Tornando a casa con mia figlia, questa sera abbiamo di comune accordo deciso di non parlare di politica, dall’alto dell’immensità del cavolo che ce ne frega, di quella roba.

Le parole esatte sono state

“Papino, cosa ne pensi dell’ultimo film degli Avengers?”

Sembra strana la parola “papino” detta da una adolescente alta oltre il metro e ottanta con occhi chiari e gambe lunghissime, ma il testosterone che emetto riesce a fare questo ed altro. Sempre più difficile riuscire a terrorizzare i disperati che la seguono ovunque con la lingua lunga fino a terra, ma non demordo. Posso sempre sparargli, se insistono. O peggio.

“Avengers? cosa devo pensarne? E’ il Nulla con il Niente dentro” Faccio mascolinamente io.

“Sai che Loki muore?” So che Loki è una delle divinità dei norreni, il pantheon nordico, e so pure qualcosa della sua storia, (L’Ase Nero, figlio del gigante Farbaute e di Laufeia) ma li per lì non mi sovviene che cacchio c’entra con i supereroi.

Mi trattengo ed evito di mandare a quel paese Loki, i supereroi che volano e quelli che non volano, e già che ci sono si portino dietro  quelli handicappati. All’improvviso ho una epifania: “ma Loki non è già morto?”

“si Papino, due volte”

“Quanti film hanno già fatto degli Avengers?”

“diciotto”. Fa lei, estremamente preparata.

“E’ scritto nel contratto, ogni sei film Loki deve morire, un’altra volta”.

“Ok, allora va bene”

E di traverso arriviamo a Star Wars:

” E’ come la storia della Morte Nera, ogni due o tre film devono tirare fuori un pianeta cannone di cui nessuno sapeva niente. E ogni volta diventa più invincibile e grande la mega arma e più facile da trovare il punto debole”

“Come nel film dove il punto debole è stato rivelato ai ribelli da un nero che puliva i gabinetti, papino”

“Esatto, secondo lo spirito dei tempi la prossima volta sarà un tipo ambiguo a portare tatuato sul sedere la mappa, immagino”.

Tornato a casa capisco che la Pazzia imperante ha contagiato anche gli sceneggiatori, e già da tempo. Oppure è solo questione di soldi, come per le Puttanazze.

Si aprano le danze!

Notizia vera

Un tizio arrestato per “fare minaccioso ” nei confronti dei testimoni di Geova.(1)

Se ripenso alla volta che mi spacciai per buddista e li inseguii per mesi consegnandogli  volantini (che stampavo io stesso) inneggianti al Chakra e allo Yomi che si infila fino in fondo nel Kundalini, ho i brividi. Ho rischiato grosso.

Speciale Repubblica

La Repubblica il secondo infame covo di puttanate, purtroppo ben lontano dal primo, che è la Stampa, continua la sua incessante ricerca di nuove, inerrabili cazzate.

Questa non è solo una cazzata, ma una balla tout court . Incredibile. i BUTACchini ne avrebbero fatti sei , di articoli su questo post, se potessero.

Ma i rettiliani che controllano i loro impianti cerebrali glielo impedirebbero. Peccato.

Che bello , diventa possibile inserire il proprio volto nel profilo facebook, così  i responsabili del network potranno controllare se tue foto vengono usate senza il tuo permesso: o almeno così dicono. Io ho inserito un mix tra la faccia di Trump e quella del dittatore coreano, così, tanto per ridere. Se ne sono accorti.  Cazzo.

Prodi va  a Roma per l’udienza con il papa ( con la p minuscola) Francesco e gli svaligiano la casa. Così impara a scriverlo sui social.

Siria? Il nuovo governo? cose importanti e non assurde cazzate? Non pervenute. L’informazione nel 2018.

Ridateci il soldato Zucconi.

Ricordate il Deserto dei Tartari? Zucconi era l’ultimo soldato comunista, alal strenua difesa del forte, in attesa del nemico che era già passano e andato oltre.  Le ultime strenue scorribande tra i partiti per la formazione del nuovo governo me lo hanno rovinato, e spinto a post lagnosi e quasi condivisibili. Non fa più ridere. Ridateci Zucconi!

