Originariamente pubblicato su Exiteconomics il 10-02-2020

Calatevi nei panni di un poveraccio straniero (giornalista, politologo, economista, imprenditore, fate un po’voi) che pensa di capire l’Italia per allacciare relazioni diplomatiche, per capire se é un paese in cui conviene investire, per comprendere se esiste una certa soliditá culturale che garantisca continuitá e possibilitá di avere progetti di medio/lungo termine.

Cosa cerchereste?
Continuitá nelle:
1) scelte politiche
2) scelte economiche
3) tutela della proprietá privata e rispetto del governo per un contratto
4) decisioni sugli investimenti su infrastrutture e ricerca e sviluppo
5) decisioni di politica estera

Bene, ora immaginate che lo straniero, di buona cultura, critico nelle scelte, e ponderato nelle valutazioni, legga di un presidente del Consiglio che

prima ha sostenuto una coalizione tra leghisti e pentastellati (populisti entrambi, per quanto lo straniero ne capisca)
poi, dopo un mese, ha sostenuto una coalizione tra democratici di sinistra e pentastellati (il primo parte del vecchio sistema di potere, il secondo populista)

Come minimo pensa “solito italiano, basta che galleggia”.

Non basta?
Nel precedente governo, si sono approvati i decreti sicurezza e sono stati messi in blocco gli sbarchi dall’Africa delle ONG.
Con l’attuale governo, si stanno smontando i decreti sicurezza e gli sbarchi sono ripresi.

Nel precedente governo, é stata approvata quota 100 per le pensioni.
L’attuale governo la sta smantellando

Nel precendente governo, si parlava di riforma della Magistratura. Hanno proposto l’abolizione della prescrizione.
Con l’attuale governo,  fine della riforma e si vocifera che la prescrizione verrá abolita, ma anche no.

Ora, direte voi, é credibile l’Italia?

Non é finita: la vicenda Ponte Morandi. Revoca della concessione?? Uno stato entra a gamba tesa su un contratto stilato in precedenza e lo abroga unilateralmente? Per dare la concessione a chi, poi? Ad ANAS, che dovrebbe poi beccarsi tutte le cause per danni derivanti dalla precedente gestione? Questo perché uno scudo penale non verrebbe approvato (vedi ILVA).

Ancora: ILVA di Taranto. Un magistrato blocca un altoforno, un altro vuole aprirlo, e nel frattempo il governo intima ad una impresa privata che non puó licenziare, quando di fatto si lavora in perdita e dovrebbe pagare per i danni fatti dai precedenti proprietari! Tutto bloccato. Inviluppato.

Capitolo Libia:
abbiamo approvato una guerra che ha portato solo disastri. Ora non contiamo niente nelle decisioni che contano. Nei consessi internazionali l’Italia non appare, non conta, non risulta. Zero.

Concludo: é credibile l’Italia? io personalmente mi vergogno dei miei connazionali e per la classe politica che esprimono.

Intanto il resto del mondo va avanti. Giusto per farvelo sapere.

Lorenzo Marchetti

https://exiteconomics.blogspot.com/2020/02/italia-credibilita-no-dico-sul-serio.html