Per molti mesi io e molti degli investitori con cui lavoro siamo diventati sempre più preoccupati per la crescente instabilità e insicurezza dei mercati energetici. Il quadruplo picco dei prezzi del gas di quest’anno è stato un campanello d’allarme scioccante, che ha evidenziato l’insicurezza energetica in Europa e in particolare nel Regno Unito. I prezzi del gas rimarranno elevati per i mesi a venire. Le conseguenze saranno brutali – e fatali per alcuni.

L’energia – che sia derivata da combustibili fossili, nucleare o rinnovabili – è una merce e la cosa critica delle merci è che: “Non puoi stampare materie prime come puoi stampare denaro. Le regole non sono le stesse”, dice il mio buon amico e capo delle materie prime a Shard, Ashley Boolell.

Le materie prime sono volatili e pericolose. Il petrolio è raddoppiato negli ultimi mesi. Ma il fatto è che i prezzi dell’oro, dell’argento, del palladio e del rame, non importa quanto siano volatili, sono semplicemente opportunità di investimento o trappole, ed è improbabile che ci uccidano.

L’energia è diversa. Può ucciderci.

Questo è stato definitivamente dimostrato all’inizio di quest’anno in Texas. Una rapida serie di tempeste invernali ha fatto crollare la rete texana quando l’infrastruttura del gas si è guastata per il freddo, le energie rinnovabili non stavano producendo, e la deregolamentazione del suo sistema energetico aveva staccato il Texas da entrambe le reti elettriche degli Stati Uniti – rendendo difficile importare energia. Più di 200 persone sono morte a causa delle interruzioni di corrente.

Arriviamo a questo inverno, e il Regno Unito e l’Europa sono sulla linea di tiro diretta della tempesta energetica in arrivo. La sicurezza delle forniture energetiche non è mai sembrata così incerta come ora. Nel Regno Unito, lo stoccaggio scarso indica che abbiamo la capacità di erogare 3-4 giorni di gas. Il recente crollo della sterlina è stato collegato al panico per le forniture di benzina, all’escalation e ai fallimenti a cascata della catena di approvvigionamento che hanno un impatto sull’industria e ai crescenti problemi attribuiti alla Brexit. Aggiungerei domande su come lo status del Regno Unito come prima economia mondiale con zero sicurezza energetica si allineerà.

Come è successo? Perché?

Beh… questa è una lunga storia… Ma, sarà molto imbarazzante per il governo di Boris Johnson se le prime interruzioni di corrente nel Regno Unito si verificheranno durante il circo del clima COP26 a Glasgow in novembre.

La COP26 ha guidato l’agenda del governo e l’ambizione di essere visto come più verde, più neutrale al carbonio e più ESG di chiunque altro. Ho sentito storie di ministri di gabinetto che lanciano bestemmie quando viene loro chiesto di sostenere politiche che non sono immediatamente in linea con le politiche verdi percepite come apportatrici di voti.

Come ho scritto molte volte – ESG è ben intenzionato, ma forse la forza più pericolosa in Economia oggi.

I gestori di investimenti contano sul fatto che la gente dia loro soldi da gestire. Questo è il motivo per cui ogni singolo gestore di fondi sul pianeta è fissato nel far brillare le proprie credenziali verdi, dimostrando come stanno finanziando investimenti conformi all’ESG, e rifuggendo qualsiasi cosa anche vagamente legata agli idrocarburi. È anche il motivo per cui l’Arabia Saudita sta esaltando le sue credenziali lanciando improbabili (e vendendo con successo) Green Bond.

Il risultato è un fallimento cronico del buon senso nell’industria degli investimenti.

I gestori di fondi sostengono di investire nel nostro futuro. Se questo è vero – come si aspettano che il mondo possa passare senza soluzione di continuità dagli idrocarburi sporchi alle rinnovabili pulite durante la notte? Ci vogliono 20 anni per pianificare e costruire una centrale nucleare – mentre il vento si sta dimostrando volubile, inaffidabile, molto meno efficiente e difficile da mantenere.

