di Quint Forgey per politico.eu scelto e tradotto Gustavo Kulpe

Il presidente Donald Trump ha ripreso martedì il suo assalto verbale contro l’ambasciatore del Regno Unito a Washington, ridicolizzando il diplomatico britannico definendolo uno “sciocco borioso” dopo aver minacciato il giorno prima, di porre fine alle relazioni diplomatiche tra la sua amministrazione e lui.

“Lo stravagante ambasciatore che il Regno Unito ha imposto agli Stati Uniti non è qualcuno di cui siamo entusiasti, un tipo molto stupido”, ha scritto Trump su Twitter. “Dovrebbe parlare al suo paese e al Primo Ministro May, della loro fallimentare trattativa sulla Brexit, piuttosto che essere turbato dalle mie critiche su quanto sia stato … gestito male.”

I post sui social media segnalano l’ultima bordata del presidente americano contro l’ambasciatore Kim Darroch, che ha descritto Trump e la sua Casa Bianca in termini rigidi e poco lusinghieri in vari messaggi riservati con Londra risalenti al 2017, secondo il quotidiano britannico The Daily Mail.

“Non crediamo davvero che questa Amministrazione possa diventare sostanzialmente più normale, meno disfunzionale, meno imprevedibile, meno faziosa, meno diplomaticamente maldestra e inetta “, ha riferito Darroch in uno dei suoi promemoria confidenziali.

Martedì Trump ha anche riservato ulteriori attacchi contro il primo ministro britannico Theresa May per la sua gestione della crisi politica sulla Brexit, nonostante abbia alternativamente criticato e elogiato negli ultimi mesi la gestione di maggio del ritiro pianificato dall’Unione Europea

“Ho detto a @theresa_may come gestire quella trattativa, ma lei ha preferito fare da sola, in modo sciocco, non riuscendo a combinare nulla. Un disastro! “Ha twittato Trump.

“Non conosco l’Ambasciatore, ma mi è stato detto che è uno sciocco borioso”, ha scritto online. “Fategli sapere che gli Stati Uniti ora hanno l’Economia e la forza militare di gran lunga migliori del mondo … e entrambi diventano sempre più grandi, migliori e più forti ….. Grazie, Signor Presidente!”

Trump ha affermato lunedì su Twitter che, benché “non conosca l’Ambasciatore”, Darroch “non è apprezzato né stimato … all’interno degli Stati Uniti”, aggiungendo: “Non ci occuperemo più di lui”.

Parlando ai giornalisti del New Jersey, Trump ha detto che Darroch “non ha reso un buon servizio al Regno Unito” e ha affermato che i funzionari della sua stessa amministrazione non sono “grandi fan di quell’uomo”.

Lunedì, il portavoce di May ha detto che Downing Street ha contattato l’amministrazione Trump, “esponendo la nostra opinione secondo cui riteniamo che la fuga di notizie sia inaccettabile” e ha definito l’episodio “motivo di rammarico”, ha riferito la Reuters.

Lunedì, alla domanda secondo cui il tweet di Trump fosse da intendersi come una dichiarazione verso Darroch di persona non grata – il termine usato negli ambienti diplomatici quando un paese vuole cacciare un funzionario straniero o impedirgli di entrare – il Dipartimento di Stato ha rinviato POLITICO alla Casa Bianca. La Casa Bianca si è rifiutata di commentare.