Colpite le infrastrutture e le fabbriche di gas
L’Ucraina sta vivendo una seconda giornata da incubo, con la Russia che ha in serbo spiacevoli sorprese. Gli ucraini riferiscono di aver improvvisamente avvistato 50 (!) missili russi in arrivo sul Paese. È iniziata la seconda ondata di bombardamenti.
La nuova ondata di missili è partita da bombardieri strategici, navi e sottomarini russi dal Mar Nero e ha colpito le regioni meridionali dell’Ucraina.
Fonti ucraine riferiscono che i missili da crociera X-101 sono stati lanciati da bombardieri delle Forze Aerospaziali russe.
Secondo i rapporti, questa volta i russi hanno colpito le infrastrutture del gas e le fabbriche di missili a Odessa e Dnipro. Sono stati colpiti anche l’impianto di Yuzhmash e le strutture energetiche. Nikolayev, Odessa, Leopoli, Zaporizhzhya, Kiev, Poltava, Cherkassy, Charkiv, Dnipropetrovsk sono state bombardate.
L’altro ieri i russi hanno colpito i sistemi di trasmissione dell’energia nei Paesi vicini e oggi hanno colpito le infrastrutture e gli impianti di stoccaggio del gas. L’Ucraina si sta “congelando”…

Martellamento russo degli impianti di produzione del gas
La Russia ha bombardato impianti di produzione di gas e una grande fabbrica di missili, effettuando nuovi attacchi missilistici contro infrastrutture critiche in Ucraina.
Il governatore della regione di Nikolaev Vitaly Kim ha annunciato nuovi attacchi missilistici dal Mar Nero.
Esplosioni sono state udite in diverse località del Paese, tra cui Odessa, nel sud dell’Ucraina, la capitale Kiev e la città centrale di Dnipro, mentre i civili sono stati invitati a mettersi al riparo mentre venivano annunciati attacchi aerei.
Tra gli obiettivi c’era la grande fabbrica di missili Yuzhmash a Dipro, ha dichiarato il primo ministro Denis Smichal.
“I missili stanno sorvolando Kiev in questo momento. Ora stanno bombardando i nostri impianti di produzione di gas, stanno bombardando le nostre operazioni a Dnipro e Yuzhmash”, ha dichiarato Smichal, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Interfax Ucraina.
Il governatore della regione di Dnepropetrovsk, Valentin Reznichenko, ha riferito di una forte esplosione in un’azienda industriale, senza specificare a quale si riferisse.
Gli attacchi vengono effettuati non solo con missili da crociera, ma anche con droni kamikaze Geran-2 che operano nella regione di Kiev e Nikolaev.
Il governatore della regione Maxim Marchenko ha annunciato attacchi a una struttura nella regione di Odessa.
Nelle ultime settimane la Russia ha intensificato gli attacchi alle strutture energetiche ucraine e ha lanciato alcuni dei più pesanti attacchi missilistici dall’inizio della guerra.

Il 40% degli ucraini senza corrente!
Dall’inizio di ottobre e subito dopo l’attacco ucraino al ponte di Crimea, i russi hanno intensificato gli attacchi alle infrastrutture energetiche dell’Ucraina. Il Presidente dell’Ucraina, V. Zelensky, ha annunciato pochi giorni fa che almeno il 40% delle infrastrutture energetiche è stato distrutto finora. Si stima che la cifra sia ancora più alta, raggiungendo il 60%.
È significativo che nell’attacco missilistico del 15 novembre i russi abbiano sparato circa 100 missili.
L’azienda energetica ucraina DTEK ha annunciato che, sullo sfondo dei massicci attacchi odierni alle strutture energetiche, sono in corso tagli di corrente di emergenza in tutta l’Ucraina. DTEK Energy ha annunciato che il 40% dei consumatori in Ucraina è rimasto senza elettricità!

Ucraina: Tattiche ingenue di perdenti codardi!
In una dichiarazione, il capo dell’amministrazione presidenziale ucraina, Andriy Yermak, ha affermato che con questi attacchi “il nemico crede di indebolire le nostre difese e di colpirci alle spalle”.
“Questa è una tattica ingenua di perdenti codardi, per la quale siamo pronti. L’Ucraina ha già sopportato colpi estremamente duri da parte del nemico, che non hanno avuto i risultati che i vigliacchi russi si aspettavano. Stiamo andando avanti. Non ignorate le sirene degli attacchi aerei. Non ci riusciranno. Li schiacceremo”, ha detto Yermak.

Tratto da https://warnews247.gr/deftero-kyma-sarotikon-vomvardismon-pagonei-tin-oukrania-mazikes-ektoxefseis-50-rosikon-pyravlon-ktypithikan-ypodomes-aeriou-kai-ergostasia/