Circa duemilaquattrocento anni fa, il filosofo greco Platone ebbe l’idea di costruire lo Stato e la società secondo un elaborato piano. Platone voleva “saggi” (filosofi) al timone del governo, ma fece anche capire che il suo tipo di stato avrebbe avuto bisogno di una trasformazione degli esseri umani. In tempi moderni, i promotori dello stato onnipotente vogliono sostituire il filosofo di Platone con l’esperto e creare il nuovo uomo attraverso l’eugenetica, che oggi si chiama transumanesimo. Le Nazioni Unite e le sue varie sotto organizzazioni hanno un ruolo fondamentale in questo progetto che ha raggiunto la fase attuale nel progetto dell’Agenda 2030 e del Grande Reset.

La lotta per un governo mondiale
Il Grande Reset non è venuto dal nulla. I primi tentativi moderni di creare un’istituzione globale con una funzione governativa sono stati lanciati dal governo di Woodrow Wilson, che è stato presidente degli Stati Uniti dal 1913 al 1921. Sotto l’ispirazione del colonnello Mandell House, primo consigliere del presidente e suo migliore amico, Wilson voleva creare un forum mondiale per il periodo post prima guerra mondiale. Eppure il piano di partecipazione americana alla Società delle Nazioni fallì e la spinta verso l’internazionalismo e l’instaurazione di un nuovo ordine mondiale si allentò durante i ruggenti anni Venti.
Un nuovo passo verso la gestione di una società come organizzazione, tuttavia, è venuto durante la Grande Depressione. Franklin Delano Roosevelt non ha lasciato passare la crisi senza portare avanti l’agenda con il suo “New Deal”. FDR era particolarmente interessato ai privilegi esecutivi speciali che vennero con la Seconda Guerra Mondiale. La resistenza era quasi nulla quando si è mosso in avanti per gettare le basi per una nuova Società delle Nazioni, che ora si chiama Nazioni Unite.
Sotto la guida di Stalin, Churchill e Roosevelt, ventisei nazioni si accordarono nel gennaio 1942 sull’iniziativa di istituire un’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), nata il 24 ottobre 1945. Fin dalla sua nascita, le Nazioni Unite e le sue filiali, come il Gruppo della Banca Mondiale e l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), hanno preparato i paesi del mondo a rispettare gli obiettivi annunciati dalla sua fondazione.
Eppure le dichiarazioni untuose di promuovere “la pace e la sicurezza internazionale”, “sviluppare relazioni amichevoli tra le nazioni” e lavorare per “il progresso sociale, il miglioramento del tenore di vita e dei diritti umani” nascondono l’agenda della creazione di un governo mondiale con poteri esecutivi il cui compito non sarebbe quello di promuovere la libertà e il libero mercato, ma un maggiore interventismo e controllo attraverso organizzazioni culturali e scientifiche. Ciò è diventato chiaro con la creazione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO) nel 1945.

Eugenetica
Dopo la fondazione dell’UNESCO nel 1945, il biologo evoluzionista inglese, eugenista e dichiaratamente globalista Julian Huxley (fratello di Aldous Huxley, autore di Brave New World) ne divenne il primo direttore.
Al momento del lancio dell’organizzazione, Huxley invocò un “umanesimo del mondo scientifico, di portata globale” e chiese di manipolare l’evoluzione umana fino a un fine “desiderabile”. Riferendosi al materialismo dialettico come “il primo tentativo radicale di una filosofia evolutiva”, il direttore dell’UNESCO lamenta che l’approccio marxista al cambiamento della società era destinato a fallire per la mancanza di una “componente biologica” indispensabile.
Con queste idee, Julian Huxley era in rispettabile compagnia. Dalla fine del XIX secolo, l’appello per il miglioramento genetico della razza umana attraverso l’eugenetica ha guadagnato molti seguaci di rilievo. John Maynard Keynes, ad esempio, ha sostenuto la promozione dell’eugenetica e del controllo della popolazione come una delle questioni sociali più importanti e un’area cruciale della ricerca.
Keynes non era solo. La lista dei sostenitori dell’allevamento della razza umana per il proprio miglioramento è piuttosto ampia e impressionante. Questi “riformatori illiberali” includono, tra molti altri nomi noti, gli scrittori H.G. Wells e G.B. Shaw, il presidente americano Theodore Roosevelt, il primo ministro britannico Winston Churchill, l’economista Irving Fisher e i pionieri della pianificazione familiare Margaret Sanger e Bill Gates Sr., il padre di Bill Gates, cofondatore di Microsoft e capo della Bill and Melinda Gates Foundation.
Nel suo discorso alla fondazione dell’UNESCO, Julian Huxley è stato molto specifico sugli obiettivi e i metodi di questa istituzione. Per raggiungere l’auspicato “progresso evolutivo” dell’umanità, il primo passo deve essere quello di sottolineare “il bisogno ultimo di unità politica mondiale e di familiarizzare tutti i popoli con le implicazioni del trasferimento della piena sovranità da nazioni separate a un’organizzazione mondiale”. Inoltre, l’istituzione deve considerare il compromesso tra “l’importanza della qualità rispetto alla quantità”, il che significa che deve tener conto del fatto che esiste “una gamma ottimale di dimensioni per ogni organizzazione umana come per ogni tipo di organismo”. L’organizzazione educativa, scientifica e culturale dell’ONU dovrebbe prestare particolare attenzione all'”unità per varietà dell’arte e della cultura del mondo e alla promozione di un unico bacino di conoscenze scientifiche”.
Huxley chiarisce che la diversità umana non è per tutti. La varietà per “deboli, sciocchi e deficienti morali… non può che essere negativa”, e poiché “una considerevole percentuale della popolazione non è in grado di trarre profitto dall’istruzione superiore” e anche “una considerevole percentuale di giovani uomini” soffre di “debolezza fisica o instabilità mentale” e “questi motivi sono spesso di origine genetica”, questi gruppi devono essere esclusi dagli sforzi per far progredire il progresso umano.
Nel suo discorso, Huxley ha indicato che al momento della sua stesura l'”effetto indiretto della civiltà” è piuttosto “disgenico invece che eugenetico” e che “in ogni caso, sembra probabile che il peso morto della stupidità genetica, della debolezza fisica, dell’instabilità mentale e della predisposizione alla malattia, che già esistono nella specie umana, si rivelerà un peso troppo grande per poter realizzare un reale progresso”. Dopo tutto, è “essenziale che l’eugenetica sia portata interamente all’interno dei confini della scienza, poiché, come già indicato, in un futuro non molto lontano il problema del miglioramento della qualità media degli esseri umani diventerà probabilmente urgente; e ciò può essere realizzato solo applicando i risultati di un’eugenetica veramente scientifica”.

L’uso della minaccia climatica
Il prossimo passo decisivo verso la trasformazione economica globale è stato compiuto con il primo rapporto del Club di Roma. Nel 1968, il Club di Roma fu tenuto presso la tenuta Rockefeller Bellagio in Italia. Il suo primo rapporto fu pubblicato nel 1972 con il titolo “I limiti della crescita“.
Il presidente emerito del Club di Roma, Alexander King, e il segretario del Club, il generale Bertrand Schneider, informano nella loro relazione del Consiglio del Club di Roma che quando i soci del Club erano alla ricerca di individuare un nuovo nemico, elencavano l’inquinamento, il riscaldamento globale, la scarsità d’acqua e le carestie come gli elementi più opportuni per incolpare l’umanità, con l’implicazione che l’umanità stessa deve essere ridotta per tenere sotto controllo queste minacce.
Dagli anni Novanta, con Agenda 2021 e Agenda 2030, le Nazioni Unite hanno intrapreso diverse iniziative di ampio respiro verso un sistema globale di controllo. L’Agenda 2030 è stata adottata da tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite nel 2015. Ha lanciato il suo progetto di cambiamento globale con l’appello a raggiungere diciassette obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG). Il concetto chiave è lo “sviluppo sostenibile” che include il controllo della popolazione come strumento cruciale.
Salvare la terra è diventato lo slogan dei guerrieri della politica verde. Dagli anni Settanta, lo scenario orribile del riscaldamento globale è stato uno strumento utile nelle loro mani per acquisire influenza politica e finalmente governare il discorso pubblico. Nel frattempo, questi gruppi anticapitalisti hanno ottenuto un’influenza dominante nei media, nel sistema educativo e giudiziario, e sono diventati attori principali nell’arena politica.
In molti paesi, in particolare in Europa, i cosiddetti partiti verdi sono diventati un fattore chiave del sistema politico. Molti dei rappresentanti sono abbastanza aperti nelle loro richieste di rendere la società e l’economia compatibili con elevati standard ecologici che richiedono un profondo rinnovamento del sistema attuale.
Nel 1945, Huxley ha osservato che è troppo presto per proporre un programma di spopolamento eugenetico, ma ha consigliato che sarà importante per l’organizzazione “vedere che il problema eugenetico sia esaminato con la massima attenzione, e che la mente pubblica sia informata delle questioni in gioco in modo che molto che ora è impensabile possa almeno diventare pensabile”.
La cautela di Huxley non è più necessaria. Nel frattempo, i rami delle Nazioni Unite hanno acquisito un tale livello di potere che anche le sotto-organizzazioni minori dell’ONU, come l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), in origine, sono state messe in grado di comandare i singoli governi di tutto il mondo a obbedire ai loro ordini. L’OMS e il Fondo Monetario Internazionale (FMI) – le cui condizioni per i prestiti sono cambiate, passando da un vincolo fiscale al grado in cui un paese segue le regole stabilite dall’OMS – sono diventati il tandem supremo per lavorare all’instaurazione del nuovo ordine mondiale.
Come ha sottolineato Julian Huxley nel suo discorso del 1945, è compito delle Nazioni Unite abolire la libertà economica, perché “i sistemi economici laisser-faire e capitalistici” hanno “creato molta bruttezza”. È giunto il momento di lavorare per l’emergere “di un’unica cultura mondiale”. Questo deve essere fatto con l’aiuto esplicito dei mass media e dei sistemi educativi.

Conclusione
Con la fondazione delle Nazioni Unite e delle sue sotto organizzazioni, la spinta a far progredire i programmi di eugenetica e di transumanesimo ha fatto un grande passo avanti. Insieme all’attività del Club di Roma, hanno fatto tappa per avviare il grande reset in corso. Con la dichiarazione di una pandemia, l’obiettivo di un controllo globale dell’economia e della società da parte del governo ha fatto un altro salto verso la trasformazione dell’economia e della società. La libertà si trova di fronte a un nuovo nemico. La tirannia si nasconde sotto il travestimento di un governo esperto e di una dittatura benevola. I nuovi governanti non giustificano il loro diritto al dominio a causa della divina provvidenza, ma ora rivendicano il diritto di governare il popolo in nome della salute e della sicurezza universale sulla base di presunte prove scientifiche.

Autore: Antony P. Mueller. Tradotto con www.DeepL.com (ma rivisitato) – Articolo scelto da Alessia – Link articolo originale https://mises.org/wire/united-nations-and-origins-great-reset