La Turchia sta bloccando l’allargamento della NATO?
Svezia e Finlandia hanno deciso di aderire alla NATO, ma la Turchia minaccia di impedire l’adesione. Erdogan ha duramente criticato il fatto che il PKK (classificato come organizzazione terroristica in Turchia) circola liberamente in Svezia e Finlandia, in queste due nazioni i suoi membri ottengono spesso l’asilo.
Ecco come si è espresso il 14 maggio il ministro degli Esteri turco Çavuşoğlu [1] : “È scandaloso e inaccettabile che i nostri alleati e amici sostengano questa organizzazione terroristica. In vista della nostra lotta contro questa organizzazione terroristica, sono state imposte sanzioni sulla fornitura di equipaggiamenti di difesa, alcuni dei quali importati dai Paesi che vogliono entrare nella NATO. Per questo motivo, la maggior parte dei turchi è contraria all’adesione di questi Paesi che sostengono il PKK e l’SNC (le Forze di Autodifesa del Popolo in Siria, che la Turchia considera il ramo siriano del PKK) e ci chiedono di bloccare questo processo. Ma questi problemi dovrebbero essere discussi con i nostri alleati della NATO e con questi Paesi”.
Çavuşoğlu ha accusato Finlandia e Svezia di sostenere apertamente il PKK: “La Turchia ha sostenuto la politica delle porte aperte della NATO fin dall’inizio. Anche quando alcuni membri dell’Alleanza si sono opposti all’adesione alla NATO di alcuni Paesi della nostra regione e dei Balcani occidentali, noi l’abbiamo sostenuta. La NATO non è né un’unione né un’organizzazione internazionale, ma un’alleanza che non riguarda solo la sicurezza, ma anche la solidarietà. Questi due Paesi (Finlandia e Svezia) sostengono apertamente e sono in contatto con il PKK e l’SNC, organizzazioni terroristiche che attaccano quotidianamente i nostri soldati. Solo ieri abbiamo perso un soldato”.
Il giorno dopo si è espresso nuovamente [2] : “Non stiamo mercanteggiando e questo non è un elemento di negoziazione politica. Abbiamo preso una posizione molto chiara. Il punto è che (Finlandia e Svezia) devono smettere completamente di cooperare con le organizzazioni terroristiche e revocare le restrizioni sulla fornitura di attrezzature di difesa alla Turchia. La Turchia non ha obiezioni all’allargamento della NATO, ma siamo contrari ai Paesi che sostengono i terroristi”, ha detto il ministro degli Esteri turco.”
“Abbiamo parlato apertamente delle nostre preoccupazioni, tra cui i contatti di Svezia e Finlandia con le organizzazioni terroristiche PKK e SNC, e in particolare l’assistenza svedese in materia di armi. Lo abbiamo spiegato agli alleati sulla base dei documenti in nostro possesso. Abbiamo anche avuto un incontro trilaterale con i ministri degli Esteri di questi due Paesi e abbiamo dichiarato apertamente le nostre aspettative. Hanno espresso la loro volontà di lavorare con noi sulle questioni che ci stanno a cuore”, ha dichiarato il Ministro degli Esteri in una conferenza stampa a Berlino dopo la riunione informale dei ministri degli Esteri degli Stati membri della NATO”.

Al momento si parla di colloqui tra il presidente finlandese e turco sulla questione [3] , e sicuramente altri Paesi della NATO staranno facendo pressioni al governo turco per evitare un veto turco sulla questione dell’allargamento della NATO.
Il Parlamento dell’UE ha persino lanciato minacce in direzione della Turchia. Manfred Weber in un’intervista ha minacciato la Turchia di isolarla all’interno della NATO in caso di veto [4] : “Chiunque metta in discussione la coesione della NATO sarà isolato all’interno della comunità. Se i due Paesi vogliono unirsi, Finlandia e Svezia ne faranno parte, non c’è dubbio. Non c’è motivo di rallentare o bloccare tutto questo”.

A chi giova l’adesione alla NATO di Svezia e Finlandia?
-Svezia: l’adesione della Svezia alla NATO è solo una formalità, perché di fatto il Paese è da tempo un membro non ufficiale della NATO. Sebbene fosse ufficialmente un Paese neutrale, già durante la Guerra Fredda esistevano accordi con la NATO e gli Stati Uniti [5] . Quindi l’adesione della Svezia alla NATO non cambia di fatto molto, è sempre stata strettamente legata ad essa.
-Finlandia: l’adesione della Finlandia alla NATO ha una posizione ben diversa. Dopo la Seconda guerra mondiale, la Finlandia ha puntato sulla completa neutralità e sulle buone relazioni con l’Est e l’Ovest. Questo portò prosperità alla Finlandia, infatti l’Unione Sovietica era interessata alle buone relazioni e alla sua neutralità, in cambio i finlandesi potevano acquistare molte cose a prezzi minori in Unione Sovietica. Anche negli ultimi anni le relazioni tra Russia e Finlandia sono state ottime. Tuttavia, le relazioni si sono un po’ offuscate dopo l’ingresso della Finlandia nell’UE, che è stata obbligata a partecipare alle politiche e alle sanzioni sempre più anti-russe dell’UE a partire dal 2014. La decisione finlandese di aderire alla NATO è piuttosto sorprendente, perché comunque i politici finlandesi non si stancano di sottolineare che non si sentono minacciati dalla Russia. Ecco cosa ha dichiarato il presidente finlandese [6] : “Non credo che abbiano pianificato un attacco alla Finlandia, né allora né oggi. Ma la situazione è cambiata. L’Europa e il mondo sono ora ancora più divisi. Non c’è quasi spazio per il non allineamento“.

Temo che Putin sapesse da tempo delle pressioni NATO sulla Finlandia, perché c’è una sua affermazione di sei anni fa, fatta durante una sua visita a Helsinki, dove spiegava cosa significava per loro l’adesione alla NATO [7] : “Immaginate che la Finlandia entri nella NATO. Ciò significherebbe che l’esercito finlandese non sarebbe più indipendente e non sarebbe più sovrano nel senso pieno del termine, ma diventerebbe parte dell’infrastruttura militare della NATO, che apparirebbe da un giorno all’altro ai confini della Federazione Russa. Apprezziamo e rispettiamo assolutamente lo status di neutralità della Finlandia, ma non spetta a noi decidere su questa questione. Per citare uno dei miei amici finlandesi, potrei dire che la NATO probabilmente vorrebbe combattere la Russia fino all’ultimo soldato finlandese. È questo che volete? Noi non lo vogliamo, ma decidete voi cosa volete”.

Questo dimostra che non c’è più spazio per i paesi neutrali, altre nazioni diventeranno i nuovi mediatori tra Est e Ovest – e la Turchia si è spesso candidata per questo ruolo – ed emerge con chiarezza che gli Stati Uniti non sono interessati ai mediatori.

Ecco cosa afferma Alexei Komarov, responsabile del Centro per la storia dell’Europa settentrionale e degli Stati baltici presso l’Istituto di storia generale dell’Accademia delle scienze russa: “Si chiamava ‘equilibrio del nord’. Al centro c’era la neutrale Svezia, al confine con l’Unione Sovietica la Finlandia, che condusse la sua politica postbellica sulla base del Trattato di Amicizia. Dall’altra parte, a ovest, c’era la Norvegia, che si era unita alla NATO nel 1949. Questo equilibrio settentrionale è stato un fattore di stabilizzazione nel confronto globale tra le due superpotenze. Ma quando il mondo è diventato unipolare dopo il crollo dell’Unione Sovietica, questa stessa neutralità ha cominciato a erodersi” [8] .

