by Miguel Martinez | Ott 16, 2020 Link articolo https://www.apocalottimismo.it/il-papa-del-capitalismo/ – Link articolo originale https://winteroak.org.uk/2020/10/05/klaus-schwab-and-his-great-fascist-reset/ (articolo scelto da Alessia)

Il Forum Economico Mondiale sta al capitalismo all’incirca come il Vaticano sta alla chiesa cattolica. E il signor Klaus Schwab sta al Forum, all’incirca come il Papa sta al Vaticano. Siccome il capitalismo incide molto di più sulle nostre vite della Chiesa, è bene sapere cosa predica il signor Schwab. Riprendiamo qui un articolo di Paul Cudenec, uscito su The Winter Oak. Cudenec è dichiaratamene anarchico e il testo è fortemente politico e polemico, in una maniera che magari piacerà molto ad alcuni lettori e pochissimo ad altri; e divaga su molti temi, su cui si può essere o meno d’accordo. Non importa: al di là delle opinioni polemiche di Cudenec, è il miglior riassunto attualmente esistente del pensiero di Schwab e quindi della filosofia che guida oggi le scelte di fondo delle principali imprese mondiali (per avere l’onore di finanziare il Forum, un’impresa deve avere un fatturato di almeno cinque miliardi di dollari l’anno). Come al solito, traduzione Google, per mancanza di tempo: che eticamente ci fa sentire un po’ in colpa, ma ci sentiremmo ancora più in colpa a non far conoscere meglio il signor Schwab.

Klaus Schwab e il suo grande reset fascista

Nato a Ravensburg nel 1938, Klaus Schwab è figlio della Germania di Adolf Hitler, un regime di stato di polizia costruito sulla paura e la violenza, sul lavaggio del cervello e sul controllo, sulla propaganda e le bugie, sull’industrialismo e l’eugenetica, sulla disumanizzazione e la “disinfezione”, sulla una visione agghiacciante e grandiosa di un “nuovo ordine” che sarebbe durato mille anni.

Schwab sembra aver dedicato la sua vita a reinventare quell’incubo e a cercare di trasformarlo in una realtà non solo per la Germania ma per il mondo intero.

Peggio ancora, come le sue stesse parole confermano più e più volte, la sua visione fascista tecnocratica è anche una contorta visione transumanista, che fonderà gli esseri umani con le macchine in “curiose miscele di vita digitale e analogica”, che infetterà i nostri corpi con ” Smart Dust ”e in cui la polizia apparentemente sarà in grado di leggere i nostri cervelli.

E, come vedremo, lui e i suoi complici stanno usando la crisi del Covid-19 per aggirare la responsabilità democratica, per scavalcare l’opposizione, per accelerare il loro programma e per imporlo al resto dell’umanità contro la nostra volontà in quello che definisce un ” Grande Reset “.

Schwab non è, ovviamente, un nazista nel senso classico del termine, non essendo né un nazionalista né un antisemita, come testimoniato dal premio Dan David da 1 milione di dollari che gli è stato assegnato da Israele nel 2004.

Ma il fascismo del 21 ° secolo ha trovato diverse forme politiche attraverso le quali continuare il suo progetto centrale di rimodellare l’umanità per adattarla al capitalismo attraverso mezzi palesemente autoritari.

Questo nuovo fascismo viene oggi promosso sotto le spoglie di governance globale, biosicurezza, “New Normal”, “New Deal per la natura” e “Quarta rivoluzione industriale”.

Schwab, l’ottantenne fondatore e presidente esecutivo del World Economic Forum, siede al centro di questa matrice come un ragno su una gigantesca ragnatela.

Il progetto fascista originale, in Italia e Germania, era tutto incentrato sulla fusione di Stato e affari.

Mentre il comunismo prevede l’acquisizione di imprese e industrie da parte del governo, il che – in teoria! – agisce nell’interesse del popolo, il fascismo consisteva nell’usare lo stato per proteggere e promuovere gli interessi della ricca élite.

Schwab stava continuando questo approccio in un contesto denazificato del dopoguerra, quando nel 1971 fondò l’European Management Forum, che teneva riunioni annuali a Davos in Svizzera.

Qui ha promosso la sua ideologia del capitalismo “stakeholder” in cui le imprese sono state portate a una più stretta cooperazione con il governo.
“Il capitalismo degli stakeholder” è descritto dalla rivista economica Forbes come “l’idea che un’azienda si concentri sul soddisfare le esigenze di tutti i suoi stakeholder: clienti, dipendenti, partner, la comunità e la società nel suo insieme”.

Anche nel contesto di una particolare attività, è invariabilmente un’etichetta vuota. Come osserva l’articolo di Forbes , in realtà significa solo che “le aziende possono continuare a spalare privatamente denaro ai loro azionisti e dirigenti, pur mantenendo un fronte pubblico di squisita sensibilità sociale e altruismo esemplare”.

Ma in un contesto sociale generale, il concetto di stakeholder è ancora più nefasto, scartando ogni idea di democrazia, governo del popolo, a favore del governo degli interessi corporativi.

La società non è più vista come una comunità vivente ma come un’impresa, la cui redditività è l’unico scopo valido dell’attività umana.

Schwab ha definito questa agenda nel 1971, nel suo libro Moderne Unternehmensführung im Maschinenbau (Modern Enterprise Management in Mechanical Engineering), dove il suo uso del termine “stakeholder” ( die Interessenten ) ha ridefinito efficacemente gli esseri umani non come cittadini, individui liberi o membri delle comunità, ma come partecipanti secondari in una massiccia impresa commerciale.

Lo scopo della vita di ogni persona era ” raggiungere la crescita e la prosperità a lungo termine ” per questa impresa – in altre parole, proteggere e aumentare la ricchezza dell’élite capitalista.

ks davos protest5

Tutto questo divenne ancora più chiaro nel 1987, quando Schwab ribattezzò il suo European Management Forum World Economic Forum.

Il WEF si descrive sul proprio sito web come “la piattaforma globale per la cooperazione pubblico-privato”, con ammiratori che descrivono come crea “partnership tra uomini d’affari, politici, intellettuali e altri leader della società per” definire, discutere e promuovere questioni chiave sul agenda globale “.”

Le “partnership” create dal WEF mirano a sostituire la democrazia con una leadership globale di individui selezionati e non eletti il ​​cui dovere non è quello di servire il pubblico, ma di imporre la regola dell’1% a quel pubblico con la minima interferenza da il resto di noi possibile.

Nei libri che Schwab scrive per il consumo pubblico, si esprime nei cliché a due facce dello spin aziendale e del greenwashing.

Gli stessi termini vuoti vengono ripetuti più e più volte. In Shaping the Future of the Fourth Industrial Revolution: A Guide to Building a Better World  Schwab parla di “inclusione delle parti interessate e distribuzione dei benefici” e di “partenariati sostenibili e inclusivi” che ci condurranno tutti a una “inclusione e prospero futuro “! (1)

Dietro questa spacconata, la vera motivazione che guida il suo “capitalismo degli stakeholder”, che stava ancora promuovendo incessantemente alla conferenza di Davos del WEF del 2020, è il profitto e lo sfruttamento.protesta ks davos6

Ad esempio, nel suo libro del 2016 The Fourth Industrial Revolution , Schwab scrive dell’uberizzazione del lavoro e dei conseguenti vantaggi per le aziende, in particolare le start-up in rapida crescita nell’economia digitale: “Poiché le piattaforme di cloud umano classificano i lavoratori come lavoratori autonomi, sono – per il momento – liberi dall’obbligo di pagare il salario minimo, le tasse del datore di lavoro e le prestazioni sociali ”. (2)

La stessa insensibilità capitalista traspare nel suo atteggiamento verso le persone che si avvicinano alla fine della loro vita lavorativa e hanno bisogno di un meritato riposo: “L’invecchiamento è una sfida economica perché a meno che l’età pensionabile non sia drasticamente aumentata in modo che i membri più anziani della società possano continuare a contributo alla forza lavoro (imperativo economico che ha molti vantaggi economici), la popolazione in età lavorativa diminuisce parallelamente all’aumentare della percentuale di anziani dipendenti ”. (3)

Tutto in questo mondo è ridotto a sfide economiche, imperativi economici e benefici economici per la classe capitalista dominante.

