Leonid Savin – La missione del Pentagono è passare, nel prossimo futuro, dalla presenza fisica a sofisticate operazioni online. E, per le comunità militari e politiche americane, marzo si è rivelato piuttosto fruttuoso quando si trattava delle varie dottrine e strategie.

All’inizio di marzo, su iniziativa della Casa Bianca, è stata pubblicata la Guida strategica per la sicurezza nazionale ad interim [1]. Il documento è stato preparato per guidare tutte le azioni relative alla visione strategica per la difesa e la sicurezza degli Stati Uniti. Cioè, riguarda direttamente il blocco militare e la comunità dell’intelligence.

I punti deboli sono stati notati immediatamente. Ad esempio, il tenente generale in pensione Thomas Spoehr, ora direttore del Centro per la Sicurezza Nazionale della Heritage Foundation, ha osservato che la guida contiene “alcuni pensieri sconcertanti” [2]. Il documento afferma che la spesa per la difesa sarà tagliata, in particolare la sezione sulla modernizzazione dell’arsenale nucleare americano. Infatti, dice che gli Stati Uniti ridurranno il ruolo delle armi nucleari nella loro strategia di sicurezza nazionale. Ma durante la sua audizione di conferma dinanzi al Congresso, il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha affermato che la deterrenza nucleare è la “missione prioritaria del DOD” [3].

La nuova strategia di Biden identifica la massima priorità sull’investire nelle persone, quindi addestrare il personale militare piuttosto che sostituire l’arsenale nucleare e iniziative simili.

Un’altra incongruenza è l’affermazione che gli Stati Uniti eviteranno “guerre senza fine” che costano trilioni di dollari e migliaia di vite. Biden ha già dimostrato di essere un sostenitore dell’avventurismo militare impartendo ordini di colpire obiettivi in ​​Siria. È improbabile che sarà in grado di resistere alle continue rimostranze dei suoi consiglieri, che saranno in grado di convincerlo a proteggere gli interessi americani, non importa dove si trovino.

È significativo che le priorità principali siano le stesse delle strategie di Trump: Russia, Cina, Corea del Nord e Iran sono identificate come rappresentanti della minaccia più grande. Ma mentre Trump ha affermato che gli Stati Uniti non interferiranno negli affari di altri Paesi, Biden è tornato al metodo più tradizionale dei Democratici: promuovere i valori democratici in tutto il mondo. Questo dovrebbe probabilmente essere visto come il desiderio di realizzare un’altra serie di rivoluzioni colorate adattate al mondo di oggi, nonché di esercitare pressioni attraverso alleanze filo-americane come la NATO.

Quando si tratta di regioni, l’accento è stato posto sull’Europa, sull’emisfero occidentale e sulla regione Asia-Pacifico. I Paesi con i quali gli Stati Uniti intendono espandere le proprie partnership sono Regno Unito, Canada, Messico, India, Vietnam, Singapore, Nuova Zelanda e Stati membri dell’ASEAN.

Oltre alle idee per diffondere la democrazia, una parte abbastanza significativa del documento copre le nuove tecnologie, in particolare il cyberspazio e il 5G. È possibile concludere da ciò che la nuova amministrazione intensificherà il suo uso delle operazioni cibernetiche come mezzo di guerra non cinetico. Non è un caso che tutte le accuse di attacchi informatici sotto Biden siano dirette alla Russia, ed è stato anche pubblicamente affermato che gli Stati Uniti si vendicheranno.

Ci vorrà probabilmente circa un anno prima che venga rilasciata una strategia di sicurezza nazionale completa e una simile che copra la difesa degli Stati Uniti. Per ora, Biden sta cercando di stabilire le sue priorità per inviare un messaggio sia alle autorità statunitensi che ad altri Stati.

Il 16 marzo, l’esercito americano ha emesso una nuova strategia intitolata “Trasformazione multi dominio dell’esercito. Pronti a vincere in concorrenza e conflitto” [4].

Anche questo documento è di notevole interesse. Parla di espandere la presenza delle truppe di terra statunitensi in tutto il mondo ed osserva: “Nell’Indo-Pacifico, 24 capi delle forze armate su 29 sono ufficiali dell’esercito e dei 30 Stati membri della NATO, 22 hanno capi delle forze armate dei rispettivi eserciti… Attraverso questa parentela professionale, l’esercito degli Stati Uniti può svolgere un ruolo fuori misura nel sostenere gli obiettivi tra le agenzie statunitensi in un approccio che coinvolga l’intero governo”. Questo principio di “soft power” all’interno di “hard power” è stato a lungo utilizzato dalle forze armate statunitensi per attirare partner di altri Paesi nella sua zona di influenza.

