Dopo le recenti elezioni presidenziali negli Stati uniti, alcuni hanno cominciato a chiedere se la forma di governo rimarrà una repubblica [1]. A questo proposito, qui al Sud, la signorina Karen Stokes ha offerto quanto segue [2]:

“In precedenti lettere inedite ad un altro amico, Mann affermava che una repubblica era la migliore forma di governo mai data all’umanità, dichiarando la sua eterna devozione a quel principio, indipendentemente dal costo. Il suo amato amico Jefferson Davis era della stessa convinzione e, in una nota citazione, predisse che questo principio si sarebbe riaffermato, anche se potrebbe essere in un altro momento e in un’altra forma”. 

Gli eventi attuali potrebbero non essere di buon auspicio per la previsione di Davis, ma possiamo ancora sperare che avesse ragione. 

I sudisti sono molto innamorati dell’idea di repubblica, ma il tempo per il fascino infantile di quella forma di governo deve finire se si vogliono conoscere giorni migliori a Dixieland e nel resto dell’Unione. Come abbiamo accennato prima, il grande difensore della tradizione in Spagna nel XIX secolo, il conte Juan Donoso Cortes, paragonò una repubblica alla via di mezzo tra la monarchia ordinata da Dio e la democrazia ispirata dal diavolo. La fase repubblicana della vita di un popolo è, come diceva lui, simile al momento nella vita del popolo ebraico in cui gli ebrei hanno esitato nella scelta tra Cristo e Barabba. Quindi, una repubblica può essere solo una forma temporanea di governo poiché alla fine il popolo deve fare una scelta tra l’una o l’altra. 

In superficie, una repubblica sembra offrire le salvaguardie e la stabilità di una gerarchia stabile ma, aprendo le porte anche se leggermente, alla nozione che l’assenso popolare è sempre necessario affinché un governo e i suoi atti siano considerati legittimi, è intrapreso il percorso verso la democrazia demoniaca e il viaggio non finirà finché ogni autorità che impedisce la volubile volontà del popolo non sarà rimossa. Ironia della sorte, è un uomo del Massachusetts (gli abitanti del New England sono solitamente associati al radicalismo politico piuttosto che alla tradizione), il signor Richard Henry Dana Sr., che ne parla così bene. Il prof Michael Connolly [3], riassumendo alcuni dei suoi pensieri politici, scrive: 

“I diritti naturali dell’illuminismo e la libertà degli uomini di fare ciò che vogliono hanno portato all’autogoverno democratico, un sistema chiamato da Dana tirannia dei molti. Se gli uomini erano creature cadute che avevano bisogno della moderazione delle istituzioni guida, la democrazia con la sua franchigia in espansione e le frequenti elezioni invitava al disastro. In primo luogo, il principio popolare del governo ha portato all’adorazione di sé, un elettore democratico narcisista che si credeva la fonte di tutte le decisioni piuttosto che i leader, le istituzioni e le leggi. Il governo democratico deve distruggere la riverenza nell’anima e generare orgoglio… C’è motivo di temere che la sensibilità di un uomo, su tutto ciò che tocca la repubblica, troppo spesso non sia altro che il sé stesso, e che è lui, nei sentimenti, che sta per il corpo politico. L’uomo democratico egocentrico è diventato volubile ed esigente come un cliente in un negozio, insistendo dal governo ciò che non può ragionevolmente dare. Quindi quelli che sono impazienti sotto un’autorità consolidata e antica sono i maestri più capricciosi e i più irragionevoli e prepotenti nelle loro richieste. In secondo luogo, i cittadini democratici che si stimavano in un sistema politico di cambiamento costante, leadership a rotazione e leggi impermanenti mancavano di tutto il rispetto per il governo. Elezioni incessanti e leader politici che hanno governato solo per pochi anni suscitano scarsa riverenza; il disordine politico non guadagnava obbedienza. La calda fretta dell’innovazione ha eroso ogni lealtà per qualcosa di più grande dell’uomo stesso.” 

Il signor Dana ha esposto la parentela delle repubbliche e democrazie moderne: i principi dell’Illuminismo – quei principi che sono il rifiuto del cristianesimo a favore del culto dell’uomo (anche se sfortunatamente non menziona ciò che ha portato all’Illuminismo stesso: la teologia cattolica romana e il protestantesimo, insieme alla catastrofica Guerra dei 30 anni (1618-48) tra quei due campi che hanno bruciato e sfregiato l’anima dell’Europa occidentale, creando lì una Anfauglith, una terra desolata e arida priva di cristianesimo, piena della polvere soffocante dell’incredulità nella Santissima Trinità). I piani gnostici e neoplatonici di governo “del popolo, del popolo e per il popolo” non sono la vera costituzione dell’Europa occidentale cristiana e dei suoi discendenti qui negli Stati Uniti. Sir Edmund Burke, uno degli statisti tradizionalisti dell’Inghilterra, ha espresso a parole alcune delle parti della vera costituzione degli europei occidentali nelle sue Letters on a Regicide Peace (Lettera I, 1796): 

