I regimi arabi del Golfo, e altri paesi in via di sviluppo, si adatteranno a un nuovo mondo dove il potere sta cambiando. Non è più il mondo che gli Stati Uniti hanno plasmato dopo la guerra fredda, scrive As’ad AbuKhalil. By As`ad AbuKhalil – Special to Consortium News

È prematuro determinare l’esatta forma del mondo sulla scia dell’intervento militare russo in Ucraina. A rischio di ripetere temuti cliché, è chiaro che l’ordine mondiale è stato irrevocabilmente modificato. L’era post guerra fredda è finita, per sempre.
Gli Stati Uniti hanno stabilito la supremazia globale dopo il crollo dell’URSS e si sono assicurati che la NATO formasse un cordone di sicurezza intorno alla Russia per tenerla debole e vulnerabile – e per mantenere l’egemonia americana in tutto il continente. Mai l’America è stata sfidata in modo così diretto e mirato come dall’intervento della Russia in Ucraina.
Le vecchie regole che gli Stati Uniti hanno imposto – con la forza – non ci saranno più. Mentre la Cina è stata cauta nell’esprimere sostegno alla Russia nelle sue dichiarazioni ufficiali, i suoi media sono stati chiari nel confutare le affermazioni della propaganda statunitense. I riverberi del cataclisma si sentiranno per gli anni a venire e influenzeranno i conflitti regionali e internazionali.
L’impatto della guerra russo-ucraina si sentirà anche in Medio Oriente, che ha una lunga storia di coinvolgimento nella rivalità sovietica e russo-statunitense.
Nonostante la pressione degli Stati Uniti, nessuno stato arabo partecipa alla guerra economica contro la Russia imponendo sanzioni, unendosi alla maggior parte dell’America Latina e dell’Africa, così come all’Iran, India, Pakistan e Cina. L’Arabia Saudita e altri stati del Golfo hanno resistito alla pressione degli Stati Uniti di pompare più petrolio per compensare il divieto degli Stati Uniti sulle importazioni di petrolio russo. Più significativamente, Riyadh è in trattative con la Cina per scambiare parte del suo petrolio in yuan, il che darebbe un colpo al dollaro statunitense, che è usato nell’80% delle vendite mondiali di petrolio. Finora, i sauditi hanno usato esclusivamente il dollaro.
Mosca sta cercando di sconfiggere il feroce assalto economico dell’Occidente alla Russia creando un sistema economico e finanziario separato con la Cina. Le nazioni arabe potrebbero giocare un ruolo importante in questo, voltando effettivamente le spalle agli Stati Uniti.

Contesto del cambiamento geopolitico
La forma delle relazioni internazionali è stata scossa nel 2011 con il passaggio della risoluzione 1973 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che si limitava a istituire una no-fly zone per proteggere i civili in Libia, presumibilmente in pericolo di un massacro per mano del leader libico Moamar Gheddafi. (Un rapporto parlamentare britannico ha poi scoperto che non c’erano tali minacce e che era basato su informazioni imprecise e “ipotesi errate”).
La risoluzione non permetteva alle forze di terra di entrare in Libia. Il linguaggio era chiaro. Diceva che il Consiglio di Sicurezza:
“Decide di stabilire un divieto su tutti i voli nello spazio aereo della libia per proteggere i civili. [e] Autorizza Gli Stati membri che hanno notificato al Segretario Generale, a livello nazionale o tramite organizzazioni regionali o accordi, e di agire in cooperazione con il Segretario Generale, ad adottare tutte le misure necessarie … per proteggere i civili civili e le aree popolate sotto minaccia di attacco in Libia, compresa Bengasi, escludendo una forza di occupazione straniera di qualsiasi forma, su qualsiasi parte del territorio libico. ”
Nonostante queste limitazioni, gli Stati Uniti e la NATO presero la risoluzione come una licenza per la NATO di rovesciare un governo di cui gli Stati Uniti si erano a lungo lamentati. Non importava che il regime dittatoriale libico stesse cooperando con gli Stati Uniti negli anni precedenti al suo rovesciamento. L’allora segretario di Stato Hillary Clinton aveva persino incontrato il capo della polizia segreta libica, che era il figlio del governante.
La Russia, governata all’epoca dal presidente Dmitry Medvedev, si è astenuta sulla risoluzione, così come la Cina. Entrambi i paesi avevano evidentemente creduto che la missione sarebbe stata limitata alla non-fly zone. Vladimir Putin, che era primo ministro all’epoca, si sarebbe infuriato con Medvedev per l’astensione.
Dopo che è diventato chiaro che la NATO stava violando la risoluzione rovesciando Gheddafi, la Cina e la Russia, entrambe detentrici del veto, erano determinate a cambiare il corso del Consiglio di Sicurezza per evitare che gli Stati Uniti lo usassero di nuovo come copertura per interventi militari e cambi di regime. A quel punto gli Stati Uniti iniziarono a perdere la loro indiscussa supremazia globale.
Mosca e Pechino stavano entrambi costruendo le loro capacità militari e stavano diventando più assertivi sulla scena internazionale. Temendo i cambiamenti nella configurazione globale del potere, l’amministrazione Biden ha incorporato un linguaggio forte nella sua strategia di sicurezza nazionale (emessa dalle amministrazioni successive) per rendere chiaro il rifiuto degli Stati Uniti di qualsiasi concorrenza da Russia e Cina. (La strategia di Biden si lamentava dell’assertività cinese). Una cosa è che gli Stati Uniti insistano sulla supremazia globale e un’altra è garantire tale supremazia senza un costo di sangue e denaro.
La Russia, infatti, ha mostrato la sua assertività quattro anni dopo la risoluzione sulla Libia, quando è intervenuta a favore della Siria contro l’assalto jihadista sostenuto dagli Stati Uniti e dal Golfo, ma non prima che Putin all’Assemblea Generale chiedesse agli Stati Uniti di unirsi a Mosca nella lotta, offerta che gli Stati Uniti hanno rifiutato.

