Quando leggi un articolo di questo genere https://www.msn.com/en-us/news/world/g7-after-nudge-from-macron-trump-and-other-leaders-agree-on-coronavirus-coordineration/ar-BB11gScA ti ricordi subito dello struzzo: politico con sempre la testa sotto la sabbia, in vetta in alto a prender solo aria una “certa pericolosa zona”, che cambia scattante di posizione quando il cetriolo assume le dimensioni di un JackFruit e lo struzzo si accorge che non esiste vaselina che tenga. Tempi interessanti dove si osservano emergere gli ultimi colli alti dal passo stentato, a volte capita che brucia…

Eh brucia tanto perché hanno condotto un gioco pericoloso e non “prudente”, far circolare liberamente il virus sperando che gran parte della popolazione raggiungesse l’immunità di gregge. Nulla di strano, giocano a poker col culo degli altri e quando vincono vedi immagini eleganti come queste

Americani, europei, sudamericani creduloni che hanno creduto a quello che veniva veicolato dai media, roba da impallidire. Poi una bella mattina tutti si svegliano e si accorgono che al governo ci sono cattivi ragazzi che se la sono cercata. Ma sono politici stupidi e creduloni o siamo noi i veri addormentati nel bosco?

Per un mese i miei parenti – quasi tutti vivono all’estero, ma le battute più becere mi sono arrivate dagli USA e Brasile – mi hanno perculato, ho provato a spiegargli che erano caduti in una Torre di Babele di menzogne. Ma loro hanno continuato a credere nei loro “Prescelti”. Risatine isteriche arrivavano.

Quella che più mi ha spaventato è stata la spavalderia di Trump su COVID-19. Come se un’economia in piena espansione non potesse essere toccata dalla pandemia. Quindi per giorni ho deciso di stare zitta, di vedere come andava a finire nel silenzio Defender Europe 2020, e di osservare quali bolle possono scoppiare, come verrà succhiata via la vita di certi popoli. Eh sì perché la pandemia costringerà a stampare più soldi solo per tenere a galla il mondo. Questo è il futuro economico se non vogliamo domani trovarci in un mondo simile a Mad Max o a Thunderdome.

Una impreparazione, tanta superficialità che a volte possono costare la bancarotta totale. Sempre da quel mondo che da giorni spara a cazzo “abbiamo quasi pronto il vaccino”! Aspettavamo da quel mondo vaccini, aiuti per la guarigione e sensibilizzazione per arginare la pandemia. Al contrario in Italia il primo aereo atterrato batteva bandiera cinese.

Il tutto mentre Trump diceva che il “Coronavirus è sotto controllo negli Stati Uniti, Siamo in contatto con tutti e con tutti i paesi interessati, Abbiamo lavorato duramente e in modo molto intelligente…”. Supercazzole finché la crisi è arrivata e non si poteva più mentire. Gente che si è vantata a parole e poi ha sparato altre cazzate per non dire che il re è nudo.

Incompetenti che millantano stronzate. E in quella stessa piscina nuota Christine Lagarde e tutti quegli squali e coccodrilli che ti promettono aiuto e non sai “se arriva o cosa ti arriva”.

In tutto questo schifo a tratti emerge qualcosa di disruptive. Io ho una strana sfera di cristallo, oltre alla geopolitica osservo anche la società. Ho visto blogger perdersi in mille analisi, ma nessuno che abbia evidenziato alcune cose molto positive. In mezzo alla devastazione totale, alle tesi complottiste, a questo enorme pasticcio che a molti puzza di un virus geneticamente modificato, dove si vuole sdoganare in via definitiva la guerra batteriologica, ebbene in mezzo a tutte queste cose il mondo si rimodella.

Abbiamo leader ed élite che da sole si eclisseranno. In questo enorme casino fiumi di migranti se ne sono andati ad esempio dall’Europa e quando torneranno per loro il lavoro non ci sarà, un bel cambiamento geopolitico per Soros & Company. Sempre in questi giorni pandemici si sono sviluppati servizi per consegne a domicilio (di qualsiasi genere) dove prima questi erano servizi assenti, molti hanno imparato a lavorare da casa, interi siti web presi d’assalto per acquistare qualsiasi merce, scuola da casa, elenco molto lungo. Inevitabilmente tutto questo non scomparirà e rimarranno presenti poi nella società delle sostanziali modifiche.

Tutte le pandemie hanno cambiato la società, questa non farà eccezione.

Tutte le pandemie hanno cambiato la vita delle persone, questa sarà indimenticabile, ma non per il numero dei morti, ma perché cambierà molte nostre abitudini.

Tante tecnologie esistenti da anni ma che nessuno voleva assimilare, tutti sapevano che circolavano linfe dirompenti, ma ci è voluta la pandemia per farcele assorbire alla velocità della luce, chi prima assorbe prima si ripiglia.

Ovviamente se poi andiamo verso il commissariamento della nazione torniamo all’età della pietra dopo aver visto solo per un istante quanto potevamo implementare. Vedremo cosa si svilupperà nelle prossime settimane, però per un momento abbiamo sfiorato il futuro. Vedremo anche sotto stress cosa siamo capaci di fare. Solo sotto stress l’Italia sa rinnovarsi.

Chiudo questa mia pagina di diario personale. Alessia C. F. (ALKA)