Boldrinate

Prima la nostra… eroa ( eroe sarebbe troppo maschile) si copre la faccia, ma con una mano sola, purtroppo. Per protestare contro un attacco immaginario fatto con il gas dimenticando le bombe vere che uccidono miglia di persone.

Poi si reca a Pistoia a festeggiare insieme all’infame Don Biancalani, il paladino dei negretti carini. Strano che una femmina sia stata accolta nel consesso.

Immagginare costei, insieme a Soros, la Bonino e a tante altre nostre conoscenze, con Letta e Monti a prendere appunti. Una specie di incontro dei Supercattivi di fumettesca memoria, da far venire i brividi.

C23249161

Alek Minassian, il personaggio di oggi è il ragazzo armeno che ha commesso la strage in Canada, investendo persone innocenti con il suo furgone.

Dal suo account Facebook, cancellato velocemente dai Zukkemberg, appare una rivendicazione, sarebbe un “incel” ovvero un ragazzo ancora vergine perchè nessuna se lo fila. Beh, giustificazione plausibile, anche se mi sa che i fanatici che si fanno saltare per aria pensando alle 40 vergini che li  aspettano in paradiso pure loro di patata ne hanno vista poca. E il numero?  Io lo ho messo nel titolo sapendo che mi farà aumentare un sacco i click. Chi ne sa qualcosa mi contatti privatamente.

Merkel? Cosa?

La Merkel chiederà all’Europa di esentare dalle sanzioni le società tedesche che collaborano con aziende russe. Un concetto ben strano di sanzioni. (2)

Ma soprattutto, a cosa è dovuta questa cosa?

Prima di tutto dalla politica interna tedesca. Per accontentare una parte dell’elettorato del governo, quello legato agli ambientalisti, i crucchi hanno deciso di spegnere gradualmente centrali a carbone e nucleari, che attualmente producono gran parte della energia consumata nel paese.

Le industrie tedesche, soprattutto quelle automobilistiche hanno fiutato l’immenso business dell’elettrico e del l’idrogeno, che saranno minimamente sostenibili economicamente, solo grazie ad immense , incalcolabili elargizioni di denaro pubblico. I soldi gratis piacciono a tutti, chiedete ai tanti che hanno installato, fino a pochi anni fa pannelli fotovoltaici pagati dai vostri soldi.(3)

Per rendere plausibile la chiusura delle centrali proprio alcuni mesi fa il governo tedesco ha varato il nuovo piano energetico, che prevede un dimezzamento dei chilowatt consumati nel paese da qui a pochi anni. Infatti non esiste modo ragionevole per sostituire l’energia prodotta dalle centrali nucleari e quelle a carbone. Se guardate i dati spegnerle entro il 2020 è del tutto insensato.(4)

Un piano irrealizzabile, soprattutto tenendo conto delle colonnine di ricarica delle auto elettriche.

Per cui i tedeschi sono di fronte ad una scelta, anzi a tre:

  • Fare a meno dell’energia riducendo i consumi individuali e e chiudendo le fabbriche
  • Riaccendere le centrali nucleari e magari costruirne delle altre.
  • Comprare gas dai russi per produrre fertilizzanti ed energia.

A quel punto si capiscono molte cose.

P.S. del carbone e dell’olio combustibile consumato direttamente dalle industrie tedesche non ne parla nessuno…A meno che non si pensi davvero di alimentare un cementificio o un altoforno con i pannelli solari.

Calenda

Spacciatori all’opera anche in sede PD. Deve essere roba buona.

By Nuke di www.liberticida.altervista.org e www.orazero.org.

(1) https://www.ilgiorno.it/lecco/cronaca/colico-autotrasportatore-testimoni-geova-1.3813531

(2) http://formiche.net/2018/04/camporini-sanzioni-merkel-trump/

(3) http://energiaoltre.it/la-germania-punta-sulle-rinnovabili/

(4) https://medium.com/@stat_wald/energia-in-germania-711842192197