Il governo degli Stati Uniti paga gli agricoltori per DISTRUGGERE i raccolti del terreno; minaccia di tagliare i sussidi agricoli se si rifiutano. Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti sta intenzionalmente creando una Carenza di cibo? Stanno inviando agli agricoltori americani la comunicazione dicendo a loro che hanno un numero “X” giorni per DISTRUGGERE i loro raccolti nel terreno, per i quali saranno pagati 1,5 volte il valore del raccolto, o dovranno affrontare la perdita dei sussidi agricoli che manderà in bancarotta l’azienda!

Abbiamo raccontato questo mesi fa (QUI https://halturnerradioshow.com/index.php/en/news-page/news-nation/government-trying-to-create-food-shortage-paying-farmers-to-destroy-crops-threatening-no-farm-subsidies-if-they-refuse), ma pochi ci hanno creduto. Ora, abbiamo diversi altri video di diversi altri agricoltori che mostrano le lettere di distruzione dell’USDA, e confermano che il governo sta effettivamente pagando gli agricoltori per distruggere i raccolti nel terreno.
Ancora peggio, stanno anche dicendo alle aziende di gettare via tutte le scorte/riserve di petrolio sulle strade o nel terreno. . . . buttarle via, con la scusa che devono farlo per aiutare a stabilizzare i prezzi del petrolio. Se non riescono o si rifiutano di buttare via il petrolio che possiedono, rischiano decine di migliaia di dollari di multa!
Guardate il video e come il denaro delle nostre tasse viene usato per creare: Creare carenze di cibo e aumentare i prezzi del petrolio. Controllando il cibo, avranno il controllo assoluto sulla gente. Lamentarsi? Ti tagliano il cibo. Ti tagliano il carburante. Votate contro di loro, stessa cosa.I nostri stessi funzionari pubblici, il cui lavoro esiste per servirci, stanno usando i nostri soldi per tagliare le nostre scorte di cibo!

Il video contempla:
Video di agricoltori che distruggono i raccolti e sono pagati dal governo per farlo.
Video di agricoltori che scaricano petrolio per “stabilizzare il mercato del petrolio”.
Video di container che arrivano in porto e ai lavoratori viene detto di lasciarli stare. Carenza di prodotti e pezzi di ricambio!
L’agricoltore parla dell’EO 14008 e di come il governo stia comprando terreni agricoli per NON coltivare e creare una fame di massa “affrontando la crisi climatica in patria e all’estero”.

Guardate voi stessi come il nostro governo si prepara a farci morire di fame intenzionalmente: Quello che il governo sta facendo deve essere fermato. O ci facciamo avanti ORA e mettiamo fine a quello che sta succedendo, o il governo avrà un tale controllo sulle nostre forniture di cibo che sarà in grado di mettere fine a noi. https://halturnerradioshow.com/index.php/en/news-page/news-nation/u-s-gov-t-paying-farmers-to-destroy-crops-in-ground-threaten-to-cut-off-farm-subsidies-if-they-refuse

