In questo momento, più forze militari russe sono ammassate vicino ai confini dell’Ucraina di quanto abbiamo mai visto prima. I leader militari occidentali dicono che sono preoccupati che i movimenti di truppe a cui abbiamo assistito negli ultimi giorni possano portare a un’invasione, e se un’invasione avviene, metterà a dura prova la determinazione dell’amministrazione Biden, i leader dell’UE e i vertici della NATO. In particolare, i falchi nell’amministrazione Biden quasi certamente non sarebbero disposti a sedersi e lasciare che i russi conquistino tutta l’Ucraina. Ci sarebbe probabilmente una grande risposta da parte degli Stati Uniti, e questo potrebbe innescare una reazione a catena che potrebbe infine scatenare una grossa guerra.

Perché i russi improvvisamente hanno mosso una massiccia forza di invasione verso l’Ucraina?

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha essenzialmente firmato una dichiarazione di guerra contro la Russia il 24 marzo. Il documento che ha firmato è noto come decreto n. 117/2021 https://www.president.gov.ua/documents/1172021-37533.

Ecco cosa dice: <<In conformità con l’articolo 107 della Costituzione dell’Ucraina, decreto:

  1. Mettere in vigore la decisione del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale dell’Ucraina dell’11 marzo 2021 “Sulla strategia di deoccupazione e reintegrazione del territorio temporaneamente occupato della Repubblica autonoma di Crimea e della città di Sebastopoli” (allegato).
  2. Approvare la Strategia di deoccupazione e reintegrazione del territorio temporaneamente occupato della Repubblica Autonoma di Crimea e della città di Sebastopoli (allegato).
  3. Il controllo sull’attuazione della decisione del Consiglio Nazionale di Sicurezza e Difesa dell’Ucraina, emanata dal presente decreto, è affidato al Segretario del Consiglio Nazionale di Sicurezza e Difesa dell’Ucraina.
  4. Il presente decreto entra in vigore il giorno della sua pubblicazione.

Presidente dell’Ucraina V.ZELENSKY 24 marzo 2021

Fondamentalmente, questo decreto esplicita che l’Ucraina di volersi riprendere la Crimea. Naturalmente i russi non consegneranno mai la Crimea volontariamente perché la considerano territorio russo, e quindi l’Ucraina dovrebbe prenderla con la forza. Questa è essenzialmente una dichiarazione di guerra contro la Russia, e Zelensky non avrebbe mai firmato un tale documento senza l’approvazione dell’amministrazione Biden. Dopo la firma del decreto n. 117/2021, abbiamo iniziato a vedere le forze russe riversarsi in Crimea e nelle aree dell’Ucraina orientale controllate dai separatisti a un ritmo impressionante.

Inoltre, è stato riferito che la 56a Brigata d’Assalto Aereo delle Guardie è in movimento, e questo non è affatto un buon segno.

I russi stanno prendendo molto sul serio la dichiarazione di guerra di Zelensky, ma i media occidentali danno la colpa all'”aggressione russa” per l’aumento delle tensioni nella regione. La verità è che i russi non avrebbero mai fatto nessuna di queste mosse se i guerrafondai dell’amministrazione Biden non avessero dato a Zelensky il via libera per firmare il decreto n. 117/2021. In questi giorni i combattimenti sono già iniziati in Ucraina https://www.rferl.org/a/ukrainian-russian-military-buildup-border/31180563.html, la missione di monitoraggio dell’OSCE in Ucraina ha riportato centinaia di violazioni del cessate il fuoco negli ultimi giorni.

In risposta ai nuovi combattimenti, il comando europeo degli Stati Uniti “ha innalzato il suo stato di allerta al livello più alto” https://www.politico.com/news/2021/03/31/pentagon-russia-aggression-eastern-europe-478773. Il capo di stato maggiore ha effettivamente avuto una telefonata con la sua controparte in Russia mercoledì per affrontare l’escalation della situazione https://www.cbsnews.com/news/russia-troops-ukraine-border-concerning-united-states/.

Tutto potrebbe degenerare velocemente. Se qualcuno fa qualcosa di veramente stupido e i russi avvertono la necessità di inviare la loro forza di invasione in Ucraina, dopo non si potrà più tornare indietro.

In questi giorni poi è in atto l’esercitazione Defender-Europe 21, che ha mobilitato decine di migliaia di truppe con migliaia di carri armati e altre attrezzature sul territorio europeo. Sotto il Comando dell’Esercito degli Stati Uniti per l’Europa e l’Africa, si sono mobilitate 28.000 truppe degli Stati Uniti e 25 alleati e partner della NATO: condurranno operazioni in più di 30 aree di addestramento in 12 paesi, tra cui esercitazioni con fuoco vivo e missili. Anche l’Aeronautica e la Marina degli Stati Uniti parteciperanno. A marzo sono stati inviati 1.200 veicoli blindati e altre attrezzature pesanti dagli Stati Uniti verso l’Europa, coinvolti 13 aeroporti e 4 porti europei, tra cui l’Italia. In aprile saranno spostati più di 1.000 pezzi di equipaggiamento pesante da tre depositi preparati dell’esercito americano (Italia -probabilmente Camp Darby- Germania e Paesi Bassi). A maggio, quattro grandi esercitazioni avranno luogo in 12 paesi, tra cui l’Italia.