Pepe Escobar – Il vertice di Teheran che ha unito Iran-Russia-Turchia è stato un evento affascinante sotto più punti di vista. Apparentemente riguardante il processo di pace di Astana in Siria, lanciato nel 2017, la dichiarazione congiunta del vertice ha debitamente notato che Iran, Russia e (recentemente ribattezzata) Turchia continueranno a “cooperare per eliminare i terroristi” in Siria e “non accetteranno nuovi fatti in Siria in nome della sconfitta del terrorismo”.

Si tratta di un rifiuto totale dell’unipolarismo eccezionalista della “guerra al terrorismo” che un tempo governava l’Asia occidentale.

Opporsi allo sceriffo globale

Il Presidente russo Vladimir Putin, nel suo discorso, è stato ancora più esplicito. Ha sottolineato “passi specifici per promuovere il dialogo politico inclusivo all’interno della Siria” e soprattutto ha chiamato le cose con il loro nome: “Gli Stati occidentali, guidati dagli Stati Uniti, stanno incoraggiando fortemente il sentimento separatista in alcune aree del Paese e stanno saccheggiando le sue risorse naturali con l’obiettivo di distruggere lo Stato siriano”.

Ci saranno quindi “passi in più nel nostro formato trilaterale” volti a “stabilizzare la situazione in quelle aree” e, cosa fondamentale, a “restituire il controllo al governo legittimo della Siria”. Nel bene e nel male, i giorni del saccheggio imperiale saranno finiti.

Gli incontri bilaterali a margine del vertice – Putin/Raisi e Putin/Erdogan – sono stati ancora più intriganti. Il contesto è fondamentale: l’incontro di Teheran si è svolto dopo la visita di Putin in Turkmenistan a fine giugno per il 6° vertice del Caspio, dove erano presenti tutte le nazioni del litorale, Iran compreso, e dopo i viaggi del Ministro degli Esteri Sergei Lavrov in Algeria, Bahrein, Oman e Arabia Saudita, dove ha incontrato tutti i suoi omologhi del Consiglio di Cooperazione del Golfo (CCG).

Il momento di Mosca

Così vediamo la diplomazia russa tessere con cura il suo arazzo geopolitico dall’Asia occidentale all’Asia centrale – con ognuno e il suo vicino desiderosi di parlare e ascoltare Mosca. Allo stato attuale, l’entente cordiale Russia-Turchia tende a tendere verso la gestione dei conflitti ed è forte delle relazioni commerciali. Iran-Russia è un gioco completamente diverso: si tratta di una partnership strategica.

Non è quindi una coincidenza che la National Oil Company of Iran (NIOC), in concomitanza con il vertice di Teheran, abbia annunciato la firma di un accordo di cooperazione strategica da 40 miliardi di dollari con la russa Gazprom. Si tratta del più grande investimento straniero nella storia dell’industria energetica iraniana, di cui si sentiva fortemente il bisogno dall’inizio degli anni 2000. Sette accordi, per un valore di 4 miliardi di dollari, riguardano lo sviluppo di giacimenti petroliferi; altri si concentrano sulla costruzione di nuovi gasdotti per l’esportazione e progetti di GNL.

Il consigliere del Cremlino Yury Ushakov ha deliziosamente fatto trapelare che Putin e la Guida Suprema iraniana Ayatollah Ali Khamenei, nel loro incontro privato, “hanno discusso di questioni concettuali”. Traduzione: intende la grande strategia, come nel complesso processo di integrazione dell’Eurasia in evoluzione, in cui i tre nodi chiave sono Russia, Iran e Cina, che ora stanno intensificando la loro interconnessione. Il partenariato strategico Russia-Iran rispecchia ampiamente i punti chiave del partenariato strategico Cina-Iran.

L’Iran dice “no” alla NATO

Khamenei, riguardo alla NATO, ha detto le cose come stanno: “Se la strada è aperta per la NATO, allora l’organizzazione non vede confini. Se non fosse stata fermata in Ucraina, dopo un po’ l’alleanza avrebbe iniziato una guerra con il pretesto della Crimea”.

Non ci sono state fughe di notizie sull’impasse del Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA) tra Stati Uniti e Iran – ma è chiaro, sulla base dei recenti negoziati di Vienna, che Mosca non interferirà con le decisioni nucleari di Teheran. Non solo Teheran-Mosca-Pechino sono pienamente consapevoli di chi sta impedendo al JCPOA di tornare in carreggiata, ma vedono anche come questo controproducente processo di stallo impedisca all’Occidente collettivo di accedere al petrolio iraniano, di cui ha estremo bisogno.

