L’intervento del governo e le esagerazioni dell’Agenzia Internazionale e dei media “fedeli” hanno contribuito a spaventare imprenditori e aziende. Il motivo principale della crisi della benzina in Gran Bretagna è la mancanza di un numero sufficiente di conducenti di cisterne (Reuters). Una soffocante crisi energetica in Europa e un blackout organizzato e completo in alcune città cinesi. Prima di loro, c’è stata un’interruzione di corrente in California. La Gran Bretagna soffre di un deficit nella fornitura di energia elettrica e di un forte aumento dei prezzi di elettricità, gas e carbone, e quindi la scomparsa della benzina da molte stazioni, poiché i dati indicano che oltre il 50 per cento delle stazioni che non si trovano sul le autostrade non hanno benzina, e che circa un terzo delle stazioni BP non ha benzina. La Cina ha iniziato a organizzare tagli all’elettricità nelle città e ha costretto le fabbriche a ridurre le loro attività, nel tentativo di alleviare la pressione su varie fonti energetiche, in modo che i loro prezzi non continuassero a salire.
Gli Stati Uniti stanno vivendo un aumento significativo dei prezzi della benzina a causa dell’uragano Ida nel Golfo del Messico. Ciò terrorizza l’amministrazione del presidente Joe Biden, per diversi motivi, il più importante dei quali è lo spettro del ritorno al potere di Donald Trump o dei suoi seguaci alle elezioni del 2022 e del 2024, tanto più che Trump ha sempre chiesto di abbassare i prezzi della benzina, e le circostanze lo hanno aiutato a raggiungere questo obiettivo.La California ha subito blackout e ripeterà questa sofferenza due volte l’anno per molti anni a causa delle sue politiche climatiche estreme, della siccità che ha colpito lo stato e degli stati limitrofi e della riduzione della produzione di elettricità da energia idroelettrica.
Tutta questa sofferenza è un’industria locale che non ha nulla a che fare con i paesi “OPEC+”, in quanto i paesi del gruppo sono interessati al greggio e non hanno nulla a che fare con il gas.

Ci sono diverse ragioni per l’aumento dei prezzi del gas che non hanno nulla a che fare con i paesi produttori. Uno dei più importanti di questi motivi sono le politiche a emissioni zero che vengono rapidamente attuate senza guardare al loro impatto sul campo. Il carbone e l’energia nucleare venivano gradualmente eliminati e sostituiti dall’energia solare ed eolica. Il problema è che l’energia rinnovabile è intermittente, poiché l’energia eolica è presente finché soffia il vento e l’energia solare è presente durante la giornata di sole. Cosa compenserà quando non c’è sole o vento senza la capacità di immagazzinare elettricità? Carbone, nucleare, gas o petrolio?
Dal momento che il carbone e l’energia nucleare sono stati gradualmente eliminati o ridimensionati, l’alternativa è spesso il gas. Con la ripresa delle economie dei paesi europei negli ultimi mesi, la domanda di gas è aumentata in modo significativo e i suoi prezzi sono aumentati. Con l’aumento del prezzo del gas è aumentato anche il passaggio ad altre fonti energetiche, come il carbone. Alla luce di questo aumento, alcune società elettriche sono fallite. A peggiorare le cose è stata l’interruzione del cavo sottomarino che trasmette l’elettricità dalla Francia alla Gran Bretagna.
La Cina si è ripresa dal covid prima di altri a causa della sua infezione precoce, quindi è tornata alla vita normale prima degli altri e la sua domanda di tutte le risorse naturali è aumentata, quindi i loro prezzi sono aumentati. Poi c’è stata una disputa commerciale tra essa e l’Australia, quindi Pechino ha deciso di interrompere l’importazione di carbone australiano ed è passata all’importazione di carbone dagli Stati Uniti e da altri, quindi i suoi prezzi sono aumentati. Allo stesso tempo, la domanda di gas naturale è aumentata a livello globale a causa della ripresa economica e del rigido inverno seguito da un’estate torrida. Nel frattempo, i prezzi del petrolio sono aumentati al di sopra del livello voluto dalla Cina. Pechino ha utilizzato vari mezzi per ridurre i prezzi delle fonti energetiche, tra cui la razionalizzazione dei consumi che assicura interruzioni di corrente e l’utilizzo di riserve strategiche di petrolio. Le politiche di ripresa della Cina hanno contribuito all’inasprimento della crisi energetica e la sua politica estera nei confronti dell’Australia ha peggiorato le cose.

