Brexit entra nella fase cruciale, circola voce che Boris Johnson abbia raggiunto un accordo con il Primo Ministro irlandese Leo Varadkar sulla questione del confine doganale con l’Irlanda del Nord. Tra Irlanda e Irlanda del Nord dovrebbe nascere una nuova gestione doganale dove tutti i flussi di merci che vanno diretti dalla Gran Bretagna all’Irlanda del Nord verranno registrati. Sembra che il piano sia piaciuto all’Irlanda, ciò renderebbe inutili i controlli da entrambi i lati del confine con l’Irlanda del Nord e semplificherebbe il tutto. L’accordo definitivo non è ancora disponibile, ma sembra che negoziati stiano andando nella giusta direzione.

Vertice UE e Brexit: sembra quasi certo – ed uso la massima cautela – che sia in arrivo un accordo tra Londra e Bruxelles. Johnson vuole definire le ultime controversie sulla Brexit e consegnare alla Regina il mission accomplished. In caso di rottura delle trattative Johnson sceglierà la formula No Deal.

Al vertice UE è stato presentato il piano di uscita comune con l’Irlanda. Circola voce che la UE voglia anche consentire di prorogare i negoziati dopo il 31 ottobre 2019. In caso di accordo poi Johnson chiederà l’approvazione della Camera dei Comuni. In questa sede, se non si trova accordo, Johnson potrà chiedere alla UE di rinviare la Brexit.

Frizzante fine settimana, è anni che sento dire che il Brexit non si può fare e non si farà mai, io sono sempre stata nelle fila di quelli che pensavano che Brexit alla fine si sarebbe comunque fatto e a qualsiasi costo. Spesso un mio amico (che conosce bene i britannici) mi ripeteva questo: “gli inglesi se dicono una cosa la fanno, a costo di evirarsi”.

Son curiosa di vedere se compaiono nuovi tremori a Merkel e come Soros la prenderà. E come la prenderanno tutti quelli che hanno contrastato la Brexit. UK è un grande contribuente netto e la Brexit potrebbe segnare l’inizio della perdita di potere della Merkel all’interno dell’UE e magari anche la fine dell’asse Soros-Merkel-Macron-UE. Alla fine Brexit segna una svolta anche per il futuro della Germania.

Non ho fotografie a disposizione, spero che qualche utente le pubblichi qua sotto il post (e mi farebbe un gran regalo), ma i media affermano che la Regina alla riapertura del Parlamento – dopo la pausa di una settimana – ha letto il suo discorso senza indossare la corona come al solito e accanto a lei era seduto BoJo, i media parlano di evento alquanto straordinario.

Se tutto poi va in porto in tempi rapidi, guadagnerà altri punti a suo favore Trump , sempre più vicino a elezioni, che ha fortemente voluto il Brexit. Tempi interessanti. Alessia C. F. (ALKA)

Previous articleMoscow diary
Next articleSovranisti vs Europeisti, una lotta opaca
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità.