Dopo aver spostato il carbonio in un sistema in cui sarà “molto vicino a una valuta”, l’élite finanziaria mondiale sta cercando di tokenizzare quasi tutto in natura.
Intervenendo a una sessione laterale alla COP27 di mercoledì, l’ex consulente senior della Banca d’Inghilterra (BoE) e co-presidente del G20 Michael Sheren ha affermato che il carbonio si sta “trasferendo molto rapidamente in un sistema in cui sarà vicino a una valuta” e che il prossimo all’ordine del giorno era la tokenizzazione della natura e della biodiversità, dove luoghi come l’Indonesia, il Brasile e l’Africa sarebbero stati “assolutamente critici”.
“Il carbonio, l’abbiamo già capito, e il carbonio si sta muovendo molto rapidamente in un sistema in cui sarà molto vicino a una valuta” — Michael Sheren, ex banchiere centrale, COP27

“Abbiamo trascorso molto tempo nel G20, molto tempo nella BoE cercando di capire dove si crea valore, non solo nei nostri sistemi, ma anche dove si trovano le minacce”, ha affermato Sheran.
“Il carbonio, l’abbiamo già capito , e il carbonio si sta muovendo molto rapidamente in un sistema in cui sarà molto vicino a una valuta , fondamentalmente essendo in grado di prendere una tonnellata di carbonio assorbito o sequestrato ed essere in grado di creare una curva di prezzo a termine , con architettura dei servizi finanziari, documentazione”, ha aggiunto.
E dato che il carbonio è vicino a una valuta, ” Ci saranno derivati “.
La prossima tappa dell’ordine del giorno è la tokenizzazione dell’acqua, degli alberi e praticamente di tutto il resto in natura.
“Si comincia a pensare di mettere dei prezzi all’acqua, agli alberi, alla biodiversità […] Come si inizia a tokenizzare? Come possiamo iniziare a costruire sistemi che effettivamente non solo creino valore, ma trasferiscano quel valore in tutto il mondo?” — Michael Sheren, ex banchiere centrale, COP27

“La BoE ha trascorso molto tempo cercando di valorizzare la natura” — Michael Sheren, ex banchiere centrale, COP27
Secondo Sheren, “ La parte meridionale del mondo ha un valore di gran lunga maggiore dei grandi elementi della parte settentrionale .
“E iniziamo a pensare di mettere i prezzi sull’acqua, sugli alberi, sulla biodiversità , scopriamo dove si trova?”
L’ex banchiere centrale ha aggiunto che l’Indonesia, il Brasile e l’Africa erano “assolutamente critici” perché ” abbiamo bisogno del loro capitale naturale come mondo basato sul sistema più di quanto abbiamo bisogno dei 66 miliardi di [monete d’oro] che abbiamo seduti nel seminterrato della Banca d’Inghilterra ».
“ Come iniziamo a tokenizzare?
“Come possiamo iniziare a costruire sistemi che effettivamente non solo creino valore, ma trasferiscano quel valore in tutto il mondo?” Sheren rifletté.
“La parte meridionale del mondo ha un valore di gran lunga maggiore dei grandi elementi della parte settentrionale” — Michael Sheren, ex banchiere centrale, COP27
Le sue osservazioni sono arrivate durante la sessione laterale della COP27 dell’hub di innovazione globale sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite su “Risorse per l’ambiente digitale denaro programmabile e il futuro della finanza per il clima ” che ha esplorato ” come la tokenizzazione delle risorse ambientali attraverso la tecnologia blockchain può affrontare gli attriti nella mobilitazione e distribuzione dei finanziamenti per il clima a livello globale “.
Dopo aver lasciato la Banca d’Inghilterra nel luglio 2022, Sheren è entrato nel suo attuale ruolo di presidente e CSO presso MetaVerse Green Exchange (MVGX).
MVGX “ha due tecnologie in attesa di brevetto,  Non-Fungible Digital Twin per rappresentare oggetti nel metaverso e  Carbon Neutrality Token  per facilitare il commercio transfrontaliero di crediti per la riduzione volontaria delle emissioni di carbonio senza innescare problemi di proprietà nazionale”.

Previous articleHuawei vs USA: la battaglia dell’azienda cinese con la più grande economia mondiale
Next articleFTX era un enorme fondo nero per il riciclaggio di denaro sporco per i Democratici
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità. SEMPRE COMUNQUE OVUNQUE ALESSIA C. F. (ALKA)