La politica delle autorità polacche, infettata dalla russofobia, può portare al collasso dell’economia polacca e del sistema sociale.
Il gruppo russo Gazprom ha intentato una causa contro la società statale polacca PGNiG in un arbitrato internazionale, chiedendo una revisione retroattiva del prezzo del gas da novembre 2017. Stiamo parlando del contratto Yamal, che è in vigore dal 1996. La causa di Gazprom è stata una risposta alla richiesta di PGNiG dell’ottobre 2021 di ridurre i prezzi del gas, ma non è solo questo.
Nel 2018, la compagnia polacca è riuscita ad avviare una causa in un arbitrato internazionale sulla revisione del prezzo del gas secondo il contratto Yamal. Nel 2020, Gazprom è stata obbligata a pagare circa 6 miliardi di zloty alla parte polacca. Ma ora questa “vittoria” si sta rivelando negativa per la Polonia.

Come ha detto l’altro giorno l’ex primo ministro polacco Waldemar Pawlak in un’intervista a un autorevole giornale polacco, Varsavia ha fatto un errore strategico quando ha cambiato la formula del prezzo del gas. Se prima era calcolato come un derivato del costo dei prodotti petroliferi, in seguito l’oro blu ha cominciato a essere scambiato in borsa. Come risultato, dice Pawlak, il vecchio metodo permetteva di comprare il gas a 100 zloty/MWh, mentre ora la Polonia è costretta a comprare a 400 zloty/MWh.
“Passare esclusivamente a una formula basata sui prezzi di borsa ci espone a ‘shock di prezzo’ simili a quelli che stiamo vivendo in questo momento”, ha dichiarato l’ex primo ministro. “Questa è un’avventura che può costarci cara. Questa è una mancanza di professionalità da parte delle autorità”.

Questa è la verità. Anche se Varsavia è riuscita a ottenere da Gazprom 6 miliardi di zloty in più nel 2020, subirà perdite per 16 miliardi di zloty a causa dell’aumento dei prezzi del gas nelle borse europee. Cioè, il saldo negativo ammonterà a 10 miliardi di zloty.
Inoltre, Pawlak ha criticato uno dei progetti delle autorità polacche come la costruzione del gasdotto norvegese-danese-polacco Baltic Pipe. “Secondo me, un ulteriore gasdotto verso la Polonia non è necessario”, ha detto. “Nel 2010, abbiamo firmato un allegato all’accordo con la Russia, che ha permesso l’inversione virtuale sul gasdotto Yamal. Successivamente, anche l’inversione fisica ha iniziato a funzionare. Abbiamo la possibilità di importare gas dalla direzione occidentale. Il Baltic Pipe diventerà un monumento molto costoso per il governo polacco, e nient’altro”.
Esperti e giornalisti filogovernativi hanno dato a questo discorso una connotazione politica. Hanno accusato Pawlak di partecipare a una campagna, “organizzata da Mosca e dai partiti dell’opposizione”, per fare pressione sul governo in modo che “la Polonia, e l’Europa insieme ad essa dimentichi i decenni di riduzione della dipendenza dalla Russia”. Come ha affermato una delle pubblicazioni, “la dichiarazione di Waldemar Pawlak è chiara: informa che è pronto a svolgere ulteriori compiti. Il cappio russo-tedesco si sta stringendo”.

Altri hanno visto questo come un tentativo di costringere Varsavia a riconsiderare la sua determinazione a rifiutare il prolungamento del contratto Yamal dopo la sua scadenza alla fine del 2022. L’uso di questa questione nella “prossima guerra interna polacca può paralizzare il processo decisionale di PGNiG su questo tema nell’anno cruciale 2022”, dice l’esperto Wojciech Jakubik.
Egli ammette autocriticamente che la Polonia potrebbe avere bisogno di gas supplementare (2,1-3,8 miliardi di metri cubi) nel 2023, che la Russia è in grado di vendere. Tuttavia, secondo lui, questo non richiederà la conclusione di un nuovo contratto con una formula di prezzi a lungo termine con Mosca. Sarà sufficiente “ricorrere a contratti più brevi secondo la pratica europea, anche sul mercato spot, che non a caso è disprezzato dai russi e da alcuni pubblicisti in Polonia”, scrive Jakubik.
È degno di nota il fatto che tali argomenti praticamente non utilizzano un ragionamento economico. Si basano principalmente su una piattaforma ideologica anti-russa e fanno appello a un senso di “patriottismo polacco”.
Ma questa è una magra consolazione per i proprietari di case e gli uomini d’affari polacchi che hanno a che fare con il gas, i cui prezzi sono aumentati di diverse volte.

“Oggi ho ricevuto una bolletta dell’elettricità. Abbiamo pagato 450 zloty, e ora 1500 zloty”, ha scritto Joanna Zabielska-Cieciuch, un medico di famiglia, sulle reti sociali il 17 gennaio. Sempre più direttori di cliniche dicono che se i prezzi del gas e dell’elettricità saranno alti come adesso, saranno costretti a chiudere le loro strutture.
Il proprietario del panificio di Stettino, Andrzej Wojciechowski, dice che un aumento del 400% del prezzo del gas lo costringe a vendere il pane a 40 zloty al chilo. “Ma allora chi comprerà il pane da me?”, si chiede retoricamente il panettiere.
Le autorità polacche sperano di poter tenere la situazione sotto controllo e di vivere fino al momento in cui le risorse energetiche diventeranno più economiche. Ma questo è un gioco di “roulette russa”. La politica delle autorità polacche infettate dalla russofobia può portare al collasso dell’economia polacca e del sistema sociale. E allora Varsavia dovrà urgentemente negoziare con Gazprom in condizioni difficili per se stessa.

https://russtrat.ru/en/comments_/20-january-2022-0103-8267