Il mito del progresso è stato a lungo utilizzato dall’1% per persuadere le persone ad accettare le tecnologie progettate per sfruttarci e controllarci e Schwab gioca su questo quando dichiara che “la Quarta Rivoluzione Industriale rappresenta una significativa fonte di speranza per continuare la scalata in sviluppo umano che ha portato a un drammatico aumento della qualità della vita per miliardi di persone dal 1800 ”. (4)

KS Time mag

Si entusiasma: “Anche se può non sembrare importante per quelli di noi che sperimentano una serie di piccoli ma significativi adattamenti alla vita su base quotidiana, non è un cambiamento minore: la Quarta Rivoluzione Industriale è un nuovo capitolo nello sviluppo umano, su un alla pari con la prima, la seconda e la terza rivoluzione industriale, e ancora una volta spinti dalla crescente disponibilità e interazione di un insieme di tecnologie straordinarie ”. (5)

Ma è ben consapevole che la tecnologia non è ideologicamente neutra, come alcuni amano sostenere. Le tecnologie e le società si modellano a vicenda, dice. “Dopo tutto, le tecnologie sono legate al modo in cui sappiamo le cose, a come prendiamo decisioni e a come pensiamo a noi stessi e a vicenda. Sono collegati alle nostre identità, visioni del mondo e potenziali futuri. Dalle tecnologie nucleari alla corsa allo spazio, smartphone, social media, automobili, medicine e infrastrutture: il significato delle tecnologie le rende politiche. Anche il concetto di nazione “sviluppata” si basa implicitamente sull’adozione di tecnologie e su cosa significano per noi, economicamente e socialmente ”. (6)

La tecnologia, per i capitalisti dietro di essa, non ha mai riguardato il bene sociale, ma esclusivamente il profitto, e Schwab chiarisce che lo stesso rimane vero per la sua quarta rivoluzione industriale.

Si entusiasma: “Le tecnologie della quarta rivoluzione industriale sono davvero dirompenti: ribaltano i modi esistenti di percepire, calcolare, organizzare, agire e fornire risultati. Rappresentano modi completamente nuovi di creare valore per organizzazioni e cittadini ”. (7)

sorveglianza con droni

Nel caso in cui il significato di “creazione di valore” non fosse chiaro, fornisce alcuni esempi: “I droni rappresentano un nuovo tipo di dipendente che riduce i costi che lavora tra noi e svolge lavori che una volta coinvolgevano persone reali” (8) e “l’uso -Algoritmi più intelligenti stanno rapidamente estendendo la produttività dei dipendenti, ad esempio nell’uso di chat bot per aumentare (e, sempre più, sostituire) il supporto di “live chat” per le interazioni con i clienti “. (9)

Schwab entra nei dettagli sulle meraviglie del suo nuovo e coraggioso mondo in La quarta rivoluzione industriale .

Spiega: “Prima di quanto si possa immaginare, il lavoro di professioni così diverse come avvocati, analisti finanziari, medici, giornalisti, contabili, assicuratori o bibliotecari potrebbe essere parzialmente o completamente automatizzato …

“La tecnologia sta progredendo così velocemente che Kristian Hammond, cofondatore di Narrative Science, una società specializzata nella generazione narrativa automatizzata, prevede che entro la metà del 2020 il 90% delle notizie potrebbe essere generato da un algoritmo, la maggior parte senza alcun tipo di intervento umano (a parte il design dell’algoritmo, ovviamente) ”. (10)

È questo imperativo economico che ispira l’entusiasmo di Schwab per “una rivoluzione che sta cambiando radicalmente il modo in cui viviamo, lavoriamo e ci relazioniamo”. (11)

Schwab parla in modo lirico del 4IR, che insiste è “diverso da qualsiasi cosa l’umanità abbia mai sperimentato prima”. (12)

Afferma: “Considerate le possibilità illimitate di avere miliardi di persone connesse tramite dispositivi mobili, dando vita a una potenza di elaborazione, capacità di archiviazione e accesso alla conoscenza senza precedenti. Oppure pensa all’incredibile confluenza di scoperte tecnologiche emergenti, che coprono campi di ampio respiro come l’intelligenza artificiale (AI), la robotica, l’Internet delle cose (IoT), i veicoli autonomi, la stampa 3D, la nanotecnologia, la biotecnologia, la scienza dei materiali, lo stoccaggio di energia e informatica quantistica, per citarne alcuni. Molte di queste innovazioni sono agli inizi, ma stanno già raggiungendo un punto di svolta nel loro sviluppo mentre si sviluppano e si amplificano a vicenda in una fusione di tecnologie attraverso il mondo fisico, digitale e biologico ”. (13)

Attende anche una maggiore istruzione online, che coinvolga “l’uso della realtà virtuale e aumentata” per “migliorare notevolmente i risultati educativi” (14), ai sensori “installati nelle case, vestiti e accessori, città, trasporti e reti energetiche” (15 ) e alle città intelligenti, con le loro importantissime “piattaforme dati”. (16)

“Tutto sarà intelligente e connesso a Internet”, afferma Schwab, e questo si estenderà agli animali, poiché “i sensori cablati nei bovini possono comunicare tra loro attraverso una rete di telefoni cellulari”. (17)

Ama l’idea di “fabbriche di cellule intelligenti” che potrebbero consentire “la generazione accelerata di vaccini” (18) e “tecnologie dei big data”. (19)

Questi, ci assicura, “forniranno modi nuovi e innovativi per servire cittadini e clienti” (20) e dovremo smetterla di opporci alle aziende che traggono profitto dall’imbrigliare e vendere informazioni su ogni aspetto della nostra vita personale.

“Stabilire fiducia nei dati e negli algoritmi utilizzati per prendere decisioni sarà fondamentale”, insiste Schwab. “Le preoccupazioni dei cittadini sulla privacy e stabilire la responsabilità nelle strutture aziendali e legali richiederanno aggiustamenti nel pensiero”. (21)

Alla fine della giornata è chiaro che tutto questo entusiasmo tecnologico ruota esclusivamente intorno al profitto, o “valore”, come Schwab preferisce definirlo nel suo linguaggio aziendale del 21 ° secolo.

Quindi la tecnologia blockchain sarà fantastica e provocherà “un’esplosione di asset negoziabili, poiché tutti i tipi di scambio di valore possono essere ospitati sulla blockchain”. (22)

L’uso della tecnologia di registro distribuito, aggiunge Schwab, “potrebbe essere la forza trainante dietro massicci flussi di valore nei prodotti e servizi digitali, fornendo identità digitali sicure che possono rendere i nuovi mercati accessibili a chiunque sia connesso a Internet”. (23)

In generale, l’interesse della 4IR per l’élite imprenditoriale dominante è che “creerà fonti di valore completamente nuove” (24) e “darà origine a ecosistemi di creazione di valore impossibili da immaginare con una mentalità bloccata nel terzo settore industriale Rivoluzione”. (25)

Le tecnologie del 4IR, implementate tramite 5G, rappresentano minacce senza precedenti alla nostra libertà, come ammette Schwab: “Gli strumenti della quarta rivoluzione industriale consentono nuove forme di sorveglianza e altri mezzi di controllo che vanno contro società sane e aperte”. (26)

Modellazione KS

Ma questo non gli impedisce di presentarli in una luce positiva, come quando dichiara che “la criminalità pubblica rischia di diminuire per la convergenza di sensori, telecamere, AI e software di riconoscimento facciale”. (27)

Descrive con un certo gusto come queste tecnologie “possano intromettersi nello spazio fino ad ora privato della nostra mente, leggendo i nostri pensieri e influenzando il nostro comportamento”. (28)

Schwab prevede: “Con il miglioramento delle capacità in questo settore, aumenterà la tentazione per le forze dell’ordine e i tribunali di utilizzare tecniche per determinare la probabilità di attività criminale, valutare la colpa o addirittura recuperare i ricordi direttamente dal cervello delle persone. Anche l’attraversamento di un confine nazionale potrebbe un giorno richiedere una scansione cerebrale dettagliata per valutare il rischio per la sicurezza di un individuo ”. (29)

Ci sono momenti in cui il capo del WEF si lascia trasportare dalla sua passione per un futuro di fantascienza in cui “i viaggi spaziali umani a lunga distanza e la fusione nucleare sono all’ordine del giorno” (30) e in cui “il modello di business di tendenza successivo” potrebbe coinvolgere qualcuno “Scambiare l’accesso ai suoi pensieri per l’opzione risparmio di tempo di digitare un post sui social media solo con il pensiero”. (31)

Parlare di “turismo spaziale” sotto il titolo “La quarta rivoluzione industriale e l’ultima frontiera” (32) è quasi divertente, così come il suo suggerimento che “un mondo pieno di droni offre un mondo pieno di possibilità”. (33)

Ma più il lettore avanza nel mondo rappresentato nei libri di Schwab, meno tutto sembra ridicolo.

protesta di ks davos

La verità è che questa figura altamente influente, al centro del nuovo ordine globale attualmente in fase di costituzione, è un transumanista vero e proprio che sogna la fine della vita umana e della comunità sana e naturale.