C’è poi il fronte delle armi. L’Iran è uno dei leader mondiali nella produzione di droni: Pelican, Arash, Homa, Chamrosh, Jubin, Ababil, Bavar, droni da ricognizione, droni d’attacco, persino droni kamikaze, economici ed efficaci, per lo più impiegati da piattaforme navali in Asia occidentale

La posizione ufficiale di Teheran è quella di non fornire armi a nazioni in guerra – il che, in linea di principio, invaliderebbe le “informazioni” poco chiare degli Stati Uniti sulla loro fornitura alla Russia in Ucraina. Ma questo potrebbe sempre avvenire sottotraccia, considerando che Teheran è molto interessata ad acquistare sistemi di difesa aerea russi e jet da combattimento all’avanguardia. Dopo la fine dell’embargo imposto dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, la Russia potrà vendere all’Iran tutte le armi convenzionali che riterrà opportune.

Gli analisti militari russi sono affascinati dalle conclusioni a cui sono giunti gli iraniani quando è stato stabilito che non avrebbero avuto alcuna possibilità contro un’armata della NATO; in sostanza, hanno puntato su una guerriglia di livello pro (una lezione appresa dall’Afghanistan). In Siria, Iraq e Yemen hanno schierato addestratori per guidare gli abitanti dei villaggi nella lotta contro i salafiti-jihadisti; hanno prodotto decine di migliaia di fucili di precisione di grosso calibro, ATGM e termiche; e naturalmente hanno perfezionato le loro catene di montaggio di droni (con eccellenti telecamere per sorvegliare le posizioni statunitensi).

Per non parlare del fatto che contemporaneamente gli iraniani stavano costruendo missili a lungo raggio piuttosto capaci. Non c’è da stupirsi se gli analisti militari russi ritengono che ci sia molto da imparare tatticamente dagli iraniani – e non solo sul fronte dei droni.

Il balletto Putin-Sultano

Passiamo ora all’incontro Putin-Erdogan – un balletto geopolitico che attira sempre l’attenzione, soprattutto se si considera che il Sultano non ha ancora deciso di salire sul treno ad alta velocità dell’integrazione eurasiatica.

Putin ha diplomaticamente “espresso gratitudine” per le discussioni sulle questioni alimentari e cerealicole, ribadendo che “non tutte le questioni sull’esportazione di grano ucraino dai porti del Mar Nero sono state risolte, ma sono stati fatti progressi”.

Putin si riferiva al Ministro della Difesa turco Hulusi Akar, che all’inizio della settimana ha assicurato che la creazione di un centro operativo a Istanbul, l’istituzione di controlli congiunti nei punti di uscita e di arrivo dei porti e l’attento monitoraggio della sicurezza della navigazione sulle rotte di trasferimento sono questioni che potrebbero essere risolte nei prossimi giorni.

Pare che Putin-Erdogan abbiano discusso anche del Nagorno-Karabakh (senza dettagli).

Ciò che alcune fughe di notizie non hanno certamente rivelato è che sulla Siria, a tutti gli effetti, la situazione è bloccata. Questo favorisce la Russia, la cui priorità principale è il Donbass. L’astuto Erdogan lo sa, ed è per questo che potrebbe aver cercato di strappare qualche “concessione” sulla “questione curda” e sul Nagorno-Karabakh. Qualunque cosa Putin, il segretario del Consiglio di Sicurezza russo Nikolai Patrushev e il vicepresidente Dmitry Medvedev pensino davvero di Erdogan, di certo valutano quanto sia inestimabile coltivare un partner così erratico in grado di far impazzire l’Occidente collettivo.

Istanbul quest’estate si è trasformata in una sorta di Terza Roma, almeno per i turisti russi espulsi dall’Europa: sono ovunque. Ma lo sviluppo geoeconomico più cruciale di questi mesi è che il crollo, provocato dall’Occidente, delle linee di commercio/approvvigionamento lungo i confini tra la Russia e l’UE – dal Baltico al Mar Nero – ha finalmente evidenziato la saggezza e il senso economico del Corridoio Internazionale di Trasporto Nord-Sud (INTSC): un grande successo di integrazione geopolitica e geoeconomica tra Russia, Iran e India.