“La causa deve essere ricercata alla similitudine in tutta Europa di religione, leggi e costumi. In fondo, sono tutti uguali. Gli autori di diritto pubblico hanno spesso chiamato questo aggregato di nazioni un Commonwealth. Avevano ragione. È virtualmente un grande Stato avente la stessa base di diritto generale; con una certa diversità di costumi provinciali e consuetudini locali. Le nazioni d’Europa hanno avuto la stessa religione cristiana, concorde nelle parti fondamentali, leggermente variabile nelle cerimonie e nelle dottrine subordinate. L’intero sistema politico e economico di ogni paese in Europa è stato derivato dalle stesse fonti. Era tratto dall’antico costume germanico o gotico; dalle istituzioni feudali che devono essere considerate come un’emanazione di quel custumario e il tutto è stato migliorato e digerito in sistema e disciplina dal diritto romano. Da qui nacquero i numerosi ordini, con o senza monarca, che sono chiamati Stati, in ogni paese europeo; le forti tracce di cui, dove predominava la monarchia, non furono mai del tutto estinte o fuse nel dispotismo. Nei pochi luoghi in cui la monarchia è stata abbandonata, lo spirito della Monarchia Europea ancora vi rimase. Quei paesi continuavano [ancora ad essere] nazioni di Stati; vale a dire, di classi, ordini e distinzioni, come se fossero esistite da prima o quasi” (Edmund Burke, Select Works of Edmund Burke. A New Imprint of the Payne Edition. Prefazione e Nota biografica di Francis Canavan (Indianapolis: Liberty Fund, 1999) Vol. 3. 11/5/2020) [4]. 

Questa venerazione per i costumi e le istituzioni antiche non è certo materia della moderna governance americana. In verità, molti negli Stati Uniti pensano di aver migliorato le vecchie forme di governo mettendo in votazione quasi tutti i funzionari. Pensano che otterranno governatori migliori perché potranno fare una scelta basata sulle caratteristiche esteriori degli uomini presentati loro, ma si sbagliano, dice il dottor Vladimir Moss [4]: 

“Il principio ereditario è ritenuto irrazionale dalle persone di mentalità democratica (che significa quasi tutte le persone nel mondo di oggi) perché non hanno alcun controllo su di esso. In un’elezione democratica, il governante è scelto – in teoria, almeno – per le sue qualità personali e l’esperienza che lo rendono capace, a giudizio del popolo, di esercitare il potere esecutivo. Così la democrazia si basa – ancora una volta, in teoria – sulla meritocrazia, sulla base eminentemente razionale che quest’uomo è il più qualificato per il lavoro. Ma un popolo religioso la pensa in modo completamente diverso. Pensano e sentono di non essere in grado di scegliere chi è il migliore per il lavoro. Credono che solo Dio possa saperlo. E così si sforzano più che possono di togliere la scelta dalle loro mani, semplicemente umane e [porla] nelle mani di Dio soltanto. Accolgono con favore la presunta natura casuale dell’elezione ereditaria perché pone l’elezione fuori dal loro controllo e quindi sotto il controllo di Dio soltanto.” 

Un popolo cristiano ortodosso non inseguirà, quindi, forme di governo repubblicane o democratiche, ma piuttosto l’ereditario, il monarchico. Dopo essersi svuotati del loro orgoglio illuminista, saranno in grado di accettare il dominio di Dio su di loro attraverso il suo re unto, piuttosto che lottare contro Dio perseguendo e idolatrando le proprie passioni cadute: 

“Un malinteso comune riguardo all’autocrazia ortodossa è che è illimitata, assolutista, dispotica. Sebbene alcuni re e imperatori ortodossi si siano comportati a volte come despoti, queste erano aberrazioni, eccezioni alla regola. Ivan il Terribile, ad esempio, si è comportato come un esemplare autocrate ortodosso nella prima metà del suo regno e nella seconda metà è caduto nell’assolutismo. Un vero autocrate ortodosso si sente vincolato dall’ideale ortodosso predicato dalla Chiesa e rinvia in tutte le questioni spirituali alla Chiesa ortodossa. Questo è ciò che si intende per sinfonia tra la Chiesa e l’Autocrazia che fu proclamata per la prima volta dall’imperatore bizantino Giustiniano, che nella sua Novella 131 decretò che i canoni della Chiesa hanno nello Stato la stessa forza delle leggi dello Stato: cosa è consentito o vietato dal primo è consentito o vietato dal secondo. Pertanto i crimini contro i primi non possono essere tollerati nello Stato secondo la legislazione dello Stato. Anche gli autocrati meno illustri hanno decretato leggi a sostegno dei dogmi e dei canoni della Chiesa – per esempio, sulla frequenza in chiesa la domenica e nelle feste e sulla non partecipazione del clero alla politica e all’esercito. L’autocrate non è limitato dal popolo, da norme e costumi puramente umani. Ma si inchina davanti alla Legge di Dio e ordina al suo popolo di fare lo stesso. Il potere dello zar – dice San Giovanni di Kronstadt – è autocratico, perché non lo riceve dal popolo e per questo motivo non può essere limitato dal popolo ed esserne responsabile. Poiché il potere dello zar proviene da Dio, è responsabile solo davanti a Lui e può essere limitato solo dalla volontà di Dio stesso e dalle Sue leggi sante, a cui deve essere rigorosamente conforme, senza deviare da esse.” 

Gli Stati del Sud, o l’Unione nel suo insieme, rimarranno repubbliche? Non è questa la domanda fondamentale. 

Dovrebbero rimanere repubbliche? Questo è ciò che dovrebbero chiedersi se si considerassero davvero un popolo cristiano. Si spera che tutte le frodi e altre truffe che circondano le elezioni presidenziali del 2020 li inducano a soffermarsi su questa questione. 

[1] http://www.monomakhos.com/how-to-destroy-a-republic/ [2] https://www.abbevilleinstitute.org/blog/a-republican-in-exile/ [3] https://theimaginativeconservative.org/2020/11/richard-henry-dana-sr-american-high-tory-michael-connolly.html [4] https://oll.libertyfund.org/titles/658#Burke_0005-03_243 [5] http://orthodoxchristianbooks.com/articles/1030/who-will-be-tsar-russia/   

Articolo originale di Walt Garlington: https://www.geopolitica.ru/en/article/will-united-states-remain-republic Traduzione di Costantino Ceoldo (scelto da Alessia C. F.)