Commentando la nuova strategia, il capo di stato maggiore dell’esercito americano, il generale James McConville, ha osservato [5] che i metodi di guerra non militare sono molto richiesti in questi giorni. Secondo McConville, “La competizione narrativa è la costante lotta mondiale per i cuori e le menti di una miriade di pubblici diversi in diverse nazioni. È la lotta per [sic] raccontare la storia dell’America e lucidare la sua reputazione quando gli avversari cercano di diffamare e disinformare. Tutto ciò che l’esercito fa e che non è segreto, contribuisce alla reputazione nazionale nel bene o nel male… Gli atti insensibili o non etici che compiono la missione oggi potrebbero causare danni duraturi alla reputazione che ogni altra unità deve affrontare lungo la strada.”

McConville spiega che la concorrenza diretta e indiretta è definita dalla volontà degli Stati Uniti di passare all’uso della forza armata o meno. In sostanza, competizione “diretta” è qualsiasi situazione in cui i politici sono disposti a vedere le truppe americane uccidere cittadini stranieri. La concorrenza indiretta, d’altra parte, significa che gli Stati Uniti non intendono usare la forza letale, sebbene il combattimento aperto da parte di alleati, partner e delegati sia qui sicuramente una possibilità. Pertanto, fornire ai ribelli afgani missili Stinger contro l’URSS è stato un conflitto indiretto, anche se le persone sono morte, mentre schierare una brigata da combattimento sul territorio di un alleato minacciato è un conflitto diretto perché esiste il potenziale per uno scontro tra forze statunitensi e straniere.

C’è un chiaro accenno a come gli Stati Uniti si comporteranno nei confronti della Cina (compreso il sostegno a Taiwan), così come nei confronti di Russia e Iran.

L’articolo parla anche di come conquistare Paesi che hanno buone relazioni con potenziali nemici. Dice: “Le più comuni di queste [situazioni] sono i molti casi in cui gli Stati Uniti e un avversario hanno entrambi mantenuto relazioni o presenza. Questa è una delle differenze significative tra l’attuale grande competizione di potere e la Guerra Fredda. Oggi, anche alcuni degli alleati più stretti e di lunga data degli Stati Uniti hanno relazioni significative con gli avversari”.

“I dibattiti all’interno dei governi anche di alcuni dei nostri più stretti alleati sull’opportunità di privilegiare la sicurezza e i legami con gli Stati Uniti o l’economia e la Cina in relazione alle infrastrutture tecnologiche sono esempi di come la concorrenza indiretta avvenga praticamente ovunque…”

“In un dato Paese, entrambe le grandi potenze condurranno scambi da militare a militare, fornendo assistenza tecnica, ospitando studenti per istruzione e addestramento militare, costruendo capacità di forze di sicurezza, vendendo attrezzature o procurando beni e servizi dalla popolazione locale… Il partner è felice di inviare studenti alle università di guerra di entrambe le grandi potenze o di acquistare attrezzature da entrambe.”

E, al fine di conquistare definitivamente i partner, le forze armate statunitensi suggeriscono di minare la reputazione di quei Paesi identificati come concorrenti. “Una buona reputazione è una risorsa strategica: la concorrenza narrativa… si riflette nell’ascesa e nella caduta della reputazione di un Paese sulla base delle percezioni generali della sua forza, affidabilità e determinazione. La competizione narrativa è continua, aperta e più ampia di ogni singolo evento o problema. È la connessione che collega più istanze subordinate di concorrenza su questioni specifiche in un insieme più ampio.

“La competizione narrativa è duratura e cumulativa; la reputazione degli Stati Uniti si accumula nel tempo… Nonostante questo potere, la competizione narrativa arriva solo fino a un certo punto. Gli Stati Uniti potrebbero essere preminenti nella reputazione globale, ma non essere ancora in grado di competere efficacemente per un problema specifico perché non hanno costruito le relazioni, mancano di presenza o semplicemente non hanno capacità rilevanti per la situazione.”

Ci sono anche piani per attuare azioni asimmetriche ponendo l’accento sull’immagine prevalente dell’America come difensore della democrazia. Nella misura in cui sistemi e valori democratici aperti mettono gli Stati Uniti in una posizione di svantaggio in quella che a volte viene chiamata guerra politica, quelle stesse caratteristiche rendono gli Stati Uniti un partner più attraente. Se l’avversario impiega la concorrenza al di sotto del conflitto armato con mezzi come molestare i pescatori nelle zone contese o condurre campagne di disinformazione, la migliore risposta per la Joint Force potrebbe non essere quella di tentare di rispondere simmetricamente con qualche forma simile di aggressione. Le azioni aggressive di un avversario creano la possibilità di una risposta asimmetrica, in cui l’alleato o il partner minacciato è desideroso di una più profonda cooperazione con gli Stati Uniti”.

