17.05.2021 – Israel – Gilad Atzmon

Uno degli aspetti più interessanti della guerra dello Yom Kippur (1973) [1] fu che segnò un improvviso passaggio dalla maniacale “arroganza” israeliana alla malinconia, apatia e depressione.

Dopo la loro straordinaria vittoria militare nel 1967 [2], gli israeliani svilupparono un atteggiamento arrogante e irrispettoso nei confronti degli arabi e delle loro capacità militari. L’intelligence israeliana prevedeva che ci sarebbero voluti anni prima che gli eserciti arabi si riprendessero. L’esercito israeliano non credeva che il soldato arabo avesse la capacità di combattere, figuriamoci ottenere una vittoria.

Ma il 6 ottobre 1973, gli israeliani affrontarono una sorpresa devastante. Quella volta il soldato arabo fu molto diverso. La strategia militare israeliana, basata sulla superiorità aerea e su rapide manovre di terra supportate dai carri armati, si rivelò inefficace nel giro di poche ore. L’Egitto e la Siria, aiutati dai nuovi missili anticarro e terra-aria sovietici, riuscirono a smantellare la potenza di Israele. Nei primi giorni della guerra, Israele subì pesanti perdite. La sua leadership e l’alto comando militare si trovarono in uno stato di disperazione. Tuttavia, questo tipo di crisi non era esattamente un evento raro nella storia ebraica.

Il fiasco militare israeliano nella prima fase della guerra fu la ripetizione di una tragica sindrome, vecchia quanto gli ebrei stessi. Questi scenari ripetitivi coinvolgono l’arroganza collettiva ebraica guidata da un forte senso di eccezionalità (l’essere i prescelti) e portano a conseguenze orribili. Io la chiamo la “sindrome dello Yom Kippur”.

Nella Berlino degli anni ’20, l’élite ebraica si vantava del suo potere. Alcuni ricchi ebrei erano convinti che la Germania e la sua capitale fossero il loro parco giochi. A quel tempo, alcuni ebrei tedeschi dominavano le banche e influenzavano la politica e i media tedeschi. Inoltre, la Scuola di Francoforte [4] (così come altre scuole di pensiero ebraiche) erano apertamente dedicate allo sradicamento culturale dei tedeschi, tutto in nome del “progresso”, della “psicoanalisi dell’erotismo”, della fenomenologia e del “marxismo culturale”. Poi, quasi “dal nulla”, è apparsa un’ondata di risentimento e il resto è noto.

Ma c’è stato davvero un cambiamento improvviso nella coscienza tedesca? L’“antisemitismo” tedesco degli anni Trenta doveva essere una sorpresa? Affatto. Tutti i segnali necessari erano presenti da tempo. In effetti, i primi sionisti come Herzl e Nordau predissero correttamente l’inevitabile ascesa dei sentimenti antiebraici europei alla fine del XIX secolo. È stata la sindrome di Yom Kippur, la stessa arroganza che ha impedito all’élite ebraica di Berlino di valutare la crescente opposizione intorno a loro.

Quello che vediamo in Israele, in questo momento, è ovviamente una tragica manifestazione della stessa sindrome. Ancora una volta, gli israeliani sono stati colti impreparati. Ancora una volta la smania di onnipotenza è sostituita dalla malinconia. Ancora una volta gli israeliani non sono riusciti a stimare le capacità militari di Hamas. Non sono riusciti a riconoscere la crescente frustrazione degli arabi israeliani e riconoscono la possibilità che le loro frustrazioni potessero degenerare in risse di strada o persino in una guerra civile.

Gli israeliani hanno ceduto al pensiero delirante che la causa palestinese fosse evaporata. Erano convinti che rompere il BDS [3] e far morire di fame gli abitanti di Gaza avesse smantellato l’aspirazione palestinese. Eppure, è Hamas che è riuscito a ottenere la vittoria più cruciale unendo i palestinesi in Palestina, nei campi [profughi] e nella diaspora, insieme ai musulmani di tutto il mondo. Questa unità è significativa soprattutto alla luce della divisione politica di Israele verso una quinta tornata elettorale.

Ancora una volta, l’arroganza israeliana è sostituita da una profonda tristezza. Israele potrebbe porsi alcune domande necessarie: che cosa facciamo di sbagliato? Perché la nostra storia si ripete? C’è qualcosa che potremmo fare per cambiare il nostro destino? Piuttosto che questa necessaria introspezione, Israele sta effettivamente facendo l’opposto. Invece di analizzare la crisi attuale alla luce di eventi simili in passato, Israele ripete gli stessi errori. Si riferisce alla crisi attuale come ad un altro “giro di violenza”. Esamina le possibilità strategiche e tattiche che “imporranno un cessate il fuoco ad Hamas”.

Israele fondamentalmente specula sul livello di carneficina che porterà di nuovo gli “arabi in ginocchio”.

Israele si definisce come lo “Stato ebraico” e i suoi tragici errori sono naturalmente determinati da questo fatto. Se lo Yom Kippur è un giorno ebraico di introspezione, la sindrome dello Yom Kippur è il risultato diretto di una totale incapacità di riflettere su sé stessi. Eppure, possiamo chiederci se l’ebreo possa essere emancipato dal destino ebraico e dalla sindrome dello Yom Kippur in particolare? Come il primo sionista Bernard Lazare, credo che tutto ciò che serva sia l’allontanarsi dall’eccezionalismo. Ma una volta spogliato dell’eccezionalismo, non resta molto dell’identiterianesimo ebraico contemporaneo.

Immagino che stiamo toccando l’aspetto esistenziale più devastante della sindrome di Yom Kippur: non c’è fuga ideologica collettiva ebraica per l’ebreo. Si tratta fondamentalmente di un limbo culturale e spirituale.

Tendo a credere che l’unica via di fuga dalla sindrome dello Yom Kippur sia individuale: l’esilio autoimposto. Lascia il ghetto a tarda notte, striscia sotto la recinzione, scava un tunnel sotto il “muro di separazione”. Una volta sulla terra dei liberi, procedi con calma e modestia alla ricerca dell’umano e dell’universale.

[1] https://it.wikipedia.org/wiki/Guerra_del_Kippur

[2] La “guerra dei 6 giorni”: https://it.wikipedia.org/wiki/Guerra_dei_sei_giorni

[3] https://it.wikipedia.org/wiki/Boicottaggio,_disinvestimento_e_sanzioni

[4] https://it.wikipedia.org/wiki/Scuola_di_Francoforte

********************************

Articolo originale di Gilad Atzmon:https://gilad.online/writings/2021/5/15/the-yom-kippur-syndrome-revisited

Traduzione di Costantino Ceoldohttps://www.geopolitica.ru/it/article/la-sindrome-dello-yom-kippur-rivisitata