Non credo di essere l’unica persona ad averlo notato – C’è stato un improvviso diluvio di propaganda per la vaccinazione del covid e per il passaporto vaccinale nell’ultimo mese, più di quanto non si sia visto dall’inizio di quest’anno. Parlo degli Stati Uniti in particolare, ma è importante sottolineare che negli Stati Uniti l’establishment sta ancora chiedendo a gran voce un tasso di vaccinazione molto più alto. In posti come l’Europa, il Regno Unito e l’Australia i tassi di vaccinazione sono più alti e i governi sono passati alla fase del passaporto dei vaccini della loro agenda. … Come è possibile che quasi tutti i governi del pianeta siano d’accordo sul totalitarismo medico? tratto da https://alt-market.us/why-are-globalists-and-governments-so-desperate-for-100-vaccination-rates/

Bene, credo che a parte il WEF, il Great Reset e un bel documento digitale che raggruppa in modo univoco tutti i nostri dati, ebbene c’è un olio motore che unge tutto e tutti. E’ un business economico mostruoso: mascherini/dispositivi, tamponi e vaccini.

Dunque, mi è capitato in mano il bilancio di Pfizer. E’ sicuro che ha investito in sviluppo e ricerca per oltre un decennio in materia di vettori a MRNA, ma un conto è creare linee di prodotti che vendi a una parte della popolazione, e un altro affare è venderlo capillarmente a tutti per continue dosi.

https://www.adnkronos.com/vaccino-covid-silvestri-serviranno-terza-e-quarta-dose_1fFZDIVN0Wj9tF9Jhu0WuJ

Del resto ragazzi aumentano i contagi, il vax dura poco e bisogna continuare a vaccinare. Israele parte già con la terza dose https://www.huffingtonpost.it/entry/bennett-alla-prova-con-la-terza-dose-di-vaccino-e-le-misure-restrittive_it_6107ab3fe4b00fa7af8476bb

PFIZER COMUNICA I RISULTATI DEL SECONDO TRIMESTRE 2021
Ricavi del secondo trimestre 2021 pari a 19,0 miliardi di dollari, con una crescita operativa dell’86%; escludendo BNT162b2(1), i ricavi sono cresciuti operativamente del 10% a 11,1 miliardi di dollari
La crescita operativa del 10% escludendo BNT162b2(1) nel secondo trimestre 2021 si basa sulla crescita operativa del 6% fornita dal business comparabile nel secondo trimestre 2020
Il secondo trimestre 2021 ha riportato un EPS diluito(2) di 0,98 dollari, un EPS diluito rettificato(3) di 1,07 dollari
Aumenta le previsioni per l’intero anno 2021(4) per i ricavi a un range da 78,0 a 80,0 miliardi di dollari e l’EPS diluito rettificato(3) a un range da 3,95 a 4,05 dollari, riflettendo gli aggiornamenti delle prospettive per il business di Pfizer, sia includendo che escludendo BNT162b2(1)
Ora prevede ricavi per il 2021 di circa 33,5 miliardi di dollari per BNT162b2(1), che riflettono 2,1 miliardi di dosi che si prevede saranno consegnate nel 2021 in base ai contratti firmati a metà luglio 2021
Aumenta di 400 milioni di dollari le fasce di riferimento, escludendo BNT162b2(1), per il fatturato e di 0,05 dollari l’EPS diluito rettificato(3)
Efficacia del 100% osservata nello studio di fase 2b del candidato vaccino per adulti RSV; fornisce nuovi aggiornamenti sui dati relativi ai programmi COVID-19 Vaccine Booster e COVID-19 Antivirale Orale come parte di una revisione più ampia di 8 composti potenzialmente di prima classe

