Un articolo della rivista Vice parla delle nuove banche del sangue create per fornire il sangue dei non vaccinati.

Scrivono: “Gli oppositori alle vaccinazioni stanno cercando di creare una nuova infrastruttura globale per fornire sangue ai non vaccinati, [un’infrastruttura basata su] teorie cospirative e nozioni pseudoscientifiche sui pericoli dei vaccini anti-COVID mRNA”.

L’articolo continua dicendo che la richiesta di sangue da parte dei non vaccinati è “non scientifica e ignorante”. È interessante notare che anche i medici stanno notando una forte richiesta di questo sangue, scrive il blogger Igor Chudov:

“Abbiamo ricevuto alcune richieste negative di sangue per il vaccino e/o donazioni da persone non vaccinate. Abbiamo rifiutato tutte queste richieste”, ha dichiarato in un’e-mail Claudia S. Cohn, direttore del laboratorio della banca del sangue dell’Università del Minnesota.

Michael Busch, presidente della Società Internazionale per la Trasfusione di Sangue, ha dichiarato di essere a conoscenza di tali richieste da più di un anno. “È chiaro che le prime richieste sono arrivate quando i vaccini a base di mRNA sono stati immessi sul mercato”, ha affermato.

Igor Chudov scrive:

Dubito che le richieste provengano da persone comuni come voi e me. Presumibilmente persone molto ricche, che possono permettersi di prelevare sangue da persone giovani e sane, pagano un premio [che è insignificante rispetto al loro patrimonio netto] per prelevare sangue da persone non vaccinate.

Già prima dello scoppio della pandemia di Covid, i miliardari spendevano ingenti somme per trasfondere il sangue ai giovani, un metodo che presumibilmente ringiovanisce gli anziani. Non sarebbe insolito che una persona ricca decidesse di pagare un premio per ottenere sangue da giovani non vaccinati.

I medici che da due anni sostengono i “vaccini covari” non sono contenti di questa tendenza.

Gli esperti medici contattati da VICE World News sono convinti che questi sforzi difficilmente daranno frutti. Hanno dichiarato di essere a conoscenza delle crescenti richieste di sangue da parte degli oppositori alle vaccinazioni negli ultimi anni, ma hanno negato tali richieste.

È chiaro che la richiesta di sangue da parte dei non vaccinati non è più negabile, e sempre più imprese commerciali stanno nascendo per soddisfare questa domanda. Un avvertimento ai miei lettori: fate attenzione e non iscrivetevi alla prima società che vi promette l’accesso a “sangue non vaccinato” a pagamento. I truffatori sono ovunque, non solo negli uffici di Pfizer e Moderna. Possono prendere i vostri soldi, ma non consegnare il sangue per cui avete pagato.

Si dà il caso che ci sia una carenza di sangue del 2021 per motivi strani e inspiegabili.

Se potessi permettermelo, preferirei e pagherei una trasfusione di sangue da chi non è vaccinato, se ne avessi bisogno. Ma le nostre precedenti preoccupazioni sull’escrezione si sono avverate e il sangue potrebbe essere un altro vettore di escrezione.

Preferireste il sangue di persone non vaccinate se aveste bisogno di una trasfusione? Se fosse in gioco la tua vita? Un sacco di domande difficili! https://uncutnews.ch/die-nachfrage-nach-blut-von-nicht-geimpften-menschen-ist-real-und-waechst/

Previous articleArmi da fuoco, munizioni, coltelli… i francesi potranno sbarazzarsi delle loro armi non dichiarate.
Next articleLE DINAMICHE STRATEGICO-MILITARI EMERGENTI DELLA NUOVA GUERRA FREDDA NELL’ASIA-PACIFICO
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità. SEMPRE COMUNQUE OVUNQUE ALESSIA C. F. (ALKA)