Quando qualche giorno fa è arrivata la notizia che gli Stati Uniti mettevano in guardia sulle nuove armi spaziali russe, è stato subito chiaro di cosa si trattava. Per la prima volta è trapelato ai media che la Russia voleva posizionare armi nucleari nello spazio. In seguito la Casa Bianca ha chiarito che si tratta di un’arma anti-satellite russa ancora in fase di sviluppo. Con questo annuncio, l’amministrazione Biden vuole stanziare 60 miliardi di dollari a Kiev.

L’agenzia di stampa russa TASS ha riassunto l’accaduto https://tass.ru/mezhdunarodnaya-panorama/20001121:
<<Potenziale arma anti-satellite: quale minaccia vedono improvvisamente gli Stati Uniti dalla Russia
Washington afferma che Mosca sta sviluppando un’arma anti-satellite che potrebbe rappresentare una minaccia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. John Kirby, coordinatore delle comunicazioni strategiche presso il Consiglio di sicurezza nazionale, e Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza nazionale del presidente degli Stati Uniti, hanno annunciato i dettagli delle affermazioni americane in una conferenza stampa alla Casa Bianca e hanno annunciato una sessione chiusa per i membri chiave del Congresso.
Il tema della minaccia russa dallo spazio è emerso durante le discussioni sul disegno di legge sugli aiuti militari all’Ucraina. Nonostante le dichiarazioni della Casa Bianca sull’importanza della legge nel confronto con la Russia, la Camera dei Rappresentanti del Congresso si rifiuta di adottarla. Sono del parere che sia importante risolvere prima i problemi interni americani, ad esempio quelli relativi alla sicurezza delle frontiere.
La TASS ha raccolto le tesi più importanti di Washington.
Potenziali armi spaziali
Sullivan ha parlato il 14 febbraio di una minaccia alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti da parte della Russia. Fonti della ABC hanno riferito dei presunti piani della Russia di collocare armi nucleari nello spazio, mentre fonti del New York Times hanno affermato che il piano è in fase di sviluppo.
Nella conferenza stampa del 15 febbraio, Kirby ha confermato che gli Stati Uniti credono che la Russia stia sviluppando un’arma anti-satellite che sarà “schierata nello spazio”. “Questo non è un sistema operativo già dispiegato”, ha chiarito. “Ma il perseguimento di un tale sistema da parte della Russia è preoccupante.
“Non stiamo parlando di armi che potrebbero essere utilizzate per attaccare le persone o causare la distruzione fisica della Terra”, ha aggiunto il coordinatore della Casa Bianca.
Allo stesso tempo, Kirby non ha fornito dettagli perché “è limitato in ciò che può dire sulla natura di questa minaccia”. Tuttavia, Washington ritiene che i presunti piani di Mosca costituirebbero “una violazione del Trattato sullo spazio extra-atmosferico”.
I partecipanti ad una successiva conferenza stampa al Pentagono hanno sottolineato l’umorismo di queste affermazioni. “Questa cosa orribile che i russi vogliono lanciare nello spazio, è come GoldenEye del film Bond del 1995?” è stato chiesto al portavoce Patrick Ryder. Lui rispose scherzosamente: “Penso che dovremmo semplicemente vivere e lasciare morire” (film di Bond del 1973 “Vivi e lascia morire”).
Contatto senza fiducia
Kirby non ha fornito ragioni concrete per i sospetti di Washington, ma ha sottolineato che gli Stati Uniti “non credono a tutto ciò che viene dalla Russia” e si affidano al proprio giudizio. In un’audizione al Congresso, il vice capo di stato maggiore del Pentagono Bill LaPlante ha affermato che gli Stati Uniti stanno monitorando le attività russe e cinesi nello spazio e che “l’intera strategia è basata su questo”.
Tuttavia, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ordinato un contatto con la Russia su questo tema, ha detto Kirby. “Siamo in contatto con la parte russa, ma in questa fase non abbiamo concordato negoziati concreti”, ha affermato il coordinatore della Casa Bianca.
Il Pentagono non può quindi dire se siano previsti contatti tra Russia e Stati Uniti a livello del ministro della Difesa. Il portavoce del ministero Patrick Ryder ha deferito la questione alla Casa Bianca.
Interazione con la Russia
L’intelligence americana, ha detto Kirby, insiste per “iniziare con un’interazione privata” con la Russia sulla questione problematica e non sostiene l’idea di “rendere immediatamente pubblica l’intelligence”. Tuttavia, Biden, ha detto il coordinatore della Casa Bianca, gli ha dato istruzioni di avviare “briefing regolari al Congresso e condurre discussioni diplomatiche con la Russia, con alleati e partner e con tutti gli altri paesi”.
Allo stesso tempo, Kirby ha definito “insensate” le conclusioni secondo cui la Casa Bianca sta cercando di usare dichiarazioni di alto profilo sulla minaccia russa per costringere il Congresso ad approvare la legge sul sostegno militare a Ucraina, Israele e Taiwan.
Reazioni fuori dagli USA
Dmitry Peskov, portavoce del presidente russo, ha sottolineato la coincidenza dei problemi nell’approvazione della legge al Congresso e l’improvvisa comparsa della minaccia da parte della Russia. Lo ha definito un trucco della Casa Bianca. Il viceministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov ha descritto le dichiarazioni degli Stati Uniti alla TASS come una maliziosa falsificazione nel tentativo di accusare Mosca di azioni ostili.
Il portavoce del Segretario generale delle Nazioni Unite Stephane Dujarric ha descritto le affermazioni, in particolare quelle sulle armi nucleari, come speculazioni mediatiche. Allo stesso tempo, l’organizzazione ha invitato tutti i paesi ad abbandonare l’idea di una corsa militare allo spazio.
Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius ha affermato che i rapporti sono “molto, molto nuovi” per lui. Ha promesso di discuterne con i partner della NATO per “chiarire le questioni tecniche e poi vedere cosa seguirà”.>>

Previous articleSulla morte di Navalny
Next articleLUX PRIMA FORMA – Sintesi della dottrina di Roberto Grossatesta
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Ezechiele 25:17 - "Il cammino dell'uomo timorato è minacciato da ogni parte dalle iniquità degli esseri egoisti e dalla tirannia degli uomini malvagi. Benedetto sia colui che nel nome della carità e della buona volontà conduce i deboli attraverso la valle delle tenebre; perché egli è in verità il pastore di suo fratello e il ricercatore dei figli smarriti. E la mia giustizia calerà sopra di loro con grandissima vendetta e furiosissimo sdegno su coloro che si proveranno ad ammorbare e infine a distruggere i miei fratelli. E tu saprai che il mio nome è quello del Signore quando farò calare la mia vendetta sopra di te."Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità. SEMPRE COMUNQUE OVUNQUE ALESSIA C. F. (ALKA)