Un consensus secolare delle élite americane

L’espressione stessa “geopolitica delle elezioni americane” sembra piuttosto insolita e inaspettata. A partire dagli anni ’30, il confronto tra i due grandi partiti americani, il Grande Vecchio Partito (GOP) e i Blue Democrats, è diventato una competizione basata sull’accordo con i principi fondamentali della politica, dell’ideologia e della geopolitica accettati da entrambe le parti. L’élite politica degli Stati Uniti si basava su un profondo e completo consenso, in primo luogo, sulla devozione al capitalismo, al liberalismo e sull’affermazione degli Stati Uniti come la principale potenza del mondo occidentale. Che si trattasse di “repubblicani” o “democratici”, è stato possibile garantire che la loro visione dell’ordine mondiale fosse quasi identica, Mondialista;

  • liberale,
  • unipolare,
  • Atlantico-centrico
  • Americano-centrico.

Questa unità è stata istituzionalizzata all’interno del Council on Foreign Relations (CFR), creato all’epoca dell’accordo di Versailles dopo la prima guerra mondiale e che riunisce i rappresentanti di entrambe le parti. Il ruolo del CFR continuò a crescere e dopo la seconda guerra mondiale, divenne la sede principale del crescente Mondialismo. Durante le prime fasi della guerra fredda, il CFR ha consentito la convergenza dei sistemi con l’URSS sulla base dei valori comuni dell’Illuminismo. Ma a causa del forte indebolimento del campo socialista e del tradimento di Gorbaciov, la “convergenza” non era necessaria, la costruzione della pace nel mondo era nelle mani di un solo polo, quello che ha vinto la guerra fredda.

Fin dall’inizio degli anni ‘90 del XX secolo è stato un momento di gloria per i Mondialisti e per il CFR stesso. Da quel momento in poi, il consenso delle élite americane, indipendentemente dalla loro affiliazione politica si è rafforzato, le politiche di Bill Clinton, George W. Bush o Barack Obama, almeno per quanto riguarda le principali questioni di politica estera e l’impegno per l’agenda globalista, sono state quasi le stesse. Da parte repubblicana, l’analogo “corretto” dei Mondialisti (rappresentati principalmente dai democratici) sono i neoconservatori che hanno spodestato i paleo-conservatori a partire dal 1980, cioè i repubblicani che hanno seguito la tradizione isolazionista e sono rimasti fedeli ai valori conservatori, caratteristici del Partito Repubblicano all’inizio del XX secolo e nelle prime fasi della storia americana.

Certo, Democratici e Repubblicani sono diversi su politica fiscale, medica e assicurativa (qui, i Democratici erano economicamente di sinistra e i Repubblicani di destra), ma si trattava di una disputa all’interno dello stesso modello che aveva poco o nessun impatto sui principali vettori della politica interna, per non parlare dei vettori stranieri. In altre parole, le elezioni americane non avevano alcun significato geopolitico, e quindi una affermazione come “geopolitica delle elezioni americane” non è stata mai utilizzata a causa della sua assurdità e vacuità.

Trump sta distruggendo il consensus.

Tutto è cambiato nel 2016, quando l’attuale presidente degli Stati Uniti Donald Trump è salito al potere inaspettatamente. In America, il suo arrivo è stato qualcosa di eccezionale. L’intera piattaforma elettorale di Trump si basava sulle critiche alla globalizzazione e alle élite al potere americane. In altre parole, Trump ha sfidato direttamente il “consensus” di entrambi i partiti, compresa l’ala neoconservatrice del suo partito repubblicano, e …. ha vinto. Naturalmente, i quattro anni di presidenza di Trump hanno dimostrato che era semplicemente impossibile ristrutturare completamente la politica statunitense in modo così inaspettato, e Trump ha dovuto fare molti compromessi, compresa la nomina del neoconservatore John Bolton come suo consigliere per la sicurezza nazionale. Ma in ogni caso, ha cercato di seguire la sua linea, almeno in parte, il che ha fatto infuriare i “Mondialisti”. Trump ha così cambiato bruscamente la struttura stessa dei rapporti tra i due maggiori partiti americani. Sotto la sua guida, i repubblicani sono parzialmente tornati alla posizione nazionalista americana inerente ai primi GOP, da qui gli slogan “L’America prima di tutto! “oppure “Rendiamo di nuovo grande l’America! Questo ha portato alla radicalizzazione dei Democratici che, a partire dal confronto tra Trump e Hillary Clinton, hanno dichiarato guerra a Trump e tutti coloro che hanno sostenuto la sua vera guerra, politica, ideologica, mediatica, economica, ecc.

