A marzo 2021 la Russia aveva imposto complicate tasse sull’esportazione di frumento, queste misure si trasformeranno in una sorta di dazi fluttuanti. Per come sono stati progettati gli esportatori non sapranno quanto pagheranno fino a quando i carichi non salperanno effettivamente, e questo accade soventemente settimane o mesi dopo la conclusione di un accordo.

Grazie ai prezzi bassi ed ai raccolti floridi negli ultimi anni la Russia è divenuta un grande esportatore di frumento. Dazi fluttuanti in un periodo strategico proprio ora che gli USA potrebbero avere uno scarso raccolto (l’agricoltura americana soffre di una forte siccità). Ma i dazi russi non riguardano solo il grano, colpiscono orzo e mais. Qua trovate il sistema della tariffazione dei dazi https://www.3tre3.it/ultima-ora/la-russia-modifica-i-dazi-sulle-esportazioni-di-cereali_11056/.

Sempre in questo periodo affronteremo i nuovi dazi russi su vari prodotti ferrosi e non ferrosi, con i prezzi del nichel e dell’alluminio che aumentano si rischiano ulteriori rincari. I dazi dovrebbero entrare in vigore dal 1° agosto al 31 dicembre 2021. Questi dovrebbero colpire: acciaio, ferroleghe, rame, nichel e alluminio. L’aliquota di base sarebbe del 15 percento, e ogni prodotto sarebbe soggetto a un dazio specifico – almeno $150/t per le ferroleghe, almeno $1.226/t per il rame, $2.321/t per il nichel e $254/t per l’alluminio. Ora il mercato sta attendendo di vedere se i dazi entreranno in vigore e come impatteranno sulle dinamiche https://www.argusmedia.com/en/news/2228465-looming-russian-export-tax-jolts-metals-markets .

Il mercato del rame russo è molto importante, sono stati esportati 775.848t di rame raffinato nel 2020, circa la metà del quale è andato in Europa, secondo i dati doganali russi, sottolineando l’importanza del continente come acquirente. Il dazio sul nichel avrebbe implicazioni significative per la disponibilità e i prezzi del nichel in Europa. La Russia è il più grande fornitore singolo di nichel in Europa, rappresenta il 28% di tutte le importazioni di nichel dell’UE nel 2020.

Se poi prendiamo in considerazione l’aumento dei prezzi dell’energia, con la stangata record in arrivo a luglio +12% luce e +21% gas, a cui segue l’aumento dei prezzi dei materiali nel settore dell’edilizia, si può immaginare che andiamo verso un rincaro generale in molti settori. Recentemente l’acciaio è aumentato del +130% nell’arco di pochissimi mesi, il legno +100%, seguono poi le materie plastiche e tutti i prodotti collegati all’isolamento termico. Sommando tutto questo ai prossimi dazi russi saranno tempi interessanti. Alessia C. F. (ALKA)

Previous articleElezioni Presidenziali Americane: La Progressiva Lenta Marcia Della Verità
Next articleL’arma biologica Covid: fatta negli Stati Uniti e destinata alla Cina
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità.