<<Le basi formali e ufficiali sono ora gettate per la vera guerra civile negli Stati Uniti. Il governatore del Texas ha dichiarato per iscritto che il governo federale ha “rotto il patto” con gli Stati. Ha annunciato di aver invocato la clausola “Invasione” della Costituzione e ha affermato che il Texas ha il diritto all’autodifesa che farà valere con la Guardia Nazionale del Texas. Ecco la dichiarazione del governatore Gregg Abbott:

Ho già detto a mia moglie che se si arriva alla guerra civile, voglio che vendiamo ENTRAMBI le case (NJ e Pennsylvania) e ci trasferiamo immediatamente in Texas.>> Tratto da https://halturnerradioshow.com/index.php/en/news-page/world/texas-governor-declares-federal-government-has-broken-the-compact-with-the-states-invokes-invasion-clause-asserts-right-to-self-defense

Ora 25 stati su 50 stanno dalla parte del Texas contro il governo federale; Gli Stati Uniti sono pronti per una vera e propria GUERRA CIVILE: https://halturnerradioshow.com/index.php/en/news-page/world/now-25-out-of-50-states-standing-with-texas-against-federal-government-u-s-primed-for-actual-civil-war

Come blogger spesso ci penso. Come blogger NON sono propensa a parlare di quello che mi accade a livello personale o quello che penso, è una mia decisione personale essere blogger e quello che deciderò per il mio futuro.

Per molti la fuga è apparentemente la scelta più saggia da fare, ma non si dovrebbe attendere l’ultimo minuto.
Non per tutti è facile scappare, e per molti purtroppo non sarà facile fare questo passo.
E’ lo stesso problema di tutti…
Vendo tutto, ma poi dove andare? E cosa fare?
Tutti Abbiamo varie opzioni, TUTTI ABBIAMO SEMPRE OPZIONI, ma richiedono molta testa e fegato, cosa si abbandona in previsione di un ignoto. In previsione anche di un piano B o C, ovvero dove scappi o continui a scappare perché non ci sono alternative.
MA ci sono molte persone che non hanno alternative, ci sono persone che hanno pochi mezzi a disposizione e hanno optato per vivere in un paesino sperduto in una valle… ma dove hanno pochi contatti utili e magari già si ritrovano in ristrettezze economiche, dove tutto si complica e non sono persone benvenute o sono solo stranieri o peggio ancora visti come parassiti. Ne ho vissute parecchie di queste situazioni.
Non dimentichiamoci delle persone desiderose di fuga, ma legate a mutui e banche. O anche alle tante successioni che sono un successo di………… sono un successo di……… le tante successioni si legano all’indice statistico ……….. e di ……………..
Statistiche normali, è un trend statistico!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Molti rimangono intrappolati tra successioni varie e dove si palesano capacità maggiori di fuga….. ma dove rimangono bloccati.
Certo molti analisti prospettano di guerra civile in USA, e leggevo una riflessione (Il generale Capitini sulla possibile gestione di Donald Trump durante il suo probabile secondo mandato come presidente. La visione prettamente economicistica di Trump potrà andare di pari passo…)
I militari tra di loro si parlano, e quello che ha spiegato il militare nel video sopra ci sta. Per i militari o i mercenari la guerra è la loro professione. Quindi meglio le guerre di Biden che l’isolazionismo di Trump?
Noi europei non abbiamo voce in capitolo, saremo travolti da quello che succederà nostro malgrado in tutti i sensi e posizione.
Però c’è sempre ai garretti di noi europei la primipara colonia di sempre, UK!
Inutile pensare di liberarsi di USA, UK sta già progettando, e NOI risponderemo ai suoi voleri e comandi.

Leggo su https://www.euronews.com/2024/01/24/uk-army-chief-warns-citizens-to-prepare-for-massive-war-with-russia:
<<Il generale paragona la situazione in Ucraina alle crisi del 1914 e del 1937 e insiste sul fatto che solo gli “eserciti cittadini” saranno in grado di sconfiggere l’imminente assalto allo stile di vita occidentale. Il capo dell’esercito britannico ha avvertito i cittadini britannici di tenersi pronti per una guerra della portata dei grandi conflitti del 20° secolo – e che loro stessi potrebbero dover mobilitarsi.
Intervenendo alla fiera internazionale dei veicoli corazzati a Londra, il generale Sir Patrick Sanders ha affermato che l’invasione russa dell’Ucraina è un segno di ciò che verrà, avvertendo che le lezioni delle guerre precedenti devono essere ricordate prima che sia troppo tardi.
“I nostri predecessori non sono riusciti a percepire le implicazioni della cosiddetta crisi di luglio del 1914 e sono incappati nella più orribile delle guerre”, ha detto. “Non possiamo permetterci di commettere lo stesso errore oggi. L’Ucraina conta davvero.” Fondamentalmente, il generale Sanders ha insistito sul fatto che la potenziale portata del conflitto negli anni a venire non deve essere sottovalutata.
“Questa guerra non riguarda semplicemente il suolo nero del Donbass, né il ristabilimento di un impero russo, ma riguarda la sconfitta del nostro sistema e del nostro modo di vivere politicamente, psicologicamente e simbolicamente. Come risponderemo come la generazione prebellica risuonano nella storia. Il coraggio ucraino sta facendo guadagnare tempo, per ora.”
Il generale ha anche chiesto un quasi raddoppio delle dimensioni dell’esercito britannico. L’esercito britannico in generale prevede di invertire una crisi di reclutamento a lungo termine che ne ha ridotto il numero anche se le forze britanniche partecipano a varie missioni all’estero. Tuttavia, ha anche affermato che, sebbene la mobilitazione tradizionale sia importante, i cittadini britannici di tutti i giorni devono essere preparati – se non alla coscrizione completa, a un livello di mobilitazione civica che non si vedeva nell’Europa occidentale dal 1945.
In risposta al suo discorso, il governo ha insistito sul fatto che una chiamata militare completa non è sul tavolo. Il portavoce del primo ministro Rishi Sunak, Max Blain, ha detto che il governo “non ha intenzione” di introdurre la coscrizione obbligatoria. “L’esercito britannico ha una orgogliosa tradizione di forza volontaria. Non ci sono piani per cambiare la situazione”, ha detto. Ha aggiunto che “impegnarsi in ipotetiche guerre” “non è stato utile”.
Bordo del disastro
Le parole di Sanders seguono mesi di avvertimenti minacciosi da parte di altri membri chiave della NATO, in particolare nell’Europa continentale. Il ministro della Difesa tedesco, Boris Pistorius, ha recentemente lanciato appelli radicali a prepararsi per una guerra che riorienterebbe radicalmente l’esercito tedesco dopo quasi ottant’anni trascorsi in una modalità difensiva multilateralista. Documenti recentemente trapelati al quotidiano tedesco Bild hanno rivelato che Berlino sta elaborando piani di emergenza per un massiccio assalto russo all’Europa occidentale, in particolare agli Stati baltici. 