Il fulcro di nuovi documenti come questi viene confermato verbalmente da altri militari di alto rango a livello ufficiale.

In un’audizione del Senato degli Stati Uniti il ​​25 marzo 2021, il Segretario aggiunto alla Difesa per le operazioni speciali e i conflitti a bassa intensità Christopher Maier ha dichiarato [6] che “la comunità SOF continua a fare progressi nell’adattamento delle proprie capacità alla sfida della concorrenza tra le grandi potenze con la Russia e Cina”.

Il generale Richard Clarke, comandante delle forze per le operazioni speciali (SOF) del Pentagono, ha riferito che ci sono 5.000 forze per le operazioni speciali in 62 Paesi. Svolgono azioni congiunte con partner di altri Paesi e sono in corso lavori tra agenzie per scoprire reti transregionali, prevenire atti di terrorismo, monitorare le operazioni finanziarie e così via.

Il SOF giocherà un ruolo centrale nell’opporsi alla Cina e alla Russia in futuro. “Coordineranno il MISO [7] condotto tramite Internet e coinvolgeranno attivamente il pubblico straniero per esporre, contrastare e competere con la propaganda ostile e la disinformazione online”.

Nel 2021 incorporeremo i nostri primi partner stranieri e rapporti tra agenzie… Infine, siamo grati per una serie di autorità concesse dal Congresso che consentono a SOF di avere un impatto fuori misura su più gruppi di missioni. Le operazioni condotte secondo 10 USC § 127e (CT) forniscono opzioni flessibili per applicare la pressione CT in aree altrimenti inaccessibili o contestate e le operazioni sotto FY18 NDAA § 1202 (Irregular Warfare) sono essenziali per applicare le capacità SOF per scovare e imporre costi agli attori maligni. Inoltre, le autorità sotto 10 USC § 127f (Intelligence / Counter-Intelligence) e FY20 NDAA § 1057 (Clandestine Operational Preparation of the Environment) hanno sostituito l’autorizzazione di emergenza e spese straordinarie consentendo l’applicazione della capacità SOF con maggiore efficienza e trasparenza.”

Ciò significa che i legislatori statunitensi hanno dato il via libera ad espandere la gamma di tutti i tipi di operazioni segrete volte a violare la sovranità di altri Paesi, mentre competere con la propaganda significa un vasto arsenale di operazioni di informazione dall’offuscare l’immagine della Russia sulla scena mondiale a utilizzando bot e troll nelle attività online.

Anche la trasformazione digitale e l’introduzione dell’intelligenza artificiale sono all’ordine del giorno delle forze speciali statunitensi.

Anche Paul Nakasone, comandante dell’US Cyber Command, ha parlato [8] davanti al Senato il 25 marzo. Ha detto: “La Russia è un sofisticato avversario informatico. Ha dimostrato la sua capacità di condurre potenti campagne di influenza utilizzando il mezzo dei social media. Mosca conduce un efficace cyber-spionaggio e altre operazioni e ha integrato le attività informatiche nella sua strategia militare e nazionale. Nonostante l’esposizione pubblica e le accuse contro i cyber-attori russi, la Russia rimane concentrata sulla formazione della narrativa globale e sullo sfruttamento delle reti e dei sistemi informatici americani”.

Nakasone ha presentato la formidabile agenda della sua agenzia per il 2021.

Dati i preparativi delle forze armate statunitensi per un’azione più decisa e il loro atteggiamento di parte nei confronti degli altri Paesi, ha davvero poco senso sperare in una normalizzazione delle relazioni tra Stati Uniti e Russia.

[1] https://www.whitehouse.gov/wp-content/uploads/2021/03/NSC-1v2.pdf

[2] https://breakingdefense.com/2021/03/hits-misses-in-bidens-interim-national-security-guidance/

[3] https://www.inhofe.senate.gov/newsroom/press-releases/icymi-inhofe-questions-secretary-of-defense-nominee-lloyd-austin-on-national-defense-strategy-defense-budget-at-sasc-hearing

[4] https://api.army.mil/e2/c/downloads/2021/03/23/eeac3d01/20210319-csa-paper-1-signed-print-version.pdf

[5] http://breakingdefense.com/2021/03/china-a-deadly-infinite-game-army-chief-mcconville/

[6] https://www.armed-services.senate.gov/imo/media/doc/Maier_03-25-21.pdf

[7] https://www.armed-services.senate.gov/imo/media/doc/Clarke_03-25-21.pdf

[8] https://www.armed-services.senate.gov/imo/media/doc/Nakasone_03-25-21.pdf

*************************************

Articolo originale di Leonid Savin: https://www.geopolitica.ru/en/article/us-military-around-world

Traduzione di Costantino Ceoldo – https://www.geopolitica.ru/it/article/lesercito-americano-nel-mondo