Lettera aperta

Una lettera aperta scritta dagli ultimi scampati alla medicina nazista, e dai parenti stretti di coloro che non ci sono più, è stata mandata alle principali autorità sanitarie di tutto il mondo.

Qui la traduzione trovata in rete per confutare tutti coloro che negano le pratiche vaccinali odierne comparabili con gli esperimenti medici dei nazisti.

L’evidente connessione invece consiste nel non poter sfuggire all’esperimento, se non pagando con gravi limitazioni della propria personale libertà; nel sottostare al rischio indeterminabile sopratutto sul medio e lungo periodo della vaccinazione, a fronte di un rischio minore e noto del virus per tutta la popolazione sana facilmente gestibile e calcolabile; la totale mancanza di informazione corretta sulla reale portata dell’epidemia, sugli eventi avversi derivanti dalla vaccinazione e sulla reale efficacia, il tutto nascosto dietro una spessa coltre di nebbia chiamata infomenia, pure contraddittoria tra gli stessi “esperti.

In ultima analisi proprio la mancata completezza delle informazioni necessarie onde poter dare un consenso realmente informato, deriva dalla natura sperimentale dei vaccini che fanno si che proprio quelle risposte, proprio quella completezza di informazione non possa essere data, in quanto essa potrà solo provenire successivamente dalle cavie stesse impiegate al termine della sperimentazione.

Prova ne è il continuo aggiornamento ed allungarsi degli effetti avversi scoperti, man mano che la sperimentazione procede.

Ed è proprio su questo ultimo punto che si concentra maggiormente la similitudine con gli esperimenti medici nazisti.

***

Signore e signori,

noi, sopravvissuti alle atrocità commesse contro l’umanità durante la seconda guerra mondiale, ci sentiamo obbligati a seguire la nostra coscienza e scrivere questa lettera.

Per noi è ovvio che un altro olocausto di maggiore portata sta avvenendo davanti ai nostri occhi.

La maggior parte della popolazione mondiale non si rende ancora conto di ciò che sta accadendo, poiché l’entità di un crimine organizzato come questo è al di là della loro portata di esperienza.

Noi, invece, lo sappiamo. Ricordiamo il nome Josef Mengele. Alcuni di noi hanno ricordi personali. Sperimentiamo un déjà vu così orribile che ci alziamo per proteggere i nostri poveri simili. Gli innocenti minacciati ora includono bambini e persino neonati. In soli quattro mesi, i vaccini COVID-19 hanno ucciso più persone di tutti i vaccini disponibili messi insieme dalla metà del 1997 fino alla fine del 2013, un periodo di 15,5 anni. E le persone più colpite hanno tra i 18 e i 64 anni, il gruppo che non era nelle statistiche di Covid.

Vi invitiamo a fermare immediatamente questo empio esperimento medico sull’umanità. Quella che si chiama “vaccinazione” contro la SARS-Cov-2 è in realtà un’invasione blasfema della natura. Mai prima d’ora l’immunizzazione dell’intero pianeta è stata ottenuta fornendo un mRNA sintetico nel corpo umano. È un esperimento medico a cui deve essere applicato il Codice di Norimberga. I 10 principi etici in questo documento rappresentano un codice fondamentale di etica medica che è stato formulato durante il processo ai medici di Norimberga per garantire che gli esseri umani non saranno mai più soggetti a sperimentazioni e procedure mediche involontarie.

Principio 1 del Codice di Norimberga:

(a) Il consenso volontario del soggetto umano è assolutamente essenziale. Ciò significa che la persona coinvolta dovrebbe avere la capacità giuridica di prestare il consenso; dovrebbe essere situato in modo da poter esercitare il libero potere di scelta, senza l’intervento di alcun elemento di forza, frode, inganno, coercizione, prevaricazione o altra ulteriore forma di costrizione o coercizione; e dovrebbe avere una conoscenza e una comprensione sufficienti degli elementi della materia in questione da consentirgli di prendere una decisione comprensiva e illuminata.

(b) Quest’ultimo elemento richiede che prima dell’accettazione di una decisione affermativa da parte del soggetto sperimentale gli siano rese note la natura, la durata e lo scopo dell’esperimento; il metodo e i mezzi con cui deve essere condotto; tutti gli inconvenienti e i rischi ragionevolmente prevedibili; e gli effetti sulla sua salute o persona che possono eventualmente derivare dalla sua partecipazione all’esperimento.

(c) Il dovere e la responsabilità di accertare la qualità del consenso ricade su ogni individuo che avvia, dirige o si impegna nell’esperimento. È un dovere e una responsabilità personali che non possono essere delegati impunemente ad altri.

Oggetto (a): Non si tratta di una decisione libera. I mass media diffondono paura e panico e usano la regola della propaganda di Goebbels ripetendo falsità fino a quando non vengono credute. Da settimane ormai chiedono l’ostracismo dei non vaccinati. Se 80 anni fa erano gli ebrei ad essere demonizzati come portatori di malattie infettive, oggi sono i non vaccinati ad essere accusati di diffondere il virus. L’integrità fisica, la libertà di viaggiare, la libertà di lavorare, ogni convivenza è stata tolta alle persone per imporre loro la vaccinazione. I bambini vengono invogliati a farsi vaccinare contro il giudizio dei genitori.

Re (b): i 22 terribili effetti collaterali già elencati nell’autorizzazione all’uso di emergenza della FDA non sono stati divulgati ai soggetti della sperimentazione sperimentale.

Per definizione, non c’è mai stato il consenso informato. Nel frattempo, sono registrati migliaia di effetti collaterali registrati in numerosi database. Mentre i cosiddetti numeri dei casi vengono segnalati a intervalli di 30 minuti da tutti i mass media, non vi è alcuna menzione dei gravi effetti collaterali né come e dove devono essere segnalati gli effetti collaterali. Per quanto ne sappiamo, anche i danni registrati sono stati cancellati su larga scala in ogni database.

Il Principio 6 del Codice di Norimberga richiede:

“Il grado di rischio da correre non dovrebbe mai superare quello determinato dall’importanza umanitaria del problema da risolvere con l’esperimento”.

La “vaccinazione” contro il Covid si è rivelata più pericolosa del Covid per circa il 99% di tutti gli esseri umani. Come documentato da Johns Hopkins, in uno studio su 48.000 bambini, i bambini sono a rischio zero per il virus.

I dati mostrano che i bambini che non sono a rischio per il virus, hanno avuto attacchi di cuore dopo la vaccinazione; più di 15.000 hanno subito eventi avversi, inclusi più di 900 eventi gravi. Almeno 16 adolescenti sono morti a seguito della vaccinazione negli USA. Come saprai, viene segnalato solo l’1% circa. E i numeri stanno aumentando rapidamente mentre scriviamo.

Principio 10 del Codice di Norimberga:

“Durante il corso dell’esperimento, lo scienziato incaricato deve essere pronto a terminare l’esperimento in qualsiasi momento, se ha motivo probabile di credere, nell’esercizio della buona fede, dell’abilità superiore e dell’attento giudizio richiesti da lui, che un la continuazione dell’esperimento rischia di provocare lesioni, disabilità o morte al soggetto sperimentale”.

Presumibilmente circa il 52% della popolazione mondiale ha ricevuto almeno una dose. La divulgazione onesta del numero reale di vaccinati deceduti o colpiti da gravi reazioni avverse in tutto il mondo è attesa da tempo. Fornite ora i numeri reali delle vittime del vaccino Covid.

Quanti saranno sufficienti per risvegliare la vostra coscienza?

Elenco degli effetti avversi noti alla FDA prima dell’approvazione emergenziale:

1. Guillain-Barré syndrome

2. Acute disseminated encephalomyelitis

3. Transverse myelitis

4. Encephalitis/encephalomyelitis/meningoencephalitis/meningitis/encepholapathy

5. Convulsions/seizures

6. Stroke

7. Narcolepsy and cataplexy

8. Anaphylaxis

9. Acute myocardial infraction

10. Myocarditis/pericarditis

11. Autoimmune disease

12. Deaths

13. Pregnancy and birth outcomes

14. Other acute demyelinating diseases

15. Non-anaphylactic allergic reactions

16. Thrombocytopenia

17. Disseminated intravascular coagulation

18. Venous thromboembolism

19. Arthritis and arthralgia/joint pain

20. Kawasaki disease

21. Multisystem inflammatory syndrome in CHILDREN

22. Vaccine enhanced disease

Firmato:

I sopravvissuti dei campi di concentramento, i loro figli, figlie e nipoti, comprese le persone di buona volontà e coscienza.

In accordo con la presente:

Rabbi Hillel Handler
Hagar Schafrir
Sorin Shapira
Mascha Orel
Morry Krispijn
Shimon Yanowitz
Hila Moscovich
Tamir Turgal
Amira Segal
Jacqueline Ingenhoes
Andrea Drescher
Edgar Siemund, Esq.

https://www.globalresearch.ca/stop-the-covid-holocaust-open-letter/5755902