C’è chi lo definisce un piacere antisteneo. Io lo considero semplice masochismo con tendenza al suicidio. Antistene di Atene si distinse per l’orgogliosa esibizione della propria povertà. Le sue lezioni: “Cinosarge”, letteralmente “cane agile” sono insegnamenti dove maturando i suoi seguaci predicavano e conducevano una vita sciolta da qualsiasi vincolo familiare o politico, al di fuori di tutte le convenzioni sociali: una vita, insomma, simile a quella dei cani, che sono appunto liberi da qualsiasi legame, e pienamente autosufficienti. I giapponesi direbbero Ronin, ma non confondiamo le due identità culturali.

Un mondo dove la sofia ti riporta all’etica. Ma anche alla satira di un proletariato stoico.

Un laboratorio dove si fa esercizio interiore, dove si addestra lo spirito come la ginnastica fa col corpo. Da qua nasce un inflessibile rigorismo morale. Qua si uccide ogni “vanità ” umana, si vuole vivere secondo le regole di una vita basata sulla autosufficienza. Tutto poggia interamente sullo sforzo e sulla fatica: diventa obbligatorio mai cedere ai piaceri, ma anche liberarsi dai desideri e dalle passioni che ingombrano il nostro animo. A tratti molto simile a Siddharta di Hermann Hesse.

Una massa di cinici che hanno smesso di credere nei valori della democrazia, nemmeno credono nei valori dell’aristocrazia, pazzi virtuosi che nelle Polis trovavano lo spazio libero dove la città/megalopoli infondeva in loro una sensazione di mondo cosmopolita.

Ma gli eredi di Antistene sono radicali che ben oggi conosciamo.

Sei un imprenditore, prendi tutti i tuoi soldi e li butti nel calderone, poi ti dai da fare come un matto per cercare di riprenderteli facendo a mezzo con lo stato.

Ma se in Italia li vuoi riprendere devi almeno triplicarli come minimo.

Se sei così bravo che questo avvenga bisogna chiedersi se ti tieni occupato per non sentirti una nullità.

Ma in realtà, anche se si è bravi, si genera un giro di denaro in cui quello che credi di guadagnare sono solo i soldi che ci avevi messo all’inizio (e buttato in seguito) che passano a salutarti, rimangono lì per un po’ e poi se ne vanno.

Dopo un po’ ti stanchi e capisci che è meglio chiudere, mica vuoi perdere tutto il patrimonio. Ma mettendoti in movimento hai generato un’onda negativa, dove per un paio di anni ti arriverà solo roba da pagare.

“È ora di finirla. L’unione europea dovrebbe impedire all’Olanda di essere un paradiso fiscale” Telegarm1

“È ora di finirla. L’unione europea dovrebbe impedire all’Italia di essere un inferno fiscale” Telegram2

A ognuno il suo inferno. Anubi ha ragione. Alessia C. F. (ALKA)