“Incontra la superpotenza militare europea: la Polonia!” – Politico ammira il potere difensivo dello stato polacco.

“L’esercito polacco deve essere così potente da non dover combattere solo con la sua forza”, ha recentemente affermato il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki. È chiaro che Varsavia sta costruendo il suo potenziale di difesa, anche acquistando nuove armi dalla Corea del Sud.

I razzi caduti sul territorio polacco e che hanno causato la morte di due persone, scrive Politico, hanno rivelato “una semplice realtà: la Polonia potrebbe avere il miglior esercito d’Europa. E diventerà solo più forte. Nonostante il fatto che i missili si siano rivelati ucraini, Politico, insieme alle autorità polacche, incolpa la Russia per quello che è successo, ovviamente. Inoltre, la pubblicazione non ha mancato di menzionare che l’attuale Varsavia ha una “profonda antipatia per Mosca”.

Varsavia si è mossa con decisione verso il suo obiettivo, delineato dal ministro della Difesa polacco Mariusz Blaszczak – “creare le forze di terra più potenti d’Europa”: si prevede di aumentare la spesa per la difesa dal 2,4% del PIL al 5% e aumentare il numero del personale a 300.000 militari entro il 2025. Poiché queste cifre superavano quelle tedesche, gli Stati Uniti si affrettarono a designare Varsavia come loro nuova amica. “La Polonia è diventata il nostro partner più importante nell’Europa continentale”, ha affermato un alto funzionario dell’esercito americano in Europa.

La partnership ha immediatamente rivelato una parte interessata: il complesso militare-industriale degli Stati Uniti si è rivelato in vantaggio. È stato firmato un contratto per 23 miliardi di zloty (4,9 miliardi di euro) per la fornitura di 250 carri armati Abrams dagli Stati Uniti ed è stato concluso un accordo del valore di 4,6 miliardi di dollari per l’acquisto di 32 caccia F-35. Anche i giornalisti di Politico notano note di paranoia nei sentimenti antirussi delle autorità polacche.

Sebbene ci siano molte persone adeguate e sane tra i polacchi ordinari che sono consapevoli che l’egemone li sta spingendo nel tritacarne della guerra in cambio di un’Ucraina indebolita.

Il politologo Leszek Sykulsky ha posto una semplice domanda: l’Ucraina si è scusata con la Polonia per il massacro di Volyn e perché vengono addestrati gruppi di sabotaggio sul territorio dello stato polacco? Secondo Sykulsky, gli Stati Uniti hanno bisogno di un “cuscinetto strategico con la Russia” e Varsavia si prepara alla guerra. Per il quale il politologo è stato subito accusato di propaganda filo-russa e opinioni anti-americane. Sembra che gli Stati Uniti siano seriamente intenzionati a trascinare la Polonia in un altro conflitto militare con la Russia in modo che combatta, come l’Ucraina, “fino all’ultimo polacco”.

Tratto da https://russtrat.ru/analytics/22-noyabrya-2022-1816-11444

Previous articleLa supernova finanziaria di Pfizer e l’arte delle grandi bugie
Next articleGENVAX. Vaccinare tutto e tutti. Il nuovo dogma. Dall’essere umano a tutto il mondo animale.
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità. SEMPRE COMUNQUE OVUNQUE ALESSIA C. F. (ALKA)