16 settembre 2022 – La Banca centrale europea (BCE) collaborerà con cinque aziende per sviluppare potenziali interfacce utente per l’euro digitale.
L’obiettivo di questo esercizio di prototipazione è quello di verificare la capacità di integrazione della tecnologia alla base dell’euro digitale con i prototipi sviluppati dalle aziende. Le transazioni simulate saranno avviate utilizzando i prototipi di front-end sviluppati dalle cinque società ed elaborate attraverso l’interfaccia e l’infrastruttura di back-end dell’Eurosistema. Non è previsto il riutilizzo dei prototipi nelle fasi successive del progetto euro digitale.
Insieme al team della BCE, le società selezionate si concentreranno ciascuna su un caso d’uso specifico dell’euro digitale:
pagamenti online peer-to-peer – CaixaBank;
pagamenti offline peer-to-peer – Worldline;
pagamenti presso i punti vendita disposti dal pagatore – EPI;
pagamenti presso il punto vendita disposti dal beneficiario – Nexi;
pagamenti e-commerce – Amazon.

Le aziende sono state scelte tra 54 fornitori di front-end. La loro selezione fa seguito all’invito di aprile 2022 a manifestare interesse a partecipare all’esercizio di prototipazione. Tutte le 54 aziende soddisfano una serie di “capacità essenziali” indicate nell’invito, mentre i cinque fornitori scelti rispondono al meglio alle “capacità specifiche” richieste per il caso d’uso assegnato. La BCE apprezza l’ampio interesse dimostrato per l’esercizio di prototipazione.
L’esercizio di prototipazione è un elemento importante della fase di indagine biennale in corso del progetto euro digitale. Il suo completamento è previsto per il primo trimestre del 2023, quando la BCE pubblicherà anche i suoi risultati.
https://www.ecb.europa.eu/paym/intro/news/html/ecb.mipnews220916.en.html

Di Euro digitale qua su OZ ne abbiamo parlato:
https://www.orazero.org/le-possibili-configurazioni-delleuro-digitale-by-paul-c-f/
https://www.orazero.org/la-bce-prepara-la-moneta-digitale-e-la-fine-del-contante-by-paul-c-f/
https://www.orazero.org/i-pericoli-che-si-nascondono-dietro-un-euro-digitale/
https://www.orazero.org/e-euro-leuro-digitale/
https://www.orazero.org/la-bce-prepara-la-moneta-digitale-e-la-fine-del-contante-by-paul-c-f/
https://www.orazero.org/the-dark-moon-of-amazon-e-tutto-quello-che-nemmeno-immaginate/
Ebbene la valuta digitale sta prendendo forma.

Trovo il tutto molto divertente.
Viviamo in un Occidente dove stanno per arrivare lockdown energetici, blackout, energia sempre più limitata, la follia green che avanza ma che lascia in garage l’auto elettrica perché presto diventerà economicamente insostenibile ricaricarla, un razionamento energetico imposto…
e vogliono imporre la valuta digitale, che notoriamente tutti sanno che funziona in assenza di energia elettrica!!!!!!!!!!!!!!!!
Ah NO che sbadata!
Volevo scrivere che funzionerà le poche volte che abbiamo energia elettrica. Ehm e con quali costi?
Vogliono controllarci, ma senza energia fai poco controllo…
Il popolo trova sempre una moneta di scambio o un sistema di scambio quando la follia imperversa.
Tempi divertenti ci attendono.

Previous articleBiden continua a promettere una guerra diretta degli Stati Uniti contro la Cina per Taiwan
Next articleTra silenzi e strani movimenti russi. Mosca non ha mai fretta!
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità.