Se si considerano i rapporti provenienti da Kiev, Bruxelles, Washington e Mosca, ci si può aspettare una massiccia escalation di combattimenti in Ucraina, che l’Occidente sta facendo del suo meglio per alimentare.
Che la Russia sarebbe intervenuta militarmente in Ucraina era già prevedibile alla fine dello scorso anno. Dall’inizio del 2021, la Russia ha ripetutamente indicato le sue linee rosse riguardo allo stazionamento di truppe NATO in Ucraina e all’adesione dell’Ucraina alla NATO. Come ultimo tentativo di risolvere il problema diplomaticamente, nel dicembre dello scorso anno la Russia ha proposto negoziati sulle garanzie di sicurezza reciproche con gli Stati Uniti e la NATO. La Russia ha dichiarato che sarà costretta a “governare militarmente” se l’Occidente rifiuterà questi negoziati.

Linee rosse ignorate
Il risultato è noto: L’Occidente ha rifiutato i negoziati su questo tema all’inizio del febbraio 2022, mentre Kiev ha intensificato i bombardamenti sul Donbass e Zelensky ha minacciato di armare l’Ucraina con armi nucleari. La Russia ha risposto militarmente il 24 febbraio.
Era prevedibile. Un lettore mi ha recentemente ricordato che avevo previsto quasi esattamente questo sviluppo alla fine di dicembre nell’ultima trasmissione di Tacheles del 2021, che ho già dimenticato. Il lettore si è imbattuto in un articolo di un altro portale del 23 dicembre 2022 che riportava la trasmissione di Tacheles.
Attualmente stiamo assistendo al ripetersi di questa situazione, con la Russia che mostra di nuovo chiaramente le sue linee rosse, mentre Kiev proclama che intende attraversarle e l’Occidente sta fornendo a Kiev il sostegno necessario, questa volta sotto forma di armi necessarie.
Nello specifico, il punto è che la Russia considera gli attacchi dell’Ucraina al territorio russo, specialmente a obiettivi civili, una linea rossa, la cui trasgressione comporterebbe una risposta militare molto dura da parte della Russia.
L’Ucraina ha ripetutamente bombardato località, cioè obiettivi civili, in Russia da aprile. Inoltre, i generali ucraini descrivono il nuovo ponte di Crimea attraverso lo stretto di Kerch come “obiettivo numero uno” per gli attacchi contro la Russia, e a Kiev si parla apertamente di bombardare la Crimea.
Da parte sua, l’Occidente non sta facendo nulla per dissuadere Kiev da questa retorica dell’escalation, anzi. Gli Stati Uniti stanno fornendo all’Ucraina lanciatori e missili HIMARS, e si parla di fornire la versione con una gittata di 300 chilometri. Queste armi renderebbero possibili attacchi in profondità nell’entroterra russo, in Crimea e sul ponte di Crimea.
Ufficialmente, Kiev promette agli Stati Uniti e ai Paesi della NATO di non usare le armi consegnate contro il territorio russo, ma chi può garantirlo, considerando quante volte Kiev ha mancato alla parola data negli ultimi anni? In ogni caso, questo impegno è probabilmente solo una formalità volta a calmare i critici della consegna di tali missili negli Stati Uniti, che temono un confronto diretto con la Russia. Washington può ora invocare la promessa di Kiev e, se necessario, lavarsene le mani se Kiev ancora una volta non mantiene la parola data.

Gli avvertimenti della Russia
Illustrerò quanto sia grande il pericolo che la situazione si aggravi ulteriormente con alcune recenti dichiarazioni della Russia, che dovrebbero essere intese come un chiaro avvertimento. All’inizio di luglio, il Presidente Putin ha tenuto un discorso in cui alla fine ha detto: “Oggi sentiamo dire che vogliono sconfiggerci sul campo di battaglia. Cosa possiamo dire a questo proposito? Lasciateli provare. Abbiamo spesso sentito dire che l’Occidente vuole combatterci “fino all’ultimo ucraino”. È una tragedia per il popolo ucraino, ma sembra che si stia andando in questa direzione. Ma tutti devono sapere che nel grande schema delle cose non abbiamo ancora iniziato nulla di serio”.
Chiunque abbia studiato Putin da vicino come me sa che bisogna ascoltare Putin con molta attenzione, perché dice sempre ciò che intende apertamente. Vale la pena ricordare che finora la Russia ha cercato di evitare il più possibile le vittime civili. Anche perché la Russia considera gli abitanti delle città attualmente contese come propri compatrioti.
Quando Putin ha detto per la prima volta che il tentativo di sconfiggere la Russia sul campo di battaglia diventerà “una tragedia per il popolo ucraino” e che sembra “andare in quella direzione”, allora è molto allarmante. E quando Putin aggiunge che la Russia “non ha ancora iniziato nulla di serio”, basta fare uno più uno per capire cosa intende: se i combattimenti dovessero intensificarsi ulteriormente a causa delle forniture di armi occidentali, e se Kiev dovesse compiere attacchi massicci sul territorio russo, la reazione russa sarà probabilmente quella di abbandonare la sua considerazione in Ucraina e puntare a una rapida vittoria, con inevitabili più vittime civili e distruzioni di prima. È probabile che gli attacchi agli stati maggiori dell’esercito, ai ministeri, al palazzo presidenziale di Zelensky e ad altri obiettivi in cui sono presenti funzionari ucraini di alto livello siano altrettanto rapidi.
Ciò è stato confermato anche dall’ex presidente russo Medvedev, che qualche giorno fa ha messo in guardia da un attacco ucraino alla Crimea con le seguenti parole: “Se dovesse accadere una cosa del genere, per tutti loro arriverebbe il giorno del giudizio, molto rapidamente e duramente. Ripararsi sarà molto difficile. Ciononostante, continuano a provocare la situazione generale con queste dichiarazioni”.
Gli Stati Uniti, tra l’altro, sanno benissimo cosa stanno facendo. Poco prima dell’intervento russo, hanno ritirato i loro diplomatici da Kiev e chiuso l’ambasciata statunitense. Dopo il ritiro della Russia da Kiev, è stato riaperto. Il 14 luglio, l’Ambasciata degli Stati Uniti a Kiev ha chiesto a tutti i cittadini statunitensi di lasciare l’Ucraina e il 16 luglio i media hanno riferito che l’Ambasciata degli Stati Uniti a Kiev era chiusa e non vi si vedeva alcuna attività.

Gli obiettivi russi sono cambiati
Ho riferito che il capo della Repubblica Popolare di Lugansk ha detto ai giornalisti che, dopo la liberazione della regione di Lugansk, il prossimo obiettivo è liberare anche l’intera regione di Donetsk. Dopodiché, faranno arretrare l’esercito ucraino di altri 300 chilometri, in modo che il Donbass non sia più alla portata delle armi ucraine. L’unica arma che l’Ucraina possiede con una gittata di 300 chilometri sono i lanciamissili HIMARS.
La situazione era ovviamente grave, perché il 20 luglio il ministro degli Esteri russo Lavrov ha dichiarato che gli obiettivi dell’operazione militare russa erano cambiati a causa della situazione: “Ora la geografia è diversa. Non si tratta solo della DNR e della LNR, ma anche delle regioni di Kherson e Zaporozhye e di una serie di altre aree. E questo processo continua, e continua in modo costante e persistente. (…) Perché non possiamo permettere che la parte dell’Ucraina controllata da Zelensky o dal suo successore abbia armi che rappresentano una minaccia diretta per il nostro territorio e per il territorio delle repubbliche che hanno dichiarato la loro indipendenza e vogliono determinare il proprio futuro”.

Conclusione
Se si considera il contesto, la consegna di missili HIMARS con una gittata di 300 chilometri ha un solo scopo: prolungare la guerra costringendo la Russia a penetrare più a fondo in Ucraina, quando la Russia vuole assicurarsi che Kiev non possa sparare i suoi missili contro il Donbass, la Crimea o il cuore della Russia. Militarmente, questi missili non sono decisivi; da un punto di vista militare, sarebbe abbastanza sufficiente inviare a Kiev missili con una gittata di 80 chilometri.
La Russia ha dichiarato senza mezzi termini quali sono le sue linee rosse, e Kiev e l’Occidente fanno prontamente tutto il possibile per oltrepassarle. Le dichiarazioni di Putin sulla “tragedia per il popolo ucraino” e sul fatto che la Russia “non ha ancora iniziato nulla di serio” in Ucraina, e la dichiarazione di Medvedev sul “Giorno del Giudizio” rendono chiaro che se le linee rosse vengono superate, la Russia è pronta a usare armi davvero potenti e ad abbandonare la sua precedente considerazione.
Il fatto che il Ministro degli Esteri russo Lavrov abbia ora apertamente affermato che “la geografia” dell’operazione è ora diversa, suggerisce che la Russia vuole ora ottenere almeno tutte le aree dell’Ucraina abitate da russi sotto il suo controllo, il che significherebbe in ogni caso anche un’avanzata su Odessa e quindi un corridoio terrestre verso la Transnistria.
Se si ricorda che tutto questo si sarebbe potuto evitare se l’Occidente avesse accettato di lasciare l’Ucraina come Paese neutrale, invece di trascinarla con la forza nella NATO, e che la stessa Kiev ha fatto questa proposta alla fine di marzo, ma poi è stata fischiata dagli Stati Uniti e annullata due giorni dopo, diventa chiaro che l’Occidente statunitense non ha alcun interesse alla pace. L’adesione dell’Ucraina alla NATO, che probabilmente non avverrà mai, era così importante per l’Occidente che è disposto a lasciar morire decine di migliaia di persone per essa.
L’Ucraina viene bruciata dall’Occidente per indebolire la Russia in una guerra per procura. Tuttavia, solo il tempo ci dirà se sarà la Russia ad essere indebolita alla fine o se sarà l’UE a crollare economicamente nel processo. BY Thomas Röper

Previous articleI ricercatori scoprono che il plancton dell’Atlantico è praticamente SPARITO a causa dell’inquinamento chimico
Next articleLA TROIKA DEL POTERE BATTE BIDEN IN ASIA OCCIDENTALE
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità.