A chi hai chiesto il permesso di nascere? 

Su questa terra il regime ti insegna che tu, proprio tu singolo, sei una nullità insignificante perché è già abitata da sette miliardi di individui.

Loro contano, non tu.

Tu però potresti osservare che se il singolo è una nullità, 7 mld. di altri singoli lo sono altrettanto.  

La domanda è questa: come fanno sette miliardi di nullità  (dove ‘nullità’ equivale ad individuo insignificante) sommate tra loro a contare qualcosa e ad essere più importanti di me?

È chiaro che qualcosa non torna. 

I casi sono due: o tu conti qualcosa o neanche gli altri contano nulla.

E allora perché mai quei 7 mld. dovrebbero essere più importanti di me?

Infatti non lo sono, sono ognuno importante come me.

Se ti capita di avere la sensazione che ti stiano fregando ogni volta che senti parlare del “bene della collettività” o addirittura del “bene del pianeta”, quel globo di minerali, gas, acqua e metalli abitato da “nullità”, sappi che non è una sensazione ma una certezza.

C’è qualcuno che vuole dominarti, lui ti conosce bene, sa che i tuoi punti deboli sono la paura ed il senso di colpa, devi sentirti in colpa per il semplice fatto di esistere, mangiare, inspirare O, espirare CO2, pensare, agire, e devi aver paura degli altri perché anche se sono “nulla” sono di più, e devono farlo tutti, anche gli altri.

Tu e tutti gli altri dovete pensare di far qualcosa di male per il semplice fatto che state vivendo.

Siete peccatori dall’inizio perché non avete chiesto il permesso di vivere, vabbe` eravate piccoli e non ve lo avevano ancora insegnato, ma ora siete maggiorenni indottrinati ed ammaestrati a dovere, sapete che dovete chiedere il permesso a qualcuno che sta vivendo come voi ma che ha il diritto di NON chiedere quel permesso.

Chi gli ha dato quel diritto?

Nessuno.

Se a questo punto se ti stai chiedendo “ma allora perché io dovrei chiedere il permesso?”.

In questo caso significa che sei un po’ più vivo di quelli che invece continuano a chiedere il permesso per vivere e per ogni cosa.

…e forse non sei una nullità insignificante.  

Anzi, senza ‘forse’, non lo sei per niente. 

Sei un outsider! raro e prezioso.

Questa formidabile specie di outsiders ha la caratteristica speciale che anche se aumenta di numero i partecipanti rimangono preziosissimi, …e contagiosi.