L’intervento del governo e le esagerazioni dell’Agenzia Internazionale e dei media “fedeli” hanno contribuito a spaventare imprenditori e aziende. Il motivo principale della crisi della benzina in Gran Bretagna è la mancanza di un numero sufficiente di conducenti di cisterne (Reuters). Una soffocante crisi energetica in Europa e un blackout organizzato e completo in alcune città cinesi. Prima di loro, c’è stata un’interruzione di corrente in California. La Gran Bretagna soffre di un deficit nella fornitura di energia elettrica e di un forte aumento dei prezzi di elettricità, gas e carbone, e quindi la scomparsa della benzina da molte stazioni, poiché i dati indicano che oltre il 50 per cento delle stazioni che non si trovano sul le autostrade non hanno benzina, e che circa un terzo delle stazioni BP non ha benzina. La Cina ha iniziato a organizzare tagli all’elettricità nelle città e ha costretto le fabbriche a ridurre le loro attività, nel tentativo di alleviare la pressione su varie fonti energetiche, in modo che i loro prezzi non continuassero a salire.
Gli Stati Uniti stanno vivendo un aumento significativo dei prezzi della benzina a causa dell’uragano Ida nel Golfo del Messico. Ciò terrorizza l’amministrazione del presidente Joe Biden, per diversi motivi, il più importante dei quali è lo spettro del ritorno al potere di Donald Trump o dei suoi seguaci alle elezioni del 2022 e del 2024, tanto più che Trump ha sempre chiesto di abbassare i prezzi della benzina, e le circostanze lo hanno aiutato a raggiungere questo obiettivo.La California ha subito blackout e ripeterà questa sofferenza due volte l’anno per molti anni a causa delle sue politiche climatiche estreme, della siccità che ha colpito lo stato e degli stati limitrofi e della riduzione della produzione di elettricità da energia idroelettrica.
Tutta questa sofferenza è un’industria locale che non ha nulla a che fare con i paesi “OPEC+”, in quanto i paesi del gruppo sono interessati al greggio e non hanno nulla a che fare con il gas.

Ci sono diverse ragioni per l’aumento dei prezzi del gas che non hanno nulla a che fare con i paesi produttori. Uno dei più importanti di questi motivi sono le politiche a emissioni zero che vengono rapidamente attuate senza guardare al loro impatto sul campo. Il carbone e l’energia nucleare venivano gradualmente eliminati e sostituiti dall’energia solare ed eolica. Il problema è che l’energia rinnovabile è intermittente, poiché l’energia eolica è presente finché soffia il vento e l’energia solare è presente durante la giornata di sole. Cosa compenserà quando non c’è sole o vento senza la capacità di immagazzinare elettricità? Carbone, nucleare, gas o petrolio?
Dal momento che il carbone e l’energia nucleare sono stati gradualmente eliminati o ridimensionati, l’alternativa è spesso il gas. Con la ripresa delle economie dei paesi europei negli ultimi mesi, la domanda di gas è aumentata in modo significativo e i suoi prezzi sono aumentati. Con l’aumento del prezzo del gas è aumentato anche il passaggio ad altre fonti energetiche, come il carbone. Alla luce di questo aumento, alcune società elettriche sono fallite. A peggiorare le cose è stata l’interruzione del cavo sottomarino che trasmette l’elettricità dalla Francia alla Gran Bretagna.
La Cina si è ripresa dal covid prima di altri a causa della sua infezione precoce, quindi è tornata alla vita normale prima degli altri e la sua domanda di tutte le risorse naturali è aumentata, quindi i loro prezzi sono aumentati. Poi c’è stata una disputa commerciale tra essa e l’Australia, quindi Pechino ha deciso di interrompere l’importazione di carbone australiano ed è passata all’importazione di carbone dagli Stati Uniti e da altri, quindi i suoi prezzi sono aumentati. Allo stesso tempo, la domanda di gas naturale è aumentata a livello globale a causa della ripresa economica e del rigido inverno seguito da un’estate torrida. Nel frattempo, i prezzi del petrolio sono aumentati al di sopra del livello voluto dalla Cina. Pechino ha utilizzato vari mezzi per ridurre i prezzi delle fonti energetiche, tra cui la razionalizzazione dei consumi che assicura interruzioni di corrente e l’utilizzo di riserve strategiche di petrolio. Le politiche di ripresa della Cina hanno contribuito all’inasprimento della crisi energetica e la sua politica estera nei confronti dell’Australia ha peggiorato le cose.

Non c’è dubbio che ci siano altri motivi, ma l’idea qui è che la crisi è domestica per eccellenza, e i paesi “OPEC+” non c’entrano nulla.
I paesi “OPEC +” non hanno nulla a che fare con la crisi della benzina britannica
. Il motivo principale della crisi è la mancanza di un numero sufficiente di conducenti di autocisterne per distribuire benzina in tutto il Paese. Ma questo non basta a provocare una crisi soffocante nel Paese. Ciò che ha esacerbato la crisi sono stati i media che hanno riportato la mancanza di benzina in alcune stazioni, causando la paura che ha spinto le persone a comprare e immagazzinare benzina. Con l’aumento del numero di stazioni in cui le scorte di benzina erano esaurite e la continua copertura mediatica, la paura di alcune persone per la mancanza di rifornimenti si è trasformata in un panico generale, quindi la gente ha iniziato a comprare qualsiasi benzina potesse comprare e immagazzinare.

La COP 26 assisterà al crollo dell’accordo sul clima?
La frequenza degli eventi ha permesso all’improvviso di diffondere le teorie del complotto: l’impennata dei prezzi dell’elettricità e del gas ha coinciso con una carenza di benzina e generi alimentari, in un momento in cui il governo insisteva per adottare una politica più severa sul cambiamento climatico. E prima che la conferenza globale sul clima (COP26) si svolga a Glasgow, in Scozia, potrebbe essere una deliberata politica del governo approvare politiche climatiche, non solo in Gran Bretagna, ma in tutto il mondo. Non ci sono prove per questa teoria, anzi, quello che è successo è il risultato del fallimento di queste politiche e il governo britannico è scioccato da quanto accaduto. Ma la domanda qui è: perché non ci sono abbastanza autisti di camion… Dove sono andati e sono improvvisamente scomparsi?
Il problema della carenza di autisti di camion e cisterne in genere nei paesi industrializzati, compresi gli Stati Uniti. Dopo la chiusura delle economie della maggior parte dei paesi, i conducenti di camion e cisterne sono stati i più colpiti, soprattutto con il calo della domanda globale di derivati ​​del petrolio di milioni di barili al giorno, quindi sono stati licenziati. Poi i vari governi hanno erogato ingenti sussidi a chi perdeva il lavoro, nella misura in cui i benefici erano maggiori del reddito di alcuni lavori, allora perché il lavoratore o l’impiegato torna al lavoro per stancarsi e fare un grande sforzo per ottenere un stipendio più basso? Articolo tratto da https://www.independentarabia.com/node/262886/آراء/أزمة-الطاقة-في-الشرق-والغرب-صناعة-محلية

La stampa britannica riferisce che si stanno già creando code di automobilisti alle stazioni di servizio per rifornirsi, anche se il Governo invita la popolazione a no affollarsi, negando la carenza di carburante. Questa situazione starebbe spingendo il Governo ad attuare un provvedimento che le associazioni del trasporto e della logistica chiedono da mesi, senza finora essere ascoltate. È la rimozione agli ostacoli all’immigrazione di autisti stranieri. Il 24 settembre, infatti, il ministro dei Trasporti britannico Grant Shapps non ha escluso di rilasciare visti d’ingresso a breve termine per conducenti di veicoli industriali provenienti dall’Unione Europea. Un’altra misura che Londra sta valutando è usare l’esercito per la distribuzione, ma certamente i militari non riuscirebbero a fare il lavoro di 100mila autisti, tanti sono quelli che mancano in Gran Bretagna https://www.trasportoeuropa.it/notizie/autotrasporto/bp-raziona-il-carburante-per-carenza-autisti-camion/

Dall’articolo https://joannenova.com.au/2021/09/greens-russia-renewables-industry-forces-uk-government-to-go-nuclear/ si evince che l’unica via d’uscita dalle sabbie mobili della Green-Energy è il nucleare.
https://www.dailymail.co.uk/news/article-10029709/Kwasi-Kwarteng-poised-approve-16-mini-nuclear-reactors-bid-hit-2050-net-zero-target.html La crisi del gas spinge i ministri a “cambiare obiettivo” con Kwasi Kwarteng pronto ad approvare 16 mini-reattori. Secondo il Sunday Times, un consorzio guidato dalla società di ingegneria si è assicurato i 210 milioni di sterline necessari per ottenere un finanziamento, una generazione pianificata di mini reattori nucleari potrebbe proteggere la Gran Bretagna da future crisi energetiche. Il Business Secretary Kwasi Kwarteng è pronto ad approvare il finanziamento per il gigante dell’ingegneria britannica Rolls-Royce per creare una flotta di mini-reattori. Si ritiene che i ministri abbiano adottato un “cambiamento di rotta” verso l’energia nucleare in mezzo all’attuale crisi causata dall’impennata dei prezzi globali del gas all’ingrosso. I mini reattori, conosciuti come Small Modular Reactors (SMR), generano circa 450 megawatt di potenza – circa un settimo di quello che produce una centrale convenzionale come Hinkley Point.

Vogliamo vedere che i Small Modular Reactors (SMR) diventeranno green?