https://www.ilfoglio.it/politica/2019/09/17/news/le-buone-notizie-dal-partito-di-renzi-274402/ Nelle prossime ore, salvo sorprese che non ci saranno, Matteo Renzi ufficializzerà quello di cui tutti nel Pd parlano da diverse settimane e spiegherà le ragioni che lo hanno spinto a prendere una decisione che va nella direzione opposta rispetto a quanto teorizzato a lungo proprio dall’ex segretario del Pd: scappare con il pallone e farsi un movimento tutto suo.

https://www.panorama.it/news/politica/renzi-scissione-pd-senatori-deputati/ Matteo Renzi lascia il Pd. La conferma è arrivata in serata anche se l’annuncio ufficiale verrà dato solo domanimattina con un’intervista su La Repubblica. Renzi lascia il Pd e la scissione spacca il Partito Democratico anche perché sono in molti, ma non tutti, quelli che seguiranno in questa nuova iniziativa politica l’ex premier e Sindaco di Firenze.

Matteo Renzi in serata ha telefonato a Giuseppe Conte annunciando l’addio al Pd e ribadendo al premier: «Pieno sostegno al governo».

Commenti, rutto libero, vespasiani aperti a tutti … Ciao PopPOLLO!

Previous articleMomenti di crisi? C’è un gestore di telefonia mobile che sottrae soldi dalle ricariche coi servizi che si attivano con un semplice SMS in arrivo.
Next articleDa Bolton a Kupperman, dalla padella alla brace
Alessia C. F. (ALKA)
Esploro, indago, analizzo, cerco, sempre con passione. Sono autonoma, sono un ronin per libera vocazione perché non voglio avere padroni. Cosa dicono di me? Che sono filo-russa, che sono filo-cinese. Nulla di più sbagliato. Io non mi faccio influenzare. Profilo e riporto cosa accade nel mondo geopolitico. Freiheit ist ein Krieg. Preferisco i piani ortogonali inclinati, mi piace nuotare e analizzare il mondo deep. Ascolto il rumore di fondo del mondo per capire quali nuove direzioni prende la geopolitica, la politica e l'economia. Mi appartengo, odio le etichette perché come mi è stato insegnato tempo fa “ogni etichetta è una gabbia, più etichette sono più gabbie. Ma queste gabbie non solo imprigionano chi le riceve, ma anche chi le mette, in particolare se non sa esattamente distinguere tra l'etichetta e il contenuto. L'etichetta può descrivere il contenuto o ingannare il lettore”. So ascoltare, seguo il mio fiuto e rifletto allo sfinimento finché non vedo tutti gli scenari che si aprono sui vari piani. Non medito in cima alla montagna, mi immergo nella follia degli abissi oscuri dell'umanità.