NEW YORK–(BUSINESS WIRE)–Pfizer Inc. (NYSE: PFE) ha comunicato i risultati finanziari del secondo trimestre 2021 e ha aumentato le previsioni per il 2021(4) per i ricavi e l’EPS diluito rettificato(3) grazie all’aggiornamento delle aspettative per i contributi alla performance del 2021 sia da parte di BNT162b2, il vaccino COVID-19 di Pfizer-BioNTech SE (BioNTech), sia per la sua attività escludendo BNT162b2(1). https://www.businesswire.com/news/home/20210728005318/en/PFIZER-REPORTS-SECOND-QUARTER-2021-RESULTS

Inoltre, Pfizer ha pubblicato questa mattina sul suo sito web la presentazione dei guadagni del secondo trimestre 2021 e le osservazioni preparate di accompagnamento del management, nonché l’aggiornamento trimestrale della sua pipeline di R&S.

COMMENTO ESECUTIVO: Il dottor Albert Bourla, presidente e amministratore delegato, ha dichiarato: “Il secondo trimestre è stato notevole in diversi modi. In particolare, la velocità e l’efficienza dei nostri sforzi con BioNTech per aiutare a vaccinare il mondo contro COVID-19 sono stati senza precedenti, con oltre un miliardo di dosi di BNT162b2 consegnate a livello globale. Inoltre, siamo altrettanto orgogliosi della performance del secondo trimestre della nostra attività, escluso BNT162b2(1), che ha registrato una crescita del 10% dei ricavi operativi. Guardando al futuro, rimaniamo molto fiduciosi nella nostra capacità di raggiungere almeno un tasso di crescita annuale composto del 6% fino al 2025 e intendiamo costruire sui nostri recenti successi continuando a seguire la scienza, ad avere fiducia nel nostro personale e a rimanere concentrati sulla realizzazione di scoperte per i pazienti che serviamo”.

Frank D’Amelio, Chief Financial Officer e vicepresidente esecutivo, Global Supply, ha dichiarato: “La performance del secondo trimestre di Pfizer ha evidenziato ancora una volta la forza di fondo della nostra attività, con una crescita consistente e solida proveniente da più prodotti e categorie. È importante sottolineare che il tasso di crescita dei ricavi operativi del 10% su base annua per la nostra attività, escluso BNT162b2(1), si aggiunge a un forte tasso di crescita operativa del 6% registrato dall’attività comparabile nel secondo trimestre dello scorso anno. A seguito degli aggiornamenti delle nostre aspettative per la nostra attività, sia includendo che escludendo BNT162b2(1), stiamo aumentando le nostre gamme di guida finanziaria per il 2021 per i ricavi e l’EPS diluito rettificato(3) per il secondo trimestre di fila”.

I risultati del secondo trimestre e dei primi sei mesi del 2021 e del 2020(5) sono riassunti di seguito.

Il bilancio prosegue con: “Il punto medio dell’intervallo della guidance per i ricavi rappresenta una crescita dell’89% rispetto ai ricavi del 2020, compreso un previsto impatto favorevole di 1,5 miliardi di dollari, o del 4%, dovuto alle variazioni dei tassi di cambio rispetto al 2020. Il punto medio dell’intervallo di guida aggiornato per l’EPS diluito rettificato(3) riflette un aumento del 77% rispetto ai risultati effettivi del 2020(8), compreso un beneficio previsto di 0,10 dollari, o del 4%, dovuto a cambiamenti favorevoli nei tassi di cambio rispetto al 2020. La guida finanziaria per l’EPS diluito rettificato(3) è calcolata utilizzando circa 5,7 miliardi di azioni medie ponderate in circolazione, e attualmente non prevede alcun riacquisto di azioni nel 2021. Aggiornamento delle ipotesi relative a BNT162b2(1) all’interno della guidance. A causa di ulteriori accordi di fornitura che sono stati firmati da metà aprile a metà luglio, Pfizer sta aggiornando le ipotesi di ricavo relative a BNT162b2(1) incorporate all’interno degli intervalli di guida di cui sopra. Le ipotesi aggiornate sono riassunte di seguito.

La proiezione dei ricavi di BNT162b2(1) incorporata nella guida finanziaria di Pfizer per il 2021 comprende 2,1 miliardi di dosi che dovrebbero essere consegnate nel 2021(5) in base a contratti firmati fino a metà luglio 2021. Questa guida può essere modificata in futuro con la firma di ulteriori contratti. Sulla base delle proiezioni attuali, Pfizer e BioNTech prevedono di produrre in totale fino a 3 miliardi di dosi entro la fine di dicembre 2021, soggetti a continui miglioramenti di processo, all’espansione nelle strutture attuali e all’aggiunta di nuovi fornitori e produttori a contratto.


La guidance del margine IBT rettificato(3) per BNT162b2(1) incorpora l’attuale aspettativa di ricavi per il prodotto, meno i costi rettificati(3) previsti per produrre, commercializzare e distribuire BNT162b2(1), comprese le spese per le royalty applicabili e una ripartizione del 50% dell’utile lordo con BioNTech, nonché le spese di R&S condivise relative a BNT162b2(1) e i costi associati ad altri beni attualmente in sviluppo per la prevenzione e il trattamento di COVID-19. Include anche le spese di R&S relative ad altri programmi di sviluppo basati su mRNA. Non include un’allocazione di costi aziendali o altre spese generali.
Intervalli di previsione finanziaria selezionati, escluso BNT162b2(1)
Pfizer sta aumentando i suoi intervalli di previsione finanziaria per i ricavi e l’EPS diluito rettificato(3) escludendo i contributi di BNT162b2(1).

ALLOCAZIONE DEL CAPITALE
Durante i primi sei mesi del 2021, Pfizer ha pagato 4,4 miliardi di dollari di dividendi in contanti, o 0,78 dollari per azione di azioni ordinarie, il che rappresenta un aumento dei dividendi per azione del 3% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
Nessun riacquisto di azioni è stato completato fino ad oggi nel 2021 (leggi buyback). Al 28 luglio 2021, l’autorizzazione residua di riacquisto di azioni di Pfizer è di 5,3 miliardi di dollari. L’attuale guida finanziaria per il 2021 non riflette alcun riacquisto di azioni nel 2021.
La media ponderata diluita delle azioni in circolazione del secondo trimestre 2021 utilizzata per calcolare l’EPS diluito riportato(2) e rettificato(3) è stata di 5.678 milioni di azioni, con un aumento di 59 milioni di azioni rispetto al trimestre dell’anno precedente dovuto principalmente alle azioni emesse per i programmi di compensazione dei dipendenti.
HIGHLIGHTS FINANZIARI TRIMESTRE (Secondo trimestre 2021 vs. Secondo trimestre 2020)
I ricavi del secondo trimestre 2021 hanno totalizzato 19,0 miliardi di dollari, con un aumento di 9,1 miliardi di dollari, o 92%, rispetto al trimestre dell’anno precedente, riflettendo una crescita operativa di 8,5 miliardi di dollari, o 86%, nonché un impatto favorevole dei cambi di 637 milioni di dollari, o 6%.

Salto una parte del bilancio e arriviamo a R&S (ricerca e sviluppo), eh perché qua c’è un dettaglio che a moltissimi sfugge: Le spese di R&S del secondo trimestre 2021(2) sono aumentate operativamente del 17% rispetto al trimestre dell’anno precedente, il che riflette principalmente gli investimenti incrementali in più categorie terapeutiche, comprese le spese aggiuntive legate allo sviluppo di BNT162b2(1) e ai farmaci per il trattamento di COVID-19, nonché un onere per le attività di R&S in corso relative a un’acquisizione di beni completata nel secondo trimestre del 2021, parzialmente compensato dal mancato recupero dei pagamenti anticipati associati a due accordi di R&S conclusi nel secondo trimestre 2020. (quindi investono per modificare i prox vaccini per le varianti… perché dovrete continuare a vaccinarvi)