Non c’è dubbio che ci siano altri motivi, ma l’idea qui è che la crisi è domestica per eccellenza, e i paesi “OPEC+” non c’entrano nulla.
I paesi “OPEC +” non hanno nulla a che fare con la crisi della benzina britannica
. Il motivo principale della crisi è la mancanza di un numero sufficiente di conducenti di autocisterne per distribuire benzina in tutto il Paese. Ma questo non basta a provocare una crisi soffocante nel Paese. Ciò che ha esacerbato la crisi sono stati i media che hanno riportato la mancanza di benzina in alcune stazioni, causando la paura che ha spinto le persone a comprare e immagazzinare benzina. Con l’aumento del numero di stazioni in cui le scorte di benzina erano esaurite e la continua copertura mediatica, la paura di alcune persone per la mancanza di rifornimenti si è trasformata in un panico generale, quindi la gente ha iniziato a comprare qualsiasi benzina potesse comprare e immagazzinare.

La COP 26 assisterà al crollo dell’accordo sul clima?
La frequenza degli eventi ha permesso all’improvviso di diffondere le teorie del complotto: l’impennata dei prezzi dell’elettricità e del gas ha coinciso con una carenza di benzina e generi alimentari, in un momento in cui il governo insisteva per adottare una politica più severa sul cambiamento climatico. E prima che la conferenza globale sul clima (COP26) si svolga a Glasgow, in Scozia, potrebbe essere una deliberata politica del governo approvare politiche climatiche, non solo in Gran Bretagna, ma in tutto il mondo. Non ci sono prove per questa teoria, anzi, quello che è successo è il risultato del fallimento di queste politiche e il governo britannico è scioccato da quanto accaduto. Ma la domanda qui è: perché non ci sono abbastanza autisti di camion… Dove sono andati e sono improvvisamente scomparsi?
Il problema della carenza di autisti di camion e cisterne in genere nei paesi industrializzati, compresi gli Stati Uniti. Dopo la chiusura delle economie della maggior parte dei paesi, i conducenti di camion e cisterne sono stati i più colpiti, soprattutto con il calo della domanda globale di derivati ​​del petrolio di milioni di barili al giorno, quindi sono stati licenziati. Poi i vari governi hanno erogato ingenti sussidi a chi perdeva il lavoro, nella misura in cui i benefici erano maggiori del reddito di alcuni lavori, allora perché il lavoratore o l’impiegato torna al lavoro per stancarsi e fare un grande sforzo per ottenere un stipendio più basso? Articolo tratto da https://www.independentarabia.com/node/262886/آراء/أزمة-الطاقة-في-الشرق-والغرب-صناعة-محلية

La stampa britannica riferisce che si stanno già creando code di automobilisti alle stazioni di servizio per rifornirsi, anche se il Governo invita la popolazione a no affollarsi, negando la carenza di carburante. Questa situazione starebbe spingendo il Governo ad attuare un provvedimento che le associazioni del trasporto e della logistica chiedono da mesi, senza finora essere ascoltate. È la rimozione agli ostacoli all’immigrazione di autisti stranieri. Il 24 settembre, infatti, il ministro dei Trasporti britannico Grant Shapps non ha escluso di rilasciare visti d’ingresso a breve termine per conducenti di veicoli industriali provenienti dall’Unione Europea. Un’altra misura che Londra sta valutando è usare l’esercito per la distribuzione, ma certamente i militari non riuscirebbero a fare il lavoro di 100mila autisti, tanti sono quelli che mancano in Gran Bretagna https://www.trasportoeuropa.it/notizie/autotrasporto/bp-raziona-il-carburante-per-carenza-autisti-camion/

Dall’articolo https://joannenova.com.au/2021/09/greens-russia-renewables-industry-forces-uk-government-to-go-nuclear/ si evince che l’unica via d’uscita dalle sabbie mobili della Green-Energy è il nucleare.
https://www.dailymail.co.uk/news/article-10029709/Kwasi-Kwarteng-poised-approve-16-mini-nuclear-reactors-bid-hit-2050-net-zero-target.html La crisi del gas spinge i ministri a “cambiare obiettivo” con Kwasi Kwarteng pronto ad approvare 16 mini-reattori. Secondo il Sunday Times, un consorzio guidato dalla società di ingegneria si è assicurato i 210 milioni di sterline necessari per ottenere un finanziamento, una generazione pianificata di mini reattori nucleari potrebbe proteggere la Gran Bretagna da future crisi energetiche. Il Business Secretary Kwasi Kwarteng è pronto ad approvare il finanziamento per il gigante dell’ingegneria britannica Rolls-Royce per creare una flotta di mini-reattori. Si ritiene che i ministri abbiano adottato un “cambiamento di rotta” verso l’energia nucleare in mezzo all’attuale crisi causata dall’impennata dei prezzi globali del gas all’ingrosso. I mini reattori, conosciuti come Small Modular Reactors (SMR), generano circa 450 megawatt di potenza – circa un settimo di quello che produce una centrale convenzionale come Hinkley Point.

Vogliamo vedere che i Small Modular Reactors (SMR) diventeranno green?

Previous articleLa discesa agli inferi
Next articleLa costosa ma deliberata carenza di manodopera negli Stati Uniti
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità.