Direttore dell’European Center for Law and Justice, il dottore in legge Gregor Puppinck denuncia la permeabilità del Consiglio d’Europa ai finanziamenti privati. L’indipendenza politica di questa organizzazione è messa in discussione. Intervista.

Valeurs actuelles. Sei mesi dopo aver rivelato lo scandalo Soros alla Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU), lei ora dimostra che il Consiglio d’Europa da cui dipende la CEDU è stato a sua volta finanziato dalla Open Society e da Microsoft.

Gregor Puppinck: Infatti, leggendo i rapporti finanziari annuali del Consiglio d’Europa, sembra che la Open Society di George Soros e la Microsoft di Bill Gates siano i due maggiori donatori privati dell’organizzazione. Queste due organizzazioni hanno dato al Consiglio d’Europa quasi 1.400.000 euro tra il 2004 e il 2013 e quasi 690.000 euro tra il 2006 e il 2014 rispettivamente. L’Open Society sostiene anche le iniziative del Consiglio d’Europa, tra cui l’Istituto Europeo per le Arti e la Cultura Roms. Dal 2015 non c’è più traccia di tali finanziamenti diretti, ma il Consiglio d’Europa ha istituito un fondo speciale per ricevere tali contributi volontari extra-bilancio.

Questi pagamenti non hanno mancato di sollevare questioni, perché è sorprendente che un’organizzazione politica intergovernativa sia così permeabile ai finanziamenti privati. Un membro del Consiglio d’Europa aveva sottoposto la questione al Comitato dei Ministri e chiesto ai suoi 48 ambasciatori di rendere pubblici tutti i documenti relativi a tali finanziamenti.

Più in generale, si tratta di una messa in discussione del finanziamento di organismi internazionali da parte di alcune grandi ONG e fondazioni?

È vero che il problema non è solo per il Consiglio d’Europa, ma anche per la Corte penale internazionale, che ha ricevuto 115.000 dollari dalla Open Society nel 2017, e ancora di più per l’OMS e persino per l’ONU. La Fondazione Gates è il secondo più grande finanziatore dell’OMS dopo gli Stati Uniti, con un esborso di 530 milioni di dollari nel 2019. L’80% del budget dell’OMS si basa su contributi volontari, ovvero donazioni di fondazioni e governi. Questo metodo di finanziamento mette ovviamente in discussione l’indipendenza politica di queste organizzazioni.

Queste grandi organizzazioni internazionali sono obiettivi primari per coloro che vogliono esercitare un’influenza politica globale, in quanto hanno un potere considerevole ma meno risorse finanziarie delle loro ambizioni. Queste organizzazioni sono quindi vulnerabili ai “miliardari filantropici” che cercano di esercitare un’influenza politica globale. Questa influenza politica può essere esercitata, come avrete notato, senza alcun ricorso a meccanismi e controlli democratici. Per preservare o ripristinare l’indipendenza di queste grandi organizzazioni internazionali, è quindi imperativo esaminare e chiarire le loro modalità di finanziamento.

Si può parlare di un fenomeno di ingresso di alcune grandi ONG nelle organizzazioni internazionali?

Osserviamo non solo un fenomeno di “Entrismo”, ma anche di collusione che si può spiegare se si considera il potere finanziario di queste ONG: ricordiamo che la Open Society è stata dotata di 32 miliardi di dollari che ha donato e investito nel settore dei diritti umani, dei media e della politica dal 1984. Il problema non si limita alla Open Society, ma riguarda anche altre grandi fondazioni private, come Gates, Ford o Oak. Questo è stato dimostrato in modo preciso e brillante nel recente libro di Gaétan Cliquennois sulla privatizzazione dei diritti umani (Cambridge, 2020).

L’ex segretario generale del Consiglio d’Europa, Thorbjørn Jagland, si riferiva a George Soros come al suo “buon amico“, mentre il commissario per i diritti umani, Nils Muižnieks, era direttore dei programmi della Open Society fino a quando non ha assunto l’incarico al Consiglio d’Europa nel 2012. Nel 2009 ha spiegato che Open Society voleva creare un uomo nuovo – l’homo sorosensus [riferito a Soros] – l’uomo della società aperta.

L’influenza di questa rete viene ora illustrata in modo pubblico e dignitoso. Molti dirigenti amano mostrare la loro vicinanza ai signori Soros padre e figlio. È il caso, ad esempio, di Jean-Claude Juncker, ex presidente della Commissione europea, o di Michelle Bachelet, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani dal 2018, fotografata non appena ha assunto l’incarico con George Soros e suo figlio.

E il seguito dato al suo rapporto sull’influenza delle ONG di Soros sulla CEDU?

Questo rapporto (accessibile qui), che non è mai stato contestato nella sostanza, ha avuto un enorme impatto in Europa e nel mondo, ed è stato ripreso da diversi governi e da molti politici. Questo è il caso in particolare della Russia e della Bulgaria. Sento che l’opinione pubblica è ora informata e consapevole. Questo rapporto dimostra che, negli ultimi dieci anni, 22 dei 100 giudici permanenti del Tribunale sono venuti da sette ONG attive presso il Tribunale, e che 18 di loro si sono seduti in cause che coinvolgono le “loro” ONG, in violazione delle regole di base dell’etica giudiziaria. Tra queste sette ONG, la rete Open Society si distingue per il numero di giudici ad essa collegati (12) e per il fatto che finanzia le altre sei organizzazioni citate nel rapporto.

Tuttavia, questa relazione è accolta con imbarazzante silenzio da parte dell’istituzione. La CEDU ha informato il quotidiano Le Monde della sua decisione di non rispondere. Tre deputati del Consiglio d’Europa hanno poi sottoposto la questione al Comitato dei Ministri, indicando “il problema sistemico dei conflitti di interesse tra ONG e giudici della Corte” e mettendo in discussione i mezzi da attuare per “ripristinare l’integrità della Corte europea dei diritti dell’uomo“. Non sorprende che i 48 ambasciatori sembrino faticare a trovare un accordo su una risposta, avendo superato di gran lunga il termine di tre mesi per questa procedura. Hanno l’obbligo di rispondere per iscritto, anche solo per esprimere la loro incapacità di rispondere.

E le autorità di Bruxelles che sono state sequestrate anche loro?

Molti eurodeputati di vari partiti politici hanno voluto affrontare questo tema, ma la crisi sanitaria ha sconvolto le agende. Tuttavia, diversi membri del Parlamento europeo hanno anche presentato interrogazioni parlamentari alla Commissione europea e al Consiglio europeo.

La Commissione europea ha risposto tramite uno dei suoi vicepresidenti, Věra Jourová: “La Commissione non ha dubbi sull’integrità e l’indipendenza della Corte europea dei diritti dell’uomo. “Andate avanti, non c’è niente da vedere! Tranne forse qualche foto che ci aiuta a capire il contesto in cui vengono date queste risposte. In uno di essi possiamo vedere il commissario Jourová con il filantropo ungherese che dichiara che “i valori della società aperta sono al centro dell’azione dell’UE”. In un’altra foto, anche il commissario europeo Johannes Hahn – autore di un’altra risposta – posa con George Soros, dicendo che “è sempre bene incontrare George Soros per discutere i nostri sforzi congiunti per accelerare le riforme e le società aperte nei Balcani e nell’Europa orientale”.

In realtà, queste foto sono spettacolari ma non straordinarie, perché tra il 2014 e il 2018, George Soros e i suoi lobbisti hanno beneficiato di non meno di 64 interviste con Commissari e alti funzionari della Commissione Europea; più, a quanto pare, delle interviste ai capi di Stato europei.

Tutti questi fatti dovrebbero aprirci gli occhi sulla notevole importanza di queste reti di influenza e di potere sulle istituzioni politiche nazionali. La relazione della Corte di giustizia europea sulle ONG e la CEDU ha gettato una pietra di nella pozzanghera, ha esposto e dimostrato la realtà di questa collusione nel quadro specifico della CEDU, ma non è sufficiente. Mentre qualsiasi tribunale nazionale avrebbe reagito con fermezza, per sanzionare i magistrati in questione e correggere il sistema, le autorità europee stanno voltando le spalle e attendono che la gente pensi ad altro. Non c’è alcuna volontà di mettere in discussione il sistema. E’ spaventoso.

Come spiega questa mancanza di accusa?

I legami tra gli organismi internazionali e le grandi ONG e fondazioni sono troppo profondi e stretti; è lo stesso sistema di potere: c’è una simbiosi tra loro, sia dal punto di vista finanziario che ideologico, e anche umano. Ma questo rapporto complementare è distorto e sbilanciato dall’intervento di filantropi miliardari che perseguono obiettivi politici, economici e finanziari. Il sistema è pervertito da questa “privatizzazione dei diritti umani”.

È stato oggetto di rappresaglie a seguito delle sue rivelazioni sulla presa di Soros sulla CEDU?

Non immediatamente, tranne che per un articolo su Le Monde. D’altro canto, siamo ormai regolarmente bersaglio di attacchi mediatici. L’ultima, e la più importante, è stata orchestrata dall’organizzazione Open Democracy, membro della galassia di Soros, con il sostegno delle lobby dell’aborto. Qualche settimana fa, questa organizzazione ha pubblicato una pseudo-inchiesta contro la Corte di giustizia europea che è stata simultaneamente trasmessa in una cinquantina di giornali in tutto il mondo, tra cui Time Magazine ed EuroNews.L’Open Society ha mobilitato “Tracking the Backlash”, la sua rete informale di giornalisti attivisti creata per “tracciare la reazione [conservatrice]. Il loro scopo è quello di diffamare la reputazione digitale dei loro avversari politici. Secondo tutti questi articoli, la Corte di giustizia europea è una grande minaccia, chiamando i suoi avvocati “crociati” e “esercito segreto”, “infiltrandosi nelle nostre istituzioni democratiche” come “lupi travestiti da pecore”. Le dichiarazioni dell’organizzazione sono ovviamente oltraggiose, come lo è stato il suo appello dello scorso marzo per “l’abolizione della famiglia“, ma tutte dimostrano il potere di queste reti.

Questo tipo di attacco conferma, se ce ne fosse bisogno, la necessità di esporre oggettivamente le reti di potere che compongono il nuovo sistema di governance, sia globale che post-democratico.

Bastien Lejeune

https://www.valeursactuelles.com/monde/comment-lopen-society-de-george-soros-et-microsoft-de-bill-gates-financent-le-conseil-de-leurope-125967

Scelto, tradotto e rivisto da Jean Gabin.