Lorenzo Maria Pacini – Intervista con Aleksandr Gel’evič Dugin per Nexus

1) Aleksandr Gel’evič, l’attuale conflitto tra Russia e Ucraina sta cambiando l’ordine geopolitico globale in modo multipolare. Come pensa che sarà l’architettura internazionale – diciamo nei prossimi cinque anni – quando i combattimenti saranno finiti? Cosa cambierà esattamente, quali equilibri di potere sulla scacchiera mondiale emergeranno e/o si configureranno?

Prima di tutto, si forma chiaramente un sistema a tre poli. Ognuno di loro ha la propria area di responsabilità, la propria moneta di riserva, il proprio insieme di valori culturali, la propria strategia indipendente.
Non una sola umanità normativa emergerà (come proiezione dell’Occidente liberale e delle sue norme e regole), ma tre. Non un ordine liberale basato sulle regole occidentali, ma tre diversi ordini di civiltà – con ideologie diverse. Questo sarà un duro colpo per il globalismo.
In seguito a questo crollo del mondo globale, altre civiltà si uniranno. Prima di tutto, credo, l’India. Ha il suo sistema, un’enorme demografia, un potente potenziale economico. Il mondo può diventare quadripolare abbastanza rapidamente. Poi verrà il momento del mondo islamico, dove Iran, Pakistan, Turchia, così come la Siria, sono già entità sovrane.
L’America Latina e l’Africa graviteranno verso lo stesso.
E in parallelo a questo, penso che inizierà una guerra civile in Europa – i popoli europei si solleveranno contro le élite globaliste. Quando i continentali vinceranno, l’Europa sarà organizzata in un altro polo.
E infine, sotto i colpi di tutti i lati, la stessa dittatura globalista negli Stati Uniti crollerà, e sia i trumpisti che i continentali americani creeranno un nuovo stato. Forse il più forte, forse no.

2) La lotta geopolitica è anche uno “scontro di civiltà”, come dice Huntington, che contrasta con la “fine della storia” sostenuta da Fukuyama. Più volte nei suoi discorsi lei ha parlato di una “guerra dello spirito” per quello che sta accadendo. Potrebbe spiegare meglio la sua visione metafisica di questo conflitto?

È una lunga storia. Sono un tradizionalista e credo che il mondo moderno sia l’opposto del mondo della Tradizione. L’Occidente moderno ha distrutto la propria tradizione, quella medievale, quella antica, e sta distruggendo la tradizione negli altri popoli. In breve, l’Occidente moderno è il Satana collettivo, l’Anticristo. Alla fine dei tempi, e noi viviamo nella fine dei tempi, Satana ha il sopravvento su coloro che rimangono fedeli a Dio, all’ordine sacro. Ma non dura a lungo. Nella battaglia finale, gli eserciti dell’Arcangelo Michele, cioè noi, sono vittoriosi. Questo è il punto: è la lotta della Tradizione contro il mondo moderno, la rivoluzione conservatrice mondiale. Per i cristiani è una guerra contro l’Anticristo, per i musulmani contro il Dajjal, per gli indù contro il Kali Yuga, per i cinesi contro il capitalismo e l’imperialismo occidentale.

3) In Italia lei è stato ripetutamente chiamato “l’ideologo di Putin” e “il Rasputin del Cremlino”. Gran parte della stampa italiana la associa politicamente all’estrema destra, chiamandola “fascista” o “neonazista”. E questo – come per chiunque riceva una “etichetta ideologica” dai media – ha comunque contribuito a cambiare la percezione degli italiani, intellettuali o gente comune. Cosa pensa che abbia spinto a tali etichette poco sensate?

Sono una persona abbastanza coraggiosa, e se fossi un fascista o un nazista, lo direi. E non mi interessa cosa ne pensano gli altri. Allo stesso modo, se fossi un comunista. Ma non sono un nazista o un fascista o un comunista, e ho dettagliato la mia critica di queste visioni del mondo in “La quarta teoria politica” e nei miei altri scritti. Sono contro l’Occidente moderno e tutte le sue ideologie – liberalismo, comunismo e fascismo. Per me i soggetti normativi di tutti e tre – individuo, classe e nazione (molto meno la razza) non sono accettabili. Credo che il soggetto della politica debba essere il Dasein o il Popolo esistenzialmente inteso, non una nazione politica, ma l’unità storica e culturale di tutto l’organico – sempre aperto e slegato dalla cittadinanza o dall’etnia. Una nazione è un’unità di destino.
Ma il liberalismo che prevale oggi non permette la stessa possibilità di critica dalla posizione della Quarta Teoria Politica. Tutto ciò che è contrario deve essere o fascismo o comunismo. Quindi i liberali non discutono con me, semplicemente mi demonizzano, mi bandiscono, e poi vendono una caricatura che loro stessi hanno creato e che non ha niente a che fare con me o con le mie idee.
Lo stesso vale per Putin. Non è chiaramente un liberale, ma nemmeno un comunista e ancor meno un nazionalista. Come lo definiscono? Come un mix di Stalin e Hitler, i liberali non ci mettono molto a decidere. E lui non è nessuno dei due. I liberali non sono nazisti, ma si comportano come tali. E il loro comportamento ricorda anche i processi stalinisti, anche se non sono comunisti.
So tutto questo dalla mia gioventù sovietica: il liberalismo è diventato così totalitario che non tollera il dissenso ed è incapace di polemizzare. È un monologo. Questo monologo narcisistico senza cervello è la cosa più sgradevole del fascismo e del comunismo. Questo è il metodo preferito del liberalismo oggi: se non sei un liberale sei un nemico della società aperta, cioè un “fascista”. Questo non può essere cambiato. Il campo di concentramento ideologico in Occidente e nel mondo scomparirà insieme al liberalismo, così come sono scomparse altre ideologie totalitarie occidentali.