  • NOTE:
  • 1 – https://tass.ru/mezhdunarodnaya-panorama/14626641 14 MAGGIO 2022 Çavuşoğlu afferma che il popolo turco chiede di bloccare l’adesione di Finlandia e Svezia alla NATO. Il ministro degli Esteri del Paese ha accusato Finlandia e Svezia di sostenere apertamente il Partito dei Lavoratori del Kurdistan, che Ankara considera un’organizzazione terroristica.
  • 2 – https://tass.ru/mezhdunarodnaya-panorama/14629139 15 MAGGIO 2022 La Turchia dichiara di non avere obiezioni all’allargamento della NATO. Il Ministro degli Esteri afferma che Finlandia e Svezia continuano a limitare le esportazioni di difesa verso la Turchia.
  • 3 – https://tass.ru/mezhdunarodnaya-panorama/14629109 15 MAGGIO 2022 Niinistö è pronto a discutere le domande di Erdogan sull’adesione della Finlandia alla NATO. In particolare, il presidente finlandese è aperto a discutere le precedenti accuse del suo omologo turco sul sostegno di Helsinki al Partito dei Lavoratori del Kurdistan.
  • 4 – https://tass.ru/mezhdunarodnaya-panorama/14629273 15 MAGGIO 2022 Il PE minaccia la Turchia di isolamento se impedirà a Finlandia e Svezia di aderire alla NATO. Manfred Weber, capo della principale fazione del Parlamento europeo, afferma che non c’è motivo di rallentare o bloccare il processo.
  • 5 – https://www.anti-spiegel.ru/2022/was-der-nato-beitritt-schwedens-und-finnlands-wem-bringt/ Was der NATO-Beitritt Schwedens und Finnlands wem bringt. Schweden und Finnland wollen der NATO beitreten. Was bringt das diesen Ländern? Wer profitiert davon? Wie reagiert Russland di Thomas Röper del 15 maggio 2022. Articolo molto particolare perché ricostruisce la vicenda del Primo Ministro svedese Olof Palme, e le varie ipotesi legate al suo omicidio: <<Quando negli anni ’80 il Primo Ministro svedese Olof Palme si discostò da questa linea di condotta fedele agli Stati Uniti e cercò un vero approccio di partenariato con l’Unione Sovietica sotto Gorbaciov, gli Stati Uniti sabotarono il progetto. Improvvisamente, i sottomarini sovietici sarebbero apparsi al largo della costa svedese, silurando il percorso di distensione di Palme. Gorbaciov negò che si trattasse di sottomarini sovietici e disse persino a Palme che era libero di fare fuoco sui sottomarini. Questo, tuttavia, fu sabotato dall’esercito svedese, che di fatto si rifiutò di ordinare il suo capo. Poiché Palme non poteva essere dissuaso dal suo percorso politico, accadde ciò che doveva accadere: Palme fu ucciso in strada, l’omicidio non fu mai risolto. In seguito, la Svezia è tornata alla sua politica di basso profilo, ampiamente fedele agli Stati Uniti. Gorbaciov commentò che era sicuro che l’assassinio di Palme fosse stato un omicidio politico. Non dice apertamente che sospetta che la CIA abbia fatto fuori Palme, ma non lascia dubbi su chi sospetta. Oggi sappiamo con un certo grado di certezza che i sottomarini erano mini-sottomarini britannici e italiani e che la NATO li inviò sulle coste svedesi per silurare la politica di Palme. C’è un interessante film su questo tema, realizzato da Dirk Pohlmann per la ZDF, che consiglio vivamente. Operation Täuschung -Die Methode Reagan- Doku von Dirk Pohlmann https://youtu.be/rc0jThe2F4Q Il documentario di Pohlmann è stato successivamente modificato dalla ZDF, eliminando i riferimenti alle azioni infide degli Stati Uniti. Ho riferito in merito, i dettagli sono disponibili qui: https://www.anti-spiegel.ru/2021/filmtipp-fuers-wochenende-wie-das-zdf-dokus-verfaelscht-damit-sie-ins-gewollte-narrativ-passen/. Quindi l’adesione della Svezia alla NATO non cambia di fatto molto, la Svezia è sempre stata strettamente legata alla NATO e quando gli svedesi si sono “votati” al governo negli anni ’80 e hanno portato un primo ministro che voleva cambiare le cose, le sue politiche sono state ostacolate – anche dai suoi stessi militari. Quando neanche questo è servito, gli hanno sparato.>>
  • 6 – https://tass.ru/mezhdunarodnaya-panorama/14629697 15 MAGGIO 2022 Niinistö non crede che la Russia possa attaccare la Finlandia. Secondo il presidente finlandese, “l’Europa e il mondo sono ora più seriamente divisi”.
  • 7 – https://www.anti-spiegel.ru/2022/verhindert-erdogan-den-nato-beitritt-von-schweden-und-finnland/ Verhindert Erdogan den NATO-Beitritt von Schweden und Finnland? Schweden und Finnland wollen der NATO beitreten, was von der westlichen Presse bejubelt wird. Allerdings könnte der türkische Präsident das verhindern. Di Thomas Röper del 14 maggio 2022.
  • 8 – https://vesti7.ru/video/2411117/episode/15-05-2022/ video tradotto il 16 maggio 2022 da Thomas Röper in https://www.anti-spiegel.ru/2022/wie-das-russische-fernsehen-ueber-den-geplanten-nato-beitritt-von-schweden-und-finnland-berichtet/