Schwab ripete questo messaggio più e più volte, come per essere sicuro di essere stato debitamente avvertito.

“Le innovazioni sbalorditive innescate dalla quarta rivoluzione industriale, dalla biotecnologia all’intelligenza artificiale, stanno ridefinendo cosa significa essere umani” (34) scrive.

“Il futuro metterà alla prova la nostra comprensione di cosa significhi essere umani, sia da un punto di vista biologico che sociale”. (35)

“Già, i progressi nelle neurotecnologie e nelle biotecnologie ci costringono a chiederci cosa significhi essere umani”. (36)

Lo spiega in modo più dettagliato in Shaping the Future of the Quarta Rivoluzione Industriale : “Le tecnologie della Quarta Rivoluzione Industriale non smetteranno di diventare parte del mondo fisico che ci circonda – diventeranno parte di noi. In effetti, alcuni di noi sentono già che i nostri smartphone sono diventati un’estensione di noi stessi. I dispositivi esterni odierni, dai computer indossabili alle cuffie per la realtà virtuale, diventeranno quasi certamente impiantabili nel nostro corpo e nel nostro cervello. Gli esoscheletri e le protesi aumenteranno la nostra potenza fisica, mentre i progressi nelle neurotecnologie miglioreranno le nostre capacità cognitive. Diventeremo più capaci di manipolare i nostri geni e quelli dei nostri figli. Questi sviluppi sollevano domande profonde: dove tracciamo il confine tra uomo e macchina? Cosa significa essere umani? ” (37)

Un’intera sezione di questo libro è dedicata al tema “Alterare l’Essere Umano”. Qui sbava sulla “capacità delle nuove tecnologie di diventare letteralmente parte di noi” e invoca un futuro cyborg che coinvolge “curiosi mix di vita digitale e analogica che ridefiniranno la nostra stessa natura”. (38)

Scrive: “Queste tecnologie opereranno all’interno della nostra biologia e cambieranno il modo in cui ci interfacciamo con il mondo. Sono in grado di oltrepassare i confini del corpo e della mente, potenziare le nostre capacità fisiche e persino avere un impatto duraturo sulla vita stessa ”. (39)

Nessuna violazione sembra esagerare per Schwab, che sogna “microchip impiantabili attivi che rompono la barriera cutanea del nostro corpo”, “tatuaggi intelligenti”, “computer biologico” e “organismi progettati su misura”. (40)

È lieto di riferire che “sensori, interruttori di memoria e circuiti possono essere codificati in comuni batteri intestinali umani”, (41) che “Smart Dust, array di computer pieni con antenne, ciascuno molto più piccolo di un granello di sabbia, possono ora organizzare se stessi all’interno del corpo ”e ​​che“ i dispositivi impiantati probabilmente aiuteranno anche a comunicare pensieri normalmente espressi verbalmente attraverso uno smartphone ‘integrato’ e pensieri o stati d’animo potenzialmente inespressi leggendo le onde cerebrali e altri segnali ”. (42)

La “biologia sintetica” è all’orizzonte nel mondo 4IR di Schwab, dando ai governanti capitalisti tecnocratici del mondo “la capacità di personalizzare gli organismi scrivendo il DNA”. (43)

L’idea delle neurotecnologie, in cui gli esseri umani avranno memorie completamente artificiali impiantate nel cervello, è sufficiente a far sentire un po ‘male alcuni di noi, così come “la prospettiva di collegare il nostro cervello alla realtà virtuale attraverso modem corticali, impianti o nanobot”. (44)

È di poca consolazione apprendere che questo è tutto – ovviamente! – nel maggiore interesse del profitto capitalista poiché “preannuncia nuove industrie e sistemi per la creazione di valore” e “rappresenta un’opportunità per creare interi nuovi sistemi di valore nella Quarta Rivoluzione Industriale”. (45)

E che dire della “bioprinting dei tessuti organici” (46) o del suggerimento che “gli animali potrebbero essere potenzialmente progettati per produrre farmaci e altre forme di trattamento”? (47)

Obiezioni etiche, chiunque?

Evidentemente va tutto bene per Schwab, che è lieto di annunciare: “Il giorno in cui le mucche sono progettate per produrre nel loro latte [sic] un elemento coagulante, che manca agli emofiliaci, non è lontano. I ricercatori hanno già iniziato a ingegnerizzare i genomi dei suini con l’obiettivo di far crescere organi adatti al trapianto umano ”. (48)Nagashima (Fig.1-3) .pptx

Diventa ancora più inquietante. Sin dal sinistro programma eugenetico della Germania nazista in cui nacque Schwab, questa scienza è stata considerata oltre il limite dalla società umana.

Ma ora, tuttavia, evidentemente sente che l’eugenetica è dovuta a una rinascita, annunciando per quanto riguarda l’editing genetico: “Il fatto che ora sia molto più facile manipolare con precisione il genoma umano all’interno di embrioni vitali significa che è probabile che assisteremo all’avvento dei bambini designer. in futuro che possiedono tratti particolari o che sono resistenti a una specifica malattia ”. (49)

Nel famigerato trattato transumanista del 2002 I, Cyborg , Kevin Warwick predice: “Gli esseri umani saranno in grado di evolversi sfruttando la superintelligenza e le abilità extra offerte dalle macchine del futuro, unendosi a loro. Tutto ciò indica lo sviluppo di una nuova specie umana, conosciuta nel mondo della fantascienza come “cyborg”. Non significa che tutti debbano diventare un cyborg. Se sei felice del tuo stato di essere umano, allora così sia, puoi rimanere come sei. Ma attenzione: proprio come noi umani ci siamo separati dai nostri cugini scimpanzé anni fa, così i cyborg si separeranno dagli umani. Coloro che rimangono come esseri umani rischiano di diventare una sottospecie. Saranno, effettivamente, gli scimpanzé del futuro ”. (50)

Schwab sembra suggerire lo stesso futuro di un’élite transumana artificiale potenziata “superiore” che si separa dalla plebaglia di origine naturale, in questo passaggio particolarmente schiacciante dalla Quarta Rivoluzione Industriale : esseri umani ad adattarsi continuamente. Di conseguenza, potremmo assistere a un crescente grado di polarizzazione nel mondo, segnato da coloro che abbracciano il cambiamento rispetto a coloro che resistono.

KS 4IR

“Questo dà origine a una disuguaglianza che va oltre quella sociale descritta in precedenza. Questa disuguaglianza ontologica separerà coloro che si adattano da coloro che resistono: i vincitori e i vinti materiali in tutti i sensi delle parole. I vincitori possono anche beneficiare di una qualche forma di radicale miglioramento umano generato da alcuni segmenti della quarta rivoluzione industriale (come l’ingegneria genetica) da cui i perdenti saranno privati. Questo rischia di creare conflitti di classe e altri scontri diversi da qualsiasi cosa abbiamo visto prima ”. (51)

Schwab parlava già di una “grande trasformazione” nel 2016 (52) ed è chiaramente determinato a fare tutto quanto in suo potere non trascurabile per realizzare il suo mondo transumanista ispirato all’eugenetica, fatto di artificio, sorveglianza, controllo e profitto esponenziale .

Ma, come rivelato dal suo riferimento sopra ai “conflitti di classe”, è chiaramente preoccupato dalla possibilità di una “resistenza sociale” (53) e da come avanzare “se le tecnologie riceveranno una grande resistenza da parte del pubblico”. (54)

Le feste annuali del WEF di Schwab a Davos sono state a lungo accolte da proteste anticapitaliste e, nonostante l’attuale paralisi della sinistra radicale, è ben consapevole della possibilità di una rinnovata e forse più ampia opposizione al suo progetto, con il rischio di “risentimento, paura e contraccolpo politico ”. (55)

Nel suo libro più recente fornisce un contesto storico, osservando che “l’antiglobalizzazione era forte nel periodo precedente al 1914 e fino al 1918, poi meno durante gli anni ’20, ma si è riaccesa negli anni ’30 a seguito della Grande Depressione” . (56)

Egli osserva che nei primi anni 2000 “il contraccolpo politico e sociale contro la globalizzazione ha guadagnato forza inesorabilmente”, (57) afferma che “disordini sociali” è stato diffuso in tutto il mondo negli ultimi due anni, citando i Gilets Jaunes in Francia tra gli altri movimenti , e invoca lo “scenario oscuro” che “lo stesso potrebbe accadere di nuovo”. (58)ks davos protest4

Allora come dovrebbe un tecnocrate onesto lanciare il suo futuro preferito per il mondo senza l’accordo del pubblico globale? Come possono Schwab ei suoi amici miliardari imporre la loro società preferita al resto di noi?

