Una nuova valutazione sulla minaccia da parte dell’Ufficio per la Homeland Security and Preparedness del New Jersey avverte che gli estremisti di entrambi gli schieramenti politici potrebbero scatenare violenze e disordini civili fino al 2021 a seguito delle imminenti elezioni presidenziali.

In vista delle elezioni presidenziali del 2020, sono stati previsti potenziali disordini civili e peggio ancora da diverse agenzie governative e da diverse organizzazioni federali, tra cui l’Ufficio per la sicurezza interna e la preparazione del New Jersey. La scorsa settimana l’organizzazione ha pubblicato una “valutazione supplementare della minaccia” sulla prossima competizione elettorale sottotitolata “La convergenza del COVID-19, i disordini civili a livello nazionale e le prossime elezioni presidenziali”.

Usando il COVID-19 come sfondo, il rapporto di 13 pagine https://static1.squarespace.com/static/54d79f88e4b0db3478a04405/t/5f6a57939d312b03d3c67a7f/1600804757127/NJOHSP+2020-2021+Supplemental+Threat+Assessment.pdf identifica la pandemia come il “fattore trainante” dietro i “timori per la salute pubblica, l’instabilità economica, il dissenso politico e le turbolenze culturali”, che persisteranno fino al 2021.

Si tratta della prima valutazione pubblica sulle preoccupazioni dei funzionari delle forze dell’ordine federali che, a quanto si dice, si sta concentrando sulle elezioni e giunge sulla scia di un promemoria recentemente trapelato dal DHS https://atlantablackstar.com/2020/09/09/leaked-homeland-security-docs-show-white-supremacists-to-remain-nations-most-lethal-threat-of-domestic-terrorism-into-2021/, che fa eco a molte delle stesse narrazioni sviluppate nel documento pubblicato dall’ufficio regionale satellitare del DHS nel New Jersey, compreso il ruolo di leader dei gruppi della Supremazia Bianca.

Ad agosto, l’FBI ha distribuito un bollettino https://news.yahoo.com/fbi-warns-of-increasing-extremist-threats-to-the-2020-elections-155602354.html?guccounter=1 ai dipartimenti di polizia di tutto il Paese, mettendo in guardia contro gli estremisti nazionali “di tutto lo spettro ideologico”, che probabilmente “continueranno a complottare contro il governo e gli obiettivi elettorali per esprimere le loro diverse rimostranze che coinvolgono le politiche e le azioni del governo”. Ancora più significativo è il fatto che l’Ufficio di presidenza ha ordinato alla polizia di prepararsi “ad agire prima di una possibile amministrazione presidenziale democratica”, a causa del timore che “norme più severe in materia di armi da fuoco sarebbero state emanate subito dopo”.

In tutte e tre le comunicazioni ufficiali, lo spettro della violenza domestica provocata dai risultati elettorali gioca un ruolo di primaria importanza e, in generale, si concentra sulle due fazioni opposte di estremisti interni. Solo il rapporto del New Jersey Office of Homeland Security del New Jersey fornisce maggiori dettagli su chi siano queste fazioni e sugli scenari specifici che si aspettano di affrontare in meno di un mese.

Secondo il documento, i protocolli sulla pandemia COVID-19 “altereranno” necessariamente il processo elettorale e porranno le basi per “dispute o ritardi nei risultati elettorali”, che a loro volta scateneranno “l’anarchia, l’ingovernabilità e i movimenti razzisti” dove folle di americani disaffezionati da una parte e dall’altra dello spettro politico cercheranno di occupare gli uffici elettorali e qui useranno tattiche simili a quelle impiegate da certi gruppi entrati negli edifici del capoluogo spinti dalle serrate – un riferimento alle manifestazioni di destra come quella che si è svolta a Lansing, Michigan, la settimana scorsa https://www.bridgemi.com/michigan-government/militias-far-right-groups-recast-selves-mainstream-lansing-gun-rally.

Oltre alla prospettiva della violenza nelle strade, il rapporto evidenzia anche la minaccia rappresentata dalla “disinformazione” che circonda gli sforzi per sviluppare un vaccino COVID-19 che mette in guardia contro la “demonizzazione delle aziende farmaceutiche” e le “false narrazioni per incitare i sostenitori”. Questa particolare trama è legata ad attori come Cina, Russia e Iran, i cui presunti “sforzi di disinformazione globale [COVID-19] contro gli Stati Uniti” giocheranno un ruolo importante nel perseguire queste minacce.