Per quattro anni questa guerra non si è fermata neanche un attimo, e oggi, alla vigilia di nuove elezioni, ha raggiunto il suo culmine manifestandosi;

  • nella destabilizzazione diffusa del sistema sociale
  • nella rivolta degli elementi estremisti nelle principali città americane (con il sostegno quasi aperto del Partito democratico alle forze anti-Trump),
  • nella demonizzazione diretta di Trump e dei suoi sostenitori, che, se Biden vince, sono minacciati di “lustrazione”, indipendentemente dalla loro posizione
  • per aver accusato Trump e tutti i patrioti e nazionalisti americani di fascismo
  • nel tentativo di ritrarre Trump come un agente di forze esterne, principalmente Vladimir Putin, etc etc.

L’amarezza del confronto interpartitico in cui alcuni stessi repubblicani, soprattutto neoconservatori (come Bill Kristol, il principale ideologo dei neoconservatori) che si sono opposti a Trump, ha portato a una forte polarizzazione della società americana nel suo complesso. E oggi, nell’autunno del 2020, sullo sfondo della persistente epidemia di Covid-19 e delle sue conseguenze sociali ed economiche, la corsa elettorale rappresenta qualcosa di completamente diverso da quello che è stato negli ultimi 100 anni di storia americana, a partire da Versailles, i 14 punti globalisti di Woodrow Wilson e la creazione del CFR.

Gli anni ’90: un minuto di gloria Mondialista.

Naturalmente non è stato Donald Trump a rompere personalmente il consenso globalista delle élite americane, portando gli Stati Uniti sull’orlo di una guerra civile quasi totale. Trump è stato un sintomo dei profondi processi geopolitici che hanno avuto luogo a partire dai primi anni 2000.

Negli anni Novanta, il globalismo ha raggiunto il suo apice, il campo sovietico era in rovina, la Russia era guidata da agenti americani e la Cina stava appena cominciando a copiare docilmente il sistema capitalista, creando l’illusione della “Fine della Storia” (F. Fukuyama). Così, la globalizzazione è stata apertamente contrastata solo dalle strutture extraterritoriali del fondamentalismo islamico, a loro volta controllate dalla CIA e dagli alleati degli Stati Uniti in Arabia Saudita e in altri Paesi del Golfo, e da alcuni “Stati canaglia”, come l’Iran sciita e la Corea del Nord ancora comunista, che non erano di per sé il grande pericolo. Sembrava che il dominio del globalismo fosse totale, che il liberalismo restasse l’unica ideologia che soggiogasse tutte le società e che il capitalismo fosse l’unico sistema economico. Un passo è rimasto fino alla proclamazione del governo mondiale (e questo è l’obiettivo dei “Mondialisti”, e in particolare il culmine della strategia del CFR).

I primi segni della multipolarità.

Ma qualcosa è andato storto dai primi anni 2000. La disintegrazione e il degrado della Russia si arrestarono con Putin, la cui definitiva scomparsa dall’arena mondiale fu una condizione preliminare per il trionfo dei globalisti. Andando verso la restaurazione della sua sovranità, la Russia ha fatto molta strada in 20 anni, diventando uno dei più importanti poli della politica mondiale, naturalmente, ancora molto inferiore al potere dell’URSS e del campo socialista, ma più sottomessa all’Occidente, come lo era negli anni Novanta.

Allo stesso tempo, la Cina, adottando la liberalizzazione dell’economia, ha mantenuto il potere politico nelle mani del partito comunista, sfuggendo al destino dell’URSS, al crollo, al caos, alla “democratizzazione” secondo gli standard liberali, e diventando gradualmente una grande potenza economica, paragonabile agli Stati Uniti.

In altre parole, c’erano i presupposti per un ordine mondiale multipolare che, insieme all’Occidente stesso (Stati Uniti e Paesi Nato), aveva almeno altri due poli abbastanza importanti e significativi: la Russia di Putin e la Cina. E più ci si allontanava, più appariva chiara questa immagine alternativa del mondo, in cui, accanto all’Occidente liberale e Mondialista, altri tipi di civiltà basate sui crescenti poli di potere, la Cina comunista e la Russia conservatrice, facevano sentire sempre più forte la loro voce. Elementi di capitalismo e liberalismo sono presenti qua e là. Non è ancora una vera alternativa ideologica, né una contro-egemonia (secondo Gramsci), ma è qualcosa d’altro. Senza diventare multipolare nel senso pieno del termine, il mondo ha cessato di essere inequivocabilmente unipolare negli anni 2000. La globalizzazione ha cominciato a soffocare, a perdere la sua traiettoria. A ciò si è accompagnata un’imminente spaccatura tra gli Stati Uniti e l’Europa occidentale. Inoltre, il populismo di destra e di sinistra ha cominciato a svilupparsi nei paesi occidentali, il che ha mostrato un crescente malcontento dell’opinione pubblica nei confronti dell’egemonia delle élite liberali globaliste. Anche il mondo islamico ha continuato la sua lotta per i valori islamici, che però ha cessato di essere strettamente identificato con il fondamentalismo (controllato in un modo o nell’altro dai Mondialisti) e ha cominciato ad assumere forme geopolitiche più chiare;

  • l’ascesa degli Sciiti in Medio Oriente (Iran, Iraq, Libano, in parte Siria)
  • la crescente indipendenza, fino ai conflitti con gli Stati Uniti e la NATO, della Turchia sunnita di Erdogan
  • le oscillazioni dei paesi del Golfo tra l’Occidente e gli altri centri di potere (Russia, Cina), etc.

Lo slancio di Trump: un grande colpo di scena.

Le elezioni americane del 2016, vinte da Donald Trump, si sono svolte in questo contesto – in un momento di grave crisi per il globalismo e per le élite Mondialiste al potere.

Fu allora che la facciata del consenso liberale portò alla nascita di una nuova forza, quella parte della società americana che non voleva identificarsi con le élite Mondialiste al potere. Il sostegno di Trump è diventato un voto di sfiducia nella strategia del globalismo – non solo democratico, ma anche repubblicano. Così, lo scisma si è trovato nella cittadella stessa del mondo unipolare, nella sede della globalizzazione. Sotto il peso del disprezzo, sembravano, maggioranza deplorevole, maggioranza silenziosa, maggioranza espropriata (V. Robertson). Trump è diventato un simbolo del risveglio del populismo americano.

Così, negli Stati Uniti, è tornata la vera politica, sono riprese le dispute ideologiche, e la distruzione dei monumenti della storia americana è diventata l’espressione di una profonda divisione nella società americana sulle questioni più fondamentali.

Il consensus americano è crollato.

D’ora in poi, élite e masse, mondialisti e patrioti, democratici e repubblicani, progressisti e conservatori sono diventati veri e propri poli indipendenti, con le loro mutevoli strategie, agende, opinioni, valutazioni e sistemi di valori. Trump ha fatto saltare in aria l’America, ha rotto il consensus dell’élite e ha fatto deragliare la globalizzazione.

Naturalmente, non l’ha fatto da solo. Ma ha avuto l’audacia, forse sotto l’influenza ideologica del conservatore atipico e anti-globalizzazione Steve Bannon (un raro caso di intellettuale americano che ha familiarità con il conservatorismo europeo, e persino con il tradizionalismo di Guenon ed Evola), di andare oltre il discorso liberale dominante, aprendo una nuova pagina della storia politica americana. In questa pagina, questa volta, si legge chiaramente la formula “geopolitica delle elezioni americane”.

Le elezioni americane del 2020: ci si gioca tutto.

In base all’esito delle elezioni del novembre 2020, si determinerà quanto segue;

  • l’architettura dell’ordine mondiale (transizione al nazionalismo e alla vera e propria multipolarità nel caso di Trump, continuazione dell’agonia della globalizzazione nel caso di Biden),
  • la strategia geopolitica globale degli Stati Uniti (l’America prima nel caso di Trump, un salto disperato al governo mondiale nel caso di Biden),
  • Il destino della NATO (la sua dissoluzione a favore di una struttura che rifletta più strettamente gli interessi nazionali degli Stati Uniti, questa volta come Stato, non come baluardo della globalizzazione nel suo complesso (nel caso di Trump) o la conservazione del blocco atlantico come strumento delle élite liberali sovranazionali (nel caso di Biden),
  • l’ideologia dominante (conservatorismo di destra, nazionalismo americano nel caso di Trump, globalismo di sinistra, eliminazione definitiva dell’identità americana nel caso di Biden),
  • la polarizzazione dei Democratici e dei Repubblicani (continua crescita dell’influenza paleo-conservatrice nel governo se sono forti) o un ritorno al consenso bipartisan (nel caso di Biden con un’ulteriore crescita dell’influenza delle neo-conferenze nel governo),
  • e anche il destino del secondo emendamento costituzionale (il suo mantenimento nel caso di Trump, e la sua possibile abrogazione nel caso di Biden).

Sono momenti così importanti che il destino di Trump, le mura di Trump, come anche le relazioni con la Russia, la Cina e l’Iran si stanno rivelando di secondaria importanza. Gli Stati Uniti sono così profondamente e completamente divisi che la questione ora è se il Paese sopravvive a elezioni senza precedenti. Questa volta, la lotta tra democratici e repubblicani, Biden e Trump, è una lotta tra due società aggressivamente disposte l’una contro l’altra, non uno spettacolo insensato da cui nulla dipende fondamentalmente. L’America ha raggiunto una linea fatale. Qualunque sia l’esito di queste elezioni, gli Stati Uniti non saranno mai più gli stessi. Qualcosa è cambiato in modo irreversibile.

Per questo si parla di “geopolitica delle elezioni americane”, ed è per questo che è così importante. Il destino degli Stati Uniti è, per molti versi, il destino di tutto il mondo moderno.

Il fenomeno Heartland.

La nozione più importante di geopolitica dai tempi di Mackinder, il fondatore di questa disciplina, è quella di “Heartland”. Significa il nucleo della “civiltà della terra”, in contrapposizione alla “civiltà del mare”.

Lo stesso Mackinder, e soprattutto Carl Schmitt, che ha sviluppato la sua idea e la sua intuizione, parla del confronto di due tipi di civiltà, e non solo della disposizione strategica delle forze in un contesto geografico.

La “Civiltà del mare” incarna l’espansione, il commercio, la colonizzazione, ma anche il “progresso”, la “tecnologia”, i costanti cambiamenti nella società e nelle sue strutture, che riflettono l’elemento molto liquido dell’oceano, la società liquida di Z. Bauman.

È una civiltà senza radici, mobile e in movimento, “nomade”.

La “civiltà della terra”, al contrario, è legata al conservatorismo, alla costanza, all’identità, alla sostenibilità, alla meritocrazia e ai valori immutabili; è una cultura che ha radici, che è sedentaria.

In questo modo, “Heartland” acquisisce anche un significato civile: non è solo un’area territoriale il più lontano possibile dalle coste e dagli spazi marittimi, ma anche una matrice di identità conservatrice, un’area di forti radici, un’area di massima concentrazione “identitaria”.

L’applicazione della geopolitica alla struttura moderna degli Stati Uniti produce un quadro sorprendentemente chiaro. La peculiarità del territorio americano è che il paese è situato tra due spazi oceanici, tra l’Oceano Atlantico e l’Oceano Pacifico. A differenza della Russia, negli Stati Uniti non c’è uno spostamento così netto dal centro verso uno dei poli – sebbene la storia degli Stati Uniti sia iniziata sulla costa orientale e si sia gradualmente spostata verso ovest, oggi, in una certa misura, le due zone costiere sono piuttosto sviluppate e rappresentano due segmenti della distinta “civiltà del mare”.

Gli Stati Uniti e la geopolitica elettorale

Ed è qui che inizia il divertimento. Se prendiamo la mappa politica degli Stati Uniti e la coloriamo con i colori dei due maggiori partiti in base al principio di quali governatori e quali partiti dominano in ciascuno, otteniamo tre strisce:

La costa orientale sarà blu, con grandi aree metropolitane concentrate qui, e quindi dominate dai Democratici; la parte centrale degli Stati Uniti, la zona di sorvolo, le aree industriali e agrarie (compresa l’America a un “piano”), cioè il vero e proprio Heartland, è quasi interamente dipinta di rosso (Republican Influence Zone); La West Coast è ancora una volta megalopoli, centri high-tech, e quindi il colore blu dei Democratici.

Benvenuti nella geopolitica classica, ovvero in prima linea nella “Grande Guerra dei Continenti”.

Così, gli USA 2020 non sono composti solo da molte zone (diverse), ma esattamente da due zone di civiltà – il centro di Heartland e due territori costieri, che rappresentano più o meno lo stesso sistema sociale e politico, radicalmente diverso da Heartland. Le zone costiere sono la zona dei democratici. Qui si svolge la più attiva contestazione di BLM, LGBT+, femminismo ed estremismo di sinistra (gruppi terroristici “anti-fa”), che sono stati coinvolti nella campagna elettorale dei Democratici per Biden e contro Trump.

Prima di Trump, sembrava che gli Stati Uniti fossero solo una zona costiera. Trump ha dato la sua voce al cuore dell’America. Così, il centro rosso degli Stati Uniti è stato stimolato e riattivato. Trump è il presidente di questa “seconda America”, che non ha quasi nessuna rappresentanza nelle élite politiche e non ha quasi nulla a che fare con l’agenda dei globalisti. È l’America delle piccole città, delle comunità cristiane e delle sette, delle fattorie o anche dei grandi centri industriali, devastata dalla delocalizzazione dell’industria e dallo spostamento dell’attenzione verso aree dove il lavoro è a basso costo. È un’America deserta, leale, dimenticata e umiliata. È la patria dei veri nativi americani con radici, bianchi o no, protestanti o cattolici. E questo Centro America sta rapidamente scomparendo, stretto dalle zone costiere.

L’ideologia nel cuore dell’America: la vecchia democrazia…

È rivelatore che gli americani stessi abbiano recentemente scoperto questa dimensione geopolitica degli Stati Uniti. In questo senso, è tipica l’iniziativa di creare un Istituto di Sviluppo Economico completo, incentrato su pacchetti di stimolo per micro città, piccole città e centri industriali nel centro degli Stati Uniti. Il nome dell’Istituto parla da solo: “Heartland forward! Si tratta infatti di una decifrazione geopolitica e geo-economica dello slogan di Trump “Facciamo tornare grande l’America! »

In un recente articolo dell’ultimo numero della rivista conservatrice American Affairs (Autunno 2020. V IV, № 3), l’analista politico Joel Kotkin pubblica articoli del programma “The Heartland’s Revival” e sullo stesso argomento, “The Heartland Renaissance”. E sebbene Joel Kotkin non sia ancora giunto alla conclusione che gli “stati rossi” siano, in realtà, una civiltà diversa dalle zone costiere, è giunto a tale conclusione, e dal suo punto di vista pragmatico e più economico, si sta avvicinando ad essa.

La parte centrale degli Stati Uniti è un’area molto speciale con una popolazione, dove prevalgono i paradigmi della “vecchia America” con la sua “vecchia democrazia”, il “vecchio individualismo” e la “vecchia” idea di libertà. Questo sistema di valori non ha nulla a che vedere con la xenofobia, il razzismo, la segregazione o qualsiasi altro peggiorativo che l’americano medio negli stati intermedi si vede generalmente attribuito dagli intellettuali arroganti e dai giornalisti delle megalopoli e dei canali televisivi nazionali. Questa è l’America, con tutte le sue caratteristiche, solo la vecchia America tradizionale, un po’ congelata nel suo desiderio iniziale di libertà individuale fin dai tempi dei padri fondatori. È rappresentata soprattutto dalla setta Amish, ancora vestita nello stile del XVIII secolo, o dai Mormoni dello Utah, che professano un culto grottesco ma puramente americano, che ricorda il “cristianesimo” da molto lontano. In questa vecchia America, una persona può avere tutti i tipi di credenze, dire e pensare quello che vuole. Questa è la radice del pragmatismo americano: nulla può limitare né il soggetto né l’oggetto, e tutte le relazioni tra di loro si rivelano solo attraverso l’azione. Ancora una volta, questa azione ha un solo criterio: o funziona o non funziona. E questo è tutto. Nessuno può prescrivere un tale “vecchio liberalismo” che una persona dovrebbe pensare, parlare o scrivere. La correttezza politica non ha senso in questo caso.

È solo auspicabile esprimere chiaramente il proprio pensiero, che può essere, teoricamente, ciò che si vuole. In una tale libertà da tutto, tutto questo è l’essenza del “sogno americano”.