Una risposta è l’inesorabile propaganda del lavaggio del cervello sfornata dai mass media e dal mondo accademico di proprietà dell’1% dell’élite – ciò che a loro piace chiamare “una narrazione”.

Per Schwab, la riluttanza della maggior parte dell’umanità a saltare a bordo del suo 4IR express riflette la tragedia che “al mondo manca una narrazione coerente, positiva e comune che delinea le opportunità e le sfide della quarta rivoluzione industriale, una narrazione che è essenziale se noi devono dare potere a un insieme diversificato di individui e comunità ed evitare una reazione popolare contro i cambiamenti fondamentali in corso ”. (59)

Aggiunge: “Pertanto, è fondamentale investire attenzione ed energia nella cooperazione multistakeholder oltre i confini accademici, sociali, politici, nazionali e industriali. Queste interazioni e collaborazioni sono necessarie per creare narrazioni positive, comuni e piene di speranza, consentendo a individui e gruppi di tutte le parti del mondo di partecipare e beneficiare delle trasformazioni in corso ”. (60)

4IRb

Una di queste “narrazioni” cancella i motivi per cui la tecnologia 4IR deve essere installata in tutto il mondo il prima possibile.

Schwab è frustrato dal fatto che “più della metà della popolazione mondiale – circa 3,9 miliardi di persone – non può ancora accedere a Internet”, (61) con l’85% della popolazione dei paesi in via di sviluppo che rimane offline e quindi fuori portata, rispetto al 22% nel mondo sviluppato.

Lo scopo effettivo della 4IR è quello di sfruttare queste popolazioni a scopo di lucro attraverso il tecnoimperialismo globale, ma ovviamente questo non può essere affermato nella “narrativa” propagandistica richiesta per vendere il piano.

Invece, la loro missione deve essere presentata, come fa lo stesso Schwab, come un tentativo di “sviluppare tecnologie e sistemi che servono a distribuire valori economici e sociali come reddito, opportunità e libertà a tutti gli stakeholder”. (62)

Si pone piamente come un guardiano dei valori liberali svegli, dichiarando: “Pensare in modo inclusivo va oltre il pensare alla povertà o alle comunità emarginate semplicemente come un’aberrazione – qualcosa che possiamo risolvere. Ci costringe a renderci conto che “i nostri privilegi si trovano sulla stessa mappa della loro sofferenza”. Va oltre il reddito e i diritti, sebbene questi rimangano importanti. Invece, l’inclusione delle parti interessate e la distribuzione dei benefici ampliano le libertà per tutti ”. (63)

La stessa tecnica, di una falsa “narrativa” progettata per ingannare i cittadini ben pensanti nel sostenere uno schema capitalista imperialista, è stata ampiamente utilizzata per quanto riguarda il cambiamento climatico.

Schwab è un grande fan di Greta Thunberg , ovviamente, che si era appena alzata dal marciapiede dopo la sua protesta di una ragazza a Stoccolma prima di essere portata via per parlare al WEF a Davos.

È anche un sostenitore del New Deal globale per la natura proposto , in particolare tramite Voice for the Planet , che è stato lanciato al WEF di Davos nel 2019 da Global Shapers, un’organizzazione per la cura dei giovani creata da Schwab nel 2011 e opportunamente descritta da Il giornalista investigativo Cory Morningstar come “una grottesca dimostrazione di illeciti aziendali mascherati da buoni”.

Nel suo libro del 2020, Schwab espone effettivamente il modo in cui il falso “attivismo giovanile” viene utilizzato per promuovere i suoi obiettivi capitalistici.

Scrive, in un passaggio straordinariamente franco: “L’attivismo giovanile sta aumentando in tutto il mondo, essendo rivoluzionato dai social media che aumentano la mobilitazione in una misura che prima sarebbe stata impossibile. Prende molte forme diverse, che vanno dalla partecipazione politica non istituzionalizzata a dimostrazioni e proteste, e affronta questioni diverse come il cambiamento climatico, le riforme economiche, l’uguaglianza di genere ei diritti LGBTQ. La giovane generazione è saldamente all’avanguardia del cambiamento sociale. Non c’è dubbio che sarà il catalizzatore del cambiamento e una fonte di slancio critico per il Great Reset ”. (64)

In effetti, ovviamente, il futuro ultra industriale proposto da Schwab è tutt’altro che verde. Non è la natura che gli interessa, ma il “capitale naturale” e “l’incentivazione degli investimenti nei mercati di frontiera verdi e sociali”. (65)

Inquinamento significa profitto e la crisi ambientale è solo un’altra opportunità di business, come spiega in dettaglio in The Fourth Industrial Revolution : “In questo nuovo e rivoluzionario sistema industriale, l’anidride carbonica si trasforma da inquinante a effetto serra in una risorsa e l’economia della cattura e dello essendo costi così come pozzi di inquinamento per diventare redditizi impianti di cattura del carbonio e produzione di utilizzo. Ancora più importante, aiuterà le aziende, i governi ei cittadini a diventare più consapevoli e impegnati nelle strategie per rigenerare attivamente il capitale naturale, consentendo usi intelligenti e rigenerativi del capitale naturale per guidare la produzione e il consumo sostenibili e dare spazio alla biodiversità per il recupero nelle aree minacciate “. (66)cattura del carbonio 2

Le “soluzioni” di Schwab al danno straziante inflitto al nostro mondo naturale dal capitalismo industriale implicano più dello stesso veleno, tranne il peggio.

La geoingegneria è una delle sue preferite: “Le proposte includono l’installazione di specchi giganti nella stratosfera per deviare i raggi del sole, la semina chimica dell’atmosfera per aumentare le precipitazioni e il dispiegamento di grandi macchine per rimuovere l’anidride carbonica dall’aria”. (67)

E aggiunge: “Attualmente si stanno immaginando nuovi approcci attraverso la combinazione delle tecnologie della Quarta Rivoluzione Industriale, come le nanoparticelle e altri materiali avanzati”. (68)

Come tutte le imprese e le ONG pro-capitaliste che sostengono il minacciato New Deal for Nature, Schwab è completamente e profondamente non verde.

Per lui, la “possibilità ultima” di energia “pulita” e “sostenibile” include la fusione nucleare (69) e attende con impazienza il giorno in cui i satelliti “ricopriranno il pianeta con percorsi di comunicazione che potrebbero aiutare a connettere gli oltre 4 miliardi di persone manca ancora l’accesso in linea ”. (70)

Schwab inoltre si rammarica molto di tutta quella burocrazia che impedisce la marcia avanti senza ostacoli degli alimenti GM, avvertendo che “la sicurezza alimentare globale sarà raggiunta, tuttavia, solo se le normative sugli alimenti geneticamente modificati saranno adattate per riflettere la realtà che l’editing genetico offre metodo efficiente e sicuro per migliorare le colture ”. (71)

governance globale

Il nuovo ordine previsto da Schwab abbraccerà il mondo intero e quindi è necessaria una governance globale per imporlo, come afferma più volte.

Il suo futuro preferito “si realizzerà solo attraverso una migliore governance globale” (72), insiste. È necessaria “una qualche forma di governance globale efficace” (73).

Il problema che abbiamo oggi è quello di un possibile “deficit dell’ordine globale”, (74) afferma, aggiungendo improbabilmente che l’Organizzazione Mondiale della Sanità “è gravata da risorse limitate e in diminuzione”. (75)

Quello che sta veramente dicendo è che la sua società 4IR / grande ripristino funzionerà solo se imposta simultaneamente ovunque sul pianeta, altrimenti “rimarremo paralizzati nei nostri tentativi di affrontare e rispondere alle sfide globali”. (76)

Ammette: “In poche parole, la governance globale è al centro di tutte queste altre questioni”. (77)

Questo impero onnicomprensivo disapprova molto l’idea che una particolare popolazione decida democraticamente di prendere un’altra strada. Questi “rischiano di isolarsi dalle norme globali, mettendo queste nazioni a rischio di diventare i ritardatari della nuova economia digitale”, (78) avverte Schwab.

Ogni senso di autonomia e di appartenenza di base è considerato una minaccia dalla prospettiva imperialista di Schwab e dovrebbe essere sradicato sotto la 4IR.