Quando Mosca parla con Kiev, parla attraverso Istanbul. La NATO, come il Sud globale ben sa, non fa diplomazia. Pertanto, ogni possibilità di dialogo tra i russi e alcuni occidentali istruiti si svolge in Turchia, Armenia, Azerbaigian ed Emirati Arabi Uniti. L’Asia occidentale e il Caucaso, per inciso, non hanno aderito all’isteria delle sanzioni occidentali contro la Russia.

Dite addio al “telepromptatore”

Confrontate ora tutto ciò con la recente visita nella regione del cosiddetto “leader del mondo libero”, che alterna allegramente la stretta di mano con persone invisibili alla lettura – letteralmente – di qualsiasi cosa scorra su un teleprompter. Stiamo parlando del Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, ovviamente.

Fatto: Biden ha minacciato l’Iran di attacchi militari e, da semplice supplicante, ha pregato i sauditi di pompare più petrolio per compensare le “turbolenze” sui mercati energetici globali causate dall’isteria sanzionatoria dell’Occidente. Il contesto: la palese assenza di una visione o di qualcosa che assomigli anche solo a una bozza di piano di politica estera per l’Asia occidentale.

I prezzi del petrolio hanno quindi subito un’impennata dopo il viaggio di Biden: Il Brent è salito di oltre il quattro per cento a 105 dollari al barile, riportando i prezzi sopra i 100 dollari dopo una pausa di diversi mesi.

Il nocciolo della questione è che se l’OPEC o l’OPEC+ (che comprende la Russia) decideranno mai di aumentare le loro forniture di petrolio, lo faranno sulla base delle loro deliberazioni interne, e non sotto la spinta di pressioni eccezionaliste.

Per quanto riguarda la minaccia imperiale di attacchi militari all’Iran, si tratta di pura demenza. L’intero Golfo Persico – per non parlare di tutta l’Asia occidentale – sa che se Stati Uniti/Israele attaccassero l’Iran, una feroce rappresaglia farebbe semplicemente evaporare la produzione energetica della regione, con conseguenze apocalittiche, tra cui il crollo di trilioni di dollari in derivati.

Biden ha poi avuto la faccia tosta di dire: “Abbiamo fatto progressi nel rafforzare le nostre relazioni con gli Stati del Golfo. Non lasceremo alla Russia e alla Cina un vuoto da riempire in Medio Oriente”.

Ebbene, nella vita reale è la “nazione indispensabile” che si è trasformata in un vuoto. Solo i vassalli arabi comprati e pagati – la maggior parte dei quali monarchi – credono nella costruzione di una “NATO araba” (copyright re Abdullah di Giordania) per affrontare l’Iran. Russia e Cina sono già presenti in Asia occidentale e non solo.

De-dollarizzazione, non solo integrazione eurasiatica

Non è solo il nuovo corridoio logistico da Mosca e San Pietroburgo ad Astrakhan e poi, attraverso il Caspio, a Enzeli in Iran e a Mumbai a scuotere le cose. Si tratta di incrementare il commercio bilaterale che non prevede l’uso del dollaro USA. Si tratta dei BRICS+, di cui Turchia, Arabia Saudita ed Egitto non vedono l’ora di far parte. Si tratta dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO), che il prossimo settembre accoglierà formalmente l’Iran come membro a pieno titolo (e presto anche la Bielorussia). Si tratta dei BRICS+, della SCO, dell’ambiziosa Belt and Road Initiative (BRI) della Cina e dell’Unione Economica Eurasiatica (EAEU), interconnessi nel loro percorso verso un partenariato per la Grande Eurasia.

L’Asia occidentale può ancora ospitare un piccolo gruppo di vassalli imperiali a sovranità zero che dipendono dalla “assistenza” finanziaria e militare dell’Occidente, ma questo è il passato. Il futuro è adesso, con i tre principali BRICS (Russia, India, Cina) che lentamente ma inesorabilmente coordinano le loro strategie sovrapposte in tutta l’Asia occidentale, con l’Iran coinvolto in tutte.

E poi c’è il grande quadro globale: a prescindere dalle circonvoluzioni e dagli sciocchi schemi del tipo “tetto al prezzo del petrolio” inventato dagli Stati Uniti, il fatto è che Russia, Iran, Arabia Saudita e Venezuela – i principali e potenti Paesi produttori di energia – sono assolutamente in sintonia: sulla Russia, sull’Occidente collettivo e sulle esigenze di un vero mondo multipolare.

Pubblicato su The Cradlehttps://thecradle.co/Article/Columns/13301
Traduzione a cura di Lorenzo Maria Pacini – https://www.geopolitika.ru/it/article/la-troika-del-potere-batte-biden-asia-occidentale