Riverberi in Medio Oriente
In Medio Oriente, gli effetti del nuovo conflitto globale si sono già riverberati nei regimi clienti degli Stati Uniti, molti dei quali hanno anche buone relazioni con la Russia. Gli Emirati Arabi Uniti sono uno di questi clienti statunitensi. Washington li rifornisce di tecnologia militare avanzata, (nonostante il suo record abissale di diritti umani). In cambio, gli Emirati Arabi Uniti lavorano con gli Stati Uniti, stabilendo recentemente una forte alleanza con Israele. Gli Stati Uniti hanno premiato gli EAU con la vendita di jet da combattimento avanzati.
Eppure gli Emirati Arabi Uniti si sono astenuti su una risoluzione del Consiglio di Sicurezza del 3 marzo che condannava le azioni della Russia in Ucraina, a cui la Russia ha posto il veto, mentre hanno votato a favore di una risoluzione dell’Assemblea Generale che diceva la stessa cosa. Ora gli Emirati Arabi Uniti, e specialmente Dubai, sono visti come un rifugio per i miliardari russi che sono stati pesantemente sanzionati dall’Occidente.
I paesi del Golfo come gli Emirati Arabi Uniti sono presi tra la loro completa lealtà agli Stati Uniti e la loro crescente vicinanza al governo russo, specialmente quando lamentano quello che considerano come un arretramento americano dal Medio Oriente. Molti despoti del Golfo sono ancora scontenti che gli Stati Uniti abbiano lasciato cadere Hosni Mubarak in Egitto e Zein Abidin Bin Ali in Tunisia durante le rivolte arabe del 2011.
Solo il Qatar tra i paesi del Golfo ha preso una posizione forte a sostegno dell’Ucraina, ma non si è unito alla guerra economica contro la Russia. L’emiro del Qatar è stato recentemente accolto nello Studio Ovale e il paese ha ricevuto lo status di “grande alleato non-NATO”. Inoltre, gli Stati Uniti vogliono che il Qatar riempia il vuoto del fabbisogno di gas dell’Europa sulla scia delle sanzioni sulle vendite di gas russo (è curioso che la Casa Bianca abbia lavorato con il Qatar su questo prima che il primo soldato russo si muovesse verso l’Ucraina).

Consenso USA fratturato
Gli Stati Uniti non raggiungeranno più un consenso nel mondo secondo i propri interessi. Mentre la Cina non è preparata, né disposta, a sfidare la politica estera degli Stati Uniti di petto per ora, la sua cooperazione e i suoi trattati con i nemici degli Stati Uniti (soprattutto l’Iran) è un’indicazione che la Cina ha intenzione di operare in un mondo non soggetto ai dettami degli Stati Uniti.
Le dichiarazioni del governo cinese durante la crisi sono state caute, ma i social media in Cina e le dichiarazioni dei diplomatici cinesi tramite i social media sono stati decisamente favorevoli alla posizione russa. La Cina ha aumentato i legami economici con la Russia per ammorbidire il colpo delle sanzioni, permettendo anche alla Russia di usare il suo sistema UnionPay per sostituire le carte di credito occidentali.
L’espulsione della Russia dal sistema bancario internazionale SWIFT le ha imposto di affidarsi al proprio sistema di trasferimento di messaggi finanziari (SPFS) e che può essere collegato al sistema di pagamento interbancario transfrontaliero della Cina (CIPS). La Russia ha iniziato a fare pagamenti alla Cina in renminbi, indebolendo il dollaro come valuta principale del mondo. Gli effetti di contraccolpo sull’Occidente della sua guerra economica sta portando a sistemi economici e finanziari separati che stanno fratturando il dominio globale degli Stati Uniti.
I regimi del Golfo, e altri paesi in via di sviluppo, si adatteranno a un nuovo mondo dove la configurazione del potere sta cambiando. Non è più il mondo che gli Stati Uniti hanno plasmato dopo la guerra fredda.
La Russia non ha il potere o l’influenza dell’America. Ma la Russia è un attore regionale influente; il suo ruolo in Siria a sostegno del regime siriano ha mostrato la sua capacità di sostenere un regime debole e di operare libero dalle trame degli Stati Uniti per rovesciare Bashar al-Assad. I governi del Golfo stanno già pianificando un mondo in cui gli Stati Uniti sono meno assertivi militarmente di prima. A tal fine, gli Emirati Arabi Uniti hanno stabilito una forte alleanza con Israele.

Impatto sul conflitto arabo-israeliano
I regimi del Golfo non sono favoriti a Washington allo stesso modo di Israele. Israele ha seguito gli Stati Uniti, esprimendo sostegno all’Ucraina. Non può permettersi di inimicarsi l’amministrazione Biden sulla scia del danno alla sua immagine durante l’era Obama-Netanyahu.
La crisi russo-ucraina minerà la retorica degli Stati Uniti e dell’Unione Europea sul conflitto arabo-israeliano. Non sarà facile vendere il cosiddetto processo di pace dopo che l’Occidente si è rifiutato categoricamente di sostenere la diplomazia tra Russia e Ucraina, mentre gli Stati Uniti predicano un rigido pacifismo per gli arabi di fronte a decenni di occupazione e aggressione israeliana.
Dopo i primi due giorni di conflitto, circa 30 paesi hanno inviato missili avanzati e armi all’Ucraina e hanno sostenuto il diritto alla resistenza. Ai palestinesi, invece, viene negato persino il diritto alla resistenza pacifica. Gli Stati Uniti e l’Europa sono arrivati al punto di vietare il BDS (boicottaggio, sanzioni e disinvestimento in Israele) mentre esercitano sanzioni in tutto il mondo. Come possono i palestinesi prendere sul serio l’insistenza occidentale che la loro lotta contro l’occupazione non dovrebbe mai ricorrere a mezzi violenti?

Il mondo in cui viviamo sta cambiando, e l’intervento russo in Ucraina non sarà limitato all’Ucraina, e nemmeno all’Europa. Gli Stati Uniti stanno imparando che il mondo gli sta sfuggendo dalle mani. Non lo tollererà.

Ricorrerà alla forza nel tentativo di mantenere la sua presa sull’umanità. È molto probabile che ora i conflitti violenti dominino il nostro mondo.

As`ad AbuKhalil is a Lebanese-American professor of political science at California State University, Stanislaus. He is the author of the Historical Dictionary of Lebanon (1998), Bin Laden, Islam and America’s New War on Terrorism (2002) and The Battle for Saudi Arabia (2004). He tweets as @asadabukhalilhttps://consortiumnews.com/2022/03/16/the-angry-arab-the-middle-east-the-war-in-ukraine/

Previous articleLa gp120, applicata alle proteine spike dei vaccini, distrugge efficacemente le cellule T immunitarie del corpo allo stesso modo dell’HIV
Next articleTrento e Trieste
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità. SEMPRE COMUNQUE OVUNQUE ALESSIA C. F. (ALKA)