La ricerca per la guida delle auto senza conducente è finita. L’azienda Lyft ha recentemente annunciato la vendita della sua unità di guida autonoma al gigante dell’auto Toyota https://www.cnbc.com/2021/04/26/lyft-set-to-sell-self-driving-car-unit-to-a-subsidiary-of-toyota.html. La mossa non è sorprendente. Nonostante i forti investimenti, l’utopia di una guida senza conducente, come molti altri, rimane più finzione che fatto.

Non doveva essere così. Nel 2016, il presidente della Lyft John Zimmer aveva previsto che le auto senza conducente avrebbero “rappresentato la maggior parte delle corse entro cinque anni”. Entro il 2025, Zimmer così affermava, “la proprietà dell’auto privata finirà nelle principali città degli Stati Uniti”.

Tale ragionamento era in gran parte radicato nel “tecno-ottimismo”: la convinzione che le macchine fossero superiori agli umani in termini di servizio. Sensori e software, dopo tutto, non si lamentano, non si stancano, e non chiedono aumenti di stipendio – o salari, se è per questo. Questa premessa era presumibilmente un modo infallibile per alzare i profitti – da qui la spesa tech-centrica per tutto ciò che è autonomo. Le società di ride-hailing hanno bruciato milioni nel corso degli anni per perfezionare la tecnologia.

Eppure, autonomo non significa senza uomini. In “I nostri robot, noi stessi: Robotics and the Myths of Autonomy”, lo storico David Mindell spiega perché. “Non esistono sistemi completamente autonomi”, scrive Mindell. “La macchina che opera in modo del tutto indipendente dalla direzione umana è una macchina inutile. Solo una roccia è veramente autonoma”. Di fatto, il tipo di automazione su cui le compagnie di ride-hailing stanno scommettendo per aumentare i guadagni non esiste. Non è mai esistita.

E se esistesse, gli umani avrebbero ancora un ruolo. Il motivo? Non ci si può fidare che le macchine – proprio come gli esseri umani – facciano sempre le cose per bene, ogni volta. Prendiamo quello che oggi è probabilmente il pezzo di automazione più longevo: il pilota automatico degli aerei. Introdotto per la prima volta nel 1912, il sistema fu progettato per bilanciare un aereo in modo che i piloti umani non dovessero farlo. Il risultato fu un viaggio più fluido e sicuro per i passeggeri. Ma come sappiamo, ci sono stati degli intoppi. Nel 1985, un aereo di linea che volava per la China Airlines si è quasi schiantato dopo che il pilota automatico non è riuscito a informare l’equipaggio di un’imminente perdita di controllo – una condizione pericolosa che può causare un incidente. A causa di tali sviste, l’uso del pilota automatico oggi è subordinato alla supervisione umana.

Questo spiega anche perché le auto senza conducente rimangono, dopo anni di sviluppo, non così senza conducente dopo tutto. Guardate oltre i titoli dei giornali e troverete degli esseri umani che sorvegliano da lontano i sistemi presumibilmente automatizzati. Il personale di supporto al cliente è anche a disposizione per rispondere alle domande dei viaggiatori – come “Cosa succede se voglio cambiare la mia destinazione durante il viaggio? E poi c’è un’armata di ingegneri costosi pronti a risolvere problemi stradali fastidiosi, come cosa fare quando una corsia è bloccata da auto in doppia fila, coni stradali arancioni, o l’occasionale furgone di street-food.

Tutto questo capitale umano significa più, non meno, spese; bilanci gonfiati, non ridotti. E questo è problematico per un’industria che ha lottato per realizzare un profitto. Solo nel 2019, le società di ride-hailing hanno perso più di 10 miliardi di dollari, i loro bilanci sono stati descritti come “una fontana emorragica di inchiostro rosso senza alcun percorso verso la redditività”. I dirigenti delle aziende avevano sperato che gli investimenti nella guida autonoma avrebbero dato profitto. L’evidenza suggerisce il contrario.

È ora di vedere il sogno della guida senza conducente per quello che è: uno spettacolo in stile Disneyland che non può “essere all’altezza della sua immaginazione fantascientifica, una serie di progetti pilota molto costosi e sfarzosi che non possono essere realizzati nel mondo reale”. La tecnologia senza conducente potrebbe, nei suoi giorni migliori, essere stupefacente, ma quei giorni sono stati pochi e lontani tra loro. Gli algoritmi di guida autonoma potrebbero – data la frequenza della follia umana – avere un senso intuitivo, ma l’intuizione non è sempre giusta.

All’inizio di quest’anno, il governo britannico ha suggerito che le auto senza conducente potrebbero presto raggiungere la A10, una strada principale in Inghilterra che collega Londra a varie città a nord. “Siamo all’apice di una rivoluzione della guida”, ha osservato il ministro dei trasporti Rachel Maclean. Ma trasformare questa rivoluzione in realtà richiede una garanzia di perfezione tecnologica – una garanzia che pochi, se non nessuno, sviluppatori di tecnologia senza conducente possono dare. Finché questo non accade, aspettatevi che i conducenti umani rimangano nei paraggi.

Scelto da Alessia C. F. (ALKA) – https://www.msn.com/en-au/news/world/the-dream-of-the-truly-driverless-car-is-officially-dead/ar-AAKza4U