In un giorno in cui i futures del mais americano sono andati a picco sulle preoccupazioni della domanda e dell’offerta, Washington ha parlato di mettere a riposo milioni di terre aggiuntive attraverso vari programmi. Il segretario dell’USDA Tom Vilsack ha contestato alcuni commenti secondo cui l’obiettivo del presidente Joe Biden di conservare il 30% delle terre della nazione entro il 2030 è una “presa di terra”. Invece, Vilsack ha etichettato l’ordine esecutivo come la protezione delle “terre private che lavorano” attraverso programmi volontari.
L’USDA sta chiedendo commenti su come raggiungere al meglio l’obiettivo del 30×30. Le risposte, ha detto Vilsack, “ci daranno la possibilità di capire come meglio strutturare questo, ma posso assicurarvi questo: Non c’è l’intenzione di avere una presa di terra”, ha detto Vilsack ai giornalisti. “Non c’è alcuna intenzione di togliere qualcosa alla gente”. Contesto: Il 27 gennaio 2021 il presidente Biden ha firmato l’ordine esecutivo #14008 (link https://www.whitehouse.gov/briefing-room/presidential-actions/2021/01/27/executive-order-on-tackling-the-climate-crisis-at-home-and-abroad/ ) intitolato “Affrontare la crisi climatica in patria e all’estero”. Nella sezione 216 di quell’ordine esecutivo, il presidente Biden ha diretto il Segretario degli Interni insieme al Segretario dell’Agricoltura, e altri alti funzionari, per sviluppare un piano per conservare almeno il 30% delle terre (non limitate ai terreni agricoli) e dei corsi d’acqua negli Stati Uniti entro l’anno 2030. I sostenitori dicono che lo sforzo è necessario per proteggere il pianeta dall’impatto del cambiamento climatico, e ci si aspetta che venga ratificato al summit sul clima CoP26 di ottobre. A gennaio, l’U.S. Geological Survey riporta che solo il 12% della terra degli Stati Uniti è protetto e il 23% degli oceani degli Stati Uniti è protetto. La protezione degli oceani sta favorendo in modo sproporzionato il Pacifico occidentale, secondo i rapporti. La sezione 216(a) dell’Ordine Esecutivo dirige alcune agenzie federali a “presentare un rapporto alla Task Force entro 90 giorni (27 aprile)”, raccomandando i passi che il governo federale dovrebbe fare per lavorare con le autorità statali, locali e tribali e altri “per raggiungere l’obiettivo di conservare almeno il 30% delle nostre terre e corsi d’acqua entro il 2030”.
Gli oppositori del piano 30×30 dicono che non c’è alcuna autorità costituzionale o statutaria per il Presidente degli Stati Uniti, il Dipartimento degli Interni o il Dipartimento dell’Agricoltura di mettere da parte e preservare il 30% delle terre e dei corsi d’acqua a scopo di conservazione. Inoltre, tale autorità non è mai menzionata nell’ordine esecutivo. Molti si chiedono come il governo acquisirà o controllerà il 30% delle terre. Gli osservatori notano che ci sono solo due opzioni possibili: Servitù di conservazione perpetua o acquisti a titolo definitivo di grandi tratti di terra da proprietari privati.
Gli agricoltori del Nebraska e alcuni gruppi di agricoltori notano che i proprietari terrieri privati saranno i più colpiti in Nebraska perché il 97% di tutte le proprietà in Nebraska è di proprietà privata. Gli oppositori dicono che il piano 30X30 risulterebbe in una grande “presa di terra” di 680 milioni di acri in tutto il paese sotto il pretesto della conservazione. Il piano 30X30 metterebbe a rischio altri 1,16 milioni di acri di terra in Nebraska insieme ai 580.000 acri che i federali già possiedono o controllano.
-La senatrice Deb Fischer (R-Neb.) ha recentemente detto di essere “preoccupata che il 30×30 sarà usato per minare i diritti dei proprietari terrieri privati, che sono i migliori conservatori di questo paese”. Il senatore John Boozman (R-Ark.), membro del Comitato Ag del Senato, ha recentemente avvertito i partecipanti di una riunione virtuale dell’Unione Nazionale degli Agricoltori che il raggiungimento degli obiettivi del 30×30 potrebbe comportare la messa fuori uso di troppi terreni agricoli.
-Più di 60 repubblicani della Camera e del Senato hanno recentemente inviato a Biden una lettera sotto l’ombrello del Congressional Western Caucus che chiedeva un incontro sul 30×30, dicendo di avere preoccupazioni che “l’iniziativa sarà usata come un metodo per minare i diritti di proprietà privata, aggirare il mandato di uso multiplo e bloccare più terra”. Lo sforzo del 30×30, hanno aggiunto, “mostra una pericolosa sconsideratezza e troppe delle nostre domande sono rimaste senza risposta”.
-Il senatore Mike Lee (R-Utah), membro del Western Caucus e membro della sottocommissione per l’energia e le risorse naturali del Senato per le terre pubbliche, le foreste e le miniere, ha concordato. “[I Democratici] non sono sempre stati rispettosi di come le decisioni che prendono influenzeranno le persone vicine alla terra che stanno cercando di limitare”, ha detto. “E molti di loro sembrano anche procedere in base al presupposto molto imperfetto, e direi dimostrabilmente falso, che la terra nel suo complesso sia necessariamente gestita meglio sotto il controllo federale che sotto quello statale, e categoricamente meglio in mano al governo che in proprietà privata”.