Scrive: “Gli individui erano soliti identificare le loro vite più strettamente con un luogo, un gruppo etnico, una particolare cultura o persino una lingua. L’avvento del coinvolgimento online e una maggiore esposizione a idee di altre culture significa che le identità sono ora più fungibili rispetto al passato… Grazie alla combinazione di modelli di migrazione storici e connettività a basso costo, le strutture familiari vengono ridefinite ”. (79)

stampaggio di avvio

La vera democrazia rientra essenzialmente nella stessa categoria per Schwab. Sa che la maggior parte delle persone non accetterà volentieri i piani per distruggere le loro vite e asservirle a un sistema globale di sfruttamento tecno-fascista, quindi dare loro voce in capitolo semplicemente non è un’opzione.

Questo è il motivo per cui il concetto di “stakeholder” è stato così importante per il progetto Schwab. Come discusso sopra, questa è la negazione della democrazia, con la sua enfasi invece sul “raggiungere i gruppi di stakeholder per la costruzione di soluzioni”. (80)

Se il pubblico, le persone, sono incluse in questo processo è solo a livello superficiale. L’agenda è già stata presunta e le decisioni sono state prese in anticipo dietro le quinte.

Schwab lo ammette efficacemente quando scrive: “Dobbiamo ristabilire un dialogo tra tutte le parti interessate per garantire una comprensione reciproca che crei ulteriormente una cultura di fiducia tra regolatori, organizzazioni non governative, professionisti e scienziati. Anche il pubblico deve essere considerato, perché deve partecipare alla formazione democratica degli sviluppi biotecnologici che interessano la società, gli individui e le culture ”. (81)

Quindi il pubblico deve essere considerato “anche”, come un ripensamento. Nemmeno consultato direttamente, solo “considerato”! E il ruolo delle persone, delle dimostrazioni, sarà semplicemente quello di “partecipare” alla “formazione” degli sviluppi biotecnologici. La possibilità per il pubblico di rifiutare effettivamente l’idea stessa di sviluppi biotecnologici è stata completamente rimossa grazie ai presupposti deliberatamente incorporati nella formula degli stakeholder.

Lo stesso messaggio è implicito nell’intestazione della conclusione di Schwab a Plasmare il futuro della quarta rivoluzione industriale : “Cosa puoi fare per plasmare la quarta rivoluzione industriale”. (82) La tecno-tirannia non può essere sfidata o fermata, semplicemente “plasmata”.

Schwab usa il termine “leadership di sistema” per descrivere il modo profondamente antidemocratico in cui l’1% impone la sua agenda a tutti noi, senza darci la possibilità di dire “no”.

Scrive: “La leadership dei sistemi consiste nel coltivare una visione condivisa per il cambiamento, lavorando insieme a tutti gli stakeholder della società globale, e poi agire in base a essa per cambiare il modo in cui il sistema offre i suoi vantaggi ea chi. La leadership dei sistemi richiede l’azione di tutte le parti interessate, inclusi individui, dirigenti aziendali, influencer sociali e decisori politici ”. (83)

Si riferisce a questo controllo dall’alto verso il basso a tutto spettro come “la gestione del sistema dell’esistenza umana” (84), sebbene altri potrebbero preferire il termine “totalitarismo”.

Una delle caratteristiche distintive del fascismo storico in Italia e in Germania era la sua insofferenza per le scomode restrizioni imposte alla classe dominante (“la nazione” in linguaggio fascista) dalla democrazia e dal liberalismo politico.

Tutto questo doveva essere spazzato via per consentire una Blitzkrieg di “modernizzazione” accelerata.

Vediamo lo stesso spirito riemergere negli appelli di Schwab per una “governance agile” in cui afferma che “il ritmo dello sviluppo tecnologico e una serie di caratteristiche delle tecnologie rendono inadeguati i precedenti cicli e processi di definizione delle politiche”. (85)

Scrive: “L’idea di riformare i modelli di governance per far fronte alle nuove tecnologie non è nuova, ma l’urgenza di farlo è molto maggiore alla luce del potere delle odierne tecnologie emergenti … il concetto di governance agile cerca di abbinare agilità, fluidità , flessibilità e capacità di adattamento delle tecnologie stesse e degli attori del settore privato che le adottano ”. (86)

La frase “riformare i modelli di governance per far fronte alle nuove tecnologie” rivela davvero il gioco. Come sotto il fascismo, le strutture sociali devono essere reinventate in modo da soddisfare le esigenze del capitalismo e delle sue tecnologie che aumentano il profitto.

Schwab spiega che la sua “governance agile” comporterebbe la creazione dei cosiddetti laboratori politici – “spazi protetti all’interno del governo con un mandato esplicito di sperimentare nuovi metodi di sviluppo delle politiche utilizzando principi agili” – e “incoraggiando le collaborazioni tra governi e imprese per creare “sandbox di sviluppo” e “banchi di prova sperimentali” per sviluppare normative utilizzando approcci iterativi, intersettoriali e flessibili ”. (87)

Schwab e Blair

Per Schwab, il ruolo dello stato è quello di promuovere gli obiettivi capitalistici, non di sottoporli a nessuna forma di controllo. Sebbene sia tutto a favore del ruolo dello Stato nel consentire una presa di potere aziendale delle nostre vite, è meno interessato alla sua funzione di regolamentazione, che potrebbe rallentare l’afflusso di profitti in mani private, e quindi prevede “lo sviluppo di ecosistemi di regolatori privati ​​che competono sui mercati ”. (88)

Nel suo libro del 2018, Schwab discute il problema delle fastidiose normative e del modo migliore per “superare questi limiti” nel contesto dei dati e della privacy.

He comes up with the suggestion of “public-private data-sharing agreements that ‘break glass in case of emergency’. These come into play only under pre-agreed emergency circumstances (such as a pandemic) and can help reduce delays and improve the coordination of first responders, temporarily allowing data sharing that would be illegal under normal circumstances”. (89)

Funnily enough, two years later there was indeed a “pandemic” and these “pre-agreed emergency circumstances” became a reality.

This shouldn’t have been too much of a surprise for Schwab, since his WEF had co-hosted the infamous Event 201 conference in October 2019, which modelled a fictional coronavirus pandemic.

And he wasted little time in bringing out a new book, Covid-19: The Great Reset, co-authored with Thierry Malleret, who runs something called the Monthly Barometer, “a succinct predictive analysis provided to private investors, global CEOs and opinion- and decision-makers”. (90)

KS covid

Published in July 2020, the book sets out to advance “conjectures and ideas about what the post-pandemic world might, and perhaps should, look like”. (91)

Schwab and Malleret admit that Covid-19 is “one of the least deadly pandemics the world has experienced over the last 2000 years”, adding that “the consequences of COVID-19 in terms of health and mortality will be mild compared to previous pandemics”. (92)

Aggiungono: “Non costituisce una minaccia esistenziale, né uno shock che lascerà la sua impronta sulla popolazione mondiale per decenni”. (93)

Eppure, incredibilmente, questa “lieve” malattia viene contemporaneamente presentata come la scusa per un cambiamento sociale senza precedenti sotto la bandiera di “The Great Reset”!

E sebbene dichiarino esplicitamente che il Covid-19 non costituisce un grande “shock”, gli autori impiegano ripetutamente lo stesso termine per descrivere l’impatto più ampio della crisi.

Schwab e Malleret collocano il Covid-19 in una lunga tradizione di eventi che hanno facilitato cambiamenti improvvisi e significativi nelle nostre società.

Invocano specificamente la seconda guerra mondiale: “La seconda guerra mondiale è stata la quintessenza della guerra di trasformazione, che ha innescato non solo cambiamenti fondamentali nell’ordine globale e nell’economia globale, ma ha anche comportato cambiamenti radicali negli atteggiamenti e nelle convinzioni sociali che alla fine hanno aperto la strada a radicalmente nuovi politiche e disposizioni contrattuali sociali (come le donne che entrano nel mondo del lavoro prima di diventare elettori). Esistono ovviamente delle differenze fondamentali tra una pandemia e una guerra (che considereremo più in dettaglio nelle pagine seguenti), ma l’entità del loro potere trasformativo è comparabile. Entrambi hanno il potenziale per essere una crisi trasformativa di proporzioni prima inimmaginabili ”. (94)

Si uniscono anche a molti “teorici della cospirazione” contemporanei nel fare un confronto diretto tra Covid-19 e l’11 settembre: “Questo è quello che è successo dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001. In tutto il mondo, nuove misure di sicurezza come l’utilizzo di telecamere diffuse, richiedere carte d’identità elettroniche e registrare dipendenti o visitatori in entrata e in uscita è diventata la norma. A quel tempo queste misure erano ritenute estreme, ma oggi sono usate ovunque e considerate ‘normali’ ”. (95)

Quando un tiranno dichiara il diritto di governare su una popolazione senza tener conto delle sue opinioni, gli piace giustificare la propria dittatura con l’affermazione di essere moralmente autorizzato a farlo perché “illuminato”.

