Sedici anni! Sedici anni  Angela Dorothea Kasner, in arte Merkel, la capotreno del treno crucco, rimarrà alla barra del timone della corazzata tedesca. Dal 2005 siede sullo scranno con la dicitura “cancelliere” e ce la terremo almeno fino al 2021, poi si vedrà. Non ha vinto come sperava la culona crucca ma ha vinto; i giornaletti nostrani già parlano di ingovernabilità, soprattutto a causa della batosta presa da qual sant’uomo di Schulz, (quello che stranamente si offese perchè Berlusconi gli aveva dato del kapò) senza tener conto che la Germania, a differenza dell’italgietta, è una nazione; una nazione coesa e governata da gente che conosce il mestiere. certo, tutto questo va a discapito dell’europa, ma all’elettore tedesco poco importa, come è giusto del resto, di come stanno francesi, spagnoli, greci, italiani, portoghesi, ecc, ecc, quello che importa all’elettore tedesco è come sta lui stesso e cosa fa per lui lo stato tedesco! La merkulona a lavorato bene a casa sua ed è stata riconfermata; è vero, per mantenere prospera la Germania Angela sta mandando a troje l’intero continente, in pratica sega il ramo dove è seduta, ma questo accadrà poi, più avanti, adesso i crucchi si godon la festa che del doman non v’è certezza.

 

 

Ma la sconfitta dei socialdemocratici teschi allarma i picoretti d’europa: l’AFD il partito di destra euroscettico, nazionalista e conservatore, ha preso la medaglia di bronzo e promette di tenere d’occhio la merkulona su eventuali derive pro stranieri che per convenienza politica potrebbe abbracciare. Sono preoccupati i picoretti, sempre con la frasetta “destra xenofoba” in bocca, che qualcuno possa arginare questa invasione che ci arriva dal terzo mondo; temono di perdere la linfa vitale, gli immigrati, gli unici che ancora danno credito alle loro buffonate. Ah dimenticavo: Wolfgang Schäuble sarà riconfermato all’economia…auguroni!

,