Survival International ha lanciato oggi (Giornata della Terra) una nuova grande campagna per fermare il piano 30×30. Il piano viene discusso oggi al summit dei leader sul clima del presidente Biden (22-23 aprile). Ma Survival International ha avvertito che costituirebbe “il più grande accaparramento di terre della storia”, notando che 300 milioni di persone rischiano di perdere la loro terra e i loro mezzi di sussistenza, la maggior parte dei quali sono popoli tribali e indigeni. L’organizzazione ha etichettato il piano come #BigGreenLie.
I sostenitori della proposta 30×30 includono l’American Farmland Trust (AFT), che ha chiesto politiche di conservazione volontaria, basata sugli incentivi e guidata a livello locale. AFT in un nuovo rapporto (link https://s30428.pcdn.co/wp-content/uploads/2021/04/AFT_-Agricultures_Role_in_30x30-_4-5-2021.pdf >>> AFT_-_Agricultures_Role_in_30x30_-_4-5-2021.pdf ) offre raccomandazioni per raggiungere gli obiettivi di mitigazione del clima.

Nel frattempo, Vilsack ha detto che la decisione unilaterale dell’USDA di aggiungere 4 milioni di acri al Conservation Reserve Program (CRP) è in linea con l’obiettivo del 30×30. L’USDA sta aumentando i tassi di pagamento e altri incentivi finanziari per farlo (link per i dettagli https://myemail.constantcontact.com/Policy-Updates–USDA-White-House-Dems-Want-to-Take-Millions-of-Farms-Acres-Out-of-Production.html?soid=1134525226685&aid=2ZUYPUqA4EE ). L’obiettivo 30×30 è “veramente progettato per trovare modi creativi e innovativi per incoraggiare la gente a partecipare agli sforzi di conservazione CRP, come molti agricoltori e allevatori stanno già facendo, e possono benissimo essere inclini a fare di più se il giusto set di incentivi è in atto”, ha detto Vilsack.

La controversia del 30×30 è venuta fuori anche in un comitato dell’agricoltura del Senato oggi per Jewel Bronaugh, il candidato di Biden come vice segretario all’agricoltura. Mentre Bronaugh ha sottolineato l’importanza di fare un lavoro di conservazione sui terreni in produzione agricola, ha detto: “Continueremo a determinare come possiamo utilizzare le terre di lavoro come parte integrante di affrontare gli obiettivi e le sfide del 30×30”. Tuttavia, non negherebbe che il governo federale potrebbe cercare di acquisire altre terre. Quando il senatore John Thune (R-SD) ha chiesto di questa possibilità, Bronaugh ha risposto che “ci saranno molte più opportunità di prendere decisioni su come andare avanti”. Thune ha poi detto qualcosa con cui molti agricoltori sarebbero d’accordo: il governo federale non può mantenere la terra che ha e non dovrebbe acquistarne altra. https://www.agweb.com/news/policy/politics/vilsack-bidens-30×30-goal-not-land-grab

Ora questo progetto affamante che detrae il 30% delle terre vi sembra logico in un momento in cui vi ho già spiegato cosa succede nella già provata e siccitosa USA https://www.orazero.org/more-crop-failures-usa-and-brazil/ articolo del 5 agosto 2021?

Credo che https://www.federalregister.gov/documents/2021/02/01/2021-02177/tackling-the-climate-crisis-at-home-and-abroad come ho già altrove annunciato porterà a una guerra civile interna che affama il popolo americano.

E’ davvero illogica la politica Biden. E va ben oltre la narrativa. Qua tutto spiega cosa può davvero andare storto. E non ditemi dopo che non lo ve lo avevo detto. Il Diavolo si nasconde nei dettagli e non solo nell’oppio dell’Afghanistan! Sempre Comunque Ovunque ALKA