Gli altri proventi netti(2) nel secondo trimestre 2021 sono diminuiti del 5% a livello operativo rispetto al secondo trimestre 2020, principalmente a causa di maggiori oneri legali e minori ricavi da collaborazioni, parzialmente compensati da maggiori ricavi da accordi per servizi di transizione, maggiori guadagni netti su titoli azionari e cessioni di attività, minori interessi passivi e maggiori crediti netti per benefici periodici relativi a piani pensionistici e postpensionistici. = hanno maggiori spese (devono oliare gli ingranaggi ??? leggi collaborazioni??? sicuramente questa è una mia illazione senza fondamento), ma compensano guadagnano sulle azioni e cedendo rami secchi aziendali. Stanno anche risparmiando perché hanno minori interessi passivi. MA come se non bastasse si legge: L’aliquota fiscale effettiva di Pfizer sul reddito riportato(2) per il secondo trimestre 2021 rispetto al trimestre dell’anno precedente è aumentata a causa di un cambiamento sfavorevole nel mix giurisdizionale dei guadagni principalmente legato a BNT162b2(1).

Ed infatti hanno chiesto pure di essere detassati, sai pagare le tasse è una faticaccia:

https://www.31mag.nl/pfizer-usa-il-paradiso-fiscale-olanda-per-eludere-le-tasse/Pfizer, la società americana che ha realizzato il primo vaccino anti-Covid incanala gran parte dei suoi profitti attraverso paradisi fiscali, tra cui Paesi Bassi, Lussemburgo e Irlanda. Lo scriveva qualche tempo fa la piattaforma Follow The Money (FTM). Nei Paesi Bassi, Pfizer non pagherebbe nemmeno un centesimo di tasse mentre la società ha un ufficio a Capelle aan den IJssel.

https://www.ftm.nl/artikelen/pfizer-avoids-taxes-via-the-netherlands

MA non sono abbastanza felici del bilancio, quindi cosa fare? Pfizer e Moderna aumentano il prezzo dei vaccini del +25% e +10%. Secondo quanto riporta il quotidiano del “Financial Times” Pfizer e Moderna hanno deciso di aumentare il prezzo dei loro vaccini destinati all’Unione Europea https://news.fidelityhouse.eu/salute/pfizer-e-moderna-aumentano-il-prezzo-dei-vaccini-del-25-e-10-519458.html

Bisogna anche ricordarsi che la stessa Pfizer a Gennaio 2021 aveva chiesto di essere tassata di meno https://www.theglobeandmail.com/politics/article-pfizer-pushes-for-tax-breaks-in-2021-federal-budget/

Pipeline Sviluppi www.pfizer.com/science/drug-product-pipeline. Regna padrone il vax covid.

Programma di sviluppo BNT162b2 (vaccino COVID-19)
Sviluppi clinici e di ricerca

A giugno 2021, Pfizer e BioNTech hanno avviato uno studio di Fase 2/3 per valutare ulteriormente la sicurezza, la tollerabilità e l’immunogenicità di BNT162b2 nella prevenzione di COVID-19 in bambini sani di età compresa tra 6 mesi e 11 anni. Le aziende si aspettano di avere i dati di sicurezza e immunogenicità che potrebbero potenzialmente supportare un’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) per l’uso nei bambini dai 5 agli 11 anni di età, se tale EUA è ritenuta necessaria, entro la fine di settembre. Il set di dati completo di questo studio, che sarà richiesto per sostenere l’autorizzazione in questo gruppo di età, è previsto entro la fine del 2021. Pacchetti di dati simili saranno presentati poco dopo per sostenere l’EUA e la licenza nei bambini dai 6 mesi ai 5 anni di età.
A luglio 2021, Pfizer e BioNTech hanno fornito un aggiornamento sullo studio di richiamo di Fase 1/2/3 in corso di una terza dose dell’attuale vaccino BNT162b2. I dati iniziali di sicurezza e immunogenicità dello studio dimostrano che una dose di richiamo somministrata almeno 6 mesi dopo la seconda dose ha un profilo di tollerabilità coerente, mentre suscita titoli di neutralizzazione elevati contro il tipo selvaggio e la variante Beta (B.1.351), che sono da 5 a 10 volte più alti rispetto alle due dosi primarie. Inoltre, i dati recentemente divulgati dimostrano che una terza dose induce titoli di neutralizzazione contro la variante Delta (B.1.617.2) che sono più di cinque volte più alti nelle persone più giovani e più di 11 volte più alti nelle persone più anziane che dopo due dosi. Le aziende si aspettano di pubblicare dati più definitivi sull’analisi e tutti i dati accumulati saranno condivisi come parte delle discussioni in corso con la FDA, EMA e altre autorità di regolamentazione nelle prossime settimane. (Sì continueranno a vaccinarvi in massa!)
A luglio 2021, Pfizer e BioNTech hanno iniziato la parte globale di Fase 3 dello studio clinico per valutare l’efficacia, la sicurezza e la tollerabilità di una terza dose di BNT162b2 rispetto al placebo, compresa la valutazione dell’efficacia del richiamo nel continuare a prevenire l’infezione da COVID-19. Lo studio di Fase 3 arruolerà 10.000 partecipanti che hanno partecipato alla sperimentazione originale di Fase 3.
Sviluppi normativi
Nel maggio 2021, Pfizer e BioNTech hanno ricevuto l’approvazione dall’EMA per estendere il periodo di conservazione di una fiala scongelata non aperta di BNT162b2 a 2-8°C da cinque giorni a un mese (31 giorni) per facilitare la gestione del vaccino nei centri di vaccinazione nell’Unione europea (UE).
Nel maggio 2021, Pfizer e BioNTech hanno annunciato un’autorizzazione estesa nell’UE come parte della sua Conditional Marketing Authorization (CMA), e separatamente un’autorizzazione estesa negli Stati Uniti come parte della sua EUA, per l’uso di BNT162b2 in individui dai 12 ai 15 anni di età. BNT162b2 è il primo vaccino COVID-19 ad essere autorizzato per l’uso in questo gruppo di età(10).
Nel luglio 2021, Pfizer e BioNTech hanno annunciato che la FDA ha concesso la designazione di Priority Review per la Biologics License Application (BLA) per il loro vaccino mRNA per prevenire COVID-19 in individui di 16 anni e più. Questo segue il completamento della presentazione della BLA nel maggio 2021, che include i dati dello studio clinico pivotal di fase 3 del vaccino, dove l’efficacia del vaccino e il profilo di sicurezza favorevole sono stati osservati fino a sei mesi dopo la seconda dose. La data obiettivo del PDUFA per una decisione della FDA è nel gennaio 2022.
Sviluppi commerciali
Nel maggio 2021, Pfizer e BioNTech hanno annunciato un accordo con la Commissione europea (CE) per la fornitura di 900 milioni di dosi di BNT162b2 all’UE, con un’opzione per l’UE di richiedere fino ad altri 900 milioni di dosi per un totale di fino a 1,8 miliardi di dosi. I 900 milioni di dosi concordate dovrebbero essere consegnati secondo un programma mensile che inizia nel dicembre 2021 e continua nel 2023. Questo nuovo accordo si aggiunge ai 600 milioni di dosi che erano già stati impegnati nell’UE fino al 2021.

