2 e n.3 dello Stato (Presidenze Senato e Camera) sembrano non essere più quella “coppia perfetta” che si andava delineando. Nei giorni che hanno preceduto le consultazioni da Mattarella, è stato inserito un “terzo incomodo”, quell’ “altro” che di solito quando viene fuori, fa saltare gli equilibri di qualsiasi coppia anche quelle più collaudate, figuriamoci quelle che ancora debbono nascere…Il terzo è il PD..O meglio non tutto, quello che non si definisce “Renziano”, quello che ha capito che insieme a Renzie si rischia di scomparire del tutto dal panorama politico. Ma come, proprio l’odiato nemico? Proprio quello che è stato l’antitesi di qualsiasi cosa avesse anche il lontano “odore” di Movimento 5 stelle, ora viene rivalutato e visto come un possibile alleato? E la Lega? Beh le aperture alla Lega parrebbero essere sempre presenti negli stringati comunicati rilasciati alla stampa da Di Maio in queste ore, ma non più come unica strada percorribile, ma anzi messi in alternativa al PD. Ripensamenti? No , politica bellezza! I 5 stelle sono il primo partito del Paese, sarà difficile ignorarli, sono molto cresciuti dal 2013 e non solo come percentuale di elettori (11 milioni contro 9 dell’epoca) e hanno preso coscienza di volere essere della partita, nonostante o proprio in virtù, di una legge elettorale concepita per metterli all’angolo, ma che invece li ha lasciati liberi di sentirsi in dovere di provare a fare accordi….e di certo nessuno potrà rimproverargli di essere ora disposti a farne quando invece si invocava l’intransigenza fino a poco tempo fà… non sono stati loro a mettere la fiducia su quella legge elettorale (la seconda approvata in tal senso dopo la legge Acerbo). Quindi ora si dettano condizioni: la prima è rivolta al partener “ideale” : La Lega (ci torneremo sopra). Hanno vinto anche loro, rappresentano anch’essi un elettorato stanco delle politiche liberiste e liberticide ma hanno un problema: Berlusconi come alleato. Quindi questa è la storia: o se ne liberano e guardano al futuro, che vedrà l’ex Cavaliere (se ancora tra di noi) ai giardini con la badante e Salvini leader indiscusso del centrodestra, o rimangono col “peso al piede” e affondano insieme a lui e con loro le aspettative del centrodestra di partecipare ad un governo. La seconda è rivolta al “miglior nemico” una sorta di “comunista preferito 2.0” ovvero il Pd. Ma non Renzie. E’ questo il punto centrale. E l’ex “bulletto” l’aveva capito da subito. Almeno dal post sberla elettorale. Aveva provato in quel pomeriggio, dove non si sapeva se parlava o non parlava e a che ora, a dire “si ho perso, ma rimetterò il mio mandato di segretario all’Assemblea generale di partito dopo che sarà formato il governo”…ma poi si è girato, ha contato gli “amici” (pochi) e i “diversamente amici”  (di più) e non ha potuto far altro che “accomodarsi” a fare il Senatore di “Firenze, Scandicci, Lastra a Signa e Signa” come aveva simpaticamente detto, dimenticando che quello era il colleggio dove si era presentato, ma essere senatore vuol dire farlo a carattere nazionale e non territoriale. Aveva già capito che i 5 stelle senza di lui avrebbero avuto mano facile a fagocitare quel che restava del Pd, e avrebbero avuto la benedizione di tutte le altre correnti pddine “non renziane” che pur di continuare ad  intravedere “la poltrona” si apparenterebbero anche con Belzebù in persona. Figurarsi quindi con i 5 stelle. E la scelta ora passa a loro: uno deve decidere cosa vuole fare da grande, se veramente è questo il momento di dar fuoco alle polveri e mandare a Cesano Boscone (da cliente però stavolta) la “cariatide alleata” ed accomodarsi al Governo, oppure riandarsene all’opposizione sedendosi vicino a Brunetta; l’altro se attaccarsi a questa inaspettata ciambella di salvataggio e rialzare un pochino la “capoccina” ancora tumefatta da una batosta elettorale da urlo, rimettendo per giunta le terga su qualche “scranno di governo”, dando il calcio nel sedere che si merita all'”esperimento fallito della massoneria”…tale Pinocchio da Rignano di “pippo-pippo”, oppure avviarsi ad una opposizione alla quale non è più abituato da un pò, ed assistere al collasso definitivo del proprio elettorato, nella speranza di conservarne almeno quanto basta per passare le soglie di sbarramento delle prossime elezioni. Terzium non datur? Ma nooo, abbiamo anche il “terzium” tranquilli. Nessuno dei 2 “contendenti alternativi” cede e si accorda coi 5 stelle? Bene, riandiamo a votare con tutta l’italia che avrà preso buona nota del fatto che i 5 stelle hanno teso la mano a tutti, ma tutti per loro beghe interne di partito, non l’hanno voluta afferrare. Così al nuovo voto, ci saranno meno problemi: il Movimento 5 stelle riceverà tanti di quei voti che non ci sarà bisogno neanche delle consultazioni da Mattarella. E allora si che una volta insediato il Governo, andremo a rivedere “l’Italia in Europa, nell’Euro, e forse nella Nato…ma anche no…Le cose si fanno e si intraprendono le strade  nel momento più consono e giusto per la buona riuscita dell’intento..

2000 anni fà circa (un pò di più), di questo periodo una quindicina di giorni fà un gruppo “di responsabili (finto) liberatori” pugnalò a morte una delle figure storiche di Roma (forse la più grande): Giulio Cesare. Erano le Idi di Marzo. La cosa gettò la potenza più potenza del mondo occidentale in un profondo caos. Gli infami cesaricidi (lo favola di aver ucciso Cesare per restaurare la Repubblica è appunto una favola) si proclamavano liberatori, e ricchi sfondati quali già erano, riparavano nelle provincie (ricchissime) che ironia della sorte  aveva assegnato loro, proprio il Dittatore che avevano appena trucidato. L’altro “delfino di Roma”, il braccio destro di Cesare, il “puttaniere più famoso dell’Urbe”, ovvero Marco Antonio un pò per paura di dover affrontare da solo i cesaricidi e i loro clientes, un pò per calcolo spicciolo nel quale eccelleva da sempre, intravede la possibilità (avendo anche numerose legioni al comando ed essendo anche l’unico dei contendenti ad avere esperienza di guerra) di porsi come futuro Dittatore a sua volta, quindi  lascia andar via i cesaricidi e blandisce il Senato pe farsi dare potere, per farsi dichiarare “responsabile” che col suo atteggiamento ponderato aveva evitato la guerra civile a Roma. Ovviamente il Senato con a capo una specie di cornacchia autoreferenziale e voltagabbana (Cicerone), lo acclama e tutto sembra finire così. Ma hanno fatto tutti i conti senza l’oste: l’erede di Cesare designato e adottato da que’ultimo addirittura con decreto:Ottaviano. Il quale benchè 19enne,  accetterà l’eredità, troverà i soldi, troverà le truppe, blandirà il Senato, accetterà di combattere alleato di un paio di cesaricidi, combatterà Antonio, ci si alleerà in seguito, lo ricombatterà di nuovo fino a sconfiggerlo, si farà nominare pro-pretore, poi console e infine Imperatore e perseguirà fino alla loro morte tutti gli assassini del padre adottivo e i loro sostenitori. Tutto questo con astuzia politica, al momento giusto e un passo alla volta,  cambiando anche tattica, alleanze e convinzioni. Ma darà a Roma lo status di Impero che le competeva e un periodo di pace e prosperità lunghissimo, forse uno dei più lunghi della sua storia…

In alto i cuori.