Katehon – L’American Center for Strategic Studies (CSIS), sotto la direzione di Anthony H. Cordesman, ha condotto un’analisi delle principali potenze mondiali. I risultati di questa analisi sono una bozza di lavoro che tenta di rivedere tre potenze mondiali: Stati Uniti, Russia e Cina. Include la differenza tra i modelli di spesa e la disponibilità di risorse in ogni singolo Stato, nonché il livello di sviluppo economico e il costo degli investimenti nell’esercito.

Il rapporto è uno studio abbastanza imponente, con un numero significativo di grafici e analisi. Fondamentalmente, il rapporto si concentra sulla componente economica dei paesi: il livello del PIL, il tenore di vita e i salari, i dati demografici e confronta anche le esportazioni e le importazioni totali dei paesi. Con un focus sulle componenti militari, l’attenzione si concentra sui finanziamenti governativi per la produzione di armi. Così come le riserve totali di minerali nei paesi, con particolare attenzione al petrolio e al gas.

Il livello del PIL, come uno degli indicatori chiave dell’economia, rileva che gli Stati Uniti sono in testa in termini di livello del PIL, che è di quasi 30.000 miliardi di dollari. In totale, la quota del PIL dell’UE è di 15.000 miliardi di dollari. La Cina ha quasi raggiunto l’UE e costa 14.700 miliardi di dollari. In Russia, il livello del PIL è di 1.400 miliardi di dollari. E con questo si dovrebbe comprendere che il ricercatore sta cercando di concludere che l’economia in Russia è sottosviluppata. Questo approccio mostra che la Federazione Russa, secondo i ricercatori americani, è uno Stato relativamente insignificante in termini economici. I ricercatori hanno anche compilato un grafico dello sviluppo economico degli stati in una tendenza dal 1980 al 2020. Va notato da esso che la Cina nel 2018 ha superato il livello del PIL dell’Unione Europea.

L’indicatore demografico dei paesi è stato anche presentato come uno dei criteri importanti per il livello di influenza dello Stato. La Cina in questo indicatore è il leader indiscusso. Mentre la Russia ha un indicatore di 144,1 milioni di persone, che è significativamente inferiore a quello degli Stati Uniti e dell’Unione Europea.

Il rapporto si concentra sulle dinamiche positive dello sviluppo della Cina negli ultimi decenni. La Cina è diventata uno dei leader mondiali nella produttività delle merci con il 25,7%, una percentuale superiore al 9% rispetto agli Stati Uniti. Il livello della Russia è stimato all’1%, che non è stato incluso nel programma generale. Sottolinea l’economia e la produttività della Russia come Stato. Si noti inoltre che la base tecnologica della Cina è molto più alta del livello della Russia. Pertanto, la Cina sta diventando un concorrente diretto degli Stati Uniti e dell’UE.

Successivamente, viene analizzato il livello delle esportazioni nei paesi. La Cina è leader nell’esportazione di alta tecnologia. Lo studio si concentra anche sulla cooperazione e sul commercio reciproco tra Russia e Cina. Il volume degli scambi è ammontato a un record di 146,9 miliardi di dollari. Inoltre, viene analizzata l’esportazione di armi nel periodo dal 2017 al 2020. I cinque maggiori esportatori di armi sono: Stati Uniti, Russia, Francia, Cina e Germania. Rileva anche i cinque maggiori importatori di armi: India, Arabia Saudita, Egitto, Australia e Cina. Ciò evidenzia anche il potere della Russia come potenza militare. Tuttavia, secondo i ricercatori, l’importo del finanziamento governativo della struttura militare in Russia è inferiore a quello degli Stati Uniti e della Cina. Ma nonostante ciò, le armi nucleari russe sono una “asso nella manica” che desta seria preoccupazione da parte degli Stati Uniti. La Russia, secondo i ricercatori, è lo stato più pericoloso in grado di causare danni attraverso l’uso di armi nucleari.

Il segmento successivo dell’analisi è stato il deficit commerciale durante la pandemia di coronavirus. È stato notato che il danno maggiore è stato fatto all’Unione Europea e alla Russia. Nel 2020, il COVID-19 ha avuto un impatto significativo sull’UE e sulla Russia. Il disavanzo commerciale dell’UE è sceso a 17,6 miliardi di dollari (16 miliardi di euro), il livello più basso in un decennio. Entro il 2021 è risalito a 75,9 miliardi di dollari (69 miliardi di euro), ma è ancora inferiore rispetto al 2011 (89 miliardi di euro). Il rapporto rileva che tra gli stati dell’UE, i tre maggiori importatori di merci russe nel 2021 sono stati Germania, Paesi Bassi e Polonia. Questo trio è stato anche il più grande esportatore di merci in Russia. Gli Stati Uniti, l’UE e il Regno Unito hanno annunciato che limiteranno le importazioni russe di petrolio e gas alla luce dell’operazione militare in corso in Ucraina. Inoltre, i membri dell’UE segnalano la possibilità di indipendenza della Russia dai combustibili fossili entro il 2030.

Nel 2020 i maggiori importatori di gas naturale sono stati i paesi europei dell’OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico), seguiti da Giappone e Corea del Sud insieme, e poi dall’Asia non-OCSE, che comprende Cina e India.

Sulla base dei grafici e dell’analisi comparativa, si possono trarre le seguenti conclusioni, a cui sono giunti i ricercatori americani. La Russia fa molto affidamento sulla sua eredità di grandi quantità di armi nucleari, ma ha uno status di superpotenza più precario. Da ciò possiamo concludere che i ricercatori americani caratterizzano la Russia come un paese con un potenziale profondo, che oggi, in misura maggiore, non è realizzato. Allo stesso tempo, i grafici sottolineano l’importanza dei partner strategici americani. Mentre, secondo i ricercatori americani, l’unico partner strategico della Russia è la Bielorussia “debole e fragile”, mentre la Cina non ha ancora partner strategici significativi. Questa conclusione solleva una serie di interrogativi. Poiché i partner strategici della Russia includono: Cina, India, Emirati Arabi Uniti, Venezuela e alcuni altri paesi. Nonostante la specificità analitica dello studio, in esso si riscontrano spesso alcune incongruenze.

Pertanto, l’immagine della Russia come potenza mondiale in questo studio è formale. Ciò è presumibilmente dovuto esclusivamente all’energia nucleare e al territorio, oltre a un ruolo “irrilevante”, secondo i ricercatori, che l’energia gioca. Indubbiamente, la Cina oggi è una delle più forti potenze mondiali.

Nonostante la cooperazione tra Russia e Cina, nell’analisi condotta dall’American Center for Strategic Studies, questo non è stato individuato come il principale fattore di interazione. Che ha un chiaro tocco di soggettività. Sembra inoltre dubbio che l’Unione Europea sarà in grado di sbarazzarsi della dipendenza energetica della Russia. Al momento questo non è possibile.

Traduzione di Alessandro Napoli – https://www.geopolitika.ru/it/article/la-tripolarita-secondo-washington