4) Ci dica per il nostro pubblico italiano, che è sempre più interessato alle sue idee, ma allo stesso tempo spesso ascolta solo ciò che viene trasmesso dai media mainstream: qual è il suo rapporto con Vladimir Putin?

Putin ed io siamo ispirati dalla logica del destino russo, sosteniamo l’identità russa, siamo devoti alla civiltà russa e siamo consapevoli delle regole del grande gioco geopolitico. Credo che questa coincidenza sia spontanea.

5) La sua quarta teoria politica è il superamento delle tre grandi dottrine politiche, ed è affascinante anche per gli europei, compresi gli italiani. C’è, infatti, qualche elemento nuovo che offre possibilità per il futuro – anche per il nostro paese? E, secondo lei, che ruolo ha l’Italia nella rinascita dell’Europa? E in che misura la sua Quarta Teoria Politica può essere una via d’uscita?

Non posso dire di essere particolarmente colpito dal patriottismo italiano. Né sono impressionato da alcuno stato nazionale borghese creato nei tempi moderni. Ammiro Roma e l’impero romano. Sono affascinato dal Rinascimento italiano. Sono molto affezionato alle regioni italiane – la Sicilia, il Nord, ecc. E sono molto colpito dalle opere e dalle idee del tradizionalista italiano Julius Evola.
La quarta teoria politica in Italia deve fondarsi logicamente sul Dasein italiano. Ma cos’è? Ogni nazione ha il suo Dasein. Non è una categoria formale – non è la cittadinanza, non è l’etnia, non è la lingua… È la struttura della vita e la relazione con la morte, è la profondità di una cultura metafisica ed esistenziale. A volte penso di sentire il Dasein italiano e di ammirarlo. Ma questo richiede una seria filosofia. Nella mia serie di libri, Noomachia, uno dei volumi è dedicato al Logos latino. Guardo la storia d’Italia, dall’antica Roma ad oggi. Ma questo è ancora solo un approccio preliminare. Descrivere ed esplorare il Dasein italiano è una questione che riguarda gli italiani stessi. È anche il punto su cui dovrebbe essere costruita la specifica versione italiana della Quarta Teoria Politica. A proposito, tali studi sono già stati avviati in Spagna, Brasile, Argentina e altri paesi.

6) Come risultato delle sanzioni (passate e presenti) la Russia è e sarà costretta ad aumentare la sua indipendenza dalla finanza occidentale. E secondo alcuni, si avvicina la possibilità di un ritorno al gold standard, superando la moneta fiat che prevale dagli anni ’70, quando gli Stati Uniti imposero al mondo una moneta astratta senza valore. Inoltre, l’oro ha un preciso significato simbolico di cui le tradizioni spirituali hanno sempre tenuto conto. Pensa che un tale scenario avrebbe solo un significato economico o anche un significato più ampio?

Mi attengo piuttosto alla teoria economica sviluppata da Ezra Pound nei Cantos. Il gold standard è una categoria associata a qualcosa di estraneo a una particolare economia e porta già un riferimento modificato, ma al currency board. La moneta nazionale dovrebbe essere collegata solo al volume del prodotto interno. L’emissione è una questione che riguarda la banca centrale sovrana, senza alcun riferimento a misure estranee, che si tratti di una moneta di riserva mondiale o di un gold standard. E per non innescare l’inflazione, gli investimenti strategici devono essere incanalati attraverso un secondo ciclo, separato dal consumatore di massa. Questo modello non dipende dall’ideologia: il New Deal di Roosevelt, l’economia di Stalin del 1928-1953 e l’economia di Hjalmar Schacht erano ugualmente efficaci, mentre il liberalismo, il comunismo o il nazismo in altre versioni potevano essere combinati con la stagnazione, il collasso e il degrado. La sovranità economica, che Pound esaltava e che il brillante Silvio Gesell ha cercato di incarnare, è la soluzione ottimale.

https://www.geopolitica.ru/article/narody-evropy-vosstanut-protiv-globalistskih-elit

Previous articleMARTIN HEIDEGGER, RUSSIA E FILOSOFIA POLITICA
Next articlePerché i rapporti sui presunti crimini di guerra russi a Bucha sono una bugia
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità.