15.08.2022 John Daniel Davidson – Gli americani dovrebbero prestare maggiore attenzione alle proteste in corso degli agricoltori nei Paesi Bassi, che questa settimana hanno trasformato lunghi tratti di autostrade olandesi in quella che sembra una zona di guerra post-apocalittica: incendi lungo le strade fuori controllo, letame e rifiuti agricoli sparpagliati sulle autostrade , ingorghi su molte miglia e proteste di massa in tutto il paese a sostegno degli agricoltori.

Perché i Paesi Bassi stanno vivendo un tale tumulto come nessun altro? Gli americani devono capire cosa sta succedendo lì, perché la disastrosa politica climatica che ha scatenato queste proteste è esattamente ciò che il presidente Joe Biden e i Democratici hanno in mente per gli Stati Uniti.

In particolare, gli agricoltori olandesi stanno protestando contro un piano del governo per ridurre l’uso di fertilizzanti e ridurre il numero di capi di bestiame in modo così drastico da costringere molte fattorie a chiudere l’attività. All’inizio di questo mese, gli agricoltori hanno utilizzato trattori e camion per bloccare le autostrade e i centri di distribuzione di cibo in tutto il paese, affermando che i loro mezzi di sussistenza e il loro stile di vita erano presi di mira dal governo.

E questo è vero in misura maggiore o minore. Il governo di coalizione al governo sostiene che il suo piano radicale, promosso dal Primo Ministro Mark Rutte, che ha definito le proteste “inaccettabili”, fa parte di una “transizione inevitabile” per migliorare la qualità dell’aria, della terra e dell’acqua. L’obiettivo è ridurre del 50% entro il 2030 le emissioni di ossido nitrico e ammoniaca, che sono prodotte dal bestiame ma che il governo chiama “inquinanti”, in tutto il paese entro il 2030.

L’unico modo per raggiungere questo obiettivo, affermano molti agricoltori olandesi, è macellare la stragrande maggioranza del bestiame e chiudere le loro fattorie. Il governo ne è consapevole e lo ha riconosciuto all’inizio di quest’anno, dicendo “Il messaggio onesto… è che non tutti gli agricoltori possono continuare la loro attività” e che gli agricoltori hanno tre opzioni: “Diventare più sostenibili, spostare o interrompere la propria attività”.

La genesi del programma è stata una decisione del tribunale del 2019 che affermava che il piano del governo olandese per ridurre le emissioni di azoto violava le leggi dell’UE di Natura 2000, rete di protezione di habitat vegetali e animali presumibilmente vulnerabili e in via di estinzione, essenzialmente una raccolta di riserve naturali di fauna selvatica gestite dall’UE. Questi territori coprono l’intera UE, coprendo il 18% della superficie terrestre e l’8% della superficie marina.

Per proteggere queste riserve, agli agricoltori olandesi viene detto che devono rispettare il devastante piano sulle emissioni del loro governo.

Ma le riserve Natura 2000 sono solo una parte della storia. Leader europei come Rutte sono ideologi ambientalisti che vogliono cambiare la produzione alimentare globale e porre fine alla proprietà privata della terra, e vede la sentenza della corte come un’opportunità per cambiare l’agricoltura e l’uso del suolo nei Paesi Bassi.

Infatti, Rutte – l’incarnazione ambulante dell’”uomo di Davos” se mai ce n’è stato uno – è un grande sostenitore dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e dei suoi Obiettivi di sviluppo sostenibile, che mirano a discriminare agricoltori e pastori di tutto il mondo al fine di ridurre “emissioni”. Le politiche derivanti da questi obiettivi, come la riduzione drastica dell’uso di fertilizzanti, hanno contribuito al recente collasso economico dello Sri Lanka, scatenando massicce proteste che hanno visto il governo dello Sri Lanka rovesciato e il presidente rimosso dal potere all’inizio di questo mese.

L’anno scorso, Rutte ha tenuto un discorso al World Economic Forum su “trasformare i sistemi alimentari e l’uso del suolo” all’Agenda Week di Davos, annunciando che un cosiddetto “Global Coordinating Secretariat for the World Economic Center for Food Innovation” sarebbe stato istituito nei Paesi Bassi, e il cui compito sarebbe “l’unificazione di tutti gli altri centri di innovazione alimentare”.

Tradotto dalla lingua di Davos, ciò significa che la produzione agricola e le forniture alimentari saranno controllate centralmente da enti governativi interni e “stakeholder”, costituiti principalmente dalle più grandi società alimentari del mondo e ONG internazionali. Le fattorie private e gli agricoltori indipendenti diventeranno un ricordo del passato, soppiantati da organismi globali che prendono decisioni su quanto e quale cibo produrre. Il settore privato e gli agricoltori indipendenti non avranno più spazio nel futuro che l’ONU e il WEF prevedono.

Gli agricoltori olandesi lo capiscono. Sanno che Rutte e i suoi ministri vogliono soprattutto distruggere le loro fattorie e il loro modo di vivere. Ma non si arrenderanno senza combattere.

Tutto questo ci riporta negli USA. Questa settimana è emersa la notizia che i Democratici del Congresso avevano finalmente raggiunto un accordo sulla più ampia legislazione sul clima nella storia degli Stati Uniti. Il conto rappresenta una cornucopia di circa 369 miliardi di dollari in tasse e spese per i settori eolico, solare, geotermico, delle batterie e altri nel prossimo decennio, insieme a generosi sussidi per i veicoli elettrici e incentivi per mantenere aperte le centrali nucleari e catturare le emissioni industriali.

Il senatore del West Virginia Joe Manchin, fingendosi un oppositore della legislazione sul clima del leader del Senato Chuck Schumer, ha ceduto questa settimana, aprendo la strada all’approvazione del disegno di legge. I Democratici del Senato affermano che il disegno di legge consentirebbe agli Stati Uniti di ridurre le emissioni di gas serra del 40% rispetto ai livelli del 2005 entro il 2030, in linea con l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

Bisogna capire che il disegno di legge del Senato non è la fine, ma l’inizio. Attivisti e ideologi del clima stanno lavorando al più alto livello per cambiare non solo l’approvvigionamento alimentare globale, ma la natura della proprietà privata e dei diritti di proprietà, il tutto in nome della salvezza del pianeta. Quello che Rutte e il suo governo stanno facendo agli agricoltori olandesi, Schumer e Biden hanno in programma di farlo agli agricoltori americani e all’industria americana.

Quindi attenzione agli incendi lungo le strade, alla chiusura delle autostrade e ai massicci disordini civili in luoghi come i Paesi Bassi e lo Sri Lanka. L’America è la prossima.

Fonte: thefederalist.com
https://www.geopolitika.ru/it/article/attenzione-alle-proteste-degli-agricoltori-olandesi-perche-lamerica-e-la-prossima