Nel giugno 2021, Pfizer e BioNTech hanno annunciato piani per fornire 500 milioni di dosi di BNT162b2 al governo degli Stati Uniti a un prezzo senza scopo di lucro per la donazione a circa 100 paesi a basso e medio reddito, compresi quelli dell’Unione africana, attraverso la COVAX Facility. Le consegne ai sensi dell’accordo inizieranno nell’agosto 2021, con 200 milioni di dosi da consegnare fino alla fine del 2021 e i restanti 300 milioni di dosi da consegnare nella prima metà del 2022. L’accordo prevede anche che il governo degli Stati Uniti abbia un’opzione per ulteriori dosi nel 2022.
A luglio 2021, Pfizer e BioNTech hanno annunciato la firma di una lettera d’intenti con The Biovac Institute (Pty) Ltd (Biovac), una società biofarmaceutica sudafricana, per produrre BNT162b2 da distribuire all’interno dell’Unione Africana. Biovac otterrà la sostanza farmacologica da strutture in Europa, e la produzione di dosi finite inizierà nel 2022. A piena capacità operativa, la produzione annuale è stimata in circa 100 milioni di dosi finite. Tutte le dosi saranno distribuite esclusivamente all’interno dei 55 stati membri che compongono l’Unione africana.
Nel luglio 2021, Pfizer e BioNTech hanno annunciato che il governo degli Stati Uniti ha accettato di acquistare altri 200 milioni di dosi di BNT162b2, di cui 110 milioni di dosi dovrebbero essere consegnate da ottobre a dicembre 2021 e il resto da gennaio ad aprile 2022. Questo porta il numero totale di dosi da fornire al governo degli Stati Uniti nell’ambito dell’accordo di fornitura esistente a 500 milioni. Questo accordo è separato dai 500 milioni di dosi da fornire al governo degli Stati Uniti per la donazione alle nazioni più povere del mondo, che è stato annunciato nel giugno 2021. (Questo spiega la massiccia volontà di Biden di volere vaccinare tutti.)

E ora il pastiglione. Stanchi di fare inoculazioni si passa alla pillola:
PF-07304814 (Inibitore della proteasi per via endovenosa per COVID-19) — A seguito di una comunicazione della FDA nel luglio 2021, Pfizer prevede l’inizio di uno studio di Fase 2/3 nel terzo trimestre 2021 del suo candidato clinico inibitore della proteasi per via endovenosa, PF-07304814, una potenziale nuova opzione di trattamento per i pazienti ospedalizzati con COVID-19.
PF-07321332 (inibitore orale della proteasi per COVID-19) — Pfizer ha fornito oggi ulteriori dettagli sul suo programma di inibitore orale della proteasi per il trattamento della COVID-19. PF-07321332 mostra un’attività antivirale potente e selettiva in vitro contro la SARS-CoV-2 e altri coronavirus. Inoltre, ha dimostrato un robusto effetto antivirale preclinico in cellule umane in vitro, e in animali infettati da SARS-CoV-2. In uno studio farmacocinetico di fase 1 in volontari sani, PF-07321332 ha mostrato un’elevata esposizione al farmaco per 10 giorni, superando il livello di esposizione previsto per inibire la replicazione virale della SARS-CoV-2 di più di cinque volte. Sulla base di questi dati, Pfizer ha iniziato uno studio di fase 2/3 in pazienti COVID-19 a luglio 2021. I dati della sperimentazione sono attesi nel quarto trimestre del 2021.

Ora il bilancio https://www.businesswire.com/news/home/20210728005318/en/PFIZER-REPORTS-SECOND-QUARTER-2021-RESULTS è ben più lungo, io ho solo riportato i passaggi più importanti. MA una cosa è sicura, dalle linee guida si evince che continuerà la vaccinazione di massa, in modo diffusamente capillare. In un anno hanno guadagnato così bene da poter raggiungere tutti i gangli del potere mondiale… Quindi ora pensate davvero di fermarli? No, hanno trovato la vacca più sacra, il malato perenne che rende un patrimonio e in modo diffuso a livello globale. Credete davvero che qualcuno o qualcosa li fermerà? Assolutamente NO. Alessia C. F. (ALKA)