La merdlma che circonda Joe Biden sembra infinita. Arriva su Facebook una responsabile per l’integrità delle elezioni negli Stati Uniti: vengono bloccati i messaggi e gli account che sono direttamente coinvolti negli affari di Biden in Ucraina.
Facebook sta cancellando gli account che mettono online le prove contro Biden https://www.anti-spiegel.ru/2020/leb-wohl-demokratie-facebook-und-youtube-loeschen-beweise-fuer-bidens-korruption/ .

La persona responsabile di questi divieti su Facebook era in precedenza responsabile dell’Ucraina e delle imprese sotto il vicepresidente Biden alla Casa Bianca.
Quindi Facebook non solo protegge Biden dalle conseguenze dei suoi affari corrotti e criminali, ma si protegge dall’azione penale cancellando rigorosamente tutto ciò che su Facebook indica i rapporti criminali di Biden.

Da https://www.zerohedge.com/political/does-explain-why-facebook-was-so-quick-suppress-hunter-biden-revelations si apprendeva che il New York Post ha riportato alcuni dei dettagli osceni e corrotti sull’hard disk di Hunter Biden. I giganti dei social media Twitter e Facebook sono strettamente associati al modo in cui gli americani condividono le informazioni politiche e sono diventati iperattivi per sopprimere le informazioni e proteggere Joe Biden. Nel caso di Facebook però uno di questi protettori sta effettivamente proteggendo se stesso.

La persona attualmente responsabile dell’integrità delle elezioni americane come commissario di Facebook è Anna Makanju.


Prima di arrivare a Facebook, Makanju è stata Senior Fellow per il Consiglio Atlantico. Il Consiglio atlantico è un think tank presumibilmente apartitico che si occupa di affari internazionali. In realtà, è un’organizzazione molto di parte.
Nel 2009, James L. Jones, il presidente del Consiglio Atlantico, ha lasciato l’organizzazione per diventare consigliere per la sicurezza nazionale sotto il presidente Obama. Anche Susan Rice, Richard Holbrooke, Eric Shinseki, Anne-Marie Slaughter, Chuck Hagel e Brent Scowcroft hanno fatto parte del Consiglio Atlantico prima di entrare nell’amministrazione Obama.
Nel corso degli anni, il Consiglio atlantico ha ricevuto enormi finanziamenti dall’estero. Uno dei finanziamenti dovrebbe interessare tutti: Burisma Holdings ha donato 300.000 dollari al Consiglio Atlantico per tre anni consecutivi a partire dal 2016. Le seguenti informazioni possono spiegare perché Burisma ha iniziato a pagare il Consiglio Atlantico.
Il Consiglio atlantico non solo ha inviato persone nell’amministrazione Obama-Biden, ma ha anche svolto il ruolo di consulente esterno. E questo ci riporta ad Anna Makanju, la persona che dirige in modo fuorviante il cosiddetto “programma di integrità elettorale degli Stati Uniti” di Facebook.
Makanju ha lavorato al Consiglio Atlantico, in precedenza è stata consigliere speciale per l’Europa e l’Eurasia dell’ex vicepresidente degli Stati Uniti Joe Biden, consigliere politico senior dell’ambasciatore Samantha Power presso la missione statunitense presso le Nazioni Unite, direttore per la Russia presso il Consiglio di sicurezza nazionale e capo di stato maggiore per le politiche europee e della NATO presso l’ufficio del Segretario della Difesa. Ha anche insegnato alla Woodrow Wilson School, Princeton University e ha lavorato come consulente per un’azienda leader nel settore delle tecnologie spaziali”.
Makanju era già un player nel procedimento di impeachment contro Trump. All’inizio di dicembre 2019, mentre i Democratici si preparavano per la procedura d’impeachment, Glenn Kessler l’ha citata in un articolo in cui assicurava ai lettori del Washington Post che, contrariamente a quanto sostenuto dall’amministrazione Trump, non c’era nulla di corrotto nei rapporti di Biden con l’Ucraina.
Anna Makanju durante il suo lavoro di consigliere senior di Biden in Ucraina sistemò tutto sull’affare Burisma affinché apparisse che Biden aveva agito correttamente. Burisma iniziò a pagare un sacco di soldi al Consiglio Atlantico nel 2016, nello stesso periodo Makanju invitò Biden a sbarazzarsi di personaggi ucraini scomodi e che sapevano troppo.

Quindi la dirigente di Facebook – che attualmente sta bloccando tutte le prove che fanno emergere le attività corrotte di Hunter e Joe Biden in Ucraina – è la stessa che sempre ha coordinato le attività corrotte della famiglia Biden in Ucraina.