Secondo emendamento alla Costituzione: protezione armata della libertà e della dignità …

Il cuore dell’America non è solo economia e sociologia. Ha una sua ideologia. Si tratta di un’ideologia indiana americana, piuttosto repubblicana, in parte antieuropea (soprattutto antibritannica), che riconosce l’uguaglianza dei diritti e l’inviolabilità delle libertà. E questo individualismo legislativo si incarna nel libero diritto di possedere e portare le armi. Il secondo emendamento alla Costituzione è una sintesi di tutta l’ideologia di un’America così “rossa” (nel senso del colore GOP). “Io non prendo il tuo, ma tu non tocchi neanche il mio”. È il riassunto di un coltello, di una pistola, di un arma da fuoco, ma anche di una mitragliatrice. Non si tratta solo di cose materiali, ma anche di credenze, di modi di pensare, di libere scelte politiche e di autostima.

Ma le zone costiere, i territori americani della “Civiltà del Mare”, gli Stati azzurri, ecco cosa è sotto attacco. Questa “vecchia democrazia”, questo “individualismo”, questa “libertà” non ha nulla a che vedere con gli standard di correttezza politica, con una cultura sempre più intollerante e aggressiva, con la demolizione di monumenti agli eroi della Guerra Civile o con il bacio dei piedi di afroamericani, transessuali e mostri dal corpo putrefatto. La “civiltà del mare” vede la “vecchia America” come un insieme di deplorevoli (dalle parole di Hillary Clinton), “fascistoidi” e “dissidenti”. A New York, Seattle, Los Angeles e San Francisco, abbiamo già a che fare con un’altra America, un’America blu di liberali, Mondialisti, professori postmoderni, sostenitori della perversione e di un ateismo normativo offensivo, che scaccia dalla zona di tolleranza tutto ciò che assomiglia alla religione, alla famiglia, alla tradizione.

La Grande Guerra Continentale negli Stati Uniti: vicino alla resa finale.

Queste due Americhe, l’America della Terra e l’America del Mare, si sono riunite oggi in una feroce lotta per il loro presidente. E sia i Democratici che i Repubblicani non hanno alcuna intenzione cosciente di riconoscere un vincitore se proviene dal campo opposto. Biden è convinto che Trump “ha già truccato i risultati elettorali”, e il suo “amico” Putin “ha già interferito” con l’aiuto del GRU, del “nuovo arrivato”, dei troll Holguin e di altri ecosistemi multipolari della “propaganda russa”. Pertanto, i democratici non intendono riconoscere la vittoria di Trump. Per loro non è una vittoria, ma un falso.

Ma anche i repubblicani più coerenti lo considerano un falso. I Democratici stanno usando metodi illegali nella campagna elettorale, infatti, gli stessi Stati Uniti hanno una “rivoluzione di colore” interna diretta contro Trump e la sua amministrazione. E le orme dei suoi organizzatori, uno dei principali Mondialisti e oppositori di Trump, George Soros, Bill Gates e altri fanatici della “nuova democrazia”, i più brillanti e coerenti rappresentanti della “civiltà del mare” americana, sono assolutamente trasparenti dietro di essa. Per questo i repubblicani sono pronti ad andare fino in fondo, soprattutto perché l’amarezza dei democratici contro Trump e i suoi nominati negli ultimi 4 anni è tale che se Biden finisce alla Casa Bianca, la repressione politica contro parte dell’establishment americano, almeno contro tutti i nominati da Trump, sarà senza precedenti.

È così come una tavoletta di cioccolato americana si rompe davanti ai nostri occhi, le possibili linee di faglia diventano i fronti della vera guerra stessa.

Questa non è più solo una campagna elettorale, è il primo passo di una vera e propria guerra civile. In questa guerra, due americani, due ideologie, due democrazie, due libertà, due identità, due sistemi di valori che si escludono a vicenda, due politiche, due economie e due geopolitiche, si affrontano.

Se comprendessimo l’importanza attuale della “geopolitica delle elezioni americane”, il mondo terrebbe il fiato sospeso e non penserebbe ad altro, compresa la pandemia di Covid-19 o le guerre locali, i conflitti e i disastri. Al centro della storia mondiale, al centro della determinazione del destino del futuro dell’umanità c’è la “geopolitica delle elezioni americane”, il palcoscenico americano della “grande guerra dei continenti”, terra americana contro il mare americano.

Alexander Dugin

Ottobre 2020