Lo stesso vale per la tirannia alimentata dal Covid del grande reset di Schwab, che il libro classifica come “leadership illuminata”, aggiungendo: “Alcuni leader e decisori che erano già in prima linea nella lotta contro il cambiamento climatico potrebbero voler prendere approfittare dello shock inflitto dalla pandemia per attuare cambiamenti ambientali più ampi e duraturi. In effetti faranno “buon uso” della pandemia non lasciando che la crisi vada sprecata ”. (96)

L’élite al potere capitalista globale ha sicuramente fatto del suo meglio per “approfittare dello shock inflitto dal panico”, assicurando a tutti noi sin dai primi giorni dello scoppio che, per qualche ragione insondabile, niente nelle nostre vite potrebbe mai essere il ancora lo stesso.

Schwab e Malleret sono, inevitabilmente, entusiasti del loro uso dell’inquadratura New Normal, nonostante abbiano ammesso che il virus è stato sempre e solo “lieve”.

“È il nostro momento decisivo”, cantano. “Molte cose cambieranno per sempre”. “Un nuovo mondo emergerà”. “Lo sconvolgimento sociale scatenato da COVID-19 durerà per anni, e forse generazioni”. “Molti di noi stanno riflettendo quando le cose torneranno alla normalità. La risposta breve è: mai ”. (97)

Arrivano addirittura a proporre una nuova separazione storica tra “l’era pre-pandemica” e “il mondo post-pandemico”. (98)

Scrivono: “Sono in arrivo cambiamenti radicali di tale conseguenza che alcuni esperti hanno fatto riferimento a un’era ‘prima del coronavirus’ (BC) e ‘dopo il coronavirus’ (AC). Continueremo a essere sorpresi sia dalla rapidità che dalla natura inaspettata di questi cambiamenti: quando si confondono tra loro, provocheranno conseguenze di secondo, terzo, quarto e più ordine, effetti a cascata e risultati imprevisti. In tal modo, daranno forma a una “nuova normalità” radicalmente diversa da quella che progressivamente ci lasceremo alle spalle. Molte delle nostre convinzioni e supposizioni su come potrebbe o dovrebbe apparire il mondo andranno in frantumi durante il processo ”. (99)

Già nel 2016, Schwab guardava avanti a “nuovi modi di utilizzare la tecnologia per cambiare il comportamento” (100) e prevedeva: “La portata e l’ampiezza della rivoluzione tecnologica in atto introdurranno cambiamenti economici, sociali e culturali di proporzioni così fenomenali che essi sono quasi impossibili da prevedere ”. (101)

Un modo in cui aveva sperato che il suo programma tecnocratico venisse portato avanti era, come abbiamo notato, attraverso le false “soluzioni” al cambiamento climatico proposte dai falsi capitalisti verdi .

Sotto il titolo “ripristino ambientale”, Schwab e Malleret affermano: “A prima vista, la pandemia e l’ambiente potrebbero sembrare solo cugini lontanamente imparentati; ma sono molto più strette e intrecciate di quanto pensiamo ”. (102)

Uno dei collegamenti è che sia la crisi climatica che quella virale sono state utilizzate dal WEF e da altri simili per promuovere il loro programma di governance globale. Come hanno affermato Schwab e il suo coautore, “sono di natura globale e quindi possono essere affrontati adeguatamente solo in modo coordinato a livello globale”. (103)

Un altro collegamento è il modo in cui “l’economia post-pandemia” e “l’economia verde” (104) comportano enormi profitti per in gran parte gli stessi settori delle grandi imprese.

Il Covid-19 è stato evidentemente una grande notizia per quei capitalisti che sperano di trarre profitto dalla distruzione ambientale, con Schwab e Malleret che riferiscono: “La convinzione che le strategie ESG abbiano beneficiato della pandemia e abbiano maggiori probabilità di trarne ulteriori benefici è confermata da vari sondaggi e rapporti. I primi dati mostrano che il settore della sostenibilità ha sovraperformato i fondi convenzionali durante il primo trimestre del 2020 ”. (105)

Gli squali capitalisti del cosiddetto “settore della sostenibilità” si stanno fregando le mani con gioia alla prospettiva di tutti i soldi che possono ricavare dal grande reset fascista pretestato da Covid, in cui lo stato è strumentalizzato per finanziare il loro ipocrita profitto .

Nota Schwab e Malleret: “La chiave per affollare il capitale privato in nuove fonti di valore economico positivo per la natura sarà spostare le leve politiche chiave e gli incentivi della finanza pubblica come parte di un ripristino economico più ampio”. (106)

Logo WEF

“Un documento politico preparato da Systemiq in collaborazione con il Forum economico mondiale stima che la costruzione di un’economia positiva per la natura potrebbe rappresentare più di 10.000 miliardi di dollari all’anno entro il 2030 … Il ripristino dell’ambiente non dovrebbe essere visto come un costo, ma piuttosto come un investimento che genererà attività economica e opportunità di lavoro ”. (107)

Dato l’intreccio tra crisi climatica e Covid stabilito da Schwab, potremmo ipotizzare che il piano originale fosse quello di far passare il ripristino della New Normal sulla scia della crisi climatica.

Ma evidentemente, tutta quella pubblicità per Greta Thunberg e Extinction Rebellion, sostenuta dalle grandi imprese, non ha suscitato abbastanza panico pubblico per giustificare tali misure.

Il Covid-19 serve perfettamente agli scopi di Schwab, poiché l’urgenza immediata che presenta consente di accelerare e accelerare l’intero processo senza il dovuto esame.

“Questa differenza cruciale tra i rispettivi orizzonti temporali di una pandemia e quello del cambiamento climatico e della perdita della natura significa che un rischio di pandemia richiede un’azione immediata che sarà seguita da un risultato rapido, mentre il cambiamento climatico e la perdita della natura richiedono anche un’azione immediata, ma il risultato (o ‘ricompensa futura’, nel gergo degli economisti) seguirà solo con un certo lasso di tempo ”. (108)

Per Schwab e i suoi amici, Covid-19 è il grande acceleratore di tutto ciò che hanno voluto imporci per anni.

Come affermano lui e Malleret: “La pandemia sta chiaramente aggravando e accelerando le tendenze geopolitiche che erano già evidenti prima dello scoppio della crisi”. (109)

“La pandemia segnerà una svolta accelerando questa transizione. Ha cristallizzato la questione e reso impossibile il ritorno allo status quo pre-pandemico ”. (110)

nessuna nuova protesta normale 2

Riescono a malapena a nascondere la loro gioia per la direzione che la società sta prendendo ora: “La pandemia accelererà ancora di più l’innovazione, catalizzando i cambiamenti tecnologici già in corso (paragonabile all’effetto di esacerbazione che ha avuto su altre questioni globali e interne di fondo) e ‘turbocompressore’ qualsiasi azienda digitale o la dimensione digitale di qualsiasi azienda “. (111)

“Con la pandemia, la ‘trasformazione digitale’ a cui tanti analisti si riferiscono da anni, senza essere esattamente sicuri di cosa significasse, ha trovato il suo catalizzatore. Uno dei principali effetti del confinamento sarà l’espansione e la progressione del mondo digitale in modo decisivo e spesso permanente.

“Nell’aprile 2020, diversi leader tecnologici hanno osservato quanto rapidamente e radicalmente le necessità create dalla crisi sanitaria avevano accelerato l’adozione di un’ampia gamma di tecnologie. Nello spazio di un solo mese, è emerso che molte aziende in termini di adozione tecnologica sono progredite rapidamente di diversi anni ”. (112)

Il destino sta ovviamente sorridendo a Klaus Schwab poiché questa crisi del Covid-19 è riuscita, felicemente, a far avanzare praticamente ogni aspetto dell’agenda che ha promosso nel corso dei decenni.

Così lui e Malleret riferiscono con soddisfazione che “la pandemia accelererà l’adozione dell’automazione sul posto di lavoro e l’introduzione di più robot nella nostra vita personale e professionale”. (113)

Inutile dirlo, i blocchi in tutto il mondo hanno fornito un grande impulso finanziario alle aziende che offrono acquisti online.

