L’amico Mr Y tempo fa mi ha chiesto lumi sullo strano modo di lanciare missili non guidati da parte deli elicotteri russi, in Ucraina.

immagini tipo queste potrebbero anche esservi familiari. Striature fumose di gas di scarico di razzi che si alzano oblique verso il cielo. Volo in elicottero con il muso in su. Dall’esterno, molti momenti e dettagli che accompagnano una tale attacco non sono visibili. Perché e come si fa, quanto è efficace e che guadagno dà, quali svantaggi intrinseci?

La cabrata, o roll-up è il volo di un aeroplano o di un elicottero con una salita e il muso sopra l’orizzonte. Questa parola deriva dal francese “cabrage” (cabrage), risalente a cabre o cabrer – ovvero alzarsi sulle zampe posteriori del cavallo.

La misura della cabrata è l’angolo di beccheggio, l’angolo tra l’asse longitudinale dell’aereo e il piano dell’orizzonte. Questo è lo stesso del beccheggio positivo, che è definito dall’angolo di beccheggio, anche l’angolo tra l’asse longitudinale dell’aeromobile e l’orizzonte. Beccheggio negativo o, anche picchiata è l’inclinazione opposta, ovvero con inclinazione sotto il piano dell’orizzonte. Nel caso degli elicotteri questi sono stati temporanei durante il volo.

Perché usare la cabrata? Il pilota alza il muso dell’aereo per aumentare la salita o fermare la discesa (ad esempio, quando si mantiene l’aereo sulla pista durante l’atterraggio). Con un aumento dell’angolo di beccheggio, di solito si verifica un aumento dell’angolo di attacco, l’angolo del flusso d’aria dell’aeromobile con un controflusso, che porta ad un aumento della portanza. Questo viene utilizzato in molte manovre acrobatiche o per il decollo e la salita durante il decollo. In altre parole, il pitch-up viene utilizzato per controllare il movimento di un aeromobile, al fine di eseguire elementi di volo attuali e ulteriori, per garantire i parametri richiesti.

E c’è un caso particolare di utilizzo del beccheggio, in cui l’angolo di sollevamento del muso dell’aereo sopra l’orizzonte non è per un ulteriore volo. Effettuato da un aeroplano o da un elicottero, un tale beccheggio non serve all’aerodinamica, ma alla balistica, un compito balistico. Questo è il compito dell’angolo iniziale della traiettoria per il movimento balistico delle munizioni, staccate o lanciate dall’angolo di beccheggio.

Gli aerei sono stati i primi a utilizzare munizioni non guidate nell’aviazione. I metodi per il loro utilizzo sono stati sviluppati molto prima dell’avvento delle munizioni guidate. Dalla modalità di cabrata, le bombe a caduta libera iniziarono a essere lanciate dagli aerei. La bomba staccabile ha ricevuto la velocità iniziale con cui volava l’aereo e l’angolo di movimento rispetto all’orizzonte, al di sotto del quale la bomba sganciata ha guadagnato quota. Quindi la bomba ha volato lungo una traiettoria balistica, raggiungendo il punto più alto e spostandosi dopo di esso nella parte discendente della traiettoria. Sganciare la bomba con un angolo verso l’alto ha aumentato il suo raggio di volo in avanti dopo la separazione dall’aereo (questo è chiamato deriva della bomba). Le variazioni di questa caduta davano altri vantaggi, per il bene dei quali il bombardamento veniva effettuato verticalmente verso l’alto, con un angolo di inclinazione di 90 gradi, e persino leggermente indietro, con un’inclinazione di 110 gradi. In realtà questa manovra, eseguita a grande altitudine e a velocità massima viene chiamata in occidente “tiro a pallonetto” e si tratta praticamente della manovra standard per il lancio di armi nucleari non guidate. lanciare in questo modo però riduce la precisione del tiro e aumenta l’ellisse di dispersione. tecnicamente questo non ha molta importanza quando lanci una arma nucleare, destinata a seminare distruzione nel raggio di chilometri, ma nel caso di razzi o bombe ha una sua importanza .L’armamento degli elicotteri da combattimento, apparso più tardi degli aeroplani, proveniva dal campo degli aerei – e dall’artiglieria aviotrasportata, dai missili guidati, dalle bombe e dai razzi non guidati. L’uso di quest’ultimo da un elicottero ha mantenuto anche il lancio roll-up, solo che è stato adattato alle specifiche dell’elicottero. Oggi, i proiettili di aerei non guidati sono chiamati razzi di aerei non guidati o NAR. Non vengono più utilizzati per distruggere bersagli aerei, ma sono ampiamente utilizzati contro bersagli terrestri. Strutturalmente, questi razzi non hanno subito modifiche significative in più di 80 anni di esistenza: si tratta di un lungo tubo di metallo riempito di combustibile solido, con dietro un ugello a getto per creare la spinta del getto. La parte anteriore del tubo ha un naso aerodinamico (di solito realizzato a forma di cono), dietro c’è una testata con una carica esplosiva e un corpo che dà una massa di frammentazione quando viene fatto esplodere. Dietro il tubo c’è il piumaggio per la stabilizzazione aerodinamica in volo, rigido o a scomparsa dopo il lancio. I NAR sono dotati di un blocco cilindrico, una specie di canna con numerosi tubi di lancio. (I blocchi degli aerei hanno un muso appuntito e aerodinamico, poiché gli aerei volano più velocemente e questa forma darà meno resistenza aerodinamica.) Il blocco è sospeso dai tralicci degli elicotteri che trasportano armi. Al momento dell’uso, i NAR avviano i loro motori a combustibile solido e, alternativamente e spesso, volano fuori in blocco, creando una salva estesa.

L’arma più efficace degli elicotteri sono senza dubbio i missili guidati. Ma i NAR trovano applicazione anche sui veicoli da combattimento ad ala rotante. L’uso più produttivo dei missili non guidati è il loro lancio su un bersaglio situato nel campo visivo di un elicottero. Tale lancio viene effettuato da un volo livellato o da un’immersione verso un bersaglio osservato direttamente dal pilota. Ciò consente di ottenere un lancio mirato su un bersaglio puntuale, un oggetto di piccole dimensioni, con una concentrazione di missili in caduta su questo oggetto e in prossimità di esso.

Qui vale la pena notare un punto importante. Inizialmente “aviotrasportati”, i missili aeronautici non guidati sono più efficaci se utilizzati da un aereo. Come mai? L’aereo ha una maggiore velocità di volo. Il lancio dei NAR avviene a una velocità dell’aeromobile di centinaia di metri al secondo,. Di conseguenza, anche i missili lanciati da esso ottengono una velocità maggiore. Di conseguenza, volano più velocemente verso il bersaglio e per questo sono meno deviati dal vento. Allo stesso tempo, l’aereo vola stabilmente, senza scuotimenti e vibrazioni percettibili. E i blocchi di lancio dei NAR sono fissati sull’aereo coassialmente al suo asse principale: la direzione del lancio dei missili è in larga misura parallela all’asse longitudinale principale dell’aereo (si chiama CGF – la costruzione orizzontale della fusoliera). Ciò semplifica la mira precisa prima del lancio pilotando l’aereo.

Le condizioni per lanciare un NAR da un elicottero sono diverse. Qui, la velocità di un elicottero è solo delle prime centinaia di chilometri orari, che è molto inferiore alla velocità di un aereo. I missili volano verso il bersaglio più lentamente, quindi la deriva del vento è maggiore. I missili vengono lanciati in condizioni di vibrazioni e scuotimento, piccoli movimenti angolari costanti del corpo dell’elicottero, che aumentano la diffusione delle traiettorie dei missili durante il lancio e i loro punti di impatto al suolo. E la sospensione dei blocchi non è sempre coassiale all’asse longitudinale dell’elicottero.