La maggior parte del documento, tuttavia, si concentra sull’interazione tra gli estremisti di sinistra e di destra e lo Stato, affermando che mentre “Antifa” e altri gruppi di sinistra ricorreranno a danneggiare la proprietà pubblica, “compresi incendi dolosi, saccheggi e atti vandalici in generale”, i gruppi di destra, invece, si affanneranno ad opporsi agli stessi estremisti di sinistra e porteranno a violenti scontri di strada. Questi punti sono degni di nota alla luce delle nuove informazioni che riguardano il responsabile dell’incendio doloso e del saccheggio di Minneapolis per l’uccisione di George Floyd, soprannominato Umbrella Man https://www.mintpressnews.com/police-deny-connection-alleged-minneapolis-umbrella-man-saboteur/268039/.

La rabbia scoppiata dopo il brutale soffocamento di George Floyd, il cui collo è stato schiacciato sotto il ginocchio di un agente di polizia del Minnesota, molti sospettavano che l’individuo vestito di nero sorpreso in video a commettere atti vandalici e ad appiccare il fuoco ad un negozio fosse in realtà un agente di polizia che svolgeva il ruolo di sabotatore mentre le proteste stavano appena iniziando. Ma un rapporto di luglio della ABC https://abcnews.go.com/US/man-helped-ignite-george-floyd-riots-identified-white/story?id=72051536 ha rivelato la vera identità di Umbrella Man e i suoi legami con una potente gang (in carcere) della Supremazia Bianca che risale ai primi anni Cinquanta.

Il sospettato, senza nome, di 32 anni, è membro degli Aryan Cowboys, una “banda di carcerati del Minnesota e del Kentucky”, che è solo uno dei membri della rete nazionale di bande incarcerate della Supremazia Bianca che controllata dall’alto la Fratellanza Ariana (AB), conosciuta anche come The Brand, Alice Baker, AB o One-Two. Uno dei migliori ex luogotenenti degli AB ha iniziato come criminale in Minnesota, e quest’ultimo sostiene di essere l’artefice dell’intera narrativa della Supremazia Bianca per la conservazione dei membri.

John Greschner, ora un informatore della polizia, si prende tutto il merito di aver sviluppato la narrativa della Supremazia Bianca negli anni ’70, quando era in prigione con il fondatore di AB, Barry “Baron” Mills. “Senti, amico”, disse Greschner a Mills, “dobbiamo avere un qualche catalizzatore più profondo che attiri le persone e le tenga insieme… Se gli dai qualcosa di più profondo a cui possono sentirsi legati, forse qualche religione del nord Europa o altro, e qualche cosa di razziale e tutto il resto, beh, cominceranno a sentirsi come se avessero una causa più grande” https://www.splcenter.org/fighting-hate/intelligence-report/2012/former-‘commissioner’-john-greschner-discusses-life-and-death-aryan-brotherhood .

Secondo una nota del DHS https://atlantablackstar.com/2020/09/09/leaked-homeland-security-docs-show-white-supremacists-to-remain-nations-most-lethal-threat-of-domestic-terrorism-into-2021/ trapelata, “gli estremisti della supremazia bianca – che sempre più spesso fanno rete con persone simili all’estero – costituiranno la minaccia più persistente e letale”. Il bollettino dell’FBI per i dipartimenti di polizia del Paese riporta degli esempi simili, citando un caso dell’anno scorso riguardante un estremista senza nome che apparentemente aveva pianificato di iniziare una guerra razziale con una bomba fatta in casa. Il bollettino dell’FBI affermava che gli estremisti dell’Ohio “avevano l’intenzione di essere operativamente pronti per le elezioni del 2024 sulla base della convinzione che il Presidente avrebbe vinto la rielezione nel 2020”.

Jared Maples, direttore dell’Ufficio per la Sicurezza Nazionale e la Preparazione del New Jersey, afferma che le condizioni che circondano le prossime elezioni sono una “witch’s brew” che non vediamo da secoli, se mai. La pozione magica, di per sé, sembra essere stata in gran parte inventata dalle molteplici agenzie incaricate di fare qualcosa per contrastare le minacce. Ma, finora, poco è stato fatto nel modo per preparare le forze dell’ordine all’intensificarsi di questi eventi https://www.usnews.com/news/top-news/articles/2020-09-29/us-intelligence-reports-warn-of-extremist-threat-around-election.

Un ex agente dell’FBI – esperto di antiterrorismo – ha decifrato il bollettino dell’FBI, afferma che qualsiasi “giovane poliziotto che cerca di proteggere la sua comunità e che legge questo rapporto” non sarebbe stato in grado di tirarne fuori nulla se non la paura.

Articolo scelto da Alessia C. F. https://www.mintpressnews.com/homeland-security-assessment-civil-unrest-2020-election/271669/ e tradotto con https://www.deepl.com/