Vediamo se stavolta davvero hanno le prove incriminanti sufficienti per processare ufficialmente Hunter Biden.
La televisione russa è in gran fermento, del resto presto ci saranno le midterm election, e se i Democratici statunitensi perdono a novembre, potrebbe esserci anche un procedimento di impeachment contro Joe Biden.

Ecco cosa riporta https://vesti7.ru/video/2492078/episode/09-10-2022/:
<<Biden deve affrontare 14 punti di impeachment
Biden chiaramente non intendeva spiegare perché parlava di Armaghedon. Prima di mezzogiorno di venerdì, è letteralmente fuggito dalla Casa Bianca o da domande scomode. Il volo in bella vista è stato anche un segnale per gli scettici delle affermazioni secondo cui il presidente più anziano della storia degli Stati Uniti era in ottima forma. Ma i suoi avversari parlano sempre più della sua debolezza, sia fisica che politica.
La Casa Bianca vede la decisione dell’OPEC di tagliare la produzione di petrolio di 2 milioni di barili al giorno come un insulto diretto a Biden. Dopotutto, quest’estate a Jeddah, il presidente americano ha pregato il principe saudita di fare il contrario. Sullo sfondo dei prezzi esorbitanti del gas, Biden ha dovuto volare nel regno che aveva promesso di trasformare in uno stato paria per l’omicidio del giornalista Khashoggi.
“Perché risucchiare Mohammed bin Salman è sempre l’opzione migliore? O risucchiare l’OPEC e i mullah iraniani, anche se abbiamo più risorse naturali qui nel nostro paese rispetto alla maggior parte delle altre messe insieme. Perché non opta per una politica in cui possiamo produrre in modo più economico, più pulito e più veloce? Non capisco”, ha detto il conduttore di Fox News Sean Hannity.
Biden è favorevole all’ambiente, quindi aumentare la produzione di petrolio degli Stati Uniti è fuori questione. Il governo sta stabilizzando i prezzi delle stazioni di servizio pompando carburante dalle riserve strategiche, un milione di barili al giorno. Si è arrivati ​​al punto in cui le scorte sono arrivate ai livelli del 1984. Ma non aiuta, i prezzi del gas stanno aumentando un mese prima delle elezioni del Congresso di nidterm. È chiaro a tutti che più alti sono i prezzi alle stazioni di servizio, minori sono le possibilità che il partito al governo mantenga la maggioranza a Capitol Hill.
“Molti ora direbbero che stai mettendo in pericolo il mercato energetico globale e l’economia mondiale con le tue misure per tagliare i sussidi. Qual è la tua risposta?” è stato chiesto al rappresentante saudita all’OPEC.
“Non mettiamo a rischio nulla. Garantiamo sicurezza e stabilità nei mercati energetici”, ha risposto Haitham al-Ghais, segretario generale dell’OPEC.
“E i prezzi?”
“Ogni cosa ha il suo prezzo, compresa la sicurezza energetica”.
A Vienna, allo storico incontro dell’OPEC, Alexander Novak è stato travolto dalle domande della stampa. Il ministro dell’Energia russo non ha immediatamente commentato. Avendo già raggiunto un accordo con i suoi soci, ha spiegato perché stanno tagliando la produzione: “Per controbilanciare il mercato, che ora sta entrando in una zona di turbolenza e incertezza, soprattutto in autunno e inverno quando la domanda cala e anche l’offerta deve essere adeguata. Il tasso di crescita dell’economia globale precedentemente previsto sarà inferiore nel 2022 e nel 2023. Ecco perché sono stati presi in considerazione anche questi rischi”.
La Casa Bianca non ha esitato ad accusare l’OPEC di quasi cospirazione con la Russia. Il Dipartimento di Stato americano promette all’Arabia Saudita una sorta di ritorsione. Il New York Times descrive questo risentimento impotente non solo come il tentativo fallito di Washington di spremere i proventi delle esportazioni di Mosca, ma anche come la perdita dell’alleato dell’America in Medio Oriente. L’influenza di Biden nella regione è molto più debole di quanto vorrebbe. C’erano persone in altre parti del mondo che la Casa Bianca poteva domare.
“Zelensky non è affatto un leader indipendente di uno stato democratico. Questa è una finzione. Zelensky è un cliente dell’amministrazione Biden che gestisce il suo paese e gli ideologi all’interno dell’amministrazione Biden non volevano colloqui di pace. Volevano da sempre, ed è abbastanza chiaro ora, una guerra per il cambio di regime in Russia”, ha detto il conduttore Tucker Carlson.
Biden è così impegnato con l’Ucraina che la Florida dovrà aspettare. L’uragano Ian ha colpito lo stato. Più di 100 morti, 2,5 milioni di persone senza elettricità per una settimana. Ma l’Ucraina ha ricevuto il suo 22° pacchetto di aiuti. Contiene armi per un valore di 625 miliardi di dollari. Washington invia quattro HIMARS, 16 obici, granate e decine di migliaia di munizioni.
