Quando la Lituania aderì all’UE, nel 2002 firmò un trattato (tra Russia, Lituania e UE) dove veniva garantito il transito di merci e passeggeri attraverso la Lituania per ferrovia http://kremlin.ru/supplement/3537. Questo trattato è stato una delle basi per l’adesione della Lituania all’UE. Non si parla di esportazione di merci dalla Russia, ma del trasporto di merci dalla Russia continentale alla sua exclave di Kaliningrad e viceversa. Il blocco di Kaliningrad può apparentemente essere aggirato con relativa facilità via mare e quindi non rappresenta una minaccia esistenziale per l’exclave russa, ma viene visto in Russia come un’ulteriore conferma del fatto che è inutile parlare o negoziare ancora con l’UE se quest’ultima infrange i trattati esistenti a suo piacimento.
Cosa comporterà il divieto di transito delle merci sanzionate a Kaliningrad?
Una idea ce la possiamo fare leggendo https://rbc-ru.turbopages.org/rbc.ru/s/politics/20/06/2022/62b06bc29a7947449e062cf5. L’elenco delle merci il cui transito dal territorio della Russia al territorio della sua exclave è vietato, è riportato nell’ultima edizione del Regolamento del Consiglio dell’Unione Europea (n. 833/2014 “sulle misure restrittive in relazione alle azioni della Russia volte a destabilizzare l’Ucraina” https://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/?uri=CELEX%3A02014R0833-20220604). Contiene il divieto di importare, trasferire o spostare prodotti in ferro, acciaio e alcuni altri metalli, nonché caviale, alcol, fertilizzanti, legno e prodotti in legno, oggetti in vetro e cemento. Sono state fissate quote per i fertilizzanti. Il carbone sarà vietato dal 10 agosto, il petrolio dal 5 dicembre e i prodotti petroliferi dal 5 febbraio del prossimo anno. L’articolo 3L di questo regolamento vieta inoltre alle aziende di trasporto russe di trasportare merci su strada verso l’UE, ad eccezione delle merci destinate a Kaliningrad, ma nel caso in cui il trasporto delle merci non sia vietato da altri regolamenti, ricorda Ivan Timofeyev, direttore del programma del Consiglio russo per gli affari internazionali. Secondo lui, il governo lituano si baserà molto probabilmente sugli articoli che vietano il trasporto di prodotti siderurgici e di merci dell’Allegato XXI (che includono fertilizzanti, prodotti in legno e caviale).

Ecco come la televisione russa sta riportando la notizia https://vesti7.ru/video/2432795/episode/26-06-2022/:
<<Blocco: e adesso?
Il 18 giugno la Lituania ha chiuso il transito ferroviario verso Kaliningrad. Si dice, nell’ambito delle sanzioni antirusse dell’UE. Fino al 50% delle merci arriva nell’enclave russa su rotaia, e la regione avrà difficoltà. Il segretario del Consiglio di sicurezza russo Nikolai Patrushev è arrivato a Kaliningrad martedì. Ha dichiarato: “La Lituania ha violato le norme e i principi del diritto internazionale, quindi la reazione della Russia a queste azioni apertamente ostili seguirà molto presto. La portavoce del Ministero degli Esteri Maria Zakharova ha chiarito in una conferenza stampa giovedì che la risposta non sarà più diplomatica ma “pratica”. Esiste infatti un’intera gamma di opzioni per una risposta “pratica”, e certamente nessuna di esse accontenterà la Lituania o l’Unione Europea. Mosca ha già dimostrato la sua determinazione. Forse è per questo che il capo diplomatico dell’UE Borrell, in modo inaspettatamente rapido per un funzionario dell’UE, ha frenato.
Si tratta di trasporti di aziende russe che stanno attraversando la Lituania. Quelli che sono stati lasciati passare. Questo è Kibartai, il valico di frontiera tra Lituania e Russia a Kaliningrad. Oltre a quello ferroviario, qui c’è un passaggio di frontiera pedonale e uno stradale. Il valico è diventato il luogo di blocco per molte delle merci più importanti. Tuttavia, il governo di Vilnius non è d’accordo con questa interpretazione.
“La Russia sta agendo in modo sproporzionato e sta cercando di utilizzare questa opportunità per la sua propaganda”, ha dichiarato il presidente lituano Gitanas Nauseda.
“E che tipo di propaganda è questa quando i russi dicono che non permettete alla Russia di consegnare merci nel suo territorio – a Kaliningrad? Il blocco può essere percepito dalla Russia come un atto di aggressione”, gli ha risposto un giornalista di Bloomberg.
“Ma non c’è nessun blocco. Se si tratta di merci e passeggeri non autorizzati, non c’è alcun blocco”.
Vilnius afferma che sta attuando solo il quarto pacchetto di sanzioni antirusse e incolpa Bruxelles. Tuttavia, la Commissione europea, che ha dovuto rispondere a numerose domande dei giornalisti sulla questione, ha affermato il contrario, ovvero che l’iniziativa è partita dalla Lituania: “Il punto è che se non si tratta di esportazione, le sanzioni non dovrebbero essere applicate. Ma dal momento che la Lituania ha iniziato ad applicare le sanzioni in questo modo, bisogna interpretarle in questo modo”, ha dichiarato Eric Mamer, portavoce della Commissione Europea.
Dalla Lituania e dalle sue ferrovie è giunta la notizia che il transito di una serie di merci russe sarebbe stato bloccato a partire dal 18 giugno. Metallo, cemento, materiali da costruzione… Vilnius è tradizionalmente in prima linea in qualsiasi iniziativa contro la Russia ed è naturalmente il sostenitore più accanito di ogni nuova sanzione. E una tale posizione antirussa è storica nella piccola Lituania.
“La Lituania era un potente Stato dell’Europa orientale che ha espanso il suo potere soprattutto appropriandosi dei territori abitati dai russi, che oggi appartengono alla Bielorussia. Anche alcuni atti giuridici dello Stato lituano erano scritti in russo, poiché la maggior parte della popolazione non era affatto lituana. E naturalmente il ricordo dell’antica grandezza viene ora riproposto, con l’aiuto dell’Occidente. Ora possono abbaiare impunemente contro l’elefante russo perché pensano di essere membri dell’UE e della NATO”, afferma Natalia Narochnitskaya, PhD in storia e presidente della Foundation for the Study of Historical Perspectives.
Questo nonostante la Lituania debba i suoi attuali confini alla Russia sovietica. Nell’ottobre del 1939, in cambio dell’installazione di basi militari in Lituania, il governo sovietico regalò alla Lituania quella che i lituani chiamavano la culla della loro libertà, la città di Vilna, oggi Vilnius, e la regione di Vilnius, che pensavano di aver perso per sempre. La gioia dei lituani non conosceva limiti. L’inviato americano in Lituania, Owen Norem, scrisse al Segretario di Stato nell’ottobre del 1939: “Le dimostrazioni si sono svolte per tutto il giorno. Dopo i discorsi, la Campana della Libertà ha suonato a mezzogiorno. Il ritorno di Vilna è stato accolto con grande entusiasmo”.
Insieme a Vilna, la Lituania ricevette Druskininkai, una città turistica sulle rive del fiume Neman, che all’epoca apparteneva alla Repubblica Socialista Sovietica Bielorussa. E già dopo la seconda guerra mondiale, i lituani rimasti in Unione Sovietica ricevettero con Memel uno dei più grandi porti senza ghiaccio sul Mar Baltico e parte dello Spit Curoniano: l’odierna Klaipeda.
Tutti questi erano ex territori della Prussia orientale, una parte dei quali, con la capitale Königsberg, fu annessa alla Russia alla Conferenza di Potsdam nel 1945 e divenne Kaliningrad e l’Oblast’ di Kaliningrad. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, la regione si è trovata all’estero, ma le garanzie per l’approvvigionamento dell’exclave sono state confermate ai massimi livelli.
Prima dell’adesione della Lituania all’Unione europea, al vertice UE-Russia del 2002 gli europei si erano impegnati a garantire il transito a Kaliningrad. In una dichiarazione scritta, le parti hanno riconosciuto la posizione unica di Kaliningrad come parte della Federazione russa, separata dal resto della Federazione da altri Stati. Ora Vilnius, con il pretesto delle sanzioni imposte, sta cercando di mordere anche qui.
“Anche questa è un’argomentazione del tutto mendace. Si tratta del movimento di merci da una parte della Federazione Russa a un’altra parte della Federazione Russa, quindi non si tratta dello scambio di merci con il resto del mondo. Naturalmente, questo è solo un semplice farisaismo, questo è oltraggioso e una tale sfida non dovrebbe rimanere senza risposta secondo me”, ha detto Narochnitskaya.
Il plenipotenziario lituano e l’ambasciatore dell’UE sono stati convocati questa settimana presso il Ministero degli Esteri russo, dove entrambi hanno ricevuto una dura protesta. Inoltre, Mosca ha annunciato misure di ritorsione attraverso i suoi diplomatici. La questione è stata discussa a lungo durante la riunione del Consiglio di sicurezza nazionale a Kaliningrad.
E ora Bruxelles sembra pensare di rivedere i parametri del blocco. L’eurodeputato lituano Petras Auštrevičius è indignato: “Bruxelles è tutta agitata per la questione del transito a Kaliningrad. E sembra che la Russia stia vincendo al momento. È emerso un documento che consente il trasporto di merci sanzionate attraverso il territorio dell’UE da ‘Russia a Russia’”.
Auštrevičius ha aggiunto che la Lituania, al contrario, si attiene senza compromessi alla sua posizione precedente. Ciò significa che Vilnius sta cercando di imporre le sue condizioni alla Commissione europea, il che dimostra che nemmeno l’UE le dà ordini. Proprio come un anno fa, quando la Lituania ha provocato una diatriba con la Cina. In primo luogo, è stato l’unico dei 27 Paesi dell’UE ad aderire al boicottaggio diplomatico statunitense delle Olimpiadi di Pechino. E prima ancora, ha aperto una rappresentanza ufficiale di Taiwan a Vilnius. E tutto questo con il pieno sostegno di Washington. La Cina ha quindi richiamato l’ambasciatore e ha escluso la Lituania dal suo sistema doganale, bloccando di fatto il commercio bilaterale. L’edizione cinese del Global Times ha definito la Lituania “un virus politico statunitense nell’Unione Europea”.
Se l’UE è stata vaccinata lo si vedrà, tra l’altro, dalla situazione del transito di Kaliningrad. Il Presidente lituano Nauseda ha già dichiarato che non si tirerà indietro e che non c’è alcuna questione di corridoi di transito. Tuttavia, l’UE sta chiaramente cercando una via d’uscita da questa situazione.
“Abbiamo due obiettivi: Per prevenire le violazioni delle sanzioni e non per bloccare il transito. Entrambe le cose sono possibili e ci stiamo lavorando. Dobbiamo farlo in modo intelligente per controllare l’applicazione delle sanzioni, ma non per bloccare il transito tra Kaliningrad e il resto della Russia”, ha dichiarato l’Alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza Josep Borrell.
In ogni caso, la Russia ha l’opportunità di rispondere ai passi ostili della Lituania e, come ha dichiarato il Ministero degli Esteri, Mosca adotterà misure per proteggere gli interessi nazionali russi.>>

Previous article[Europa] Non ci crede piú nessuno
Next articleMancano gli additivi per i carburanti. Cosa potrebbe andare storto?
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità.