Il due settembre avevo pubblicato un articolo su uno strano documento, “Indebolire la Germania, rafforzare gli Stati Uniti” una breve analisi geopolitica ed economica con suggerimenti su come indebolire l’economia tedesca in caso di ingresso della Russia nella guerra ucraina nel Donbass, al fine di stabilizzare o addirittura rafforzare l’economia statunitense. Il documento era stato scritto dalla RAND Corporation.

Il documento era datato 25 gennaio 2022, quindi scritto un mese prima dell’inizio dell’intervento russo in Ucraina. 
Rimaneva da chiarire se il documento fosse autentico. 
Il portale Weltexpress https://weltexpress.info/die-wirtschaftskrise-in-deutschland-ist-das-ergebnis-einer-bewussten-provokation-durch-dieusa-die-amerikaner-liessen-die-deutsche-wirtschaft-zusammenbrechen-um-einenkonkurrenten-zu-vernichten/ ne parla il 6 settembre 2022. L’8 settembre ne riporta altre due pagine https://en.weltexpress.info/2022/09/08/documentation-a-rand-report-dated-01-25-2022/.
RT-DE lo riporta il 13 settembre facendo trapelare nuove pagine https://deutsch.rt.com/meinung/148665-ist-olaf-scholz-fremdbestimmt-geheimpapier/.

John Marc Dougan il 10 settembre ne ha fatto un video

 e ha messo il documento online https://disk.yandex.com/d/jxD85BQemPfz1A

Previous articleSta emergendo un modello per l’ordine mondiale del XXI secolo
Next articleLa Cina sostiene pubblicamente le azioni della Russia in Ucraina mentre il Grande Turan avanza
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità.