Il presidente russo Putin ha offerto al presidente degli Stati Uniti Biden una riunione in live-streaming per discutere i problemi tra i due paesi in modo trasparente per tutti. Secondo Putin, una tale conversazione pubblica sarebbe interessante sia per il popolo russo che per quello americano. Ieri, in una intervista Putin ha colto l’occasione per fare questa proposta insolita e molto interessante alla Casa Bianca https://smotrim.ru/article/2538549. (Trump parlava direttamente ai propri interlocutori, col senile Biden devi passare per la Casa Bianca… )

https://smotrim.ru/article/2538549: <<Vorrei suggerire al presidente Biden di continuare la nostra discussione, ma a una condizione: Che lo facciamo dal vivo, online. Senza ritardi, in una discussione diretta e aperta. Penso che sarebbe interessante per il popolo russo e per il popolo americano, sì, e anche per molti altri paesi, dopo tutto, sulle spalle delle più grandi potenze nucleari si trova una responsabilità speciale per la sicurezza del pianeta. Possiamo parlare delle nostre relazioni bilaterali, della stabilità strategica, della risoluzione dei conflitti regionali, ce ne sono molti di temi, non li elencherò qui. E anche altri problemi che affronta l’umanità oggi, voglio dire la lotta contro la pandemia, come sapete, la situazione negli Stati Uniti non è facile, sono ancora lontani da una soluzione. Possiamo parlarne, condividere le nostre esperienze. Ma ripeto: a condizione che sia una conversazione diretta, corretta e in diretta.>>

La dichiarazione di Putin tra le righe: augurare a Biden buona salute indica netta superiorità. Meravigliosa la risposta “quando la gente giudica gli altri, si guarda allo specchio” e non si riferiva solo alla parola “assassino”. Putin è un uomo molto arguto che parla in modo calmo, concreto e generalmente comprensibile, e che spesso trascorre ore nelle tavole rotonde a rispondere alle domande critiche dei giornalisti internazionali mentre chiaramente si diverte.

Joe Biden è un politico con quasi 50 anni di esperienza, quindi non dovrebbe aver paura di una simile conversazione. Ma la questione è se il suo stato d’animo è ancora tale da permettergli una simile conversazione “da parte di chi lo circonda”. Dopo tutto, la sua demenza è apparentemente in rapida progressione e sta facendo notizia. Questa proposta di Putin dovrebbe essere un’occasione gradita per Biden, se è ancora in pieno possesso delle sue facoltà, per dare ragione a tutti coloro che speculano sulle sue capacità mentali.

Il dilemma della Casa Bianca: vedremo se Biden lo farà. Parere personale: lo rifiuterà. Al rifiuto statunitense sarà divertente osservare con quali basi verrà annunciato il rifiuto, o se la Casa Bianca ignorerà del tutto la proposta di Putin. Se l’intervista di Biden aveva lo scopo di provocare la Russia facendo insulti personali contro Putin, possiamo già vedere che ha fallito. Per di più, è probabile che diventi un autogol, quando avverrà i media occidentali cercheranno naturalmente di nascondere il rifiuto.

I giocatori di poker americani dietro Biden sembrano sottovalutare terribilmente i giocatori di scacchi russi in questo momento. Nel poker la gente ama bluffare, ma negli scacchi si pensa con diverse mosse in anticipo, quindi un bluff non aiuta, espone il re, in questo caso il presidente degli Stati Uniti. Della serie cari merighi “avete pestato un merdone clamoroso”. E sempre in questo ambito La regina forse non sarà di aiuto agli USA nemmeno in questa occasione, perché certamente non vorranno che la vicepresidente Kamala Harris alla Casa Bianca accetti la proposta di Putin e venga smontata da quest’ultimo in una trasmissione in diretta. L’impreparata e il senile preparato, nun se po’ vede’. Alessia C. F. (ALKA)