Raccontano gli autori: “I consumatori hanno bisogno di prodotti e, se non possono fare acquisti, ricorrono inevitabilmente all’acquisto online. Quando l’abitudine prende il via, le persone che non avevano mai fatto acquisti online prima si sentiranno a proprio agio nel farlo, mentre le persone che erano acquirenti online part-time in precedenza presumibilmente faranno più affidamento su di esso. Ciò è stato reso evidente durante i blocchi. Negli Stati Uniti, Amazon e Walmart hanno assunto complessivamente 250.000 lavoratori per tenere il passo con l’aumento della domanda e hanno costruito enormi infrastrutture per la consegna online. Questa crescita accelerata dell’e-commerce significa che i giganti del settore della vendita al dettaglio online rischiano di uscire dalla crisi ancora più forti di quanto non fossero nell’era pre-pandemica ”. (114)

Aggiungono: “Man mano che ci vengono offerti servizi e cose sempre più diversificati tramite i nostri cellulari e computer, le aziende in settori disparati come l’e-commerce, le operazioni contactless, i contenuti digitali, i robot e le consegne di droni (per citarne solo alcuni) prospereranno . Non è un caso che aziende come Alibaba, Amazon, Netflix o Zoom siano emerse come ‘vincitrici’ dai blocchi ”. (115)

A titolo di corollario, potremmo suggerire che “non è un caso” che i governi che sono stati catturati e controllati dalle grandi imprese, grazie a artisti del calibro del WEF, hanno imposto una “nuova realtà” COV in base alla quale le grandi imprese sono “Vincitori” …

Le buone notizie ispirate da Covid non si fermano mai per tutti i settori di attività che trarranno vantaggio dalla Quarta Repressione Industriale .

resist-41r

“La pandemia potrebbe rivelarsi un vantaggio per l’istruzione online”, riferiscono Schwab e Malleret. “In Asia, il passaggio all’istruzione online è stato particolarmente notevole, con un forte aumento delle iscrizioni digitali degli studenti, una valutazione molto più alta per le imprese di istruzione online e più capitale disponibile per le start-up” ed-tech “… Nell’estate del 2020 , la direzione della tendenza sembra chiara: il mondo dell’istruzione, come per tante altre industrie, diventerà in parte virtuale ”. (116)

Anche gli sport online sono decollati: “Per un po ‘, l’allontanamento sociale può limitare la pratica di alcuni sport, il che a sua volta gioverà all’espansione sempre più potente degli e-sport. Tecnologia e digitale non sono mai lontani! ”. (117)

Notizie simili dal settore bancario: “Le interazioni bancarie online sono aumentate al 90 per cento durante la crisi, dal 10 per cento, senza alcun calo della qualità e un aumento della conformità”. (118)

Il passaggio ispirato a Covid all’attività online va ovviamente a vantaggio di Big Tech, che sta ricavando enormi profitti dalla crisi, come descrivono gli autori: “Il valore di mercato combinato delle principali società tecnologiche ha raggiunto record dopo record durante i blocchi, addirittura risalendo al di sopra livelli prima dell’inizio dell’epidemia… è improbabile che questo fenomeno si riduca presto, anzi ”. (119)

Ma è anche una buona notizia per tutte le imprese coinvolte, che non devono più pagare esseri umani per lavorare per loro. L’automazione riguarda, ed è sempre stata, il risparmio sui costi e quindi l’aumento dei profitti per l’elite capitalista.

La cultura del fascista New Normal fornirà anche vantaggi economici derivati ​​per particolari settori di attività, come l’industria del packaging, spiegano Schwab e Malleret.

“La pandemia aumenterà sicuramente la nostra attenzione all’igiene. Una nuova ossessione per la pulizia comporterà in particolare la creazione di nuove forme di packaging. Saremo incoraggiati a non toccare i prodotti che acquistiamo. I piaceri semplici come annusare un melone o spremere un frutto saranno disapprovati e potrebbero persino diventare un ricordo del passato ”. (120)

Gli autori descrivono anche ciò che suona molto come un’agenda tecnocratica legata al profitto dietro l ‘”allontanamento sociale” che è stato un elemento chiave del “reset” Covid.

Scrivono: “In una forma o nell’altra, è probabile che le misure di allontanamento sociale e fisico persistano dopo che la pandemia stessa si sarà placata, giustificando la decisione di molte aziende di diversi settori di accelerare l’automazione. Dopo un po ‘, le preoccupazioni persistenti sulla disoccupazione tecnologica svaniranno man mano che le società enfatizzano la necessità di ristrutturare il posto di lavoro in modo da ridurre al minimo lo stretto contatto umano. In effetti, le tecnologie di automazione sono particolarmente adatte a un mondo in cui gli esseri umani non possono avvicinarsi troppo o sono disposti a ridurre le loro interazioni. La nostra paura persistente e forse duratura di essere infettati da un virus (COVID-19 o altro) accelererà così l’inesorabile marcia dell’automazione, in particolare nei campi più suscettibili all’automazione ”. (121)

Come accennato in precedenza, Schwab è stato a lungo frustrato da tutte quelle fastidiose normative che impediscono ai capitalisti di fare tutti i soldi che vorrebbero, concentrandosi su preoccupazioni economicamente irrilevanti come la sicurezza e il benessere degli esseri umani.

Ma – evviva! – la crisi Covid ha fornito la scusa perfetta per eliminare gran parte di questi impedimenti antiquati alla prosperità e alla crescita.

Un settore in cui viene abbandonata la burocrazia impicciona è la salute. Perché qualsiasi parte interessata di mentalità corretta dovrebbe immaginare che a qualsiasi obbligo particolare di cura e diligenza dovrebbe essere consentito di interferire con la redditività di questo particolare settore aziendale?

Schwab e Malleret sono felicissimi di notare che la telemedicina trarrà “notevoli benefici” dall’emergenza Covid: “La necessità di affrontare la pandemia con qualsiasi mezzo disponibile (più, durante l’epidemia, la necessità di proteggere gli operatori sanitari consentendo loro di lavorare a distanza) rimosso alcuni degli impedimenti normativi e legislativi legati all’adozione della telemedicina ”. (122)wef protest2

L’abbandono delle normative è un fenomeno generale sotto il regime globale New Normal, come riferiscono Schwab e Malleret:

“Fino ad oggi i governi hanno spesso rallentato il ritmo di adozione delle nuove tecnologie riflettendo a lungo su come dovrebbe essere il miglior quadro normativo ma, come mostra ora l’esempio della telemedicina e della consegna dei droni, è possibile una drammatica accelerazione forzata dalla necessità. Durante i blocchi, improvvisamente si è verificato un allentamento quasi globale delle normative che in precedenza aveva ostacolato i progressi in settori in cui la tecnologia era disponibile da anni, perché non c’erano scelte migliori o alternative disponibili. Ciò che fino a poco tempo fa era impensabile è diventato improvvisamente possibile… Le nuove normative resteranno in vigore ”. (123)

Aggiungono: “L’attuale imperativo di spingere, qualunque cosa accada, l ‘” economia senza contatto “e la conseguente volontà dei regolatori di accelerarla significa che non ci sono restrizioni”. (124)

“Senza esclusione di colpi”. Non commettere errori: questo è il linguaggio adottato dal capitalismo quando abbandona la sua pretesa di democrazia liberale e passa alla modalità fascista.

È chiaro dal lavoro di Schwab e Malleret che una fusione fascistica di stato e affari, a vantaggio di questi ultimi, è alla base del loro grande ripristino.

Fin dall’inizio della crisi Covid sono state trasferite somme di denaro fenomenali dalle tasche pubbliche nelle tasche sporgenti dell’1%, poiché riconoscono: “Nell’aprile 2020, proprio quando la pandemia ha iniziato a travolgere il mondo, i governi di tutto il mondo globe aveva annunciato programmi di stimolo per diversi trilioni di dollari, come se otto o nove Piani Marshall fossero stati messi in atto quasi contemporaneamente ”. (125)

Continuano: “COVID-19 ha riscritto molte delle regole del gioco tra settore pubblico e privato. … La benevola (o meno) maggiore intrusione dei governi nella vita delle aziende e nella conduzione dei loro affari dipenderà dal paese e dall’industria, assumendo quindi molte forme diverse ”. (126)

“Misure che sarebbero sembrate inconcepibili prima della pandemia potrebbero diventare uno standard in tutto il mondo mentre i governi cercano di impedire che la recessione economica si trasformi in una depressione catastrofica.

“Ci saranno sempre più richieste al governo di agire come un ‘pagatore di ultima istanza’ per prevenire o arginare l’ondata di licenziamenti di massa e la distruzione di affari innescata dalla pandemia. Tutti questi cambiamenti stanno alterando le regole del “gioco” della politica economica e monetaria “. (127)

Schwab e il suo collega autore accolgono con favore la prospettiva che maggiori poteri statali vengano utilizzati per sostenere il profitto delle grandi imprese.

Scrivono: “Una delle grandi lezioni degli ultimi cinque secoli in Europa e in America è questa: le crisi acute contribuiscono a rafforzare il potere dello Stato. È sempre stato così e non c’è motivo per cui dovrebbe essere diverso con la pandemia COVID-19 ”. (128)

E aggiungono: “Guardando al futuro, i governi molto probabilmente, ma con diversi gradi di intensità, decideranno che è nel migliore interesse della società riscrivere alcune regole del gioco e aumentare in modo permanente il loro ruolo”. (129)

L’idea di riscrivere le regole del gioco ricorda ancora molto il linguaggio fascista, come ovviamente l’idea di aumentare in modo permanente il ruolo dello Stato nell’aiutare il settore privato.

In effetti, vale la pena confrontare la posizione di Schwab su questo tema con quella del dittatore fascista italiano Benito Mussolini, che ha risposto alla crisi economica nel 1931 avviando un organismo speciale di emergenza, L’Istituto mobiliare italiano , per aiutare le imprese.

Ha dichiarato che questo era “un mezzo per guidare energicamente l’economia italiana verso la sua fase corporativa, vale a dire un sistema che rispetta fondamentalmente la proprietà privata e l’iniziativa, ma le lega strettamente allo Stato, che solo può proteggerle, controllarle e nutrirle” . (130)

I sospetti sulla natura fascista del grande ripristino di Schwab sono confermati, ovviamente, dalle misure dello stato di polizia che sono state implementate in tutto il mondo per garantire il rispetto delle misure Covid “di emergenza”.

La pura forza bruta che non si trova mai molto al di sotto della superficie del sistema capitalista diventa sempre più visibile quando entra nella fase fascista e questo è molto evidente nel libro di Schwab e Malleret.

La parola “forza” viene ripetutamente utilizzata nel contesto del Covid-19. A volte questo è in un contesto aziendale, come con le affermazioni che “COVID-19 ha costretto tutte le banche ad accelerare una trasformazione digitale che ora è qui per restare” o che “il micro reset costringerà ogni azienda in ogni settore a sperimentare nuove modi di fare impresa, lavorare e operare ”. (131)

Ma a volte viene applicato direttamente agli esseri umani, o “consumatori” come Schwab e la sua gente preferiscono pensare a noi.polizia di blocco

“Durante i blocchi, molti consumatori in precedenza riluttanti a fare troppo affidamento su applicazioni e servizi digitali sono stati costretti a cambiare le loro abitudini quasi dall’oggi al domani: guardare film online invece di andare al cinema, farsi consegnare i pasti invece di andare al ristorante, parlare con gli amici da remoto invece di incontrarli di persona, parlare con i colleghi su uno schermo invece di chiacchierare alla macchinetta del caffè, fare esercizio online invece di andare in palestra e così via …

“Molti dei comportamenti tecnologici che siamo stati costretti ad adottare durante la reclusione diventeranno più naturali grazie alla familiarità. Man mano che le distanze sociali e fisiche persistono, affidarsi maggiormente alle piattaforme digitali per comunicare, lavorare, chiedere consiglio o ordinare qualcosa, poco a poco, guadagnerà terreno su abitudini un tempo radicate ”. (132)

In un sistema fascista, agli individui non viene offerta la scelta se vogliono o meno soddisfare le sue richieste, come Schwab e Malleret chiariscono in merito al cosiddetto tracciamento dei contatti: “Nessuna app volontaria di tracciamento dei contatti funzionerà se le persone non sono disposti a fornire i propri dati personali all’agenzia governativa che monitora il sistema; se qualcuno rifiuta di scaricare l’app (e quindi di nascondere informazioni su una possibile infezione, movimenti e contatti), tutti ne saranno influenzati negativamente ”. (133)

Questo, riflettono, è un altro grande vantaggio della crisi Covid rispetto a quella ambientale che avrebbe potuto essere usata per imporre la loro Nuova Normalità: “Mentre per una pandemia, la maggioranza dei cittadini tenderà a concordare con la necessità di imporre misure coercitive, resisteranno alle politiche restrittive nel caso di rischi ambientali dove l’evidenza può essere contestata ”. (134)

Queste “misure coercitive”, alle quali tutti ci si aspetta che seguiamo, implicheranno ovviamente livelli inimmaginabili di sorveglianza fascista delle nostre vite, in particolare nel nostro ruolo di schiavi salariati.

Scrivono Schwab e Malleret: “La mossa aziendale sarà verso una maggiore sorveglianza; nel bene e nel male, le aziende osserveranno e talvolta registreranno ciò che fa la loro forza lavoro. La tendenza potrebbe assumere molte forme diverse, dalla misurazione della temperatura corporea con telecamere termiche al monitoraggio tramite un’app di come i dipendenti rispettano le distanze sociali ”. (135)

È probabile che vengano utilizzate anche misure coercitive di un tipo o dell’altro per costringere le persone a prendere i vaccini Covid attualmente in fase di preparazione.

schwab e gates

Schwab è profondamente connesso a quel mondo, essendo su una ” base di nome ” con Bill Gates ed essendo stato salutato dal pilastro di Big Pharma Henry McKinnell, presidente e CEO di Pfizer Inc, come “una persona veramente dedita a una causa veramente nobile” .

Quindi non sorprende che insista, con Malleret, sul fatto che “un pieno ritorno alla” normalità “non può essere previsto prima che un vaccino sia disponibile”. (136)

Aggiunge: “Il prossimo ostacolo è la sfida politica di vaccinare un numero sufficiente di persone in tutto il mondo (siamo collettivamente forti quanto l’anello più debole) con un tasso di conformità sufficientemente alto nonostante l’aumento degli anti-vaxxer”. (137)

Gli “anti-vaxxers” si uniscono così alla lista delle minacce di Schwab al suo progetto, insieme ai manifestanti anti-globalizzazione e anti-capitalisti, Gilets Jaunes e tutti coloro che sono coinvolti in “conflitti di classe”, “resistenza sociale” e “reazione politica”.

La maggior parte della popolazione mondiale è già stata esclusa dai processi decisionali dalla mancanza di democrazia che Schwab vuole accentuare attraverso il suo dominio aziendale da parte degli stakeholder, la sua “governance agile”, la sua “gestione del sistema dell’esistenza umana” totalitaria.

Ma come immagina di affrontare il “cupo scenario” delle persone che si ribellano contro il suo grande reset newnormalista e la sua quarta rivoluzione industriale transumanista?

Quale grado di “forza” e “misure coercitive” sarebbe disposto ad accettare per garantire l’alba della sua nuova era tecnocratica?

La domanda è agghiacciante, ma dovremmo anche tenere presente l’esempio storico del regime del XX secolo in cui è nato Schwab.

La nuova normalità nazista di Hitler doveva durare per mille anni, ma crollò 988 anni prima dell’obiettivo.

Solo perché Hitler ha detto, con tutta la sicurezza del potere, che il suo Reich sarebbe durato un millennio, questo non significava che fosse così.

Solo perché Klaus Schwab e Thierry Malleret ei loro amici dicono che stiamo entrando nella Quarta Rivoluzione Industriale e il nostro mondo cambierà per sempre, questo non significa che sia così.

Non dobbiamo accettare la loro nuova normalità. Non dobbiamo andare d’accordo con la loro paura. Non dobbiamo prendere i loro vaccini. Non dobbiamo lasciare che ci impiantino con gli smartphone o modifichino il nostro DNA. Non dobbiamo camminare, con la museruola e sottomessi, direttamente nel loro inferno transumanista.

Possiamo denunciare le loro bugie! Esponi la loro agenda! Rifiuta la loro narrativa! Rifiuta la loro ideologia tossica! Resistete al loro fascismo!

Klaus Schwab non è un dio, ma un essere umano. Solo un uomo anziano. E quelli con cui lavora, l’elite capitalista globale, sono pochi. I loro obiettivi non sono gli obiettivi della stragrande maggioranza dell’umanità. La loro visione transumanista è ripugnante per quasi tutti al di fuori della loro piccola cerchia e non hanno il consenso per la dittatura tecnocratica che stanno cercando di imporci.

Questo, dopotutto, è il motivo per cui hanno dovuto fare di tutto per imporlo sotto la falsa bandiera di combattere un virus. Hanno capito che senza la giustificazione dell ‘”emergenza”, non avremmo mai seguito il loro schema deformato.

Hanno paura del nostro potenziale potere perché sanno che se ci alziamo in piedi, li sconfiggeremo. Possiamo far crollare il loro progetto prima ancora che sia iniziato correttamente.

Noi siamo il popolo, siamo il 99%, e insieme possiamo riprenderci la nostra libertà dalle mascelle mortali della macchina fascista!