Un colpo fatale al patriarcato. L’avatar della mascolinità tossica, Mr. Potato Head, è stato scaricato nella stessa umida camera di perdizione dove ululano e si contorcono i fantasmi di Nathan Bedford Forrest, Theodore Bilbo e Phyllis Schlafly, liberando miliardi di patate in tutto il mondo dalla prigione mentale della sessualità binaria. La mossa della Hasbro (fratello? davvero??) potrebbe ancora deludere le legioni nel Wokesterdom come un ponte non abbastanza lontano mentre aspettano il debutto di Transitioning Potato Head, completo di siringa ormonale e bisturi giocattolo, in modo che la folla sotto i sei anni possa iniziare a tracciare le proprie riassegnazioni di genere senza l’intromissione di Genitore 1 e Genitore 2, precedentemente noti come Mamma e Papà.

È stata una mera coincidenza che l’azione nel Paese dei Balocchi sia avvenuta la stessa settimana in cui una certa Rachel Levine è stata torchiata nell’udienza di conferma al Senato per il posto di Assistente Segretario alla Sanità nel Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani? L’udienza si è inclinata verso la transfobia quando il senatore Rand Paul (R-KY) ha chiesto a Zie, in modo un po’ troppo aggressivo, se fossero a favore di bambini pubescenti che scelgono di cambiare sesso in opposizione ai loro genitori. La candidata, che è passata da “maschio” a “femmina” nel 2011, ha risposto che le questioni mediche transgender sono “complesse e sfumate”. Vero (forse). E probabilmente più di quanto un senatore che è passato da oculista a politico potrebbe apprezzare.

Queste sono le grandi preoccupazioni della leadership americana in questi ultimi giorni dell’impero. Ci sono ancora dei “primati storici” che i progressisti possono raggiungere nella marcia verso un nirvana transumano? Un presidente “senza documenti”? Una rappresentanza animale alla Camera e al Senato? I.A “entità” che si qualificano per le cariche pubbliche, Governatore Smartphone? Ammettiamolo, i pietosi umani della vecchia scuola che si occupano delle cose da così tanto tempo stanno facendo un pasticcio dei nostri affari. Un registratore di cassa potrebbe probabilmente fare un lavoro migliore come presidente della Federal Reserve di quello del sempre afflitto Jerome Powell. E un MacBook Pro potrebbe essere un presidente migliore di Joe Biden nelle brevi ore operative quotidiane prima che i suoi manager “facciano una conferenza senza domande“. Dovremmo inventare dei nuovi pronomi personali per loro, naturalmente.

Gli esperti e gli osservatori della scena ci hanno avvertito che tutta questa agitazione generata artificialmente sul sesso delle cose non è che una parte del preludio a un “Grande Reset” in cui le persone di tutto il mondo saranno ammassate in recinti dal comportamento ultra-regolamentato. Naturalmente, i manzi e le mucche sono più facili da spingere che i tori, e la tecnologia per trasformare i tori in manzi, o gli uomini in eunuchi, non è così complessa o sfumata. La domanda è: un numero sufficiente di uomini americani si sottoporrà alla castrazione, chimica, finanziaria, politica o letterale? Forse no.

Les pom-pom girls del Grande Reset sottovalutano miseramente il fattore di disordine nel sistema che desiderano tanto egemonizzare. Il disordine è esattamente ciò che il sistema sta esprimendo, e in proporzione diretta ai desideri delle autorità di esercitare un controllo tirannico sulle popolazioni. Non solo i disturbi peggioreranno, ma i loro effetti saranno sempre più non lineari, producendo conseguenze non volute. Qualcuno ha notato che i curriculum Woke psicopatici dell’Higher Ed hanno rispecchiato il modello di business al collasso dei college e delle università? Più si sono messi nei guai con il racket dei prestiti, più è stato permesso alla facoltà di agire in modo folle, fino a chiedere lo sterminio dei bianchi e la cancellazione della civiltà occidentale. Sia il modello di business rotto, che il marciume intellettuale, faranno crollare molte di queste istituzioni, e più velocemente di quanto si possa credere. E poi non avrete più l’Higher Ed. La gente ha quello che si merita, non quello che si aspetta.

È stato divertente, di sicuro, ma quando entreremo nella primavera del 2021, con il sistema bancario che crolla e i mercati che traballano, e più americani sfrattati sia dai loro alloggi che dalla classe media, e i conflitti tra il governo statale e quello federale, e nuove lotte di strada, saccheggi e omicidi nelle città, non sarà più così divertente. Ci sarà molto di più di cui preoccuparsi che del sesso dei giocattoli.

Non c’è una possibilità all’inferno che tutti gli americani vengano ammassati in un recinto di valuta digitale senza contanti che equivale alla castrazione finanziaria. Troppi di noi apprezzano la libertà di non avere ogni nostra transazione di denaro tracciata da qualche Grande Fratello. Con il fallimento del dollaro, il Texas e la Florida potrebbero essere spinti ad emettere le loro proprie valute, e altri stati potrebbero seguire il loro esempio, potrebbero anche seguirli in un epico riallineamento politico indipendente dalla palude di Beltway. E molti cittadini di questa terra ne hanno abbastanza di Google, Facebook e il resto dei monopoli tecnologici che interferiscono nella politica e spingono tutti in malo modo. È giunto il momento che i capi di queste aziende comincino a preoccuparsi della loro stessa libertà.

James Howard Kunstler

Scelto e curato da Jean Gabin