La brutale realtà è che non possiamo decarbonizzare l’economia globale da un giorno all’altro. In 30 anni… forse! Durante il periodo di transizione avremo ancora bisogno di energia derivata dai vecchi e sporchi idrocarburi. L’alimentazione dei veicoli elettrici, la produzione di carburante per aerei e treni a idrogeno, richiederanno tutti energia derivata dagli idrocarburi. Questo è un fatto.

Invece, la conformità degli investimenti ESG significa che tutto il gas nelle nostre acque offshore che avrebbe potuto alimentare il Regno Unito per diventare uno stato veramente a zero emissioni di carbonio e sicuro dal punto di vista energetico tra 20-30 anni non è sfruttato e non è investibile. Per ora – le competenze per sfruttarlo stanno già scomparendo.

L’ESG si è evoluto in una religione, una chiesa di ortodossia ambientale. È eretico suggerire che l’ESG non può funzionare se non ci evolviamo verso un ecosistema energetico più pulito continuando a bruciare idrocarburi. Ma arriverà una crisi di questo genere: per tutti i post su Linked-In che si vantano degli investimenti verdi, o i premi del settore per il Green Bond dell’anno, o la moltitudine di certificati che si possono guadagnare sugli investimenti ESG – tutto ciò, durante questo inverno non conterà nulla.

Questo inverno – la gente morirà di freddo.
Quando il prezzo dell’energia aumenterà, i costi ricadranno in modo sproporzionato sui più poveri della società. Le disuguaglianze di reddito saranno drammaticamente esposte mentre i più vulnerabili della società si troveranno di fronte a una scelta cruda: riscaldarsi o mangiare.

Questo ha tutti i tipi di conseguenze sociali. Potete immaginare come reagiranno i Gillet Jaunes in Francia prima delle elezioni francesi di aprile? E che dire della prospettiva di rivolte quando i prezzi del carburante colpiranno le comunità e i gruppi etnici più poveri nel Regno Unito?

Quest’inverno il Regno Unito sarà probabilmente in ginocchio ad elemosinare energia da qualsiasi posto sia disponibile. L’Europa sarà nei guai allo stesso modo. Il Medio Oriente farà pagare qualsiasi cosa che farà arrivare, e la capacità di fornirla è limitata. La tanto decantata indipendenza energetica degli Stati Uniti sarà messa alla prova – è improbabile che siano disposti a esportare. Questo lascerà il governo con una scelta cruda – lasciare che la gente si congeli o pagare il costo, probabilmente innescando una crisi della bilancia dei pagamenti e un ulteriore crollo della fiducia nella sterlina.

La probabile fonte di gas sarà la Russia. E Vladimir Putin non può aspettare.

La prossima crisi energetica sarà la sua grande opportunità. Ricordate la famosa foto di lui con Angela Merkel e il suo cane che si aggirava davanti a lei? Putin sapeva che lei ha il terrore dei cani, così l’ha deliberatamente intimidita. Non tratterà con l’Europa. Inviterà ogni leader europeo a perorare la propria causa individualmente, chiedendo minacciosamente ad ogni leader perché dovrebbe aprire i rubinetti del gas alla loro nazione in particolare.

Covid 19 è stato il primo grande test per l’Europa. I fallimenti del suo programma di vaccinazione avrebbero potuto essere disastrosi per l’UE. Di fronte a una crisi energetica europea e alla Russia che ha in mano le carte, cosa impedisce ai paesi di fare accordi? Chi crollerà per primo? La Polonia? La Germania? E cosa si aspetterà Putin in cambio? Legittimità? Una mano libera per gestire il dissenso interno? La fine delle sanzioni? Una mano libera in Ucraina o anche nei Baltici? Dipende piuttosto da quale prezzo pensa di poter costringere l’Europa a pagare.

E cosa chiederà Putin a Boris? Che Londra riapra le porte e i mercati alla cleptocrazia che guida? O qualcosa di più…?

Non fate errori, questo inverno sarà scioccante. Siate consapevoli.

https://www.zerohedge.com/economics/looming-energy-crisis-people-are-going-die-winter