“Valutiamo le esigenze sul campo di battaglia. Secondo le nostre stime, con i sistemi a loro disposizione, gli ucraini possono raggiungere la maggior parte degli obiettivi sul campo di battaglia. Possono raggiungere la maggior parte delle destinazioni, inclusa la Crimea”, ha affermato Laura Cooper, Assistente Segretario alla Difesa degli Stati Uniti per Russia, Ucraina ed Eurasia.
L’uomo più ricco del mondo, l’uomo d’affari Elon Musk, spiega chi possiede la Crimea. L’inventore delle auto elettriche e delle astronavi private ha deciso di cimentarsi nella pacificazione. Ha pubblicato su Twitter il suo piano per la riconciliazione tra Russia e Ucraina:
Nuove elezioni nelle regioni annesse sotto la supervisione delle Nazioni Unite (la Russia si ritirerà se questa è la volontà del popolo)
La Crimea diventa formalmente parte della Russia (era dal 1783 fino all’errore di Krusciov”)
L’approvvigionamento idrico della Crimea è assicurato
L’Ucraina resta uno Stato neutrale
Non è ancora chiaro se Musk parli da solo o se sia la voce collettiva di un gruppo in Occidente in cerca di pace. Ma non ci sono state parole gentili per l’autore del piano. Le parole nei commenti erano per lo più oscene e con un accento ucraino. Andrei Melnyk, l’ex ambasciatore ucraino in Germania, non è stato schizzinoso quando ha detto: “Vaffanculo è la mia risposta diplomatica”. Ancora più poco diplomatica è stata la nota volontaria ucraina Melania Podolyak: “Il tuo lavoro è dare Starlink e stare zitto, ma in Ucraina Internet sta fallendo. 
Starlinks, che Musk aveva già consegnato a Kiev per 80 milioni di dollari, ha smesso di funzionare. I soldati ucraini si sono lamentati del fatto con il quotidiano Financial Times.
“I resoconti del Financial Times sono scarsi. L’articolo afferma falsamente che tutti i terminali e i servizi Starlink sono stati pagati, quando solo una piccola parte di essi è stata pagata”, ha affermato Musk.
Per inciso, è stato il razzo Space X di Elon Musk a lanciare la russa Anna Kikina. Faceva parte del quinto equipaggio internazionale a volare verso la ISS sulla navicella spaziale commerciale. Roskosmos e la NASA continuano a lavorare insieme, nonostante l’insistenza del governo degli Stati Uniti sulla fine dei voli congiunti. Musk ha già pubblicamente ritirato il sostegno ai Democratici, ha criticato Biden in più di un’occasione e ora ha insinuato che un uomo della sua età non può essere presidente.
“Ti dirò qualcosa. Le sto dicendo quello che ha detto lo stesso Presidente. In realtà si candiderà alle elezioni presidenziali del 2024”, ha affermato Karine Jean-Pierre, addetta stampa della Casa Bianca.
Avrà allora 82 anni. Lo scandalo che coinvolge suo figlio Hunter potrebbe mettere fine alla sua carriera. Agenti dell’FBI e funzionari delle tasse hanno trovato prove sufficienti per sporgere denuncia contro il giovane Biden.
“La storia non riguarda Hunter Biden. L’intera famiglia Biden è coinvolta nella storia, con il Presidente degli Stati Uniti in testa. E anche il nemico numero uno dell’America, la Cina, è coinvolto. I comunisti hanno pompato milioni e milioni nella famiglia Biden per anni. I media lo confermano, i testimoni lo confermano, gli estratti conto bancari confermano che, solo Biden dice che non è vero”, si può sentire alla televisione statunitense.
Gli oppositori repubblicani di Biden al Congresso stanno già preparando un processo di impeachment di 14 punti. Potresti avere la possibilità di estrometterlo già a novembre. Il partito presidenziale al governo rischia di perdere la maggioranza alle elezioni del Congresso di medio termine. Le politiche dell’attuale governo hanno sconvolto troppi elettori.>>

Su questo blog parlo da anni degli scandali della famiglia Biden:
– https://www.orazero.org/la-societa-di-hunter-biden-coinvolta-nella-ricerca-del-pentagono-sulle-armi-biologiche-in-ucraina/
– https://www.orazero.org/facebook-cancella-gli-account-che-criticano-biden-e-le-sue-attivita-in-ucraina/
– https://www.orazero.org/bidengate-un-grande-scandalo-di-corruzione/
– https://www.orazero.org/negli-usa-tira-aria-di-guerra-civile/
– https://www.orazero.org/briefing-sui-risultati-dellanalisi-dei-documenti-relativi-allattivita-biologico-militare-degli-stati-uniti-sul-territorio-dellucraina/
– https://www.orazero.org/non-ce-piu-tempo-otcober-surprise-sta-fallendo/

Previous articleSulla Bellezza
Next articleLa guerra in Ucraina e in Europa è la formula più economica per “tutti gli altri”
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità. SEMPRE COMUNQUE OVUNQUE ALESSIA C. F. (ALKA)