Macron comunque aveva già scavalcato il Governo italiano e chiamato il Presidente

https://www.lastampa.it/2019/02/13/esteri/macron-scavalca-il-governo-e-chiama-mattarella-presidente-ci-affidiamo-a-lei-E9rbJWO23nP4F86oYZRu6K/premium.html

Il sogno inconfessabile di Matterella: “Governo tecnico dopo le elezioni europee”

https://www.liberoquotidiano.it/news/politica/13427743/governo-tecnico-dopo-elezioni-europee-spettro-ventilato-sergio-mattarella.html

Ma contemporaneamente sogna anche nuove elezioni

https://www.liberoquotidiano.it/news/politica/13429720/sergio-mattarella-stufo-m5s-svolta-quirinale-crolla-governo-subito-elezioni.html

Purtroppo non digerisce il governo giallo-verde, ha tentato di sostituirli con un Cottarelli, e farebbe di tutto per levarseli di torno. E poi c’è l’affaire Bankitalia su cui vuole avere l’ultima parola, infatti spetta al Presidente della Repubblica emanare il decreto sulle nomine del Consiglio Superiore di Bankitalia.

In fondo cosa mi devo aspettare da un Presidente che al discorso del 31/12/2018 aveva lanciato solo frecciatine al Governo giallo-verde? Mattarella, insieme ad altri quattro gatti, continua a screditare il Governo ed è profondamente scorretto perché molte sue azioni sono mirate ad agire contro la volontà popolare degli italiani. E’ un uomo abituato a fregarsene di quello che pensa il Popolo che dovrebbe rappresentare. Scavalca – a volte “stiracchiando” le prerogative costituzionali – tutti e ignora cosa hanno votato gli italiani. E non passa giorno che non desideri un governo tecnico. Un Presidente che non perde occasione per scontrarsi con Lega e M5S, uno che alza la tensione sempre nei momenti sbagliati.

A prescindere dai miei orientamenti politici (in Italia non esiste un partito che mi rappresenti), Mattarella non può rappresentare me e nemmeno la maggioranza del Popolo italiano: non tiene conto della preferenza espressa dal popolo e in questo mostra tutto il suo lato autoritario. E’ un uomo antidemocratico, non ha capito che in Italia l’aria è cambiata e che è in atto in tutta Europa un cambiamento. Non vuole vedere nazionalismi e non ha capito che gli italiani NON intendono cedere la loro sovranità a favore di una UE a trazione franco-tedesca.

La vecchia classe politica si allontana dal Popolo, urla solo che questa democrazia giallo-verde si è trasformata in una dittatura della maggioranza. Però più Mattarella scavalca le istituzioni e più sarà detestato dal Popolo. Vero è che il popolo non può decidere su tutto, ma alle ultime elezioni gli italiani hanno preso una grossa decisione ed è RESPONSABILE di quello che ha votato e deciso. Io personalmente non condivido la scelta effettuata dagli italiani, credo che sia stato un voto di pancia e di rottura col passato. Comunque sia, io però ho rispetto delle persone e di quello che hanno votato, il popolo conosce le conseguenze e sanno cosa vuol dire “Troika e pagare i debiti”. Gli italiani nella loro follia sanno che esiste una cosa che si chiama CONSEGUENZA.

Mattarella non può sempre agire contro il volere degli italiani. Ma la sua inarrestabile corsa non si ferma e prosegue dritto come un treno nella sua immutata credenza “Euro, UE e più futuro europeo”. Quindi se un Presidente mette in primo piano “cinque milioni di immigrati che vivono, lavorano, vanno a scuola, praticano sport nel nostro Paese”, per quale motivo mi dovrebbe rappresentare? Nemmeno rappresenta l’unità nazionale (art.87).

Questo uomo rappresenta solo i burocrati europei, complici del disastro di questi anni, si permette di NON seguire le linee del presidente del Consiglio, del Governo e del Popolo. Signoria Vostra Illustrissima Lei rappresenta le élite europee – che vanno contro le scelte dei popoli – non può rappresentare me e la maggioranza dei cittadini italiani. Caro Presidente Mattarella presto arriva il 26 maggio, dopo i risultati cosa pensa di fare?

Se Lei non intende rispettare la scelta degli italiani, continuando a servire le Sue Venerate Lobby e i gruppi di potere di Bruxelles… Lei non mi rappresenta.