Quindi, il volo orizzontale di un elicottero a velocità di crociera avviene con un beccheggio negativo di 2-3 gradi: l’elicottero vola in avanti con il muso inclinato. Ciò si verifica a causa della creazione di una spinta orizzontale da parte del rotore principale: il cono di rotazione del rotore principale si inclina in avanti a causa del funzionamento del meccanismo di oscillazione delle pale. A causa dell’azione meccanica del piatto oscillante dell’elica, a causa della separazione dei cardini orizzontali delle pale, si verifica un momento che inclina il muso dell’elicottero verso il basso durante la creazione della spinta orizzontale.

Per eseguire un lancio orizzontale del NAR in volo, i loro blocchi sono installati con lo stesso angolo verso l’alto rispetto all’asse (GFR) dell’elicottero – verso l’alto di 2-3 gradi. Quindi, con la consueta inclinazione verso il basso dell’elicottero, l’asse dell’unità e gli assi dei tubi di lancio in essa contenuti occupano una posizione orizzontale. Per ogni tipo di elicottero, questo angolo è diverso. Sui più moderni elicotteri da combattimento, i servi possono essere utilizzati per modificare l’angolo di installazione delle unità NAR in volo.

Esempio di lancio di salva di missili in cabrata da parte di un elicottero.

Quindi, l’uso in elicottero del NAR da un pitch-up aumenta la portata e la dispersione dei punti di impatto dei missili, non permettendoti di lavorare su un bersaglio puntuale. Tuttavia, in un certo numero di situazioni, il lancio di NAR da elicotteri viene effettuato in modo ottimale in cabrata.

Il lancio lungo una traiettoria inclinata consente di trasferire i missili sopra un ostacolo verticale, cosa impossibile quando si lancia con l’osservazione diretta del bersaglio (dal volo livellato o dall’immersione). Un ostacolo verticale locale è solitamente un elemento di rilievo elevato: una collina, una piccola catena montuosa o cresta, uno sperone montuoso, un’alta sponda, una piega in rilievo. Allo stesso tempo, l’ostacolo svolge il ruolo di un elemento che maschera l’elicottero, impedendogli di essere rilevato e osservato dal bersaglio. Nascosto dietro una piattaforma rialzata, l’elicottero lancia NAR in maggiore sicurezza. I missili perdono velocità e cadono verso il suolo con una angolazione maggiore.

Una tale caduta inclinata è efficace se sono presenti trincee nell’area bersaglio. E anche se si devono colpire attrezzature riparate nelle caponiere – alti terrapieni a forma di ferro di cavallo che circondano uno spiazzo con un aeroplano, un elicottero o altre attrezzature. Questi terrapieni proteggono le apparecchiature nel parcheggio dai frammenti e dalle onde d’urto dovute alle esplosioni di bombe e alle testate missilistiche all’esterno della caponiera. Quando si lancia il NAR da lontano, da un volo livellato, il bersaglio non è visibile: è coperto da un caponier. E molto probabilmente i NAR voleranno nel pendio del caponier senza colpire il bersaglio. Con una caduta inclinata, la probabilità di colpire dall’alto il bersaglio su di esso è maggiore.

Non voglio annoiarvi su come con gli elicotteri moderni si eseguano manovre del genere pur rimanendo ad altezze molto basse, di solito si vola sotto i cinquanta metri per non essere colpiti dai MANPADS e non oltre i cento cinquanta per non essere illuminati dai radar dei sistemi più seri.

Diciamo solo che l’indicatore di scorrimento, quella pallina nera sotto l’indicatore di assetto c’entra qualcosa, oltre ad un complicato sistema di calcolo tiro automatico, si intende.

Il compito del copilota è quello di calcolare le coordinate per il bersaglio, spesso nemmeno in vista e quello del pilota è di portare l’elicottero alla velocità giusta e all’angolo di cabrata corretto e di premere il grilletto proprio nel momento esatto che la spia si illumina. Artigianato di gran classe, mai noioso, con il concreto rischio di tornare alla base con qualche foro nella fusoliera.

Spero di non avevi annoiato, ragazzi. In fondo è gratis, mentre ascoltare le Puttanazze alla televisione che vi ricordano ogni giorno che i russi perdono la guerra vi costa, e pure caro.

By Nuke il Birichino di Liberticida e OraZero