Il piano, descritto come uno “scenario di esercitazione”, prevede che la Russia organizzi una campagna di guerra ibrida contro Estonia, Lettonia e Lituania nel luglio di quest’anno, utilizzando false accuse di discriminazione contro i russofoni come pretesto per ammassare truppe ai suoi confini occidentali con i paesi dell’UE. e in Bielorussia.
Secondo le previsioni di questo scenario, l’alleanza NATO dispiegherebbe essa stessa 300.000 soldati nell’Europa orientale, ma non prima dell’inizio del 2025.
La guerra in Ucraina è attualmente in una fase di stallo. Con la linea del fronte relativamente statica e le forze accucciate in condizioni ghiacciate, gli attacchi con missili e droni a lungo raggio sono venuti alla ribalta, con un numero crescente di attacchi osservati in territorio russo. Kiev e i suoi alleati temono che la fornitura di armi e munizioni straniere all’esercito ucraino sia in fase di stallo, con i repubblicani al Congresso degli Stati Uniti che soffocano i fondi di cui il Pentagono ha bisogno per raggiungere i suoi obiettivi.>>

Ne si parla anche sull’articolo più completo “Sviluppo pessimo: il capo dell’esercito britannico dice alla gente di prepararsi per la coscrizione generale – “Per il re e la nazione”- “Ciò che sta arrivando ci sconvolgerà: dobbiamo vincere le guerre terrestri

Cari Fratelli Giardinieri la scelta è vostra. Sta solo salendo la velocità dei giochi che in passato già avevamo capito e sondato.
Piani vari a Vostra Discrezione, siete liberi e libertari, ma è ora di gettare basi vere e utili post catapulta per piano B C e D . Vi voglio tutti bene, Vi stringo fortissimi tutti in un grande abbraccio. Tra oggi e il 2025 i gioghi iniziano a farsi forti. Al momento ho molti indizi su pandemia X, me ne aspetto di tutte ma sarà sempre un qualcosa di moooooooolto inaspettato, ci hanno fregato col covid e altre manovre e derivate come questa:::::::::::::::::::::::::::::

<<“Il piano pandemico  (https://www.quotidianosanita.it/allegati/allegato1705510003.pdf)messo a punto dal governo è un concentrato di misure distopiche e coercitive che già conosciamo. Da rabbrividire. Vi prego di leggere e rileggere: lockdown, restrizione delle interazioni sociali, quarantene, limitazione degli spostamenti, limitazione degli assembramenti, mascherine, tracciamento contatti, vaccini, distanziamenti, certificato vaccinale, fino alle misure specifiche per disciplinare l’uso dei mezzi pubblici o incentivando differenti forme sostenibili di trasporto sul luogo di lavoro. Perchè mai dimenticare il bene della dea Natura. Perfino la gestione dei rifiuti urbani potrebbe cambiare se provengono da abitazioni con soggetti infetti”.>> DA https://t.me/LeonardoFaccoQuotidiano/25847

Previous articleAl passo dell’oca
Next articlePotrebbe essere che il film “Civil War” USA lo vediamo al telegiornale e non al cinema?
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Ezechiele 25:17 - "Il cammino dell'uomo timorato è minacciato da ogni parte dalle iniquità degli esseri egoisti e dalla tirannia degli uomini malvagi. Benedetto sia colui che nel nome della carità e della buona volontà conduce i deboli attraverso la valle delle tenebre; perché egli è in verità il pastore di suo fratello e il ricercatore dei figli smarriti. E la mia giustizia calerà sopra di loro con grandissima vendetta e furiosissimo sdegno su coloro che si proveranno ad ammorbare e infine a distruggere i miei fratelli. E tu saprai che il mio nome è quello del Signore quando farò calare la mia vendetta sopra di te."Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità. SEMPRE COMUNQUE OVUNQUE ALESSIA C. F. (ALKA)